Cosa vedere a Milano in un giorno

Cosa vedere a Milano in un giorno? Quali sono i posti da non perdere? Ecco consigli utili e un itinerario per visitare la città in 24 ore!

milano(4)La sua Madonnina dorata che svetta sul Duomo nel cuore della città è celebre in tutto il mondo. Milano non è certo solo questo: è arte, cultura, moda e divertimento. Sicuramente una delle metropoli più appassionanti e interessanti per i suoi musei, gli edifici storici, ma anche per gli eventi che ogni sera la animano e per i luoghi della movida frequentati da giovani e meno giovani.

VEDI ANCHE: I MIGLIORI LOCALI PER APERITIVO A MILANO

Perché Milano è fatta di mille volti sempre diversi tra loro. Metropoli e per questo di dimensioni non certo piccole, visitarla in poco tempo non è così semplice, ma se vi trovate nel capoluogo lombardo anche per pochissime ore ci sono delle cose che proprio non potete perdervi. Ecco cosa vedere a Milano in un giorno.

Prima di partire: consigli utili

  • Mettere in valigia l'abbigliamento adatto alla stagione perché, com'è noto, Milano è caratterizzata dal caldo d'estate e il freddo d'inverno;
  • Evitare di girare per la città in auto, affidatevi ai mezzi pubblici (autobus, tram e metro) che sono efficienti;
  • Nonostante Milano sia una grande metropoli, le attrazioni più importanti sono vicino al centro. Iniziate la vostra visita dal Duomo, sarà più semplice orientarsi.
  • Se decidete di prolungare la vostra permanenza e godervi la Milano by night, potete consultare le nostre offerte di soggiorno a Milano.

Itinerario di un giorno a Milano: Mattina

milano piazza duomo1 - Colazione e Duomo:
Sicuramente la prima tappa per un itinerario di un giorno è piazza Duomo, dove svetta maestoso il Duomo dedicato a Santa Maria Nascente. Costruito per volere di Gian Galeazzo Visconti nel 1386 è uno degli esempi più chiari di architettura gotica. Da ammirare al suo interno la zona del presbiterio ristrutturata intorno al 500 e le sue 3.500 statue. Simbolo della città è la Madonnina dorata alta 4 metri e posta sulla guglia maggiore a 108,50 metri di altezza. Da non perdere la visita alle sue terrazze panoramiche, da cui è visibile Milano nella sua bellezza.
Una volta visitato il Duomo è ora di fermarsi a consumare un'ottima colazione in piazza che probabilmente non sarà una delle cose più economiche della vostra vita, ma merita di essere fatta almeno una volta. Ci fermiamo al Bistrot del mercato del Duomo, proprio all'interno della Galleria Vittorio Emanuele II dove si potrà consumare una tipica colazione dolce con cornetto e caffè, ma anche una salata con focacce e pizze preparate istantaneamente a partire da 6 euro.

2 - Galleria Vittorio Emanuele II e Teatro alla Scala:
A questo punto si potrà continuare a scoprire la Galleria, chiamata il salotto di Milano e costruita nel 1865 su progetto di Giuseppe Mengoni con l'obiettivo di unire piazza Duomo e piazza della Scala. Qui si potranno ammirare le vetrine delle boutique di lusso, i caffè storici della città e provare a camminare sul toro raffigurato su un mosaico disegnato sulla pavimentazione. Secondo il rito puntando i piedi sulle parti intime dell'animale si tornerà presto a Milano. Da non perdere il Teatro alla Scala, fra i più importanti d'Italia e d'Europa.

3 - San Babila e vie dello Shopping:
Prima di pranzo c'è ancora tempo per un giro verso San Babila e le celebri vie della moda milanese, quindi via Montenapoleone e via della Spiga dove non si potrà non soffermarsi sulle vetrine di boutique e gioiellerie.

