Classifica regioni più ricche d'Italia

Quali sono le regioni più ricche d'Italia? Ecco la classifica 2017 delle regioni italiane più ricche con alto reddito PIL Pro Capite.

Si sente spesso parlare del divario tra le regioni italiane del nord e quelle del sud in termini economici: voci di corridoio dicono che la Lombardia sia la regione più ricca, mentre la Campania rientri tra quelle più povere... ma è vero? E cosa si intende per "ricco" e "povero" quando si parla di regioni italiane?
VEDI ANCHE: LE CITTA' PIU' RICCHE DEL MONDO

Il metodo di classificazione

pil pro capite regione per regionePer parlare di ricchezza e povertà dobbiamo partire da un metodo di classificazione che sia chiaro e valevole per tutte le regioni. Il metodo di classificazione da noi scelto è il PIL pro capite, ovvero il Prodotto Interno Lordo per singolo individuo. Come molti sapranno, il PIL è l'indicatore complessivo dei beni e servizi finali prodotti in un certo intervallo di tempo all'interno di un Paese; può anche essere interpretato come il valore della ricchezza e del benessere di un Paese / individuo. Vediamo la classifica delle 10 regioni italiane più ricche secondo il PIL.
VEDI ANCHE: QUAL E' IL CONTINENTE PIU' RICCO AL MONDO?
I dati ISTAT sono aggiornati al 2014 e sono confrontati con quelli risalenti al 2008: in generale, il PIL pro capite degli italiani è sceso del 10,4%, passando da 28.194 a 25.257 euro (-2.937). Nessuna regione italiana è ancora riuscita a tornare ai livelli pre-crisi.

10 - Friuli-Venezia Giulia, 26.429

10 friuli venezia giuliaIl Friuli-Venezia Giulia perde una posizione nella classifica del PIL pro capite rispetto al 2008, quando si attestava al 9° posto con un valore pari a 29.999. In percentuale, il PIL pro capite del Friuli-Venezia Giulia è sceso dell'11,9%.

9 - Piemonte, 26.436

09 piemonteAnche il Piemonte, pur restando nella top ten delle 10 regioni italiane più ricche, perde una posizione rispetto ai dati ISTAT del 2008, quando aveva un PIL pro capite di 30.179. La perdita percentuale del Piemonte è stata del -12,4%.

8 - Liguria, 27.301

08 liguriaRispetto al 2008 la Liguria perde ben 2 posizioni, passando da un PIL pro capite di 31.748 (2008) a un PIL pro capite di 27.301 (2014). La sua perdita in percentuale è stata pari al -14%.

7 - Toscana, 27.469

07 toscanaFinalmente una regione in miglioramento: parliamo della Toscana, che nel 2008 era 10° in classifica con un PIL pro capite pari a 29.681. In termini di variazione percentuale, anche la Toscana ha un meno: - 7,5%.

6 - Veneto, 28.434

06 venetoIl Veneto passa dal 7° (2008) al 6° (2014) posto in classifica secondo i dati ISTAT per quanto concerne il PIL pro capite, ma anche per lui la variazione percentuale è negativa: - 9,4%.

5 - Lazio, 30.355

05 lazioIl Lazio scende di una posizione rispetto al 2008, passando da un PIL pro capite di 34.823 (2008) a un PIL pro capite di 30.355. Chissà se le olimpiadi del 2020 avrebbero prospettato qualcosa di meglio...

4 - Emilia Romagna, 30.874

04 emilia romagnaIl PIL pro capite dell'Emilia Romagna è calato rispetto al 2008, ma la regione sale nella classifica, piazzandosi al 4° posto: un gradino guadagnato dal 2008.

3 - Lombardia, 33.272

03 lombardiaEd eccoci giunti al podio, dove non poteva certo mancare la Lombardia:la regione del Pirellone perde il 1° posto in classifica e scivola alla 3° posizione, passando da un PIL pro capite di 36.948 (2008) a un PIL pro capite di 33.272 (2014).

2 - Trentino Alto Adige, 34.856

02 trentino alto adigeCosì come l'Emilia Romagna, anche il Trentino Alto Adige ha un PIL in calo se comparato a quello del 2008 (36.111), ma sale di una posizione nella classifica aggiornata. La regione autonoma conferma il generale benessere economico rispetto a molte altre zone d'Italia.

1 - Valle d'Aosta, 34.981

01 valle d aostaAnche la Valle d'Aosta, come Emilia Romagna e Trentino, perde in PIL pro capite passando da 35.459 del 2008 a 34.981 del 2014. Nella classifica generale però ora conquista la prima posizione, salendo dal secondo al primo gradino del podio.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Commenti sull'articolo
Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti