Zighy Bay

5 Luoghi dove non si Festeggia il Natale

Cerchi dei posti o paesi in cui andare per sfuggire alle festività natalizie? Ecco i 5 luoghi del mondo dove non si festeggia il Natale. Di certo, tra spiagge tropicali, safari nella giungla e isole sperdute nell'oceano, Babbo Natale non ti mancherà affatto!

Zighy BayCori natalizi, illuminazioni e decorazioni in ogni angolo, Babbi Natale che agitano campanacci e urlano il loro "Ohh ohh" ai bambini… e la corsa sfrenata ai regali e ai preparativi per cenoni e pranzoni!
Nulla di più lontano dai vostri desideri? Vorreste che almeno una volta nella vita il Natale non arrivasse? Sareste disposti a tutto pur di fuggire via da tutto questo?
Be' una soluzione ci sarebbe… ed indovinate un po', si tratta di un viaggio. Ma non uno qualunque, non una meta qualsiasi, in cui trovare gli stessi addobbi a festa con l'aggravante che non ci capite nulla di quello che dicono! Stiamo parlando dei luoghi del mondo in cui il Natale non esiste!
Niente Babbo Natale, niente presepi, Magi e doni: ecco a voi i 5 paesi senza Natale.

1 - Foresta di Belum (Malesia)

Foresta di BelumSi trova nella penisola di Malacca, a circa 5 ore di strada da Kuala Lumpur. Certo, non è proprio dietro l'angolo, ma qualche sforzo bisognerà pur farlo per sfuggire a quel buontempone di Babbo Natale…
La Foresta di Belum è una foresta pluviale, una delle più antiche del mondo. Qui la vegetazione è talmente fitta che difficilmente il Natale ed i suoi festeggiamenti potranno scovarvi!
Passerete i giorni in compagnia degli Orang Asli, gli aborigeni malesiani, che vi accompagneranno in un fantastico trekking tra paesaggi da Avatar, con immense sequoie e fiori giganteschi: qui infatti proliferano le Raflesie, i fiori più grandi del mondo.
I compagni di avventura saranno gli Orangutan, ed il cibo di certo non sarà un problema. Il malesi infatti mangiano in continuazione: certo, non ci saranno zampone e lenticchie, né salmone affumicato o capitone e tortellini in brodo, ma non disdegnerete un succulento "Otak Otak", un filetto di pesce grigliato avvolto nelle foglie di banano. Altro che magia di Natale…

2 - Massiccio dell'Atlante (Marocco)

Massiccio AtlanteSe l'unica cosa che non vi dispiace del Natale è la neve, ma senza cori alpini, renne e folletti verdi in vena di fare regali, allora adorerete il Massiccio dell'Atlante, in Marocco.
Stavolta basteranno poche ore di volo, ma non resterete delusi: già dall'aereo potrete ammirare l'alternarsi di rocce di color rossastro, quasi fossimo in Arizona, e le piste innevate di Jbel Oukaïmeden, sullo sfondo di un deserto dal fascino sempre fortemente evocativo.
Siamo ad oltre 3.200 metri di altitudine, ed è la principale stazione sciistica del Marocco, con oltre 20 piste e 6 seggiovie. E soprattutto, nessuna renna!

3 - Damaraland (Namibia)

DamaralandSi tratta di una delle zone più isolate al mondo: il più vicino centro abitato è Windhoek, a 9 ore di macchina. Siamo nel cuore del deserto roccioso, una delle zone meno ospitali del pianeta, ma allo stesso tempo, una delle più autentiche e affascinanti. E' qui infatti che si può vivere la più autentica atmosfera del vero safari: niente Resort 5 stelle ad aspettarci, niente centri benessere o anche solo strade asfaltate.
Qui il safari si fa in tenda, in pieno contatto con la natura, con tanto di rumori inquietanti, animali in agguato e vento d'Africa. Se proprio Babbo Natale vuol venire fin qui…

4 - Pitcairn (Oceano Pacifico)

Pitcairn Probabilmente Babbo Natale non ha neppure idea di dove sia, forse non sa neppure che esiste. E d'altra parte, i 48 abitanti dell'isola non si saranno mai disperati di questo.
Pitcairn è letteralmente sperduta nell'Oceano Pacifico, una delle isole più sperdute del globo: oltre 2.000 km da Thaiti e più di 5.000 dalla Nuova Zelanda.
Ma forse il nome ricorderà qualcosa agli amanti del cinema classico: Pitcairn è infatti l'isola scelta dagli Ammutinati del Bounty nel 1790 per sfuggire alla Regina d'Inghilterra e alla Marina di Sua Maestà. Pensate che i 48 abitanti sono tutti discendenti di quei marinai, e la festa qui non è certo il Natale: la "festa nazionale" è il 23 Gennaio, in occasione della ricorrenza dell'affondamento della nave. Per l'occasione, tutti gli abitanti (!) danno vita ad una rievocazione dando alle fiamme un modellino in legno.

5 - Zighy Bay (Oman)

Zighy BayAvete presente quando dicendo "Paradiso Terrestre" immaginate lunghe spiagge di sabbia, temperature sempre gradevoli, un mare limpido e cristallino, dove il lusso si vive nella comodità di infradito e pareo? Ecco, per l'appunto, immaginate proprio Zighy Bay. Con il contorno che si trova completamente isolata dal mondo: pensate che per raggiungerla, oltre che via mare, gli unici modi sono una strada a strapiombo su un burrone, e… 15 minuti di parapendio!
E tra alberi di fichi, datteri e palme, distesi sulla sabbia ci sono enormi cuscini degni di un pashà, alle spalle enormi alture che superano i mille metri e, di fronte, un mare infinito dai mille colori. Il tempo di pensare al Natale, neppure c'è: qui in fondo, è sempre festa


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su