Italia Delle Cinque Terre

Riomaggiore: cosa vedere, dove mangiare e cosa fare la sera

Aggiornato a Maggio 2020 Queste informazioni sono state aggiornate grazie al contributo di 36 viaggiatori.

Italia Delle Cinque TerreStretto tra mare e monti, Riomaggiore è il borgo più orientale delle Cinque Terre, caratterizzato dalla tipica struttura a gradoni, con casette colorate addossate le une sulle altre, affacciate sul porticciolo e che sembrano sfiorare il cielo.

La cittadina ha origini antichissime. Passeggiare per le stradine in salita permette di ammirare i resti del suo antico passato ed assaporare il ritmo lento della vita che è qui scandito dal ritmo delle maree.

Proprio da qui parte la famosa Via Dell'Amore, un percorso a picco sul mare che collega gli altri borghi delle Cinque Terre.
Riomaggiore offre infatti varie possibilità per una vacanza attiva; oltre che al trekking e alle passeggiate, a piedi o in mountain bike, ci si può anche dedicare alle immersioni.

E' il posto ideale per trascorrere le vacanze immersi nella natura e in un paesaggio da cartolina.

10 cose da vedere a Riomaggiore in un weekend

1 - Castello di Riomaggiore

castello di riomaggioreFoto di MassimilianogalardiConosciuto anche come il Castellazzo di Cerricò è a picco sul mare e in un punto suggestivo della parte alta del borgo, offre scorci meravigliosi.

Il fortino a pianta quadrangolare con i lati maggiori leggermente convergenti verso il mare, ha una cinta muraria formata da due grosse e tozze torri circolari. In cima alla scala esterna vi è un bellissimo orologio.

Venne costruito nel 1260 per volontà dei marchesi Turcotti, signori di Ripalta, e fu completato dai Genovesi nel XV-XVI secolo dopo il dominio di Niccolò Fieschi. Con la dominazione francese di Napoleone venne riconvertito in cimitero; oggi è utilizzato come location per eventi, manifestazioni e cerimonie private.

Per arrivare al castello è necessario percorrere diverse scalinate, soprattutto se si parte dalla costa di Campiòne, il punto più basso di tutta Riomaggiore.

  • Come arrivare: 500 metri dalla stazione tramite Via Telemaco Signorini - Ottieni indicazioni
  • Orari: sempre accessibile per la panoramica esterna; interno non visitabile perchè utilizzato come location per eventi, manifestazioni e cerimonie
  • Costo biglietto: non accessibile internamente

2 - Porto e Spiaggia di Riomaggiore

porto di riomaggioreIl porto è il paesaggio più amato e conosciuto del borgo, caratterizzato da barchette colorate attraccate a riva e riparate da un'insenatura naturale. Due discese permettono di scendere a mare e farsi il bagno.

La piccola spiaggetta è costituita da una piccola insenatura di ciottoli riparata dai venti, una lingua di cemento che si incrocia con gli scogli sulla quale i turisti e gli abitanti del posto prendono il sole o la usano da trampolino per tuffarsi in acqua.

Riomaggiore è parte del Parco nazionale delle Cinque Terre. La sua area marina è caratterizzata da fondali costieri essenzialmente di tipo roccioso.

  • Come arrivare: 550 metri dalla stazione tramite Via San Giacomo - Ottieni indicazioni
  • Orari: sempre accessibile
  • Costo biglietto: gratis

3 - Santuario di Nostra Signore di Montenero

riomaggiore santuario di montenero piazzaleFoto di GroumeLuogo di culto cattolico situato a 340 metri sul livello del mare ed offre un panorama a dir poco stupendo.
Al suo interno conserva la sacra immagine dell'Assunzione della Vergine che, secondo un'antica leggenda tramandata oralmente dagli abitanti di Riomaggiore, sarebbe stata portata fino a qui in epoca medievale da profughi greci in fuga da una persecuzione iconoclasta.

Sottoposto a varie opere di rifacimento, il Santuario assunse la forma attuale verso il 1800.

Fa parte dei cosiddetti "Santuari delle Cinque Terre" insieme al Santuario di Nostra Signora della Salute a Volastra, ai Santuari di Nostra Signora delle Grazie e di Nostra Signora di Reggio a Vernazza e al Santuario di Nostra Signora di Soviore a Monterosso al Mare.

Non raggiungibile in auto, ma solo attraverso alcuni sentieri, questo antico monastero richiama visitatori da tutto il mondo.

