Divano di casa

Cos'è il Couchsurfing e come funziona

Cos'è il couchsurfing o scambio divano? Come funziona e come è possibile risparmiare organizzando il proprio viaggio surfing coach? Ecco dei consigli utili e le precauzioni da seguire per vacanze economiche con il couchsurfing!

Divano di casaAvete mai pensato di scambiare la vostra casa? Sembra un'idea a dir poco bizzarra, ma è una pratica utilizzata da molti per risparmiare sulle vacanze: si chiama couchsurfing ed è la tendenza del momento.
Immaginate di ospitare sul divano di casa vostra un viaggiatore, offrendovi di fare da "cicerone" e fornendo preziosi consigli per l'organizzazione del viaggio. E poi immaginate di essere ripagati allo stesso modo, lasciandovi ospitare dall'altra parte del mondo.
Il tutto gratuitamente. Sembra interessante vero? Continuate a leggere per saperne di più!

Couchsurfing: cos'è?

Nato nell'era di internet, il couchsurfing è un modo nuovo di viaggiare che offre, oltre ad un alloggio gratuito, anche l'opportunità di conoscere nuove persone e fare nuove esperienze. Il termine, la cui traduzione letterale è "fare surf sui divani", indica anche l'omonima piattaforma di proprietà della Couchsurfing International Inc. che per prima ha fatto conoscere questa al mondo. Couchsurfing.com è un social network, una community di viaggiatori che mette a disposizione i propri alloggi per "scambi culturali".

Come funziona?

Negli anni sono nati diversi portali simili a Couchsurfing.com, tutti basati più o meno sulle stesse logiche. Tuttavia il più usato e sicuro continua ad essere il capostipite. Ecco alcuni consigli per un utilizzo efficace.

1 - Come iscriversi

L'iscrizione è gratuita e consente di accedere alle schede degli altri soci e ricevere la newsletter. Pagando un contributo minimo è poi possibile pubblicare una scheda host, verificare la propria abitazione e ricevere proposte di scambio da parte degli altri soci.

2 - Come trovare un divano

Couchsurfing precauzioniLa ricerca può avvenire secondo due modalità: per località, spulciando tra le singole schede delle persone che offrono ospitalità, oppure per itinerario, inserendo le tappe del proprio viaggio e aspettando che siano gli altri a contattarci.
Fatto questo bisogna controllare alcuni elementi. Ad esempio bisogna fare attenzione al tipo di alloggio che viene offerto, perché ognuno può offrire quello che ha o che vuole: un posto sul divano, la camera degli ospiti, la dependance oppure uno spazio in giardino su cui piantare una tenda! E' opportuno anche prestare attenzione all'esatta ubicazione della casa, rispetto alla località che si va a visitare, in modo che non sia troppo lontana o in una zona pericolosa.

Molte persone faticano a trovare un host, questo perché generalmente non comprendono le logiche del social e non seguono un paio di semplici regole di buon costume (tipo completare e mantenere attivo un profilo e inviare delle richieste con criterio).

3 - Come completare il profilo personale

Partiamo dalla prima regola: completa correttamente il profilo personale. La maggior parte delle persone investe appena cinque minuti sul proprio profilo e pretende che la gente offra loro ospitalità. Ovviamente ciò non avviene, perché ci sono molti più navigatori in cerca di un "divano" che host attivi, pertanto è normale che ci sia una certa competizione fra gli iscritti.

Tramite il tuo profilo, gli altri utenti si faranno un'idea di chi tu sia: potranno capire se sei una persona piacevole da frequentare o un potenziale serial killer. Se vuoi essere ospitato, dedica del tempo a creare il tuo profilo e cerca di mostrare i lati migliori di te stesso.
Nella sezione "Informazioni su di me" scrivi chi sei, quali sono i tuoi hobby, cosa fai nel tempo libero. Nella sezione "Le cose fantastiche che ho fatto", metti qualcosa di interessante. Se non riesci a pensare a niente, scrivi qualcosa di sarcastico o divertente.

Aggiungi molte foto, almeno nove o dieci, ma soprattutto cerca di procurarti delle referenze. Chiaramente sarebbe meglio ricevere referenze da utenti host, ma per iniziare potresti verificare la presenza di semplici utenti "amici" già iscritti alla piattaforma per chiedere loro di lasciare una "recensione". Il modo migliore per verificare la presenza di amici è collegando Facebook al tuo account Couchsurfing.

