I Migliori 15 percorsi dove fare Trekking in Italia

Appassionato di escursionismo? Scopri dove fare trekking in Italia: percorsi e sentieri più belli a Nord, Centro, Sud ed Isole del Bel Paese. Scopri luoghi stupendi dove fare escursioni a piedi in Italia.

Sono tanti gli appassionati di passeggiate, camminare infatti è a tutti gli effetti un'attività sportiva molto salutare. Il trekking permette anche di poter godere di splendidi panorami, di assaporare le atmosfere caratteristiche dell'itinerario che si sta percorrendo, di effettuare magari qualche tappa alla scoperta di specialità eno-gastronomiche del territorio.
L'Italia, ai primi posti da sempre per la quantità e la qualità di opportunità turistiche di qualsiasi tipologia, offre ovviamente numerosi percorsi di trekking che attraversano località ricche di fascino.
Dal Nord al Sud della Penisola, fino alle Isole, quali sono i 15 percorsi più attraenti per chi vuole visitare a piedi l'Italia?

Percorsi e Sentieri di Trekking Nord Italia

Nel Nord Italia sono numerosi i percorsi di trekking disponibili, rivolti sia ai principianti e sia a chi dispone dell'esperienza e della preparazione necessaria ad intraprendere itinerari più impegnativi. Dalle Alpi del Trentino fino alla Riviera Ligure, ecco i 5 migliori percorsi e sentieri per le vostre passeggiate.

1 - Sentiero Viel del Pan, Trentino-Alto Adige - Veneto

Sentiero Viel del PanQuesto percorso permette di godere di una incredibile vista della Marmolada, una delle montagne più famose delle Dolomiti. Queste montagne sono grandi e maestose, ma i percorsi che le attraversano non sono necessariamente difficili o lunghi. Le infrastrutture sciistiche operano anche durante l'estate dunque anche i non escursionisti possono prendere gli impianti di risalita e godere di una splendida vista. Come bonus aggiuntivo, le Baite ed i Rifugi accolgono i turisti durante tutta l'estate, per i pasti e, alcuni, anche per il pernottamento.
VEDI ANCHE: 15 POSTI DA VISITARE IN TRENTINO
Il percorso inizia nel comune di Canazei, presso l'impianto Belvedere: l'escursione dura circa 3 ore solo andata, con 430 m di discesa e 120 m di salita, Il punto più alto è a 2450 m. Il percorso è molto ben segnalato, è possibile fermarsi a mangiare presso il Rifugio Belvedere, Rifugio Sass Bece, Rifugio Fredarola, Rifugio Viel del Pan, Rifugio Castiglioni che sono aperti dal 20 giugno circa fino al 25 settembre.

2 - Greenway del Lario, Lombardia

GreenwayCi sono un sacco di ottimi percorsi di trekking nei dintorni del Lago di Como, come ad esempio la Greenway di 10,5 km. È un percorso ben segnalato tra Colonno e Cadenabbia, sulla sponda occidentale del lago, di fronte a Bellagio e a sud di Menaggio. Dal momento che costeggia il lago, è accessibile da diversi punti, con la possibilità di scegliere di percorrere tutto l'itinerario oppure solo una parte. Bellissima è la passeggiata tra Lenno e Tremezzo, della durata di circa un'ora e mezza, dove è possibile anche visitare la famosa Villa Carlotta.

3 - Da Camogli a Portofino, Liguria

PortofinoL'area compresa tra Camogli e Portofino è spettacolare, i percorsi non sono così affollati come quelli delle Cinque Terre, in più sono anche gratuiti. Nonostante il percorso sia segnalato dalle guide come di media difficoltà, è sempre bene portarsi una mappa. Potete scegliere il tragitto breve o quello esteso, in base alla vostra preparazione: per il ritorno è possibile prendere un traghetto, controllando con attenzione gli orari, soprattutto durante l'alta stagione. Da Camogli a Portofino (via San Fruttuoso, vi aspettano un sacco di scale!) il tragitto è di 4 ore solo andata. Da Portofino poi potrete prendere un traghetto o un autobus per Santa Margherita Ligure e (dopo un gelato, naturalmente!) prendere il treno per tornare a Camogli.

