Chiesa Basilica Sanvitale Ravenna 2Ricca di storia, Ravenna può vantare di essere stata capitale di tre imperi: l'Impero Romano d'Occidente, quello del re dei Goti Teodorico e quello di Bisanzio. I mosaici ravennati sono tra i più celebri al mondo, e molti dei suoi monumenti le hanno valso l'inserimento nella lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. Con un'offerta di monumenti storici strepitosa, un'invidiabile posizione sul mare e la vicinanza addirittura al parco divertimenti più grande d'Italia, Ravenna non è seconda ad altre mete italiane ben più rinomate.

Pronti a partire con noi? Ecco la nostra guida per scoprire cosa vedere a Ravenna, con tutte le info e le curiosità sulle migliori attrazioni e cose da fare!

Cosa vedere a Ravenna

mappa principali attrazioni ravenna

Cerchi un hotel a Ravenna? Abbiamo selezionato per te le migliori offerte su Booking.com.

1 - Piazza del Popolo e centro storico

piazza del popolo ravenna 1Foto di Federfabbri. Piazza del Popolo è la piazza principale di Ravenna, quindi vogliamo suggerirvi una sosta qui prima di visitare ogni altra cosa, si tratta infatti del miglior punto di partenza di ogni itinerario per la scoperta della città. La piazza risale al XIII secolo ed è caratterizzata da diverse arcate e da un ampio piazzale sul quale si affacciano alcuni dei palazzi storici più belli della città.

Soffermatevi in particolare sul palazzo comunale e il Palazzetto veneziano. Di fronte al Comune ci sono due colonne, con basamento a gradoni e decorazioni che rimandano allo zodiaco: sopra di esse ci sono le statue dei due patroni della città, San Vitale e Sant'Apollinare.

Fermati al Caffè Corte Cavour: a 300 m dalla piazza principale si trova il Caffè Corte Cavour, ideale per una pausa. In questo Caffè, uno dei più frequentati, puoi gustare uno dei migliori caffè della città in un ambiente dal fascino retrò con arredi antichi.

2 - Domus dei Tappeti di Pietra

domus dei tappeti di pietra ravennaFoto di Stefano Casano. La Domus dei Tappeti di Pietra è uno straordinario sito archeologico sotterraneo. E' collocato 3 metri sotto la strada all'interno della Chiesa di Santa Eufemia. Il suo nome già lascia presagire di cosa si tratta, ed infatti, nei 14 ambienti presenti, si possono osservare una miriade di mosaici policromi, soprattutto sulla pavimentazione, tutti appartenenti ad un edificio privato bizantino del V-VI secolo.

Tali mosaici risalgono al periodo bizantino e sono prevalentemente in marmo, finemente intagliato e decorato con curiose figure geometriche. Di notevole rilievo "Danza dei Geni delle Stagioni", rarissima rappresentazione e "Buon Pastore", ritratto in maniera del tutto inusuale rispetto alla classica rappresentazione cristiana.

Scopri un luogo pluripremiato: il sito è venuto alla luce durante gli scavi per la realizzazione di un garage sotterraneo. Fu inaugurato dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi nell'ottobre del 2002 ed è stato insignito del Premio Bell'Italia 2004 e del Premio Francovich 2017.

  • Come arrivare: nel centro storico, raggiungibile dalla stazione con l'autobus 70 (fermata d'Azeglio) oppure con soli 15 minuti di cammino tramite via Camillo Benso Conte di Cavour o pochi minuti a piedi dagli altri siti storici, come ad esempio da Piazza del Popolo (550 m, 7 min) - Ottieni indicazioni
  • Orari: da marzo a ottobre tutti i giorni 10:00-18:30, da 9 gennaio al 28 febbraio aperta solo il sabato e la domenica sempre 10:00-18:30
  • Costo biglietto: intero €4,00, ridotto €3,00

3 - Museo Nazionale di Ravenna

ravenna museo nazionale 03Foto di Gianni Careddu. Situato nel complesso monumentale di San Vitale, il Museo Nazionale di Ravenna ospita al suo interno importanti reperti archeologici, tra questi potrete vedere stele sepolcrali ed epigrafi romane, oltre a collezioni di arti minori.

Il primo nucleo del museo fu istituito nel Settecento, grazie alla paziente ricerca e cura dei monaci delle grandi abbazie cittadine. Tra i reperti di maggior prestigio troveretecapitelli in marmo orientale, sarcofagi decorati e altri manufatti di V e VI secolo. I più noti sono quelli provenienti dai monumenti paleocristiani e bizantini , oggi dichiarati Patrimonio dell'Umanità Unesco. Tra queste la Croce da San Vitale.

  • Come arrivare: in centro storico, nelle vicinanze del Mausoleo di Galla Placidia (60 m, 1 min) e della Basilica di San Vitale (27 m, 1 min). I bus linea 10 e 11 fermano in Piazza Baracca - Ottieni indicazioni
  • Orari: mar-ven 8:30-19:30, prima e terza dom di ogni mese 8:30-19:30
  • Costo biglietto: intero €6,00, ridotto €2,00

4 - Basilica di San Vitale

chiesa basilica sanvitale ravenna 2La Basilica di San Vitale è uno dei più importanti luoghi di culto cattolici di Ravenna, nonché uno dei monumenti più importanti dell'arte paleocristiana in Italia.

L'influenza orientale, onnipresente nell'architettura ravennate, ricopre qui un ruolo davvero dominante. La sua architettura rispecchia infatti l'arte paleocristiana e bizantina, ragion per cui è veramente molto bella, tanto da essere entrata nella lista del Patrimonio dell'Umanità. L'ambiente è molto alto e, appena entrati, lo sguardo è attirato proprio verso l'alto. Ciò che colpisce, ancora una volta, sono le decorazioni musive presenti in tutta la chiesa, dalla forma ottagonale e costituita da 2 ambienti.

Segui le frecce: le frecce del mosaico a labirinto di fronte all'altare conducono al centro della Basilica dove, guardando in alto, si possono ammirare i mosaici più belli della chiesa.

  • Come arrivare: nel centro storico, raggiungibile con diverse linee di autobus (fermata d'Azeglio) oppure a piedi da Piazza del Popolo (450 m, 5 min) e 15 minuti dalla stazione tramite via Paolo Costa o Vilae Farini - Ottieni indicazioni
  • Orari: da 2 novembre a febbraio 10:00-17:00, da marzo a 1 novembre 9:00-19:00
  • Costo biglietto: biglietto cumulativo (valido 7 giorni), intero €10,50, ridotto €9,50

5 - Mausoleo di Galla Placidia

mausoleo di galla placidia ravenna internoFoto di Stefano Casano. Il nome di questo monumento è lo stesso dell'imperatrice che ne ordinò la costruzione nel V secolo, Galla Placidia. Il suo utilizzo è tuttora incerto, si pensa infatti ad un edificio funebre o ad una semplice cappella.

Se dall'esterno può sembrare un edificio spoglio, semplice e modesto, è al suo interno che sprigiona tutta la sua bellezza! Potrete infatti ammirare diversi mosaici, quasi sicuramente bizantini viste le frequenti visite dell'imperatrice a Costantinopoli, resi ancora più splendenti grazie alla luce dorata che filtra dalle finestre di alabastro. I temi iconografici rappresentati riguardano il tema della vittoria della vita eterna sulla morte. Ciò che più colpisce è la cupola centrale, dominata da uno sfondo blu ricco di stelle.

Acquista il biglietto cumulativo: il Mausoleo rientra nel biglietto cumulativo, molto utile per poter accedere a 5 Siti Unesco, tra le attrazioni più importanti della città, ovvero la Basilica San Vitale, il Mausoleo di Galla Placidia, il Battistero Neoniano, la Basilica di Sant'Apollinare Nuovo e la Cappella e Museo arcivescovile (Tariffa intera €10,50, ridotto €9,50).

  • Come arrivare: in pieno centro storico, raggiungibile con diverse linee di autobus (fermata Teatro Alighieri) o in pochi minuti a piedi dai principali punti centrali come la stazione o Piazza del Popolo (550 m, 6 min) - Ottieni indicazioni
  • Orari: da 2 novembre a febbraio 10:00-17:00, da marzo a novembre 9:00-19:00
  • Costo biglietto: rientra nel biglietto cumulativo (valido 7 giorni), intero €10,50, ridotto €9,50

6 - Rocca Brancaleone

rocca brancaleone ravennaFoto di Flying Russian. La Rocca Brancaleone di Ravenna fu costruita come fortezza nel XV secolo dai veneziani: è divisa in due parti, la Rocca fortificata vera e propria e la grande Cittadella, circondata da mura e da un fossato. Oggi quest'area, vicinissima al centro storico, ospita uno splendido parco e un'area giochi per i bambini: l'ideale per una scampagnata nel verde.

