Cosa vedere a Barcellona in un giorno

Cosa vedere a Barcellona in un giorno? Quali sono i posti da non perdere? Ecco consigli utili e un itinerario per visitare la cittā in 24 ore!

Colori, atmosfere e sapori. Barcellona è un mix di tutto questo, un connubio perfetto tra arte e cultura, tra sensazioni e idee. La capitale della Catalogna si presenta come una preziosa opportunità per scoprire luoghi senza tempo dal fascino indiscutibile, trovare il divertimento che si cerca in un viaggio a qualsiasi età, ma anche conoscere l'arte di cui Barcellona da sempre si nutre. Nel cuore pulsante della città si aprono spiagge, porti turistici, un suggestivo lungomare, ristoranti e locali da cui si può sentire il rumore delle onde, proprio lì in un posto in cui non penseresti.
Un viaggio qui è un'esperienza unica, ecco perché non si potranno perdere alcuni angoli. Ecco cosa vedere a Barcellona in un giorno.
VEDI ANCHE: cosa vedere a Barcellona assolutamente

Prima di partire: consigli utili

  • Munirsi della Barcellona Card se si ama visitare musei. Con un costo di 45 euro circa si ha l'ingresso gratuito in più di venti musei cittadini e lo sconto per entrare in altri, sconti su ristoranti, mezzi di trasporto e altri enti convenzionati. E' possibile acquistarla direttamente online e ritirarla in vari punti una volta arrivati a destinazione;
  • Optare per i biglietti online di tutto ciò che si vuole visitare, possibilmente con la formula "salta la fila", in modo da non dover perdere tempo con le code (solitamente lunghe!);
  • Avere sempre con sè un vocabolario italiano-spagnolo se non si conosce bene la lingua;
  • Fare attenzione ai borseggiatori in particolare nelle zone più frequentate della città. Meglio non passeggiare nella parte meridionale delle Ramblas nelle ore notturne o quando c'è poca illuminazione;
  • Se si decide di spostarsi in metropolitana non si dovranno indossare borse o zaini sulla schiena per evitare di essere derubati;
  • Raval. E' consigliabile non recarsi in questo caratteristico quartiere di notte perché non è frequentato da gente raccomandabile.
  • Se decidete di prolungare la vostra permanenza per godervi al meglio la movida nel quartiere di Barceloneta, potete consultare le nostre offerte di soggiorno a Barcellona.

Itinerario di un giorno a Barcellona: Mattina

Mostra Mappa

1 - Colazione e Barrio Gotico

barrio goticoLa mattina potrà iniziare con la visita al Barrio Gotico ​(il barri Gòtic), quartiere che racchiude la storia medievale della città e dove trovano spazio monumenti, strade e piazze che meritano assolutamente una visita perché ne incarnano il passato importante legato soprattutto alla presenza dei romani.
Prima di incamminarsi è bene consumare un'ottima colazione da Artisa, in Carrer de Colom 2, dove si potranno gustare pezzi dolci e ciccolata o caffè a prezzi non diversi da quelli italiani (circa 5 euro) in un locale ricercato e accogliente. Da non perdere i suoi churros.

2 - Cattedrale e Museo

Dopo la colazione la visita inizia con la Cattedrale di Sant'Eulalia, in Pla de la Seu, che sorge sul punto più alto della città vecchia, è l'espressione dello stile gotico tipico del paese. Curiosi e piacevoli il giardino e il chiostro che ospita il Museo, custode di ormai pochi elementi rimasti della cattedrale romanica oltre che di alcuni dipinti spagnoli del 400 e 500.

3 - Palazzo Reale e Museo d'Historia de la Ciutat

Da qui si può passare a Placa Del Rei, uno dei luoghi più suggestivi di Barcellona dove sorgono il Palazzo Reale e il Museu d'Historia de la Ciutat all'interno della sede della casa Cloriana-Padellas.

In sintesi:

  • Luoghi visitati: Barrio Gotico, Cattedrale di Sant'Eulalia e Museo annesso (gratis la Chiesa, € 2,50 salita alle terrazze), Placa del Rei (gratis), Palazzo Reale (€ 7,00 adulti, € 5,00 minori di 25 anni e over 65), Museu d'Historia de la Ciutat (€ 7,00 adulti, € 5,00 minori di 25 anni e over 65)
  • Ticket utili: Barcellona Card
  • Dove fare colazione: Artisa, in Carrer de Colom, 2

Itinerario di un giorno a Barcellona: Pomeriggio

Mostra Mappa

1 - Pranzo e Palau Guell

parc guellDopo esserci fermati a pranzo da Buenas Migas, focacceria in Baixada de Santa Clara 2, dove con 10 euro circa si potrà mangiare una deliziosa focaccia accompagnata magari da un'ottima birra artigianale, riprendiamo il cammino per fermarci in placa Reial, piccola e suggestiva piazzetta che ospita mercatini e nella quale è possibile ammirare i lampioni di Antonio Gaudì, icona indiscussa della città spagnola, oltre che la fontana delle tre grazie e il Palau Guell, palazzo progettato dal genio Gaudì di cui non si può perdere la visita alla terrazza.

2 - Rambla, Mercato de la Boqueria, Quartiere Raval

Da qui a La Rambla c'è da camminare davvero poco, la troviamo parallela alla piazza. Lunga 2 chilometri, collega placa Catalunya al mare ed è sicuramente una delle strade più celebri di Barcellona. Spesso si parla de La Rambla al plurale, precisamente perché è costituita da ben cinque strade ognuna con il proprio nome, tutte sicuramente da scoprire. Qui da non perdere il Mercato della Boqueria, che sorge sui resti di un antico convento carmelitano.
A piedi si può raggiungere quello che è uno dei 4 distretti, insieme al gotico, al born e a La Barceloneta, che costituisce la Barcellona antica, quella di un tempo. Fino ai primi del 900 era considerato un quartiere degradato soprattutto per la forte presenza di immigrati orientali, oggi è proprio la presenza di diverse etnie la sua forza. Riqualificato e rimodernato, è in quartiere che merita di essere visitato, meglio però di giorno.

3 - Sagrada Familia e Casa Battló

Con la metro (n° 5) si arriva e in 15/20 minuti circa davanti alla Sagrada Familia, in Carrer de Mallorca 401, il simbolo di Barcellona, ideato da Gaudì e diventato da subito una delle attrazioni più celebri della città. Ticket: Salta la fila: tour con ingresso prioritario alla Sagrada Familia
Con la metro L4 si arriva a un'altra tappa fondamentale della città, Casa Battló, edificio residenziale originale e stravagante. Simbolo del capitalismo catalano, è stato realizzato da Gaudì. Curiosa la sua facciata con i balconi che fanno venire in mente dei teschi e il tetto che, con le sue scaglie colorate, sembra la schiena di un drago.

4 - Montjuic

Si arriva con il bus 150 su questa collina a 173 metri di altezza, Montjuic è uno splendido spazio verde che incornicia la città. Prende il nome dalla presenza di un cimitero ebraico di epoca medievale. Da qui si gode di una bellissima vista sulla città e sul porto.

In sintesi:

Itinerario di un giorno a Barcellona: Sera

Mostra Mappa

2 - Barceloneta e Museo de Historia de la Catalunya

barceloneta barcellonaSpostandoci con la metro o con il bus, per la sera il quartiere perfetto per trovare movida e divertimento in una location suggestiva è quello de La Barceloneta, vero e proprio gioiello che rispecchia il carattere allegro e vivo della città. Bellissima la sua spiaggia così come i suoi vicoli fatti di case colorate. Arriviamo a piedi per non perderci il fascino delle strade spagnole. Prima di fermarci a cena non possiamo non visitare il Museu d'historia de la Catalunya che ripercorre la storia catalana dalla preistoria a oggi.

3 - Cena e dopocena

A questo punto saremo pronti per consumare una gustosa cena a base di piatti tipici in particolare di pesce a La Peninsular, C/del Mar, 29, ristorante tradizionale e accogliente dove con circa 25-30 euro si potrà degustare un piatto a base di pesce con una buona bottiglia di vino. Il dopocena si potrà trascorrere in uno dei numerosi locali e bar direttamente con i piedi sulla sabbia dove a farci compagnia ci sarà anche della buona musica. In alternativa alla cena si potrà scegliere un happy hour al Blue Beach Bar, in Carrer de Guítert, 61 dove si potranno assaggiare ottime bevute, la patata bravas e le tipiche tapas con un costo di circa 15 euro.

In sintesi:

  • Luoghi visitati: Museo Picasso (€ 11,00 intero, € 7,50 ridotto), Parco della Ciutadella (gratis), La Barceloneta (gratis), Museu d'historia de la Catalunya (€ 6,50 adutli, € 4,50 ridotto)
  • Ticket utili: Giro dei pub di Barcellona con guida locale, Ingresso allo Zoo
  • Dove cenare: La Peninsular, C/del Mar, 29, Barceloneta

Cosa non vedere: le attrazioni a cui è meglio rinunciare

Come qualsiasi altro luogo del mondo, anche Barcellona rientra tra le città in cui si deve restare in fila per visitare i musei, ma ce ne sono alcune possibili, altre, soprattutto se si ha poco tempo a disposizione, che sono estenuanti e per questo evitabili:

  1. Museo Picasso. È una delle attrazioni da vedere, ma avendo un solo giorno a disposizione è sconsigliato, considerato che si tratta di uno dei musei con più fila in assoluto.
  2. Interni della Sagrada Familia. La fila anche qui è quasi sempre estenuante, soprattutto sotto il sole estivo.
  3. Il castello di Montjuic. Sicuramente interessante, ma c'è tropa fila, meglio soffermarsi sulle altre attrazioni della collina.
  4. Casa Milà. Bellissima ma in un solo giorno vi suggeriamo di vedere Casa Batllò
  5. Camp nou: con i suoi 99 mila posti è il più grande stadio d'Europa. La sua magnificienza non si mette in dubbio ma se avete sole 24 ore vi consigliamo di dare priorità ad altre attrattive. Ticket: Tour Camp Nou + Museo FC Barcelona

Ti č piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su