Santuario Madonna Di San Luca 7 Bologna è chiamata la dotta, la grassa e la rossa: tre parole che descrivono alla perfezione la sua essenza. La dotta per la sua Università, la grassa per la sua lunga tradizione enogastronomica, la rossa per il colore caratteristico dei suoi tetti. Una città piena di storia e fascino, ideale da visitare in un weekend.
Ecco tutti i nostri consigli per organizzare al meglio un itinerario di 3 giorni!
VEDI ANCHE: Cosa vedere a Bologna

Prima volta a Bologna? Lasciati guidare: per un primo approccio con la città ti consigliamo un tour a piedi della città, per individuare i punti di riferimento e conoscere storie e aneddoti.

Giorno 1

  • Distanza percorsa: 1,5 km
  • Luoghi visitati: Piazza Maggiore e Fontana Nettuno, Basilica di San Petronio (gratis / Terrazza €5,00), Chiesa di Santa Maria della Vita (€6,00), Torre degli Asinelli (€5,00), Santo Stefano (gratis), San Domenico (gratis)
  • Dove mangiare: Pranzo presso Sfoglia Rina (Ottieni indicazioni), Cena presso Osteria dell'Orsa (Ottieni indicazioni)

1 - Piazza Maggiore e Fontana Nettuno

water fountain during nighttime Un itinerario a Bologna non può che iniziare dal cuore pulsante del centro storico: la meravigliosa Piazza Maggiore. Rappresenta il centro della città ed è facilmente raggiungibile da ogni punto.

Piazza Maggiore è la principale piazza di Bologna e ospita alcuni dei palazzi più importanti della città, come il Palazzo del Podestà o la grande Basilica di San Petronio, prossima imperdibile tappa. A pochi passi da Piazza Maggiore, nell'affascinante Piazza del Nettuno, si trova l'omonima fontana: la Fontana del Nettuno, uno delle più belle d'Italia. Fu creata da Giambologna nel XVI secolo e oggi è uno dei punti di riferimento della città. Impossibile non scattare una foto qui.

Scopri i segreti di Piazza Maggiore: si dice che a Bologna ci siano 7 "segreti", due dei quali proprio in Piazza Maggiore. Il primo riguarda il Palazzo del Podestà. Entra nel palazzo e posizionati in uno degli angoli della cupola. Se sussurri qualcosa, la persona che si trova all'angolo opposto riuscirà a sentirti! Il secondo riguarda proprio la Statua del Nettuno: posizionandosi in un punto preciso segnalato per terra, un effetto ottico mostra la statua come se avesse una erezione in corso!

2 - Basilica di San Petronio

san petronio e nettuno Foto di Monymar71. Dopo aver ammirato la bellezza di Piazza Maggiore e aver scattato una foto davanti alla Fontana del Nettuno, è tempo di entrare nella meravigliosa Basilica di San Petronio, la chiesa più importante della città (8:30-13:00 e 15:00-17:30, festivi 8:30-13:30 e 15:00-18:30; ingresso gratuito). L'ingresso della Basilica, ovvero la Porta Magna, si trova proprio in Piazza Maggiore.

La Basilica di San Petronio è una fra le più grandi al mondo ma ha una caratteristica davvero particolare: non venne mai conclusa, come si può notare dalla facciata esterna! La sua costruzione iniziò nel lontano 1390 e i lavori si allungarono di anno in anno, senza concludersi mai. Una volta entrati, non perdetevi le meravigliose cappelle disposte lungo le navate: la Cappella Bolognini è forse la più famosa, affrescata con le Storie dei Re Magi.

Ammira la città dalle terrazze: per goderti un panorama meraviglioso su Piazza Maggiore e sui tetti di Bologna sali sulle terrazze della Basilica. Accessibile tutti i giorno 10:00-13:00 e 15:00-18:00, ingresso intero €5,00, ridotto €3,00.

3 - Chiesa di Santa Maria della Vita

chiesa di s maria della vita bologna Foto di sailko. Dopo la visita alla Basilica, vi proponiamo la visita a uno dei gioielli nascosti di Bologna: la meravigliosa Chiesa di Santa Maria della Vita (mar-dom 10:00-19:00, Compianto visitabile 10:30-18:30; ingresso intero €6,00, ridotto €4,00). Potrete raggiungerla tranquillamente a piedi dalla Basilica di San Patronio seguendo Via Clavature e passando accanto al bel Palazzo dei Banchi (80 m, 1 min).