In sintesi:

  • Luoghi visitati: Piazza Duomo (gratis), Duomo (€ 2), Terrazze con ascensore (€ 13 intero, € 7 ridotto), Terrazze a piedi (€ 8 intero, € 4 ridotto), Galleria Vittorio Emanuele II (gratis), Teatro alla Scala (gratis), Via Montenapoleone e via della Spiga (gratis)
  • Ticket utili: Tour del Duomo e Terrazze con audioguida, Tour del Teatro alla Scala e Museo
  • Dove fare colazione: Bistrot del mercato del Duomo, piazza del Duomo

Itinerario di un giorno a Milano: Pomeriggio

castello sforzesco(1)1 - Pranzo e Castello Sforzesco:
Dopo un pranzo con il tradizionale panzerotto di Luini in via Santa Radegonda, 16, punto di riferimento per turisti e non solo dalla sua fondazione nel 1888, dove con 2,50 € si potrà gustare il classico panzerotto pomodoro e mozzarella e con 3 € gli altri, con la Metro1 (fermate Cadorna e Cairoli) o con la Metro2 (fermate Cadorna e Lanza) si arriverà al Castello Sforzesco che non può essere lasciato fuori dall'itinerario milanese di un giorno. Oggi è uno dei castelli più grandi d'Europa, è stato costruito come cittadella militare, ruolo che ha svolto quasi sempre diventando simbolo di guerre e battaglie, per questo amato e allo stesso tempo odiato dai milanesi. Al suo interno oggi si trovano molti musei tra i quali il Museo di arte antica e quello della storia e della protostoria. Nella pinacoteca sono custoditi capolavori dell'arte italiana come la Pietà Rondanini di Michelangelo e gli affreschi di Leonardo.

2 - Parco Sempione e Arco della Pace:
Il pomeriggio ha ancora qualche ora libera per fare una passeggiata a Parco Sempione, alle spalle del Castello, quindi raggiungibile a piedi, uno dei polmoni verdi della città. Unica parte rimasta del parco ducale della corte viscontea e sforzesca, è possibile ammirare prati all'inglese, la Torre del parco, l'arco della pace, il palazzo dell'arte e il monumento a Napoleone III. Passeggiando ancora si arriva all'Arco della Pace, uno dei monumenti simbolo della storia milanese.

In sintesi:

  • Luoghi visitati: Castello Sforzesco (€ 3 intero, € 1,50 ridotto), Parco Sempione (gratis), Arco della Pace (gratis)
  • Ticket utili: Ultima Cena e Tour del Castello Sforzesco
  • Dove pranzare: Da Luini Panzerotti, via Santa Radegonda, 16

Itinerario di un giorno a Milano: Sera

navigli1 - Aperitivo o Cena ai Navigli:
Non si può passare da Milano senza fermarsi sui Navigli (dove si arriva dal nostro giro con il tram n. 3) per un aperitivo o una cena. Canali che hanno da sempre caratterizzato la storia di Milano, sono stati costruiti alla fine del XII secolo con l'obiettivo di collegare Milano al lago di Como, l'Adda, il Lago Maggiore e il Po per una funzione prettamente commerciale. Luogo della movida e degli happy hour per eccellenza, i Navigli sono anche lo scenario della Nuova Darsena, riqualificata grazie a Expo 2015 con piste ciclabili, passeggiate e gite in battello che vanno a legarsi perfettamente alla vita notturna con i numerosi locali e ristoranti dove è piacevole trascorrere qualche ora in compagnia.
Per l'happy hour scegliamo il Manhattan Navigli in Corso di Porta Ticinese, sul Naviglio Grande a due passi dalla Darsena. Qui si potrà consumare un aperitivo con bevuta e cibo abbondante con 10 euro.

In sintesi:

  • Luoghi visitati: Navigli (gratis), Nuova Darsena (gratis)
  • Ticket utili: /
  • Dove cenare: Manhattan Navigli, Ripa di Porta Ticinese, 13

Cosa non vedere: le attrazioni a cui è meglio rinunciare

A Milano è possibile raggiungere tutti i luoghi desiderati, quindi non ci sono problemi per i mezzi pubblici che sono efficienti e numerosi, ma spesso le code che si creano fuori dai Musei per la grande affluenza di turisti rende alcuni musei e luoghi di interesse impossibili da visitare se si ha a disposizione un solo giorno. Ecco alcune tappe da evitare in un tour di 24 ore:

  1. Palazzo Reale. Non certo perché non sia interessante, ma perché le file sono spesso troppo lunghe ed estenuanti.
  2. ATMsfera. Evitate di farci un giro perché può essere affascinante girare con questo mezzo per Milano gustando un pasto, ma è la classica trovata per turisti. Da evitare per il costo.
  3. Cenacolo Vinciano. L'indiscusso capolavoro del genio Leonardo merita di certo una visita, ma non se si ha un solo giorno a disposizione perché l'affluenza è numerosissima e i posti limitati. Sono disponibili 15 biglietti ogni 15 minuti per non affollare il refettorio della Chiesa di Santa Maria delle Grazie dove è custodito il dipinto.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti