Sicilia Favignana Isola Mare 2La Sicilia, terra mitica dalla fortissima identità storica. E' tra le località più amate e visitate nel nostro paese grazie ad un immenso patrimonio artistico, culturale e soprattutto naturale. Proprio a largo delle coste siciliane si trovano diversi isolotti, molti dei quali si sono affermati negli anni come rinomate località turistiche. Caratterizzate dalla presenza di calette e spiagge paradisiache, le isole siciliane da visitare sono davvero tante: ecco quali non puoi perdere!

1 - Lampedusa

lampedusa mare barca viaggio 1Lampedusa è l'ultima isola prima dell'Africa, ed è la meta adatta per chi ama il sole, le immersioni e la natura selvaggia. Il territorio dell'isola è un mix di caratteristiche morfologiche ereditate dall'Italia e dalla vicina Africa, il tutto è chiarissimo ossevando le sue coste, che sul versante nord e ovest sono alte ed inaccessibile, mentre nel versante est e sud-est sono racchiuse tutte le spiagge sabbiose. Qui si trova quella che è stata riconosciuta come la spiaggia più bella del mondo, ovvero la spiaggia dei Conigli. Tra le più belle le cale dellaPisana e Uccello, cala Spugna o Maluk, e cala Greca, dalla bellissima spiaggia bianca. Da vedere è anche la spiaggia di Mare Morto, così chiamata per il mare calmo e l'omonima grotta mentre, la famosa spiaggia della Guitgia, collegata al paese anche con i mezzi pubblici, è quella più adatta alle famiglie. Sul lato sud dell'isola si trova invece cala Pulcino, dove si possono visitare numerose grotte.
VEDI ANCHE: Lampedusa: come arrivare, cosa vedere e le spiagge più belle

  • Come arrivare: E' una delle poche isole siciliane con aeroporto, per cui può essere raggiunta in aereo oltre che via mare - confronta i voli
  • Come muoversi: Particolarmente consigliato il noleggio di uno scooter. Il Prezzo varia fra €150,00 e €250,00 a settimana a secondo della stagione
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

2 - Favignana

spiaggia paradiso isola mare relaxSe amate la pace, la tranquillità ma soprattutto le vacanze balneari e le escursione naturalistiche fra grotte e calette, di certo Favignana è la metà che fa per voi. La calma e le bellezze naturali regnano sovrane su tutta l'isola, ed è la meta consigliata a chi vuole rilassarsi al sole a Cala Rossa, la spiaggia più bella di Favignana, nonché una delle più belle d'Italia; fare un tuffo a Bue Marino, grazie ai magnifici trampolini naturali messi a disposizione delle cave di tufo, che creano un paesaggio irreale, o che vogliate ammirare l'Arco di Ulisse a Cala Rotonda: arco di pietra modellato dal vento e salsedine, che rende il tramonto ancora più suggestivo.
VEDI ANCHE: Favignana: come arrivare, cosa vedere e le spiagge più belle

  • Come arrivare: volo su Trapani (confronta i voli), poi aliscafo o traghetto da Trapani (30 minuti,circa €50,00 A/R)
  • Come muoversi: Il mezzo consigliato è lo scooter. I prezzi per il noleggio partono da circa €25,00 al giorno.
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

3 - Pantelleria

split screen under and overAnche il territorio di Pantelleria, grande circa 4 volte Lampedusa, è di origine vulcanica. E' la più grande delle isole Siciliane, per questo motivo ben collegata e ricca di servizi per turisti e visitatori. Tra i luoghi di interesse, oltre alle fantastiche spiagge, bisogna segnalare le zone dell'omonima riserva naturale orientata ed i siti archeologici dell'area di Mursìa e Cimillia, il Lago Specchio di Venere, Parco Naturale della Montagna Grande, Arco dell'Elefante, Sorgenti di Gadir e Grotta del Bagno Asciutto.
VEDI ANCHE: Pantelleria: come arrivare, cosa vedere e le spiagge più belle

  • Come arrivare: Anche Pantelleria dispone di un aeroporto, con voli diretti (confronta i voli). Naturalmente è possibile raggiungerla anche via mare dai porti di Trapani e Mazara del Vallo
  • Come muoversi: Si estende per oltre 80 kmq pertanto è consigliato il noleggio di un'auto o di uno scooter per gli spostamenti.
  • Dove dormire: consigliato dormire nei tipici Dammusi, case in pietra iconiche dell'isola - confronta i migliori alloggi su Booking

4 - Lipari

Lipari nell'arcipelago delle EolieFoto di Clemensfranz. L'isola più grande delle Eolie è uno scrigno di tesori artistici, culturali e ovviamente naturali. Al centro di Lipari svetta orgogliosa la Cittadella, che custodisce il monastero del Santissimo Salvatore, il Castello e la basilica di San Bartolomeo che formano un caratteristico tutt'uno con le abitazioni che si arrampicano inesorabili sotto i bastioni. Il versante nord invece, custodisce gli incantevoli paesaggi naturali, le cave di ossidiana e pomice e una bellissima spiaggia di sabbia bianca. Fiore all'occhiello di Lipari sono le ginestre, l'oleandro e il mirto che si arrampicano sui muri della città, ricreando uno spettacolo piacevole per gli occhi e il cuore.

Ci sono diversi locali e discoteche che si concentrano nelle zone di Corso Vittorio Emanuele e Piazza Marina Corta. Per chi ama ballare le discoteche migliori sono White beach, Sea light e Turmalin. Per chi ama la movida e le folle il perodo migliore per una visita coincide con le celebrazioni di San Bartolomeo.
VEDI ANCHE: Lipari: dove si trova, quando andare e cosa vedere

  • Come arrivare: aliscafi da Milazzo (circa 2 ore e 15 minuti, €36,00 A/R)
  • Come muoversi: Si può sbarcare con la propria auto o affittare uno scooter. Esiste anche un comodo servizio bus che collega alcune delle zone di maggiore interesse.
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

5 - Panarea

Panarea nell'arcipelago delle EoliePanarea è famosa a livello internazionale, grazie al fascino esercitato su artisti, musicisti, stilisti e personalità di ogni genere. Mix di bellezze storiche, culturali ed ovviamente naturali, l'isola è in grado di regalare tutto quanto si aspetta da una vacanza, mondanità compresa. Le coste dell'isola di Panarea, testimonianza di un passato fatto di pirateria e conquista, sono stupende quanto il mare che le bacia, e riservano una miriade di sorprese per il turista. La notte poi, l'isola si accende a festa, e la vita mondana si concentra tutta a San Pietro, dove i vacanzieri si riuniscono nei locali cool per gustare un aperitivo, prima di recarsi in discoteca.
VEDI ANCHE: Panarea: dove si trova, quando andare e cosa vedere

  • Come arrivare: da Milazzo con aliscafi giornalieri (circa 1 ora e 20 minuti, €45,00 A/R)
  • Come muoversi: Si possono noleggiare bici, scooter, quad, ma in linea di massima si può visitare l'isola anche a piedi.
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

6 - Ustica

mediterranean horizon on aSuggestiva e selvaggia, Ustica è soprannominata la perla nera del Mediterraneo per il colore scuro delle sue rocce formate da lava solidificata. Secondo diverse leggende e credenze popolari, Ustica sarebbe stata la casa della Maga Circe, il famoso personaggio dell'Odissea. Oggi, la magia che la maga esercitava sui marinai ha invece effetto sui turisti, che restano incantati dall'ambiente marino dell'isola, che ospita più del 50% di tutte le specie mediterranee, con una ricchezza impressionante di flora e fauna.

