Cupola Cattedrale SalamancaCittà della Spagna nord-occidentale e capoluogo dell'omonima provincia, Salamanca è una città solare e gioiosa con una storia che riporta indietro al periodo celtico. Famosa per i suoi edifici costruiti con pietra arenaria e decorati finemente, dispone di una antichissima Università ed è per questo frequentata da giovani che vengono qui per studiare e divertirsi.

Inserita nei Patrimoni dell'Umanità dell'Unesco, questa località ha molte attrattive da offrire ed è il luogo ideale per trascorrere un week end. Ecco quindi le cose da vedere a Salamanca, una guida alle migliori attrazioni e cose da fare!

13 cose da vedere a Salamanca

mappa principali attrazioni salamanca

Cerchi un hotel a Salamanca? Abbiamo selezionato per te le migliori offerte su Booking.com.

1 - Plaza Mayor

plaza salamanca notte municipio 1spagna salamanca spazio municipioCuore della città, Plaza Mayor è una delle Piazze più affascinanti d'Europa, riconoscibile per le sue 88 arcate che la circondano, ognuna decorato con medaglioni in rilievo di importanti re, poeti e politici. Tra gli edifici qui presenti la Torre dell'Orologio del Municipio, la Iglesia de San Martín Cathedral e il Teatro Liceo.

Luogo frequentato dai giovani che qui si siedono per terra sulle sue grandi mattonelle a prendere il sole e a chiacchierare, questa piazza, progettata dall'Architetto Alberto Churriguera, è stata costruita tra il 1729 e il 1756. Caratterizzata da pietra arenaria decorata, la sua forma appare quadrata ma in realtà i lati sono tutti di lunghezze diverse.

I momenti migliori per visitarla sono l'alba e il tramonto, quando sugli edifici di pietra rossa si riflette una luce dorata, da cui Salamanca ha preso il soprannome di "Città dorata".

Il cuore del centro storico, a 1,5 km dalla stazione centrale di Salamanca (20 min a piedi). In alternativa, dalla stazione bus diretto 1 fino fermata C/Gran Vía 45, poi 5 min a piedi fino la piazza - Ottieni indicazioni.

Puoi affittare... un balcone! Plaza Mayor è il salotto della città, dove si celebrano corride di tori, processioni, e in passato qui si è fatta anche giustizia. Per questo, certi proprietari di case affittavano i loro balconi agli spettatori a prezzi piuttosto elevati, per concedere una visuale privilegiata per seguire l'evento dall'alto! Ad esempio, durante la Fiesta de la Virgen de la Vega (prima settimana di settembre) la piazza, come altri luoghi della città, si anima con manifestazioni sacre e profane, concerti e processioni.

2 - Mercato Centrale

mercado de salamanca 1Foto di Tyk. Esempio più classico del mercato cittadino spagnolo, a pochi passi da Plaza Mayor, il Mercado Central si trova all'interno di un edificio Liberty del XX progettato dall'architetto Joaquin de Vargas Aguirre, lo stesso che ha progettato Casa Lis.

Si tratta di un luogo storico frequentato dagli abitanti di Salamanca, che vengono qui per acquistare prodotti freschissimi e d'eccellenza come carne, formaggi, prosciutto e vino. Non mancano però anche i banchi che vendono abbigliamento e generi di prima necessità. Vi consigliamo di fare un giro e fermarvi poi in uno dei vari tapas bar, per gustare qualche ottima tapas.

  • Come arrivare: nel centro storico, in Plaza del Mercado. Si raggiunge a piedi da Plaza Mayor (130 m, 2 min). Con i mezzi, fermata Plaza Mercado dei bus 3 e 4 - Ottieni indicazioni
  • Orari: lun-sab 8:00-14:00, lun anche 16:00-19:00, mar e ven 16:00-20:00, dom chiuso
  • Costo biglietto: gratis

3 - Palazzo de La Salina

patio palacio salinas salamancaFoto di Tamorlan. Attuale sede del consiglio di Contea, il Palacio de La Salina, noto anche come Palazzo dei Fonseca, risale al 1538 e per molti anni fu residenza nobiliare, prima di diventare deposito del sale nella prima metà del XIX. Le sue origini sono incerte, ma ciò che è sicuro è che questo edificio fu eretto sulle fondamenta di una vecchia casa gotica e per rendere ancora più magnifico il palazzo vennero effettuate decorazioni con uno stile italiano.