4 - Parco Nazionale del Gran Paradiso, Piemonte - Valle D'Aosta

Gran ParadisoIl Parco Nazionale del Gran Paradiso è un vero gioiello italiano che attira appassionati di montagna, flora e fauna alpina da tutto il mondo. È un vero regalo della natura quello di potersi svegliare e scorgere dalla finestra del Rifugio (dove si dorme tutti in una unica, enorme camerata) marmotte e stambecchi che pascolano e si muovono in libertà nei prati limitrofi. Presso il Parco sono presenti numerosi percorsi, per adulti e bambini a partire dai 7 anni di età: passeggiate semplici da effettuare in giornata dedicate soprattutto a famiglie con bambini, ma anche grandi traversate e tour di più giorni per chi è già più esperto e allenato, come il Gran Tour del Gran Paradiso. Le Guide potranno accompagnarvi inoltre lungo sentieri poco conosciuti e poco frequentati che percorrono valli che sembrano lontane, passi e colli dai panorami indimenticabili.

5 - Valcamonica, Lombardia

ValcamonicaLa Valcamonica è una valle delle Alpi lombarde, delimitata a sud dal Lago d'Iseo e "tagliata" dal fiume Oglio fino a Ponte di Legno. Il nome Valcamonica deriva dal popolo pre-indoeuropeo chiamato i Camuni, che sono stati conquistati dall'Impero Romano nel 16 a.C. La Valcamonica è sede di una delle più ricche collezioni al mondo di petroglifi preistorici: lungo i percorsi si possono ammirare oltre 140.000 opere d'arte che coprono 8000 anni di storia, è stato il primo sito italiano a comparire nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO nel 1979, battendo il Colosseo di Roma e l'affresco di Leonardo da Vinci "L'Ultima Cena", che si trova a Milano.
VEDI ANCHE: 4 ITINERARI ENOGASTRONOMICI IN LOMBARDIA

Percorsi e Sentieri di Trekking Centro Italia

Anche le regioni del Centro Italia sono percorribili a piedi attraverso sentieri dedicati a chi ama il trekking. Sono presenti itinerari che ripercorrono la storia del territorio, che attraversano luoghi quasi incantati con panorami strabilianti, nonché percorsi urbani che permettono di visitare città, borghi e paesi ricchi di storia ma anche di spiritualità.

1 - Via Francigena, Toscana - Lazio

Via FrancigenaLa Via Francigena è una parte del percorso di pellegrinaggio che va da Canterbury a Roma, utilizzata già intorno all'XI secolo. Il percorso attraversa un sacco di interessanti città, dalla roccaforte romana di Aosta, con alcuni grandi rovine da visitare, a Ivrea, nota per il suo carnevale con la battaglia delle arance e Vercelli per il suo riso. Il tratto che attraversa le regioni centrali passa da San Gimignano e le sue torri, nonché da Siena con il suo Palio. È un percorso di trekking molto frequentato, sono tantissimi i pellegrini e non che si incamminano e si mettono alla prova tentando di arrivare a Roma percorrendo l'intero itinerario, oppure partendo dalle località italiane che fanno parte del percorso. La strada comprende vecchie vie di pellegrinaggio e antiche strade romane.

2 - La Strada del Vino dei Colli di Candia e di Lunigiana, Toscana

Strada del Vino dei Colli di CandiaQuesto percorso, che attraversa la parte più a nord della Toscana, comprende una zona caratterizzata da un paesaggio variegato e atipico, con le Alpi Apuane e il mare che bagna un litorale sabbioso. Dopo le Alpi Apuane si estende la Lunigiana, il cui nome deriva dalla Luna. Gli itinerari possibili passano attraverso le aziende vitivinicole, agrituristiche e ricettive associate, e permettono di effettuare visite ed escursioni dove mare, marmo, montagne, città, castelli e borghi esprimono tutta la loro bellezza. La varietà del territorio rispecchia anche quella delle antiche tradizioni culinarie, che comprendono pane e salumi (come il lardo di Colonnata IGP), il miele della Lunigiana DOP, pesce fresco, frutta, verdura e golosi dolci. Ovviamente il tutto è da accompagnare ai vini della zona, come il Candia dei Colli Apuani DOC, il Vermentino, l'Albarola, il Vermentino nero, la Pollera e tanti altri.