4 - Come cercare un host

E' importante trovare host che ispirino fiducia. La funzione di ricerca è piuttosto semplice, restituirà un elenco di profili e tra i primi risultati ci saranno gli utenti potenzialmente disposti ad ospitare. La prima cosa da controllare è quali utenti sono verified (ovvero quelli che hanno hanno completato la procedura di verifica dell'alloggio e fornito i dati bancari.

Fra questi, si va fatta un'ulteriore selezione basandoti sulle recensioni/referenze. Se hanno parecchie buone referenze, è probabile che si tratti di brave persone. Controlla anche quanto sono "attivi" nella community. Couchsurfing mostra le date degli ultimi accessi, quindi ti permette di scartare gli utenti che hanno "abbandonato" il proprio profilo.

5 - Come richiedere ospitalità?

Dopo aver selezionato una decina di host adatti, è il momento di inviare le richieste. È molto importante evitare l'invio di richieste in maniera massiva facendo copia/incolla di messaggi. Piuttosto, naviga il profilo dell'host per scoprire quali sono le regole della casa, che interessi ha, ed eventuali preferenze/veti (ad esempio, alcuni preferiscono non ricevere richieste nel week-end o in alcune date particolari, oppure potrebbero ammettere solo ospiti dello stesso sesso ecc.).

Fatto ciò, scrivi una richiesta personale rivolta all'host, dove ti presenti e poi fornisci alcuni motivi per cui potrebbe essere una buona idea per loro ospitarti. Per intenderci, se la persona da cui vorresti essere ospitato è un amante del cibo italiano e tu te la cavi bene tra i fornelli, potresti offrirti di cucinare una cena.

Curiosità: Si può rimorchiare con Couchsurfing?

Alcuni considerano il couchsurfing una maniera per rimorchiare. E di per sé in questo non c'è niente di male. D'altronde se tra un tour in città ed un drink al pub dovesse instaurarsi una certa chimica, perché non dare seguito all'attrazione sessuale con una notte di passione? Sul web è facile trovare testimonianze felici di utenti che raccontano di aver vissuto esperienze di questo genere.

Opinioni favorevoli, brutte esperienze e pericoli

Counchsurfing scambio culturaleLa maggior parte della gente che ha provato l'esperienza del cuchsurfing, ne parla in maniera positiva. Fra i pregi decantati vi è l'ospitalità gratuita, la conoscenza di nuove persone e potenziali compagni di viaggio, la possibilità di vivere uno scambio culturale che permette di perfezionare una lingua acquisendo modi di dire ed espressioni che non si imparano sui banchi di scuola.

Ma chiaramente c'è anche chi ne parla male, chi lamenta l'efficacia del sistema di verifica degli alloggi e addirittura chi ha vissuto in prima persona brutte esperienze.
E voi cosa ne pensate del couchsurfing? Che esperienze avete avuto? Raccontatecelo nei commenti!

Hai trovato qualcosa che non va?

Ogni contributo è benvenuto, e tutti possono contribuire.
Aiutaci anche tu a trasmettere informazioni sempre aggiornate a tutti i nostri utenti

Segnalacelo
Forse ti può interessare anche...

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Commenti sull'articolo
  • Francesco Lo Cicero
    Francesco Lo Cicero 22 Gennaio 2019 12:55

    Uso couchsurfing da ormai 5 anni. Ho visitato oltre 10 paesi in Europa, città come Madrid, Barcellona, Vienna, Amsterdam, Zurigo, Anversa. Ho avuto anche diverse esperienze di hosting e sinceramente io mi trovo più che bene.
    Ci sono persone che parlano male dell'organizzazione o del portale, ma quello che la gente non coglie è che il sito mette semplicemente in comunicazione la gente.
    Certo, dire che è perfettamente sicuro non sarebbe vero. Ovviamente ci sono stati incidenti in passato e ce ne saranno ancora. Ma questo vale un po' per qualunque cosa; nella vita di tutti i giorni così come su internet. D'altronde non dimentichiamo che fino a qualche anno fa anche gli acquisti online erano un tabù, e nessuno di noi si sarebbe sognato di inserire i propri dati bancari su un sito...
    Detto questo, Cs è utilizzato da oltre 5 milioni persone, dislocate in più di 96.000 città in 207 paesi e c'è un sistema di referenze che personalmente reputo molto attendibile.
    Quindi io continuerò ad usarlo!

    Rispondi
Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Torna su