La Chiesa di Santa Maria della Vita è una Chiesa piccola e poco conosciuta dai turisti, ma che al suo interno ospita uno dei più grandi capolavori della scultura italiana. Stiamo parlando dell'opera del "Compianto del Cristo Morto" di Niccolò dell'Arca, un meraviglioso gruppo scultoreo realizzato nel '400. Incredibile come lo scultore sia riuscito a rappresentare le espressioni dei personaggi in un modo così reale, tanto che Gabriele D'Annunzio lo definì un "Urlo di Pietra"! Oltre a quest'opera, la Chiesa custodisce altre bellezze, come ad esempio il gruppo scultoreo del Transito della Vergine di Alfonso Lombardi.

Fermati a pranzo da Sfoglia Rina: a due passi dalla Chiesa e dalla Torre degli Asinelli, pranzare in questo locale è un must do! Troverete numerosi piatti a base di pasta artigianale e prodotti locali e stagionali: deliziosi i cappelletti, così come la lasagna. Ottieni indicazioni

4 - Torre degli Asinelli

bologna san petronio italia 3 Dopo pranzo raggiungete le Due Torri, vero e proprio simbolo della città. Si trovano a pochi passi dalla Chiesa di Santa Maria della Vita, vi basterà seguire Via Clavature e attraversare Piazza delle Mercanzie (300 m, 4 min).

La Torre degli Asinelli e la Torre della Garisenda, edificate per volere dei nobili ghibellini nel XII secolo, sono le due torri più famose di Bologna, ma in realtà ce ne sono altre in città. Originariamente erano oltre 100! Oggi, l'unica aperta al pubblico è la Torre degli Asinelli (da marzo a ottobre 9:30-19:30, da novembre a febbraio 9:30-17:45; ingresso intero €5,00, ridotto €3,00). Alta ben 97 m, diventando così la torre medievale originale più alta d'Italia. Per arrivare in cima dovrete percorrere 198 scalini, ma la vista ripagherà assolutamente la fatica.

Prenota la visita: per questioni di sicurezza, si può salire sulla torre solo in piccoli gruppi. Per assicurarti un posto all'orario a te più conveniente, prenota in anticipo. In alternativa, ti consigliamo di partecipare alla visita guidata (che comprende anche una degustazione di prodotti tipici). Durata 1 h, partenze ogni 15-30 min.

5 - Basilica di Santo Stefano

veduta dell abbazia di santo stefano bologna Foto di Paolobon140. Raggiungete poi Piazza Santo Stefano, una delle piazze più vive della città. Poco distante dalla Torre degli Asinelli, è facilmente raggiungibile a piedi (300 m, 3 min).

In piazza sorge l'omonima Basilica, ovvero la Basilica di Santo Stefano, il monumento romanico meglio conservato della città (tutti i giorni 9:15-18:00, in estate fino 19:15; offerta libera). In realtà, non si tratta di un'unica chiesa, ma si un complesso di edifici sacri che insieme creano il più noto complesso delle Sette Chiese, che comprende: la Chiesa del Crocifisso, la Basilica del Sepolcro, la Chiesa di San Vitale e Sant'Agricola, il Cortile di Pilato, la Chiesa del Martyrium, il Chiostro Medievale e il Museo di Santo Stefano. Noi vi consigliamo di concentrarvi sulla Chiesa del Crocifisso e sulla Basilica del Sepolcro, evitando la visita al Museo che richiederebbe troppo tempo.

Trova la Testa del Diavolo: in Piazza Santo Stefano, sopra i portici della facciata dell'edificio che ospita il Tribunale Di Bologna, si trova una scultura di una testa, appartenente al diavolo. Sicuramente strano e caratteristico, non dimenticarti di scattare una foto! Ottieni indicazioni

6 - Basilica di San Domenico

piazza san domenico bologna 1 Foto di Vanni Lazzari. Infine, concludete la giornata con una tappa ad uno dei luoghi di culto più importanti della città, la Basilica di San Domenico (lun-ven 9:00-12:00 e 15:30-18:00, sab 9:00-12:00 e 15:30-17:00, dom 15:30-17:00; ingresso gratuito). Potrete raggiungerla facilmente a piedi dalla Basilica di Santo Stefano (600 m, 7 min).

Costruita dai Frati Domenicani nel '200, con lo scopo di conservare le spoglie di San Domenico di Guzman,al suo interno ospita diverse opere di pregio di importanti maestri come Filippino Lippi, Francesco di Simone Ferrucci e Ludovico Carracci. Sicuramente, la più famosa è l'arca impreziosita da sculture di Michelangelo, Nicola Pisano e Alfonso Lombardi. Al suo interno è possibile visitare anche l'organo utilizzato da Mozart duranti i suoi studi a Bologna, per la visita è richiesto un piccolo contributo di appena €0,50.