  • Come arrivare: raggiungibile unicamente attraverso una mulattiera dalla strada provinciale 370 - Ottieni indicazioni
  • Orari: 6:30-12.30 e 14:30-19:00
  • Costo biglietto: gratis

4 - Chiesa di San Giovanni Battista

riomaggiore facciata chiesa di san giovanni battistaFoto di Luca AlessLa chiesa principale del borgo che dall'alto lo domina, rappresenta una pregevole opera trecentesca frutto di maestranze antelamiche.

Fu costruita nel 1340 con licenza del Vescovo di Luni, Antonio Fieschi.
Un'importante e significativa rivisitazione dell'intero edificio fu eseguita tra il 1870 e il 1871 a seguito di un violento terremoto. Nello specifico: allungamento del complesso e il rifacimento della facciata in stile neogotico, conservando, però, il trecentesco rosone in marmo bianco di Carrara.


Dell'impianto originario rimangono ancora visibili le due entrate in stile gotico e le monofore decorate con elementi zoomorfi e antropomorfi.

La chiesa, a pianta basilicale a tre navate separate da archi ogivali, custodisce un crocifisso ligneo di Maragliano, un trittico attribuito al maestro Benedetto Antelami, rilievi marmorei del 1530, un pregevole pulpito marmoreo settecentesco e un organo meccanico Agati del 1851.

  • Come arrivare: 550 metri dalla stazione tramite Via Colombo - Ottieni indicazioni
  • Orari: 7:30-17:30
  • Costo biglietto: gratis

5 - Chiesa di San Lorenzo

manarola chiesa san lorenzoFoto di Davide PapaliniLa chiesa parrocchiale della Natività di Maria Vergine è dedicata al patrono del paese. Costruita a monte dell'abitato, la chiesa, in stile gotico-ligure, venne iniziata nel 1338 dalle popolazioni di Manarola e Volastra.

La facciata in arenaria locale presenta un portale con arco gotico e un bassorilievo raffigurante il Martirio di San Lorenzo; appena più sotto, un rosone in marmo di Carrara del 1375 a dodici colonnine con capitelli fogliati ed una corona esterna decorata con teste umane e leonine.
L'interno, a pianta basilicale a tre navate, è barocco e la navata centrale è doppia rispetto alle laterali.
Staccato dal corpo centrale dell'edificio, il campanile a base quadrata realizzato sui resti di un'antica torre di vedetta per l'avvistamento delle incursioni saracene.

  • Come arrivare: 20 minuti a piedi dalla stazione tramite Via dell'Amore - Ottieni indicazioni
  • Orari: 7:30-17:30
  • Costo biglietto: gratis

6 - Il Borgo

italia delle cinque terreSembrerà un po' strano presentare "il borgo" come un'attrattiva da vedere, ma di fatto lo è. Il semplice "passeggiare" fra le stradine di Riomaggiore rappresenta un'attività a sè, assolutamente da non perdere.
Il centro storico si sviluppa su due vallate, separate dalla piccola e ripida costa di Campiòne.

La parte più storica, risalente al XIII secolo, si trova nella vallata formata dal torrente Rio Maggiore, da cui deriva il nome stesso della cittadina; la parte più nuova del borgo (che comprende anche la stazione), si è invece sviluppata nel XIX secolo ed è collocata lungo la valle del Rio Finale.

Le abitazioni del borgo sono fatte come delle torri, sviluppate in altezza su tre o quattro piani, in pietra e ardesia sui tetti, dalle facciate tinte con colori sgargianti.

Dal centro storico dipartono due scalinate che si allungano verso un paio di punti di osservazione che offrono magnifici panorami.

  • Come arrivare: 400 metri dalla stazione tramite Via Sant'Antonio - Ottieni indicazioni
  • Orari: sempre accessibile
  • Costo biglietto: gratis

7 - Torre Guardiola

Uno dei punti più panoramici nonchè "Luogo del Cuore" del FAI.

Il sito prende il nome da un vecchio fortilizio adibito alla sorveglianza delle coste per prevenire eventuali attacchi da parte dei saraceni.

Punto di particolare pregio naturalistico e paesaggistico, fino al 2010 ha ospitato il Centro di Educazione Ambientale del Parco Nazionale delle Cinque Terre, moderna struttura di accoglienza e valorizzazione del territorio dove era presente anche un percorso botanico e un'area per il birdwatching.