Molto bella la facciata, ma uno dei punti forti è sicuramente il cortile con porticato all'interno sovrastato da una galleria con dei balconi e le finestre incorniciate. Gli interni presentano soffitti a cassettone e pannelli di legno decorati.

Curiosità: Il nome la salina, secondo la leggenda, deriverebbe dal fatto che l'arcivescovo Alonso de Fonseca recatosi in città per un convegno diocesano aveva portato con sé l'amante, Juana Pimentel "La Salina". Per via del nome della signora nessuna famiglia nobile voleva ospitarli, così il vescovo, molto arrabbiato, fece erigere questo magnifico palazzo intitolandolo all'amante.

  • Come arrivare: nel centro storico, in Calle San Pablo 18. Si raggiunge a piedi da Plaza Mayor (250 m, 3 min). Con i mezzi, la fermata più vicina è quella di Poeta Iglesias 17, bus 1-8-9 - Ottieni indicazioni
  • Orari: mar-dom 11:30-13:30 e 18:00-21:00
  • Costo biglietto: gratis, accessibile solo il patio

4 - Casa de las Conchas

casa de las conchas salamancaFoto di MARIA ROSA FERRE ✿. salamanca casa de las conchas 04Questo palazzo è il più famoso di Salamanca, non solo per la sua bellezza, ma anche perché ha un valore simbolico notevole. In stile gotico, risale al 1493 e fu l'abitazione di Rodrigo Maldonado de Talavera, un Cavaliere dell'Ordine di Santiago.

L'edificio è noto soprattutto per la sua facciata in stile plateresco, decorata con più di 300 conchiglie di pietra, che rappresentavano il motivo ornamentale principale dell'ordine di San Giacomo di Santiago di Compostela. Qualcuno però crede che la presenza delle conchiglie sia da ricondurre all'amore che Don Rodrigo provava per la moglie Dona Maria. Da visitare anche il patio principale con colonne in marmo di Carrara, la biblioteca moderna e la sala delle esposizioni.

Cerca la moneta d'oro dietro le conchiglie: secondo gli abitanti di Salamanca, dietro ad una delle conchiglie si nasconderebbe una moneta d'oro! Mentre gli interrati del palazzo erano i luoghi dove gli studenti universitari scontavano le pene poste dal maestro.

  • Come arrivare: nel centro storico, in Calle de la Compania. Si raggiunge a piedi da Plaza Mayor (350 m, 4 min). Se vi spostate con i mezzi, bus linea 3 e 4 fermata Pza .Mercado - Ottieni indicazioni
  • Orari: lun-ven 9:00-21:00, sab 9:00-14:00 e 16:00-19:00, dom e festivi 10:00-14:00 e 16:00-19:00
  • Costo biglietto: gratis

5 - La Real Clerecia

spagna salamanca architetturaTra le cose da non perdersi a Salamanca c'è questo edifico storico, oggi sede dell'Università Pontificia, risalente ai primi del XVII e fatto costruire per volontà della regina Margherita d'Austria, sposa di Filippo III. La Clerecia fu una chiesa e una scuola dell'ordine ecclesiastico della Compagnia di Gesù ed era nota in origine come Collegio Reale della Compagnia di Gesù.

Costruita in stile barocco, comprende una parte pubblica dove ci sono la scuola e la chiesa, con un grande chiostro a tre piani, ed una zona privata con gli alloggi dei religiosi. La particolarità di questo edificio è data dalle numerose gallerie che collegano varie zone e servivano per passeggiare e stare all'aperto dal momento che mancava un giardino.

Oggi l'Università pontificia è visitabile solo con tour guidati e organizzati, che comprendono anche la salita alla torre campanaria.

  • Come arrivare: nel centro storico, in Calle de la Compania. Si raggiunge a piedi da Plaza Mayor (290 m, 3 min). Con i mezzi, bus linea 3 e 4 fermata Pza .Mercado - Ottieni indicazioni
  • Orari: solo con visite guidate
  • Costo biglietto: costo medio €10,00

6 - Università di Salamanca

spagna salamanca storicamente 2Orgoglio di Salamanca per l'importanza storica e artistica, venne fondata dal Re Leone Alfonso IX e riconosciuta come università nella Carta Magna nel 1254. Inizialmente sede di diritto civile e canonico, divenne per un periodo una delle più importanti in Europa.

La sua architettura esterna mostra appieno tutte le virtù dello stile plateresco, con una facciata ricca di ornamenti, di cui la parte più bella è quella de la Eecuelas Mayores. Bellissimo l'affresco dipinto sul soffitto della biblioteca dell'Università, che ritrae i segni zodiacali, le costellazioni e i pianeti. Grazie ai riflessi di luce proveniente dalle larghe vetrate, i 12 segni dello zodiaco sembrano cambiare colore. Dal momento che la biblioteca è ancora oggi utilizzata, è vietato scattare fotografie e fare rumore.

Cerca la rana della fortuna e le "scritte di sangue": qui si trova uno speciale portafortuna, una piccola rana, che dovrebbe trovarsi sulla facciata della porta d'ingresso. Questo animaletto simboleggia il tempo che passa e la fugacità dei piaceri. Secondo la leggenda, se uno studente voleva passare gli esami doveva prima trovare la rana della facciata dell'Università, perché "se si cerca senza indicazione, è una vera missione".
Inoltre, nei pressi dell'università noterete alcune tipiche scritte dipinte sulla facciata degli edifici universitari. Anticamente i laureati, per festeggiare la vittoria sui libri e la fine degli studi, dipingevano frasi con sangue di toro mischiato a terra rossa e olio.

  • Come arrivare: nel centro storico, in Patio de Escuela. Si raggiunge a piedi da Plaza Mayor (550 m, 7 min). La fermata più vicina è P. Rector Esperabè 29, dove passa il bus 4 e 8 - Ottieni indicazioni
  • Orari: lun-sab 10:00-19:00, dom e festivi chiuso
  • Costo biglietto: gratis

7 - Cattedrale Nuova

cupola cattedrale salamancaNota anche come Cattedrale di Santa Maria Dell'Assedio, si trova a fianco di quella Vecchia e venne costruita nel 1513, in quanto l'altra non era in grado di accogliere tutti i fedeli, aumentati per la presenza dell'Università

Il suo aspetto imponente, decorato in stile plateresco con l'aggiunta di stili gotico e Barocco, attira ogni anno milioni di visitatori. Da ammirare le varie cappelle (Dorada, Todos los Santos e Nuestra Senora de la Soledad) ma anche i portali barocchi e i bassorilievi, in particolare quello sulla facciata dell'edificio che, stando ad alcune "indiscrezioni", ritrarrebbe addirittura... un astronauta!

Cerca le particolari figure sul portale della Cattedrale Nuova: molto probabilmente, quando dovrete entrare nella Cattedrale troverete sempre qualche persona intenta a scrutare attentamente il portale! Questo perché nella parte bassa della porta potrete trovare delle figure alquanto inusuali, come un'astronauta, una scimmia che mangia un gelato e una cicogna! Fateci sapere se le trovate!

Sali sul campanile: durante il terremoto di Lisbona del 1755 il campanile venne seriamente danneggiato e le campane potevano essere suonate solo salendo fino in cima. Per commemorare questa tradizione, il 31 ottobre di ogni anno un personaggio chiamato il Marichelo, con indosso il vestito tipico, sale fino in alto al campanile e da lì intona una musica tipica di Salamanca, la Ciarrada. Durante la vostra visita vi consigliamo di salire sul Campanile e alla terrazza panoramica, da cui si ammira forse il più bel panorama sul centro storico.

  • Come arrivare: nel centro storico, in Calle Benedicto XVI. Si raggiunge facilmente a piedi da Plaza Mayor (550 m, 6 min). Con i mezzi, la fermata più vicina è Avenida Villamayor (bus n 31) - Ottieni indicazioni
  • Orari: da ottobre a marzo tutti i giorni 10:00-18:00, da aprile a settembre 10:00-20:00
  • Costo biglietto: biglietto unico con la Cattedrale Vecchia, intero €6,00, ridotto €5,00

8 - Cattedrale Vecchia

salamanca spagna cattedraleCapolavoro architettonico, ancor prima che religioso, la Cattedrale Vecchia presenta tutti i segni del tempo che scorre, del passaggio dei fedeli, ma senza per questo essere tenuta in condizioni disastrose, anzi. L'edificio medievale venne progettato in un periodo in cui si succedevano continuamente guerre e la sua costruzione terminò nel 1180. I suoi muri, molto sicuri, la resero anche rifugio antiaereo durante la Guerra Civile spagnola e pare che anche Franco venne a rifugiarsi qui.

Al suo interno sono custodite meravigliose opere, come la prestigiosa Pala d'altare quattrocentesca di Nicolò Fiorentino, tre importanti cappelle (San Martìn, che fu anche magazzino di olio per le lampade della cattedrale, Santa Barbara e Santa Catalina), adornate da affreschi.