Ustica è per la maggior parte ricoperta dal verde, ed è caratterizzata da numerose spiagge tutte bellissime, ma l'isola non offre solo questo. Il centro storico è caratterizzato da edifici bassi e tutti concentrati intorno alla piazza; e va sicuramente visitato, insieme al Castello Saraceno, principale monumento dell'isola. Al centro dell'isola è invece situato il vulcano Guardia dei Turchi, da cui è possibile godere di un panorama incredibile.
VEDI ANCHE: Ustica: come arrivare, cosa vedere e le spiagge più belle

  • Come arrivare: catamarano da Palermo , Trapani e Favignana, aliscafi e traghetti da Palermo
  • Come muoversi: ad Ustica è possibile muoversi tranquillamente a piedi
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

7 - Linosa

Linosa nell'arcipelago delle isole PelagieFoto di fab.. La principale attrazione di questa piccola isola è costituita dalle meraviglie naturali: Linosa appartiene infatti alla riserva naturale "Isola di Linosa e Lampione" e dell'Area marina protetta delle Isole Pelagie. Sull'isola infatti, le tartarughe marine Caretta-Caretta vanno a deporre le loro uova, nello specifico presso la spiaggia della Pozzolana, come anche la Berta Maggiore: un particolare uccello che vive in mare aperto, e si avvicina alla terra ferma solo per deporre le uova.
L'isola è inoltre un vero e proprio paradiso per gli amanti delle immersioni. Esistono ben tre diving club, che consentono di fare splendide immersioni per scoprire i misteri del mare circostante l'isola, anche tra grotte e relitti.

  • Come arrivare: è collegata tutti i giorni sia a Lampedusa (circa 2 ore, biglietto €30,00 A/R) che a Porto Empedocle (7 ore circa, biglietto €80,00 A/R)
  • Come muoversi: E' vietato sbarcare con i propri automezzi durante la stagione estiva ma fortunatamente l'isola può essere visitata facilmente a piedi o in bici. Spesso le bici vengono fornite direttamente dagli hotel pagando un piccolo sovrapprezzo
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

8 - Levanzo

Levanzo nell'arcipelago delle EgadiFoto di Robyn Hooz. Levanzo è un'oasi di tranquillità, dove gli abitanti più rumorosi sono i gabbiani, che passeggiano industurbati praticamente ovunque. Più piccola e meno popolata delle isole Egadi, Levanzo ha conservato intatti i suoi habitat naturali, in cui prospera una flora rupestre, da cui i pochi abitanti dell'isola si fanno proteggere. A preannunciare questa atmosfera selvaggia e paradisiaca è Cala Dogana, situata vicino al porto turistico dell'isola, quasi a voler fare da "biglietto da visita". Affiancata da Cala Fredda, entrambe sono spiagge di ghiaia perfette per lo snorkeling.
VEDI ANCHE: Levanzo: come arrivare, cosa vedere e le spiagge più belle

  • Come arrivare: volo su Trapani (confronta i voli), poi dal porto di Trapani aliscafo (circa €20,00 A/R) o direttamente da Favignana
  • Come muoversi: L'isola può essere visitata comodamente a piedi. Consigliato il noleggio di una barca per la visita delle cale nascoste lungo la costa.
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

9 - Vulcano

isola di vulcanoVulcano, è tra le isole eolie la più vicina alla Sicilia, dista appena 12 miglia da Capo Milazzo. Il suo territorio è composto da 4 vulcani, Lentia, Piano, Vulcanello e Fossa, con cui gli insediamenti umani convivono ormai da secoli. Gli interventi dell'uomo infatti, si sono infatti limitati a "modellare" ciò che la natura offriva, senza modificare in alcun modo ne la flora ne la fauna dell'isola, ed è per questo che ad oggi è possibile godere dei benefici di acque termali e acque sulfuree, immersi in veri e propri paradisi naturali. Sin dal suo arrivo sull'isola, il turista non può che rimanaere estasiato dalle bellezza che Vulcano ha da offrire, tra cui il grande faraglione dai colori particolari.