Un tempo era uno dei forti più attrezzati della zona, allestito subito dopo la prima guerra mondiale per la difesa della Piazzaforte Marittima della Spezia. Costruita dal 1933 al 1936, fu operativa per tutta la durata del conflitto, gestita prima dalla Regia Marina, poi dalla Milmart, per finire dopo l'8 settembre 1943, sotto la gestione di truppe della RSI e tedesche.

  • Come arrivare: 850 metri dalla stazione tramite la Via dell'Amore - Ottieni indicazioni
  • Orari: sempre accessibile
  • Costo biglietto: gratis

8 - Oratorio di San Rocco

riomaggiore oratorio dei santi rocco e sebastianoFoto di sailkoA fianco del castello, fu edificato nel 1480 come segno di ringraziamento per la fine della pestilenza che colpì gli abitanti di Riomaggiore.

L'edificio è piccolo e presenta forme architettoniche semplici; sull'architrave che sormonta la porta d'ingresso sono scolpite le effigi di San Rocco, che mostra i segni della peste, e di San Sebastiano trafitto. Nota particolare, il soffitto dipinto di azzurro. E' una piccola struttura spoglia, ma il suo punto di forza sta nel fatto di trovarsi in posizione eccezionalmente panoramica rispetto al paese.

In origine, l'Oratorio ospitava il trittico raffigurante la Vergine con il Bambino e i Santi che si trova oggi nella Chiesa di S. Giovanni Battista (navata sinistra) .

  • Come arrivare: esattamente attiguo al castello - Ottieni indicazioni
  • Orari: 7:30-18:30
  • Costo biglietto: gratis

9 - Visita e degustazione Sciacchetrà

bacche di vino uva frutti di boscoLo Sciacchetrà è il famosissimo vino della zona, frutto di un'agricoltura del tutto peculiare, sviluppata in un ambiente naturale difficile che, la volenterosa gente del posto ha saputo domare e sfruttare al meglio.

Numerose cantine offrono la possibilità di visitare le vigne sui terrazzamenti illustrando le caratteristiche ambientali che hanno favorito la coltivazione ottimale dei vitigni, le fasi lavorative per ottenere il prezioso vino amabile, dalla vendemmia lungo le fasce terrazzate a picco sul mare ai sistemi di essicazione delle uve, dalla vinificazione all'imbottigliamento.

La visita può essere completata con un tour in cantina, approfondimenti tematici tramite filmati e postazioni multimediali e degustazioni.

10 - Via dell'Amore - Sentiero Azzurro

panorama dalla via dell amoreFonte: wikipediaSuggestivo e panoramico sentiero a picco sul mare, lungo 800 metri, scavato nella roccia tra il 1926 ed il 1928, che parte da Riomaggiore ed arriva fino Manarola.

La Via de l'Amùu (in ligure) è una delle attrazioni turistiche più importanti della Liguria.
Fa parte del Parco Nazionale delle Cinque Terre ed e stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO.

Il percorso completo è il Sentiero Azzurro, questo tratto specifico è denominato Via dell'Amore per il suo carattere romantico, la sua bellezza e i suoi panorami mozzafiato.

  • Come arrivare: il tratto da Riomaggiore inizia dalla stazione ferroviaria - Ottieni indicazioni
  • Orari: variano spesso, controllare sul sito ufficiale
  • Costo biglietto: €5,00

Cosa vedere a Riomaggiore in un giorno: itinerario consigliato

cinque terre riomaggiore liguriaFate colazione al Bar Stazione eredi Soldani Eliseo (€3,00) e poi incamminatevi lungo il sentiero (SP32) alla volta del Santuario di Nostra Signora di Montenero. Il tragitto è lungo circa 3,5 km e di buon passo ci vuole un'oretta. Una volta raggiunta la meta potete ammirare i capolavori artistici ospitati nella chiesa e, soprattutto, il panorama stupendo che si apre sotto di voi a 340 metri sul livello del mare. Rientrati in paese in tarda mattinata, potete rilassarvi un paio d'ore nella spiaggetta acciottolata.

Pranzo easy ma tipico da Tutti Fritti (€8,00) e poi, per smaltire, incamminatevi verso il castello. Godetevi il panorama dall'alto e non dimenticate di visitare il vicinissimo Oratorio di San Rocco: piccolo e semplice ma delizioso.
Scendete quindi in paese. Passeggiate senza meta tra gli stretti vicoli del borgo: ammirate da vicino le tipiche facciate colorate delle case, visitate la Chiesa di San Giovanni, curiosate tra i negozietti di prodotti artigianali e lasciatevi stupire dagli scorci che, inaspettati, aprono meravigliosi scorci sul mare.