  • Come arrivare: nel centro storico, in Plaza Juan XXIII. Si raggiunge facilmente a piedi da Plaza Mayor (550 m, 6 min). Con i mezzi, la fermata più vicina è Avenida Villamayor (bus n 31) - Ottieni indicazioni
  • Orari: ottobre-marzo tutti i giorni 10:00-18:00; aprile-settembre 10:00-20:00
  • Costo biglietto: €6,00 intero, €5,00 ridotto biglietto unico con la cattedrale nuova; per il percorso Jeronimus si aggiungono €3,00

9 - Casa Lis e Museo di Art Nouveau

salamanca museo di art nouveau e art decoFoto di muffinn. In pieno centro città si trova questa casa-museo ospitata all''interno di un palazzo antico, che venne costruito per Miguel de Lis, proprietario di una conceria, nel 1905. Dal momento che l'attività gli rendeva parecchio, Lis viaggiava molto e proprio in occasione di questi spostamenti ebbe l'occasione di conoscere i vari cambiamenti artistici.

Oggi la casa ospita il Museo di Art Nouveau e Deco ed espone circa 2.500 opere tra cristalli, bambole di porcellana, statue, smalti, bronzi, dipinti, gioielli suddivise in 19 collezioni di arti decorative datate tra fine ‘800 e primi ‘900. Il museo possiede anche un'ampia raccolta di dipinti catalani e di pittori locali, come Celso Lagar e Mateo Hernandez, ma il pezzo più famoso è l'uovo Fabergè, un gioiello a forma di uovo realizzato dal gioielliere russo Peter Carl Fabergè.

cafeteria de la casa lis salamancaFoto di Siri twin. Fermati nella caffetteria: vi consigliamo di prendere un caffè nella meravigliosa caffetteria del museo. Sarete completamente circondati da grandi vetrate colorate, da cui potrete anche ammirare la città! Un posto sicuramente molto instragrammabile e diverso dalle solite caffetterie dei musei.

  • Come arrivare: nel centro storico, in Gibraltar. Si raggiunge a piedi da Plaza Mayor (750 m, 9 min). Con i mezzi, la fermata più vicina è Plaza del Mercado Viejo, bus 4 e 8 - Ottieni indicazioni
  • Orari: mar-dom 11:00-14:00 e 17:00-20:00
  • Costo biglietto: intero €5,00, ridotto €3,00, gio 11:00-14:00 gratis

10 - Ponte Romano

ponte cattedrale architetturaIl Puente Mayor del Tormes, noto come Ponte Romano di Salamanca venne costruito intorno al I sec d.c, all'epoca dell'Imperatore Traiano, con lo scopo di collegare la parte interna della città con l'esterno, divisi dal fiume Tormes. Fa parte della Via dell'Argento, una strada che univa Mérida e Astorga.

Lungo 176 m e largo 3,70 m, è formato da 26 archi a tutto sesto e da robusti pilastri ed è protetto da una statua di un toro dell'epoca preromana, che è descritta anche nel famoso libro Lazarillo del Tormes. Tra i personaggi famosi che attraversarono questo ponte si menzionano Annibale, il Lazarillo e le truppe francesi.

Si trova in Puente de Sánchez Fabrés nei pressi del Museo Art Nouveau y Art Déco. Si raggiunge da Plaza Mayor a piedi (1 km, 15 min), oppure con il bus n.8 fermata C.San Gregorio - Ottieni indicazioni.

Visitalo al tramonto: è uno dei luoghi più belli da dove ammirare il tramonto, perciò vi suggeriamo di arrivare qui al calar del sole per ammirarlo in tutto il suo splendore, mentre in lontananza il sole scende dietro l'orizzonte e tinge di rosso il cielo sopra Salamanca. Potrete scattare foto meravigliose.

11 - Huerto de Calixto y Melibea

huerto de calixto y melibeaFoto di Emilio J. Rodríguez Posada. Questo bel giardino si trova vicino al centro di Salamanca, sulle antiche mura della città e ai piedi del fiume Tormes, e deve il suo nome ai protagonisti di "Celestina", una delle opere più famose della letteratura spagnola, scritta da Fernando De Rojas nel 1299.