Con la bella stagione, nella Rocca si tengono concerti jazz e serate di cinema all'aperto. Tra questi, qui si tiene anche il Ravenna Festival, che nasce ufficialmente il 1° luglio 1990 quando Riccardo Muti, tra le antiche mura veneziane, dirige l'Orchestra Filarmonica della Scala e il Coro della Radio Svedese. Ormai la rocca è un vero e proprio punto di incontro per gli abitanti di Ravenna!

Partecipa agli eventi: per conoscere il programma completo dei concerti e degli spettacoli in calendario consulta il sito ufficiale.

  • Come arrivare: nelle vicinanze del centro storico, a 5 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria tramite Viale Pier Maroncelli e Via Rocca Brancaleone. Fermata bus a 20 m, linee 2, 3 e 5 - Ottieni indicazioni
  • Orari: tutti i giorni 8:00-21:00
  • Costo biglietto: gratis

7 - Mausoleo di Teodorico

mausoleo di teodorico esterno 01Foto di Sailko. Austero e massiccio, realizzato in pietra bianca, il Mausoleo di Teodorico è dedicato al re degli Ostrogoti e re di Roma (dopo aver ucciso il rivale Odoacre).

L'interno è spoglio e grave: filtra pochissima luce da piccole finestrelle. Il locale inferiore si presume fosse adibita all'uso di cappella per i servizi liturgici; alla parte superiore, cui si accede attraverso una piccola scala esterna, si trova una vasca di porfido in cui probabilmente fu sepolto Teodorico stesso. Si suppone che poi le sue spoglie vennero rimosse durante il dominio bizantino, quando il mausoleo fu trasformato in oratorio e consacrato al culto ortodosso. Alzando lo sguardo si può notare che la calotta che chiude il tetto è costituita da un unico blocco di pietra di ben 10 metri di diametro e 230 tonnellate di peso!

Conosci la profezia di Teodorico? La crepa sulla cupola è legata alla profezia secondo cui Teodorico sarebbe morto colpito da un fulmine; egli si rifugiò nel mausoleo ma il fulmine lo colpì ugualmente.

  • Come arrivare: a 15 minuti circa a piedi dalla Basilica di Sant'Apollinare Nuovo tramite Via Rocca Brancaleone oppure in autobus (linea 5), fermata Chiavica-Durazzo - Ottieni indicazioni
  • Orari: tutti i giorni 8:30-16:30
  • Costo biglietto: intero €4,00, ridotto €2,00

8 - Battistero degli Ariani

soffitto battistero ariani ravennaFoto di Incola. Fatto costruire alla fine del V secolo quando ormai Teodorico aveva consolidato il suo dominio e l'arianesimo era diventata la religione ufficiale di corte. L'edificio, interrato per circa 2,3 metri, ha forma ottagonale e presenta quattro piccole absidi all'esterno.

Al suo interno nulla rimane degli stucchi e ornamenti che sicuramente rivestivano le pareti. L'unica parte decorata è costituita dalla cupola, rivestita di mosaici raffiguranti il corteo dei dodici apostoli e, nel clipeo centrale, il battesimo di Cristo. Dal 1996 è inserito nella lista dei siti italiani patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, all'interno del sito seriale "Monumenti paleocristiani di Ravenna".

  • Come arrivare: in zona pedonale, a 100 m dal parcheggio pubblico e a 100 m dalla fermata bus Battistero degli Ariani (tutte le linee). Nelle vicinanze del battistero si trova la Basilica dello Spirito Santo (100 m, 1 min). 600 m dalla stazione tramite viale Farini - Ottieni indicazioni
  • Orari: lun-gio 9:00-12:00
  • Costo biglietto: €2,00

9 - Basilica di Sant'Apollinare in Classe

ravenna basilica di sant apollinare in classe 079Foto di Gianni Careddu. Questa basilica si trova poco distante da Ravenna, precisamente a Classe, come già indica il suo nome. E' stata dedicata al primo vescovo della città, Sant'Apollinare, del quale vi furono portate le spoglie. E' considerata il più grande esempio di basilica paleocristiana.

Al suo interno si possono ammirare diversi mosaici, sempre risalenti al periodo bizantino, che raffigurano Santi e apostoli, valli fiorite con rocce, cespugli, piante e uccelli, e infine l'immancabile figura di Sant'Apollinare. Il mosaico che più di tutti colpisce l'attenzione del visitatore non appena varcata la soglia, è il mosaico absidale, al centro del quale si erge solenne la figura di Sant'Apollinare, primo vescovo di Ravenna, con le braccia aperte e in atteggiamento orante, attorniato dai 12 apostolo, simbolicamente rappresentati da 12 agnelli bianchi.

Visita uno dei monumenti più visitati della Regione: la sua bellezza e la sua storia hanno fatto si che nel 2015 la Basilica è stato il monumento più visitato in Emilia-Romagna.

  • Come arrivare: a 5 km dal centro di Ravenna, raggiungibile in auto tramite Viale Europa (15 min) oppure con la linea 4 o con la 147 (15 min dalla stazione ferroviaria di Ravenna) - Ottieni indicazioni
  • Orari: lun-sab 8:30-19:30, dom 13:00-19:30
  • Costo biglietto: intero €5,00, ridotto €2,00

10 - Tomba di Dante

ravenna tomba di dante 04Foto di Gianni Careddu. Forse non tutti sanno che il Sommo Poeta, Dante Alighieri, visse i suoi ultimi anni proprio a Ravenna, perciò se vi trovate in città vi consigliamo una visita al suo sepolcro nella Basilica di San Francesco. Si tratta di un semplice edificio neoclassico, all'interno del quale vi è un ritratto marmoreo di Dante.

La tomba di Dante è diventata un Monumento Nazionale e attorno ad essa è stata istituita una zona del silenzio, chiamata proprio "zona dantesca". Tale zona, il Quadrarco di Braccioforte, è occupato, al centro, da una piccola collinetta, a ricordo del luogo dove furono nascoste le ossa di Dante nella Seconda Guerra Mondiale, con lo scopo di evitare che venissero danneggiate o rubate.

  • Come arrivare: nel centro storico, vicino al Battistero degli Ariani (450 m, 5 min), a 5 minuti a piedi dalla stazione tramite viale Farini e via Armando Diaz e 2 minuti in autobus prendendo una delle tante linee che la raggiungono (fermata Teatro Alighieri) - Ottieni indicazioni
  • Orari: tutti i giorni 10:00-16:00, 1 gennaio 14:00-16:00, 25 dicembre chiuso
  • Costo biglietto: gratis

11 - Museo dantesco

museo dantesco ravennaFoto di Georges Jansoone. Il Museo Dantesco, situato all'interno del Centro Dantesco dei Frati Minori, negli Antichi Chiostri Francescani, fu inaugurato nel 1921, quando ricorreva il sesto centenario della morte di Dante Alighieri, venuto a mancare proprio a Ravenna.

All'interno del museo potrete seguire diversi percorsi tematici, scopo dell'esposizione è quella di valorizzare il ruolo che la città ebbe negli anni di esilio del poeta. Nucleo tematico del museo è l'iconografia dantesca, rappresentata mediante busti, dipinti, medaglie e icone di Dante, ma soprattutto mediante un'interessante riflessione sulle sue reali fattezze fisionomiche, alla luce delle recenti ricerche condotte in ambito universitario.

Entra nella Divina Commedia multimediale: si può assistere ad una riproduzione multimediale di Inferno, Paradiso e Purgatorio. Molto interessante per i ragazzi.

  • Come arrivare: in centro, nelle vicinanze della Basilica di San Francesco (160 m, 1 min), della Tomba di Dante (17 m, 1 min) e dei Giardini del Palazzo della Provincia e Cripta Rasponi (160 m, 1 min). Dalla stazione si raggiunge in 11 min a piedi tramite viale Farini oppure prendendo uno dei numerosi autobus in partenza (fermata di riferimento Teatro Alighieri) - Ottieni indicazioni
  • Orari: generalmente mar-dom 10:00-18:00, ma attualmente chiuso per lavori di ristrutturazione
  • Costo biglietto: intero €3,00, ridotto €2,00

12 - Basilica di Sant'Apollinare Nuovo

ravenna sant apollinare nuovoFoto di Sailko. La Basilica di Sant'Apollinare Nuovo è un'altra bellissima basilica di Ravenna la quale custodisce le reliquie del protovescovo Apollinare, messe in salvo dalla Basilica di Sant'Apollinare in Classe a seguito di continue irruzioni piratesche.

Come tutte le Chiese di Ravenna, risalenti ai periodi imperiali, anche in questa basilica sono presenti moltissimi mosaici di ineguagliabile bellezza. Le 26 scene cristologiche, risalenti al periodo di Teoderico, costituiscono il più grande ciclo monumentale del Nuovo Testamento e, fra quelli realizzati a mosaico, il più antico giunto sino a noi.