Per cena suggeriamo Dau Cila (€50,00).

Itinerario di un giorno in sintesi

Mostra Mappa

  1. Colazione presso Bar Stazione eredi Soldani Eliseo
  2. Santuario di Nostra Signora di Montenero (6:30-12.30/14:30-19:00, gratis)
  3. Spiaggia
  4. Pranzo presso Tutti Fritti
  5. Castello (interno non visitabile)
  6. Oratorio di San Rocco (7:30-18:30, gratis)
  7. Borgo
  8. Chiesa di San Giovanni (7:30-17:30, gratis)
  9. Cena presso Dau Cila

Dove mangiare a Riomaggiore: i migliori ristoranti

  1. Dau Cila: ristorante stellato Michelin dove gustare piatti di pesce fresco accompagnati da vini liguri di ottima qualità.
    Prezzo medio a persona: €50,00
    Indirizzo e contatti: via San Giacomo, 65 (Ottieni indicazioni) / tel: 0187 760032
  2. Tutti Fritti: take away che propone ogni tipo di fritto, soprattutto pesce freschissimo. Da gustare in giro o seduti sulle panchine di fronte al locale.
    Prezzo medio a persona: €8,00
    Indirizzo e contatti: via Colombo, 161 (Ottieni indicazioni) / tel: 0187 760010
  3. Ristorante Via dell'Amore: ambiente semplice ed informale dove mangiare piatti liguri di pesce.
    Prezzo medio a persona: €20,00
    Indirizzo e contatti: Piazza Rio Finale, 8 (Ottieni indicazioni) / tel: 0187 920860

Cosa fare la sera: le zone della movida e i migliori locali di Riomaggiore

La zona delle Cinque Terre non è propriamente rinomata per essere un'area animata e frenetica. Insomma, movida e vita notturna in Liguria non possono di certo essere paragonate a quelle della Riviera adriatica.
Ciononostante le occasioni per divertirsi dopo cena non mancano.
La vita notturna della zona di Riomaggiore, e delle Cinque Terre più in generale, è animata da molte enoteche e bar dove trascorre un pre o un post dinner gustando aperitivi e cocktail.
Gli amanti delle discoteche non devono comunque disperare; le due più famose si trovano nelle vicinissime La Spezia e Sestri Levante.

I migliori pub, locali e discoteche

  • Bar e Vini A pié de ma: locale su una bellissima terrazza sul mare che offre ai suoi clienti mostre, degustazioni e aperitivi, feste con dj set, serate di musica dal vivo.
    Indirizzo: via dell'Amore, 55 (Ottieni indicazioni)
  • Bar O'Netto: pub-brasserie piccolo ma accogliente, ideale per aperitivo o dopo cena.
    Indirizzo: via Mal Borghetto, 4 (Ottieni indicazioni)
  • Vertical Lounge Bar: locale molto carino con tavolini esterni in pendenza di strada, musica e ampia scelta di drink ed aperitivo.
    Indirizzo: via Colombo, 76 (Ottieni indicazioni)

Organizza il tuo soggiorno a Riomaggiore: info e consigli utili

  • Come arrivare: autostrada A12, uscire al casello di La Spezia-S.Stefano Magra. La scelta migliore è il treno: utilizzando la linea ferroviaria Genova-Roma, ci sono numerosi treni regionali che fermano in tutti i paesi delle Cinque Terre
  • Come muoversi: il centro storico è chiuso alla circolazione delle automobili. Il modo migliore per girare il borgo è a piedi
  • Dove parcheggiare: negli ultimi 2 km di strada scendendo verso il paese su entrambi i lati. Attenzione ai segnali di divieto in quanto gli ultimi 200 metri sono riservati ai residenti. Nell'auto-silos nei pressi del centro abitato; un servizio di mini-bus elettrici porta fino alla Marina.
  • Dove dormire: Hotel e b&b a partire da €99,00 a camera - guarda le offerte
  • Cosa vedere nei dintorni: Manarola, Monterosso, Corniglia, Vernazza, La Spezia

Conosci questo posto?

Condividi le tue foto, suggerisci modifiche e segnalazioni. Tieni aggiornate le informazioni e aiuta migliaia di viaggiatori come te :)


Ti Ŕ piaciuto questo articolo? Condividilo su:

  • facebook
  • Tweet
  • Mail
Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Torna su