Giorno 2

1 - Santuario Madonna di San Luca

santuario madonna di san luca 7 Dedicate la mattina alla visita del Santuario Madonna di San Luca (da novembre a febbraio 6:30-17:00, da marzo a ottobre 6:30-19:00, chiuso 12:30-14:30; ingresso gratuito), situato a pochi km dal centro e comodamente raggiungibile con il trenino verso San Luca. Legata al culto dell'immagine della Beata Vergine di S. Luca, l'attuale chiesa fu realizzata tra il 1723 e il 1757 e al suo interno ospita opere di Guido Reni e Guercino.

Al rientro godetevi anche una passeggiata lungo il Portico di San Luca, il portico più famoso della città. Si estende per ben 4 km e dal centro porta fino al Santuario, sopra il Colle della Guardia. Vi troverete così a scoprire un altro dei 7 segreti di Bologna: il portico è infatti coperto e costituto da 666 arcate, simbolo del demonio, riferimento al fatto che la salita al santuario rappresenta un vero e proprio percorso di purificazione e liberazione dei peccati.

2 - Archiginnasio

la sala archiginnasio bologna Foto di Wwikiwalter. Al rientro da San Luca, prima di pranzo, passeggiate verso l'Archiginnasio. Bologna è conosciuta anche come la dotta per la sua prestigiosa Università, la più antica al mondo. Rientrati nel centro dopo l'escursione a San Luca visitate quindi l'Archiginnasio, situato nell'omonima via (lun-ven 10:00-18:00, sab 10:00-19:00; ingresso unico €3,00).

L'Archiginnasio è sicuramente il palazzo più bello di Bologna! Questo luogo è nato con lo scopo di dare all'Università della città un'unica sede e fu quindi costruito a meta del '500 per volere del Cardinale Carlo Borromeo. Dal 1838 è ufficialmente la biblioteca dell'Ateneo e oggi è aperto anche per le visita al pubblico. Assolutamente imperdibile.

Cerca la scritta sul portone: durante la Seconda Guerra Mondiale, il palazzo fu gravemente danneggiato dai bombardamenti alleati. I fascisti scrissero sul portone "opera dei liberatori", per puri scopi propagandistici e questa scritta è visibile ancora oggi! Un vero e proprio pezzo di storia.

3 - Pinacoteca Nazionale Bologna

bologna pinacoteca nazionale Foto di Paul Hermans. Conclusa la visita all'Archiginnasio, godetevi un pranzetto al Mercato di Mezzo, un vivace mercato gastronomico coperto in pieno centro. Poi raggiungete una delle più importanti raccolte museali italiane. Stiamo parlando della Pinacoteca Nazionale (mar-dom 8:30-19:30; ingresso intero €6,00, ridotto €3,00), facilmente raggiungibile a piedi percorrendo via Zamboni, strada storica del centro (1,3 km, 15 min).

La Pinacoteca e la sua fondazione sono nate principalmente con uno scopo, quello di conservare ed esporre le opere degli artisti che hanno vissuto e lavorato a Bologna, ma anche in tutta l'Emilia Romagna, tra il XIII e il XIX secolo. Potrete quindi ammirare dipinti e opere di personaggi come Raffaeollo, Perugino, Tintoretto, Vasari e tanti altri.

Sera alternativa al Teatro Comunale: a pochi passi dalla Pinacoteca si trova il meraviglioso Teatro Comunale di Bologna, edificio risalente al '700. Se vuoi trascorrere una serata diversa e ammirare lo spettacolo di questo luogo, assisti ad uno spettacolo di balletto o ad un concerto. Info e costi sul sito ufficiale

4 - FICO Eataly World

bologna fico emilia romagna Nel tardo pomeriggio raggiungete il FICO Eataly World, un parco tematico dedicato alla gastronomia, sia bolognese che italiana (gio-dom 11:00-23:00; ingresso gratuito, attività a pagamento). Dalla Pinacoteca, raggiungete Porta San Donato e salite sul bus linea 20, per poi scendere alla fermata Deledda (35 min). Se vi muovete in auto, FICO dispone di numerosi parcheggi.

Il FICO Eataly World è uno dei parchi più grandi al mondo del suo genere, ideale per trascorrere qualche ora divertimento in compagnia o con tutta la famiglia. Se state viaggiando con i più piccoli, potete anche rinunciare alla visita alla Pinacoteca e raggiungere già di pomeriggio il FICO: qui infatti troverete numerose giostre e un'area dedicata anche ai più piccoli, la Luna Farm.