Il punto di incontro per i più giovani è la spiaggia delle sabbie nere presso il Bar da Conti A' Zammara'. Alcuni locali di interesse sono Il Castello, Manà Manà, Le Cantine Stevenson.
VEDI ANCHE: Vulcano: dove si trova, quando andare e cosa vedere

  • Come arrivare: traghetti e aliscafi da Milazzo (circa cinquanta minuti, €35,00 A/R)
  • Come muoversi: Vulcano è un'isola piccola, percorribile tranquillmente a piedi, per chi volesse, è possibile noleggiare scooter, a €35,00 al giorno, quad e/o minicar, a €70,00 al giorno o bici, al costo di €7,00
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

10 - Salina

salina isole barche panoramaA Salina le cose da fare di certo non mancano, prima tra tutte, assaggiare la cucina tipica. Inoltre l'isola è stata il set dell'ultimo film di Massimo Troisi, il Postino, ambientato nel piccolo borgo di pescatori a Pollara, ormai meta immancabile per i turisti. Al pari delle altre isole anche Salina vanta delle coste da sogno, caratterizzate da alcuni punti decisamente da non perdere. Tra questi segnaliamo la spiaggetta di Leni, dove getti di gas e vapori caratterizzano il paesaggio marino, rendendolo uno spettaccolo da non perdere per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni. C'è poi la spiaggia di Rinella, a forma di mezzaluna, famosa per la sua sabbia di colore nero e, in fine, Lingua con la sua spiaggia di ciottoli, il faro e l'antico ponte di pietra di Vallone Zappini.

Il percorso più famoso tra gli appassionati di trekking è quello che parte parte dall'abitato di Leni, che seguendo un sentiero tra antichi terrazzamenti ed ulivi secolari, arriva fino a Pizzo Corvo (uno dei vulcani più antichi) da cui si può godere di una vista spettacolare. La discesa attraversa una fitta vegetazione e ha una vista mozzafiato sul cratere, dentro cui si trova l'abitato di Pollara. E ancora, gli amanti dello snorkeling e delle immersioni non devono far altro che scegliere dove effettuare le loro escursioni, data la vastità di bellezze marine presenti.

  • Come arrivare: il principale porto è Santa Marina, dove attraccano traghetti e aliscafi da Palermo e Milazzo (da Milazzo circa 2,5 ore, biglietto circa €60,00 A/R)
  • Come muoversi: A Salina c'è un buon servizio bus (abbonamento 12 corse €13,50). Consigliato il noleggio scooter (da €25,00 al giorno)
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

Le altre isole della Sicilia

Marettimo

marettimo panoramaFoto di jim. Secondo una vecchia leggenda popolare Marettimo, la più lontana delle isole Egadi, sarebbe in realtà la leggendaria Itaca. Ad alimentare la convinzione sarebbero state le numerose grotte, tutte con stalagmiti, stalattiti e numerose formazioni rocciose, dall'aspetto bizzarro e molto particolare. Non mancano inoltre relitti tra cui immergersi, dove flora e fauna marina hanno ormai trovato la loro casa,e sentieri selvaggi e incontaminati. A completare il quadro di un paesaggio già caratteristico di suo ci sono le deliziose abitazioni bianche del borgo, dotate di imposte tutte azzurre che lasciano il visitatore sempre senza fiato.
VEDI ANCHE: Marettimo: come arrivare, cosa vedere e le spiagge più belle

  • Come arrivare: da Trapani in traghetto (1 ora, €23,00) o aliscafo (circa €32,00 A/R)
  • Come muoversi: l'isola è facilmente visitabile a piedi
  • Dove dormire: Non ci sono molti alloggi, spesso i pescatori in estate affittano le proprie abitazioni ai turisti - confronta i migliori alloggi su Booking