Fermati a pranzo nelle vicinanze: se stai visitando la Basilica verso ora di pranzo, devi sapere che a 300 metri si trova la Trattoria Al Cerchio, un posto tipico e rustico molto amato sia da turisti che dagli abitanti di Ravenna, in cui mangiare piatti tipici come i cappelletti in brodo.

  • Come arrivare: nel centro storico, vicino al Battistero degli Ariani (350 m, 4 min), a 6 minuti a piedi dalla stazione tramite viale Farini e via Roma e 2 minuti in autobus prendendo una delle tante linee che la raggiungono (fermata Via Carducci-Liceo Classico) - Ottieni indicazioni
  • Orari: da novembre a febbraio 10:00-17:00, marzo e ottobre 9:30-17:30, da aprile a settembre 9:00-19:00
  • Costo biglietto: biglietto cumulativo (valido 7 giorni), intero €10,50, ridotto €9,50

13 - Palazzo di Teodorico

palazzo di teodorico facciataFoto di Emilia giord. Parlando del Palazzo di Teodorico si parla dei resti architettonici prospicienti l'attuale via di Roma, situati in prossimità della chiesa di Sant'Apollinare Nuovo. Due sono le principali ipotesi della sua funzione: vedetta di guardia oppure, con molta più probabilità, la facciata del nartece dell'antica chiesa medievale dedicata a San Salvatore.

L'edificio è diviso in 2 corpi: su quello inferiore c'è un grande arco, su quello superiore una grande nicchia. All'interno, potete ammriare diversi mosaici risalenti all'epoca di Teodorico.

  • Come arrivare: nel centro storico, nelle vicinanze della Basilica di Sant'Apollinare Nuovo (70 m, 1 min), fermata bus comune a tutte le linee (fermata Palazzo di Teodorico), a 700 m dalla stazione ferroviaria - Ottieni indicazioni
  • Orari: primo e terzo mercoledì del mese accesso gratuito con visita guidata alle 9:00 e 11:00. Consultare il sito ufficiale
  • Costo biglietto: gratis

14 - Cripta Rasponi e Giardini pensili

particolare di un mosaico nella cripta rasponiFoto di Federfabbri. Si tratta degli elementi rimasti del Palazzo della Provincia. La Cripta rappresenta il nucleo più antico del complesso architettonico, ma nonostante il nome, non ha mai svolto la sua funzione, in quanto qui non sono stati sepolti i defunti della famiglia Rasponi.

E' suddivisa in tre diversi ambienti: il primo di accesso alla base di una torretta neogotica, un vano che conserva una sfera di pietra con l'iscrizione "sic vita pendet ab alto" e, infine, una stanza che accoglie un piccolo altare per le funzioni religiose. La parte più significativa della cripta è costituita dal pavimento a mosaico, proveniente dalla Chiesa di San Severo.

  • Come arrivare: in centro, nelle vicinanze della Basilica di San Francesco (2 m, 1 min), della Tomba di Dante (140 m, 1 min) e dal Museo Dantesco (160 m, 1 min). Dalla stazione si raggiunge in 11 min a piedi tramite viale Farini oppure in 5 min prendendo uno dei numerosi autobus in partenza (fermata di riferimento Teatro Alighieri) - Ottieni indicazioni
  • Orari: ven-sab-dom 14:00-18.00
  • Costo biglietto: intero €2,00, ridotto €1,00 ridotto

15 - Museo Arcivescovile

targa museo arcivescovile ravenna 2Foto di Incola. Come avrete capito, vi trovate in una città ricca di monumenti e siti storici legati alla religione. Poteva quindi mancare questo genere di museo? Il Museo Arcivescovile di Ravenna è tra l'altro il primo museo diocesano sorto in Italia.

Il percorso espositivo al suo interno è suddiviso in quattro sale contenenti storia, reperti archeologici e opere d'arte. Da notare la meravigliosa Cattedra di avorio di Massimiano, una delle opere bizantine più famose al mondo. Il Museo Arcivescovile è anche la sede di uno dei monumenti UNESCO della città, la Cappella di Sant'Andrea, un oratorio paleocristiano risalente agli anni 494-519, a croce greca e decorato con splendidi mosaici.

Pranza come un local: a 300 metri (tramite Raul Gardini) si trova il ristorante Ca' de Ven, enoteca/trattoria molto caratteristica molto amata anche dalla gente del posto. Se non fosse ora di pranzo o cena, potete optare per l'aperitivo o una tipica merenda con la piadina.