3 - Parchi naturali Regionali, Umbria

UmbriaAl pari della Toscana, anche l'Umbria è una regione ricca di paesaggi mozzafiato e specialità gastronomiche invidiabili. Gli amanti delle passeggiate e delle escursioni scopriranno che l'Umbria è, senza dubbio, il territorio ideale per esprimere al meglio la passione per il trekking. Sono tantissimi i sentieri e gli itinerari di vari gradi di difficoltà, adatti a tutte le età, che potrete percorrere; in particolare quelli che attraversano i tanti parchi naturali della Regione: Parco di Colfiorito, Parco del Monte Cucco, Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Parco S.T.I.N.A., Parco del Monte Subasio, Parco del Trasimeno, Parco Fluviale del Nera e Parco Fluviale del Tevere.

4 - Anello del Rinascimento, Toscana

Anello del RinascimentoÈ un percorso lungo in tutto 170 chilometri che è possibile affrontare a tratti, un itinerario che ha il suo centro ideale nel capolavoro del Brunelleschi, la cupola del Duomo di Firenze. Questo percorso tocca monasteri, castelli, pievi antiche ed entra anche nel cuore di Firenze, di Fiesole e di altri comuni della provincia. L'itinerario è dedicato agli interessati all'aspetto paesaggistico-naturalistico ma anche a chi ama l'arte e la storia. Ogni tratto in cui è suddiviso il percorso offre la possibilità di raggiungere Firenze grazie a collegamenti con i mezzi pubblici.

5 - Da Jenne a Subiaco lungo la valle dell'Aniene, Lazio

valle dell'AnieneQuesto itinerario è piuttosto lungo ma poco impegnativo ed è l'ideale per una passeggiata piena di scorci naturalistici fluviali, panoramici e storici. Si attraversa il Parco dei Monti Simbruini per un totale di 5 ore, durante le quali è consigliato fare qualche sosta e godersi il panorama, oppure visitare i Monasteri che si incontrano lungo il percorso.
VEDI ANCHE: 5 PERCORSI ENOGASTRONOMICI NEL LAZIO
Si parte dalla piazzetta panoramica di Jenne, si continua in discesa all'interno di un piccolo boschetto e finalmente si incrocia, dopo circa un'ora di cammino, il sentiero principale che si seguirà per il 90% dell'itinerario. Il percorso comprende le Grotte dell'Inferniglio, il fiume Aniene sulla sinistra, il Monastero del Sacro Speco, il Lago di San Benedetto.

Percorsi e Sentieri di Trekking Sud Italia ed Isole

Il Sud Italia e le Isole racchiudono luoghi strepitosi per trascorrere ogni tipo di vacanza, da quella tutta relax al mare a quella più avventurosa che consiste nell'esplorare l'entroterra e i luoghi meno conosciuti. La ricchezza naturalistica del territorio ha permesso all'uomo di creare itinerari da percorrere a piedi con paesaggi strabilianti che conciliano mare, campagna, montagna ed archeologia.

1 - Il Sentiero degli Dei, Campania

Sentiero degli DeiChiamato così per l'incredibile vista sul mare, questo percorso di 2 ore e mezza inizia a Bomerano e termina sopra Positano. È consigliabile affrontare questo sentiero nelle ore mattutine, quando il sole è alle spalle, o alla fine della giornata. In caso contrario, avrete per tutta la camminata il sole negli occhi. Il sentiero è abbastanza ben segnalato, ma è comunque necessaria una mappa o una guida, perché ci sono un sacco di piccoli sentieri che si diramano da quello principale. Se l'escursione termina durante la sera e non vi dispiace cenare con i vestiti un po' sudati, potrete fermarvi presso un ottimo ristorante situato al termine dell'escursione, in cima alle scale.