Tappa alla Fabbrica Mortadella Bologna IGP: la mortadella è uno dei prodotti principali della tradizione bolognese e al FICO troverete questo locale interamente dedicato alla mortadella, da assaggiare in un semplice panino o con preparazioni più elaborate.

Giorno 3

  • Distanza percorsa: 2,9 km
  • Luoghi visitati: Cattedrale Metropolitana di San Pietro (gratis), La Piccola Venezia, Parco della Montagnola, MAMbo (€6,00), via del Pratello / Alternativa: giornata a Mirabilandia (costano da €29,90), a Maranello o in una città d'arte
  • Dove mangiare: Pranzo presso Il Veliero Ristorante Pizzeria (Ottieni indicazioni), Cena presso Trattoria Baraldi (Ottieni indicazioni)

1 - Cattedrale Metropolitana di San Pietro

duomo di san pietro bologna Foto di Edoardo Busti. Ultima giornata a Bologna, iniziate la mattinata dalla meravigliosa Cattedrale Metropolitana di San Pietro, uno dei principali luoghi di culto, conosciuto più semplicemente anche come Duomo di San Pietro (tutti i giorni 7:00-19:00; ingresso gratiuto). Potrete raggiungerlo facilmente a piedi (400 m, 6 min).

La costruzione originale risale al X secolo, ma nel corso dei secoli ha subito diversi cambiamenti. L'aspetto che ha al giorno d'oggi risale alla ristrutturazione del 1605. Al suo interno ospita anche il tesoro della Cattedrale, dove sono conservati diversi manufatti e oggetti liturgici principalmente del XIV secolo. Prendetevi giusto una decina di minuti per ammirare la bellezza dei suoi interni!

Cosa sapere sulla visita al campanile: il campanile è la seconda torre più alta di Bologna, con un'altezza di circa 70 m. Si tratta di una delle attrazioni meno conosciute della città, anche per il fatto che è aperto solo in poche occasioni e, generalmente, con visite su prenotazione. Info sul sito ufficiale

2 - La Piccola Venezia

bologna romagna italia Dopo aver passeggiato visitato la Cattedrale, è tempo di scoprire un altro dei segreti di Bologna. Non tutti sanno che la città è attraversata da diversi canali e lo scorcio più suggestivo è quello chiamato La Piccola Venezia, raggiungibile a piedi dalla Cattedrale seguendo via Carbonara (400 m, 6 min).

Una volta arrivati in questo punto, vi troverete in via Piella, dove si ammira lo scorcio più bello sui canali di Bologna. Più precisamente, dovrete arrivare al numero civico 16 della via e aprire la piccola finestrella che guarda sul canale delle Moline, per secoli utilizzato per alimentare i mulini ad acqua con cui si lavorava il grano. Qui potrete scattare una foto davvero suggestiva e insolita di Bologna.

Caffè da Impero: situato a pochi passi dalla finestrella di Via Piella, questo locale è una delle istituzioni di Bologna. Fermati qui per una pausa caffè e per assaggiare i buonissimi dolci artigianali. Ottieni indicazioni

3 - Parco della Montagnola e Mercato della Piazzola

bologna parco scala montagnola Foto di Paul Hermans. Infine raggiungete il meraviglioso Parco della Montagnola, un bellissimo parco risalente al XIX secolo, situato a pochi passi dalla stazione ferroviaria di Bologna Centrale. Dalla Finestrella di via Piella potete raggiungerlo tranquillamente a piedi (400 m, 5 min).

Il Parco della Montagnola è conosciuto principalmente per due motivi. Il primo è la sua meravigliosa scalinata, ovvero la Scalinata del Pincio, una delle scalinate più belle della città che regala una splendida vista sul centro storico. Il secondo, è che qui si tiene il Mercato della Piazzola, il più antico e famoso mercato all'aperto della città. Si tiene solamente il venerdì e il sabato, quindi se vi trovate a Bologna in queste giornate non perdetevelo assolutamente.

Scatta una foto alla Porta Galliera: tra il parco e la stazione ferroviaria si trova questa meravigliosa porta in stile barocco, risalente al '600 e situata al centro di piazza XX Settembre. Ottieni indicazioni

4 - MAMbo

bologna mambo 1 Foto di Velthur. Il pomeriggio raggiungete il MAMbo, ovvero il Museo d'Arte Moderna di Bologna (mar-gio 14:00-18:30, ven-dom 11:00-18:30; ingresso intero €6,00, ridotto €4,00). Non si trova distante dal Parco della Montagnola ed è raggiungibile con una piacevole passeggiata (900 m, 12 min).