Stromboli

stromboli isole eolie vulcanoLa particolarità dell'isola di Stromboli è che si tratta di un vulcano ancora attivo. La morfologia di tutta l'isola è il risultato dell'attività dei tanti cicli eruttivi, che hanno contribuito a creare un panorama selvaggio, e in continua evoluzione: l'attività marina del vulcano infatti, aggiunge periodicamente dei "pezzetti" all'isola. Sabbie scure, paesaggio diverso dagli altri e il silenzio, sono le tre caratteristiche che hanno reso Stromboli l'ultima tappa del "Viaggio al Centro della Terra" di Jules Verne, e che periodicamente ne rinnovano il fascino agli occhi del turista, unica.

Soprannominata "il faro del Tirreno", vista l'attività ininterrotta del vulcano, la scalata è la principale attività. Dura circa 2 ore ed è abbastanza faticosa. E' necessaria una torcia, pantaloni lunghi, acqua, maglietta di ricambio, giacca a vento leggera e, ovviamente, gli scarponcini da trekking. Inoltre, la scalata può essere effettuata avvalendosi di una guida, al prezzo medio di €35,00 che, può variare in base all'operatore scelto e al numero di partecipanti.
VEDI ANCHE: Stromboli, Isole Eolie: dove si trova, quando andare e cosa vedere

  • Come arrivare: traghetto o aliscafo da Milazzo (circa 1 ora e 10 minuti, biglietto €45,00 A/R)
  • Come muoversi: Stromboli è molto piccola, non esistono quindi trasporti pubblici. L'intero abitato può essere percorso a piedi in circa 20 minuti. In alternativa ci sono taxi elettrici (€10,00 a tratta)
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

Filicudi

filicudi 2c capo graziano2Foto di Petr Vykoukal. A Filicudi si sbarca per il desiderio di immergersi in una natura incontaminata, dove le caratteristiche spiaggee, le calette appartate e le innumerevoli bellezze delle coste la fanno da padrone. Il fascino dell'isola è racchiuso nelle sue coste e in quello che il mare custodisce. Tra questi, non si possono non menzionare la Grotta del Bue Marino, dove i raggi del sole creano dei giochi di luce, un tempo alla base della convinzione che la grotta fosse abitata da mostri marini; lo scoglio la Canna, a cui è attribuita una certa somiglianza con la statua della Madonna col bambino: in molti credono che basti toccare lo scoglio per far si che i desideri si avverino. Le spiagge sono costituite per lo più da ciottoli, e quella più nota è la spiaggia delle Punte, facilmente raggiungibile dal molo, ma anche quelle di Pecorini Mare e la spiaggia del Porto sono assolutamente da vedere.

Le coste frastagliate dell'isola sono uno spettacolo imperdibile, che va ammirato dall'acqua, insieme a tutto quello che il mare custodisce. Punti di immersione comuni sono: la grotta dei sei metri, la grotta dei gamberi, la costa dello sciarato, i canaloni, lo scoglio notaro, lo scoglio di montenassari, lo scoglio cacato, la grotta del bue marino e lo scoglio Giafante. Riservato ai sub più esperti e in possesso di brevetto è il percorso del museo archeologico sottomarino di Capo Graziano, dove è possibile osservare nove relitti.
VEDI ANCHE: Filicudi, Isole Eolie: dove si trova, quando andare e cosa vedere

  • Come arrivare: da Milazzo in aliscafo o traghetto (circa 2 ore e 20 minuti, biglietto è di €50,00 A/R)
  • Come muoversi: a piedi o in scooter (noleggio da €25,00 al giorno).
  • Dove dormire: confronta i migliori alloggi su Booking