  • Come arrivare: nel centro storico, vicino alla Domus dei Tappeti di pietra (650 m, 7 min). Raggiungibile con diverse linee di autobus (fermate via Guerrini-INPS o Via De Gasperi Santa Teresa) in circa 8 minuti oppure a piedi dalla stazione in circa 15 minuti tramite viale Farini - Ottieni indicazioni
  • Orari: tutti i giorni 10:00-16:30
  • Costo biglietto: biglietto cumulativo (valido 7 giorni), intero €10,50, ridotto €9,50

16 - Cappella Arcivescovile o di Sant'Andrea

cappella arcivescovile ravenna 2Foto di Incola. L'unico esempio di cappella arcivescovile paleocristiana giunta integra sino a noi. In origine costruita come oratorio privato dei vescovi cattolici durante il regno di Teoderico, fin un secondo momento venne intitolata a Sant'Andrea, le cui reliquie erano state trasportate da Costantinopoli a Ravenna attorno alla metà del VI secolo.

La cappella è costituita da un vano a pianta cruciforme ed è preceduta da un piccolo vestibolo rettangolare. L'intera cappella è poi caratterizzata da volte a botte e completamente rivestita in marmo nella parte inferiore e a mosaico in quella superiore. Tutta la decorazione tende a glorificare la figura del Cristo, in un'interpretazione chiaramente anti-ariana.

  • Come arrivare: nel centro, nelle vicinanze del Duomo (290 m, 4 min), del Museo Arcivescovile (5 m, 1 min) e del Battistero Neoniano (290 m, 4 min). A più di 1 km dalla stazione, si raggiunge a piedi (15 min) attraversando viale Farini o con una delle tante linee di autobus (fermata Via Guidone) - Ottieni indicazioni
  • Orari: aperto tutti i giorni 10:00-17:00
  • Costo biglietto: biglietto cumulativo (valido 7 giorni), intero €10,50, ridotto €9,50

17 - Battistero Neoniano

ravenna battistero neoniano 10Foto di Gianni Careddu. Uno dei più antichi monumenti della città. Conosciuto anche come Battistero degli Ortodossi, prende il nome dal vescovo che ne seguì i lavori, Neone, anche se il progetto fu avviato dal suo predecessore, il vescovo Orso.

La struttura ha una forma ottagonale e presenta una cupola che è diventata il vero gioiello dell'edificio grazie al suo interno decorato di mosaici. Questi ultimi raffigurano scene e icone religiose, come ad esempio il momento del Battesimo e i dodici apostoli. Uno dei primi visitatori rimasto abbagliato dal fascino delle sue decorazioni, fu Carl Gustav Jung, uno dei padri della psicanalisi, che visitò il sito a inizio Novecento.

  • Come arrivare: nel centro storico, in piazza Duomo, raggiungibile a piedi dalla stazione (8 min) e pochi minuti a piedi dagli altri siti storici, come il vicinissimo Duomo, a meno di 100 m, e la Cappella di Sant'Andrea (290 m, 3 min). - Ottieni indicazioni
  • Orari: da 2 novembre a febbraio 10:00-17:00, da marzo a 1 novembre 9:00-19:00
  • Costo biglietto: supplemento di €2,00 al biglietto cumulativo (valido 7 giorni), intero €10,50, ridotto €9,50

18 - Duomo o Basilica Ursiana

duomo di ravenna int 01 1Foto di sailko. Il Duomo di Ravenna, chiamato anche Basilica Ursiana, è una chiesa relativamente recente: fu completamente ricostruita tra il 1734 e il 1745 sul luogo in cui, alla fine del IV secolo, il vescovo Urso aveva edificato la chiesa cattedrale della città. Il pavimento originale si trova oggi a oltre 3 metri di profondità rispetto il manto stradale.

L'interno della chiesa presenta tre navate e tre campate. La cupola, con i suoi quasi 50 metri, è stata completamente affrescata da Giovan Battista e Andrea Barbiani; poggia su un alto tamburo sormontato da una lanterna e scandito da otto finestroni. Il campanile circolare, a lato del Duomo, risale al X secolo.