2 - Vulcano Stromboli, Sicilia

Vulcano StromboliAffrontare l'arrampicata sullo Stromboli non è solo un escursione su un vulcano attivo, anche se questo aspetto è una parte abbastanza fondamentale del percorso. In primo luogo, c'è l'arrivo in barca: una perfetta isola a forma di cono sorge dal mare e vi aspetta per regalarvi una splendida esperienza. Lo spettacolo dei pennacchi di fuoco e fumo offerto dal vulcano è unico, soprattutto se la discesa avviene quando è ormai buio.
VEDI ANCHE: 5 ITINERARI ENOGASTRONOMICI IN SICILIA
Le escursioni sono tutte organizzate e, per legge, i visitatori sono sempre accompagnati da una guida. Il percorso dura 3 ore ed è abbastanza impegnativo, armatevi quindi di calzature ed abbigliamento adatti.

3 - Matzanni, Sardegna

MatzanniSe vi trovate in questa zona e volete affrontare un percorso che non sia molto impegnativo ma che vi permetta di scoprire dei luoghi incantevoli, questo itinerario è quello che fa per voi. Il percorso conduce, infatti, ad una zona archeologica quasi nascosta, dove si trovano le Tombe di Matzanni e, poco più avanti, i resti di un tempio Fenicio. La prima parte del sentiero è tutta in salita, costante e continua, tuttavia il panorama è davvero bellissimo e vi permetterà di abbracciare con la vista tutta la vallata sottostante, circondata dai monti in cui si trova incastonato il lago sul Rio Leni. L'area archeologica di Matzanni è composta da tre pozzi Sacri, che erano gli edifici di culto per eccellenza delle antiche civiltà nuragiche. C'è anche la leggenda di una maledizione lanciata su questo luogo, che protegge i possibili tesori nascosti da chi li vorrebbe trovare ed impadronirsene.

4 - La Valle di Selvaromana, Abruzzo

Valle di SelvaromanaIl sentiero è fantastico e nello stesso tempo impegnativo, ma la vista di boschi selvaggi, grandi vallate, canyon e tanto verde incontaminato vi ripagherà della fatica. Se siete fortunati, potrete incontrare anche qualche camoscio che corre in totale libertà. Si parte dal borgo di Pennapiedimonte, situato vicino alla valle dell'Avella, e si continua gustandosi bellissimi scorci a mezza costa, si procede lungo la Selvaromana, trovandosi sulla sinistra l'imponente montagna d'Ugni.

5 - Limitone dei Greci, Puglia

Limitone dei GreciIl Limitone dei Greci è l'antica linea di confine che divideva l'impero Bizantino e quello dei Longobardi ed è anche il nome scelto per l'itinerario che comprende tre comuni della Terra dei Messapi: Mesagne, San Donaci e San Pancrazio Salentino. Il percorso attraversa luoghi davvero suggestivi, potrete passeggiare nel tipico paesaggio pugliese composta da vigneti, uliveti ed campi di grano che paiono quasi sconfinati. L'itinerario tocca anche numerosi luoghi ricchi di storia, ma anche aziende vitivinicole che saranno liete di accogliervi per un assaggio del vino di produzione locale. Il tragitto parte da Mesagne e continua su una strada dove è possibile ambientarsi grazie alla precisa segnaletica cicloturistica.
VEDI ANCHE: 5 ITINERARI ENOGASTRONOMICI IN PUGLIA
Durante il percorso ci sono alcune tappe molto affascinanti, tra cui il tempietto di San Miserino, eletto il luogo di culto paleocristiano più antico del Salento. Una seconda tappa si trova a San Pancrazio, dove potrete ammirare la Grotta dell'Angelo, un luogo di culto che risale alla tradizione monastica italo-greca: per la sua conservazione e tutela, ad oggi è coperta da una protezione, che permette ugualmente di ammirarla ma, nello stesso tempo, di conservarne la struttura così come i suoi affreschi, le tombe e tutti i beni culturali in essa contenuti.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su