Alicudi

alicudi porto 1Alicudi, insieme a Filicudi, è geologicamente la più vecchia e selvaggia delle Eolie. Il pendio occidentale dell'isola è ripido e disabitato; quello orientale è costituito da ripiani e disseminato di case ed è l'isola più lontana e meno organizzata dal punto di vista dei servizi, ma ingrado di offrire una vacanza in totale relax, ma dai tratti wild. Qui non esistono banche o bancomat, ed è presente un unico albergo. Non ci sono strade ma antichi sentieri, e per gli spostamenti ci si affida alle propre gambe o a simpatici asinelli. La spiaggia della contrada Bazzina si trova non lontano dal porto di Alicudi ed è raggiungibile in barca. Questa piccola ed incantevole insenatura, bagnata da acque poco profonde, permette agli appassionati delle bellissime immersioni.
VEDI ANCHE: Alicudi, Isole Eolie: dove si trova, quando andare e cosa vedere

  • Come arrivare: da Milazzo in aliscafo e traghetto (circa 3 ore, biglietto €35,00)
  • Come muoversi: a piedi o in asinello
  • Dove dormire: Non ci sono molti alloggi, spesso i pescatori in estate affittano le proprie abitazioni ai turisti - confronta i migliori alloggi su Booking

Mozia

mozia sicilia tramonto seasaltSituata nella laguna delle saline dello Stagnone, l'isola di Mozia è un'antica colonia fenicia. Le acque basse e gli antichi ritrovamenti archeologici, insieme alle pregevoli bellezze naturali, la rendono una delle attrazioni più suggestive della Sicilia. L'isola è piena di musei e siti archeologici e, ad alcuni di questi, è possibile accedere esibendo il biglietto d'ingresso all'isola, dal valore di €9,00.

Tra le attrattive comprese nel biglietto sono da non perdere il Museo Whitaker che conserva tutta una serie di prestigiosi reperti archeologici trovati nell'isola durante gli scavi. Inoltre, le acque basse della laguna creano delle vere e proprie piscine naturali, con l'acqua trasparente e limpida che arriva alle ginocchia, dove bisgna immergersi almeno una volta.

  • Come arrivare: nei periodi di bassa marea è possibile raggiungere l'isola a piedi, percorrendo l'antica strada punica. In alternativa dal parcheggio delle Saline parte un traghetto al prezzo di €5,00, per una durata di viaggio di circa 30 minuti.

Principali arcipelaghi e gruppi insulari

  • Isole Eolie: Situate a ridosso della costa nord-orientale, sono in totale sono 10, di cui 7 abitate: Alicudi, Filicudi, Salina, Lipari, Vulcano, Panarea e Stromboli - maggiori info
  • Isole Egadi: Situate a ridosso della costa occidentale, sono in totale sono 6, di cui 3 abitate: Favignana, Marettimo e Levanzo - maggiori info
  • Isole Pelagie: Situate a largo della costa meridionale, sono in totale 4, di cui 2 abitate: Lampedusa e Linosa.
  • Altre isole sparse: Vi sono isole turistiche non appartenenti ai suddetti arcipelaghi, ovvero: Ustica e Pantelleria (che sono comuni appartenti rispettivamente alle province di Palermo e Trapani), l'Isola delle Palme e l'Isola di Ortigia (che costituiscono invece i centri storici dei comuni di Augusta e Siracusa).
  • Arcipelaghi e Isole minori: Sono presenti altri isolotti e scogli quasi totalmente disabitati. Fra questi menzioniamo le Isole dello Stagnone a largo di Marsala (di cui fa parte anche Mozia) e le Isole dei Ciclopi (in provincia di Catania).

Isole con aeroporto

Solo due isole siciliane dispongono di un proprio aeroporto:

  1. Pantelleria: collegata con voli diretti, più frequenti e numerosi in estate. I collegamenti aerei con Trapani, Palermo e Catania restano attivi e fitti tutto l'anno - confronta i voli per Pantelleria
  2. Lampedusa: in estate collegata con voli diretti dalle maggiori città italiane mentre, in inverno vengono ridotti a Palermo e Catania - confronta i voli per Lampedusa