  • Come arrivare: nel cuore del centro storico, vicinissimo al Battistero Neoniano, a 15 minuti a piedi dalla stazione tramite viale Farini e 7 minuti in autobus prendendo una delle tante linee che la raggiungono (fermata Via Guidone) - Ottieni indicazioni
  • Orari: tutti i giorni 7:00-12:00 e 14:30-17:00. Le visite turistiche potrebbero essere limitate durante le celebrazioni della Santa Messa e di ricorrenze religiose
  • Costo biglietto: gratis

19 - Mirabilandia

mirabilandia 13Ravenna non è solo storia, arte e religione. Potevamo non citare il rinomato Parco divertimenti Mirabilandia? Una grande area allestita con giostre di ogni tipo, nella quale non mancano certo giochi e spettacoli per intrattenere i visitatori e assicurare tanto divertimento. Con una superficie complessiva di 850.000 mq e una sezione acquatica, costituisce il parco di divertimenti più grande d'Italia.

Le attrazioni di Mirabilandia sono in grado di far divertire tutti, di qualunque età. Le giostre più note sono comunque quelle adrenaliniche come Oil Tower, le free fall tower tra le più alte d'Italia (60 m), Katun, l'inverted coaster che ha il primato di essere la montagna russa con il percorso più lungo, più alto e più veloce d'Europa, e iSpeed, montagna russa a lancio magnetico. Tra gli show, "Grosso guaio a Stunt City" è il più famoso spettacolo di Mirabilandia, durante il quale si possono ammirare le strabilianti prodezze degli stuntman.
VEDI ANCHE: Visita al Parco divertimenti Mirabilandia: info, prezzi e consigli utili

Organizza la visita: evita, se puoi, luglio e agosto, e soprattutto il sabato e la domenica. Inoltre, se hai la possibilità di entrare 2 giorni consecutivi, non lasciarti sfuggire l'opportunità di entrare gratis il secondo giorno! Maggiori dettagli nell'area dedicata del sito.

  • Come arrivare: si trova a 12 km dal centro, raggiungibile in circa 40 minuti d'auto o con le linee 176, 147 e 4 - Ottieni indicazioni
  • Orari: variabili in base ai periodi. Si consiglia di consultare sempre il sito ufficiale
  • Costo biglietto: a partire da €14,90 e variabili a seconda della tipologia

Altre attrattive da visitare

marina di ravenna spiaggia 01 1Foto di Simone Masini. Come avrete capito, a Ravenna ci sono davvero tantissime chiese. Oltre a quelle più note, potete visitare anche la Basilica di San Francesco, dove si svolse il funerale del Sommo Dante (gratis), la maestosa Basilica di Santa Maria in Porto (gratis), la Basilica di Sant'Agata Maggiore (gratis), dalla facciata caratterizzata da marmi e capitelli, la Basilica di San Giovanni Evangelista (gratis) costruita per voto di Galla Placidia, e la Basilica dello Spirito Santo (gratis), inizialmente nata per il culto ariano.

Città ricca d'arte, Ravenna ospita anche molti musei: il Museo del Risorgimento, con testimonianze e nomi di chi ha partecipato alle Guerre d'Indipendenza (gratis), il Museo delle Attività subacque (€2,50) e il Museo di Scienze naturali che ospita la collezione dell'ornitologo e naturalista Alfredo Brandolini (€3,00).

In estate, Ravenna è anche una base ideale per scoprire la famosa costa romagnola, tra spiegge e movida che va avanti tutta la notte! Ci sono infatti ben 9 località balneari tra cui scegliere, tra cui Lido di Savio, Lido di Classe, Lido di Dante, Marina di Ravenna e Marina Romea.

Cosa vedere in un giorno

Un giorno è sufficiente per visitare quasi tutte le principali attrattive della Città. Dovrete camminare un po' ma avrete modo di godervi l'anima di ravenna e alcune delle sue meraviglie peculiari.

Distanza percorsa: 3,7 km / 46 min

  1. 10:00 - Mausoleo e Parco di Teodorico
  2. 11:30 - Mausoleo di Galla Placidia e Domus dei Tappeti di Pietra
  3. 15:00 - Tomba di Dante e Museo Dantesco
  4. 16:30 - Cripta Rasponi, Giardini Pensili e Basilica di Sant'Apollinare Nuovo
  5. 19:00 - Piazza del Popolo

Cosa vedere in 3 giorni

Avendo un weekend intero a disposizione potrete godervi tutte le attrattive della città. Potrete dedicare due giornate intere alla scoperta delle tante chiese, immergendovi completamente nell'atmosfera cittadina. Il terzo giorno invece vi consigliamo di muovervi nei dintorni, per godervi relax al mare o una giornata di divertimento in uno dei parchi della Riviera.