Inaugurato nel 2007, il MAMbo ripercorre tutta la storia dell'arte italiana dal secondo dopoguerra a oggi ed è in continuo rinnovamento. Nella collezione permanente ci sono veri e propri capolavori e in numerose occasioni vengono organizzate anche numerose mostre temporanee dedicate a importanti artisti italiani e stranieri. Dal 2012, inoltre, il museo ospita temporaneamente le collezioni del Museo Morandi.

Scopri il Giardino del Cavaticcio: questo meraviglioso parco, situato dietro il MAMbo, è la location di numerosi festival ed eventi che animano la città in ogni stagione.

Alternativa: escursione giornaliera nei dintorni di Bologna

chiesa basilica sanvitale ravenna 4 1 In alternativa all'itinerario proposto, potete organizzare un'escursione nei dintorni di Bologna. Ci sono tante alternative in base a come volete trascorrere la giornata.

Opzione A a Mirabilandia. Il Parco divertimenti Mirabilandia si trova a 88 km da Bologna, facilmente raggiungibile in auto tramite la A14dir e poi la E45 (1 h). E' la destinazione perfetta da visitare in famiglia o se si vuole trascorrere una giornata di divertimento. I biglietti costano da €29,90 se acquistati online, altrimenti €35,90 al botteghino.

Opzione B a Maranello. A poco più di 40 km da Bologna, facilmente raggiungibile in auto tramite A1/E35 (50 min) o con treno diretto fino a Modena poi bus per Maranello. La città è la sede dello stabilimento Ferrari: qui potrete visitare il Museo della Ferrari (tutti i giorni 10:00-18:00; €17,00). visitare anche la fabbrica o fare un giro in Ferrari!

Opzione C in una città d'arte. Noi vi consigliamo Ravenna, a quasi 80 km da Bologna, raggiungibile in auto tramite A14dir e E45 (1 h) o con treno regionale diretto (1 h), o Ferrara, a solo 50 km.
VEDI ANCHE: le più belle escursioni da Bologna

Quanto costa un weekend a Bologna

bologna roofs overview bologna 5 Bologna ha un costo della vita nella media italiana, ma offre molte chance per risparmiare. E' possibile, ad esempio, abbattere i costi di pranzi e cene mangiando nei mercati cittadini, oppure in locali take away specializzati in un prodotto e frequentati dagli universitari.

Per l'alloggio, anche in centro si trovano alloggi low cost, con molto buoni ostelli e affittacamere. In media si sta intorno a €50,00 a notte a camera (se viaggiate in due sono €25,00 a testa). Un grande vantaggio di Bologna è che, avendo un centro storico raccolto, è perfetta da visitare a piedi o in bici, evitando così di acquistare biglietti per i trasporti. Se arrivate in città in treno non dovrete nemmeno preoccuparvi di prendere un taxi o raggiungere il centro dall'aeroporto.

Vediamo nel dettaglio i costi per un weekend a Bologna:

  • Costi per mangiare: circa €50,00 al giorno a persona (compresi colazione, pranzo, cena)
  • Costi per musei e attrazioni: prezzo medio €10,00 al giorno a persona seguendo l'itinerario da noi suggerito
  • Trasporti: prezzo medio €5,00 al giorno a persona
  • Hotel, alloggi e b&b: da €50,00 a camera - confronta i migliori alloggi su Booking
  • Svago: da €20,00 al giorno a persona (compresi spuntini, caffè, aperitivi, drink, ...)
  • Costo complessivo di un weekend a Bologna: da €330,00 a persona (voli e/o trasferimenti esclusi)

Prima di partire: consigli utili

  • Dove dormire: non ci sono ragioni per spostarsi dal centro, perché anche qui si trovano soluzioni anche molto economiche come ostelli e affittacamere. Per i giovani ci si può spostare in direzione di Via Zamboni, Via Pratello e San Vitale - vedi la mappa delle zone migliori;
  • Muoviti a piedi o in bici: il centro ha dimensioni ridotte, e le principali attrazioni sono tutte vicine tra loro. Non occorre nemmeno utilizzare il trasporto urbano, se non per raggiungere il FICO Eataly World (corsa singola €1,50) - scopri di più qui;
  • Se arrivi in auto: parcheggia l'auto in uno dei tanti parcheggi sotterranei della città o in uno dei parcheggi gratuiti nei pressi del centro. Attenzione a spostarti nel centro storico, in quanto è una ZTL;
  • Goditi la cucina: visitare Bologna non può prescindere dall'immergersi nella sua gastronomia. Lasagne, ragù, mortadella, dedica del tempo e delle soste a questo aspetto, nel centro ci sono osterie e locali tipici da non perdere, tra cui l'Osteria del Sole, la più antica d'Italia - scopri di più qui.