  1. Giorno 1: Mausoleo e Parco di Teodorico, Mausoleo di Galla Placidia e Domus dei Tappeti di Pietra, Tomba di Dante e Museo Dantesco, Cripta Rasponi, Giardini Pensili, Basilica di Sant'Apollinare Nuovo, Piazza del Popolo
  2. Giorno 2: Museo Nazionale, Basilica di San Vitale, Duomo, Battistero Neoniano, Basilica e Museo Arcivescovile, Basilica di Sant'Apollinare in Classe, Parco Archeologico di Classe
  3. Giorno 3: Giornata a Mirabilandia o relax in una località della Riviera Romagnola

Cosa fare a Ravenna

Partecipare al Mosaico di Notte
Scattare una foto sotto la Torre Civica
Assaggiare la Piadina Romagnola
Pranzare da Il Rustichello
Fare aperitivo da Il Cabiria
Seguire gli alieni
Visitare il Delta del Po
Visita gli altri parchi divertimenti della Riviera Romagnola
1/9

  1. Partecipare al Mosaico di Notte: si tratta di un'iniziativa che permette di visitare le attrazioni principali di Ravenna durante le ore serali, per godere di tutta la loro bellezza con una luce diversa. Tutte le info sul sito ufficiale
  2. Scattare una foto sotto la Torre Civica: vicino a Piazza del Popolo, la Torre Civica è uno dei simboli della città e l'unica torre ancora in piedi. Impossibile quindi non scattare una foto qua sotto, in ricordo del vostro viaggio a Ravenna
  3. Assaggiare la Piadina Romagnola: impossibile visitare Ravenna senza gustarsi una golosa e tipica piadina, ideale come pranzo tra una visita e l'altra o magari in una giornata al mare. Le più buone le potete mangiare da La Piada di Ale, Profumo di Piadina e la Piadina del Melarancio
  4. Pranzare da Il Rustichello: uno dei locali storici di Ravenna. Qui non esiste un menù alla carta, ma ogni giorno il cameriere vi elencherà tutti i piatti disponibili, che seguono quindi sempre le stagioni e i prodotti reperibili nel periodo in cui visitate la città
  5. Fare aperitivo da Il Cabiria: si tratta del locale per eccellenza in cui fare aperitivo, ormai un'istituzione, frequentato soprattutto dai locals! Da non perdere
  6. Autunno a Piazza Popolo: questa piazza è il cuore degli eventi autunnali e invernali! Tra i più famosi, ci sono la fiera del cioccolato Art&Cioc e la Notte d'oro, ovvero la celebre notte bianca, con negozi aperti, manifestazioni e concerti
  7. Seguire gli alieni: sulle pareti e colonne della città vi capiterà di vedere dei piccoli alieni creati tramite mosaici. Sono operate dell'Invider, un anonimo artista francese. Quindi occhi aperti!
  8. Visitare il Delta del Po: Ravenna è un ottimo punto di partenza per esplorare uno dei tanti parchi naturali dei dintorni per andare alla scoperta della flora e della fauna locali
  9. Visita gli altri parchi divertimenti della Riviera Romagnola: non solo Mirabilandia, lungo la riviera ci sono un sacco di altri parchi e attrazioni come lo Zoo Safari di Ravenna, Acquafan e Oltremare a Riccione, Italia in Miniatura e Fiabilandia a Rimini, l'Acquario di Cattolica e tantissimi altri!

Organizza il tuo soggiorno a Ravenna: consigli, voli e hotel

ravenna centroFoto di Sailko. A 75 km dal capoluogo Bologna, una rete di efficienti collegamenti autostradali, ferroviari e aeroportuali permettono di raggiungere Ravenna con facilità (confronta i voli). Visitabile in ogni periodo dell'anno, ma dovete tener presente che l'afflusso turistico cresce di molto durante l'estate, portando anche ad un aumento dei prezzi. Nel resto dell'anno non è una destinazione troppo costosa.

Soggiornare in città, meglio ancora se in centro, è molto comodo per visitare le principali attrazioni (confronta gli alloggi su booking). La città si visita a piedi, ma se volete spostarvi lungo la Riviera, noleggiate un'auto, anche se treni e bus funzionano alla grande. La sera la città è un po' "spenta" in inverno, per poi rifarsi in estate: il fulcro della movida è a Marina di Ravenna, dove si trova la maggior parte dei locali notturni, soprattutto sul famosissimo Viale delle Nazioni.

Se viaggiate in famiglia, senza dubbio ai bambini, più che chiese, mosaici e mausolei, interesserà di certo una giornata di divertimento a Mirabilandia o al mare! Ma la città in generale è davvero a misura d'uomo e vi permetterà di muovervi facilmente anche con i più piccoli.