All'interno di questo giardino di 2.500 mq i cittadini trascorrono ore di relax e tranquillià ed è possibile ammirare il piccolo monumento dedicato a Celestina, la donna tacciata nel romanzo di essere una strega. Sul basamento infatti si legge la frase: "Sono una vecchia, come Dio mi ha fatto, non peggiore di altre. Bene o male io vivo, e Dio è testimone del mio cuore". Oltre alla statua presente all'ingresso, nel Giardino di Calisto e Melibea c'è una fontana, un pozzo, un pergolato e numerose piante e alberi che conferiscono a questo luogo un'aria di pace, tranquillità e romanticismo.

Nel centro storico, in Calle Arcediano. Si raggiunge a piedi da Plaza Mayor (750 m, 8 min). Con i mezzi, la fermata più vicina è Plaza del Mercado Viejo, bus 4 e 8 - Ottieni indicazioni.

Scopri la storia di Calixto e Melibea: la storia racconta che inizialmente Calixto corteggia Melibea senza attrarla, poi però, con i trucchi di Celestina, Melibea si innamora perdutamente. Tuttavia, il loro amore un giorno è destinato a finire tragicamente perché Calixto muore mentre scende le scale e Melibea si suicida buttandosi dal balcone dopo aver visto Calixto morto. Nonostante la triste storia, questo parco è meta di molti innamorati, che appendono un lucchetto in segno del loro amore.

12 - Convento di San Esteban

convento di san esteban salamancaQuesto imponente edificio religioso sito vicino alla Cattedrale Vecchia è un monastero dominicano fondato da uno dei figli della Duchessa d'Alba, nel XVI secolo, che nel tempo è stata alloggio di personaggi illustri come Cristoforo Colombo, Ignazio de Lovola, Diego di Deza.

Formato da una chiesa monumentale con pianta a croce latina, diverse stanze conventuali, tre chiostri e la biblioteca, ha una bellissima facciata di pietra rosa di Villamayor con intarsi, che al tramonto brilla assumendo toni unici.

Al suo interno, da non perdere la pala d'altare, il chiostro, il museo dedicato ai Dominicani, la scala imponente e la sala Profundis dove Cristoforo Colombo ottenne l'appoggio dei dominicani per la sua avventura che prevedeva di arrivare nelle Americhe attraverso una nuova rotta. E' possibile visitare anche il confessionario di Santa Teresa, la fondatrice del Carmelo Scalzo, e unica donna che diede vita ad un ordine religioso maschile.

Entra nel cortile del Convento de las Dueñas: di fronte al Convento de San Esteban si trova il Convento de las Dueñas. Purtroppo non c'è abbastanza tempo a disposizione per visitarlo, ma vi consigliamo di entrare giusto per scattare una foto nel giardino centrale! L'intero palazzo è in stile moresco e per qualche istante vi sembrerà di fare un salto a Marrakech! L'ingresso è gratuito. Ottieni indicazioni

  • Come arrivare: nel centro storico, in Plaza del Concilio. Si raggiunge a piedi da Plaza Mayor (600 m, 7 min). La fermata più vicina è quella di C/Gran Via 75, dove passano i bus 1, 3, 4, 8 e 9 - Ottieni indicazioni
  • Orari: tutti i giorni 10:00-14:00 e 16:00-19:00
  • Costo biglietto: intero €3,50, gruppi €2,50

13 - Domus Artium 2002

Nel 2002 Salamanca venne dichiarata Capitale Culturale Europea e, in tale occasione, si decise di concretizzare un'impresa davvero importante, sia dal punto di vista artistico-culturale sia da quello turistico: trasformare e ristrutturare l'antico carcere che da allora è diventato il museo Domus Artium.

Al suo interno si trova una grande collezione di arte contemporanea, con collezioni di lavori d'avanguardia e mostre che riguardano le nuove tecnologie. All'interno del museo c'è anche un caffè, ideale per uno spuntino o un pasto leggero.

  • Come arrivare: in Avenida de la Aldehuela, a sud est di Salamanca, vicino al Parco de los Jesuitas. Si raggiunge da Plaza Mayor a piedi (1,5 km, 18 min) oppure con il bus n.8 fermata Abraham Zacut 6, a 4 min dal museo - Ottieni indicazioni
  • Orari: mar-ven 12:00 - 14:00 e 17:00 - 20:00, sab-dom 12:00-15:00 e 17:00-21:00, lun chiuso
  • Costo biglietto: gratis

Cosa vedere a Salamanca in un giorno


Non si tratta di una città molto grande ed è ideale da visitare in giornata, soprattutto in un on the road lungo la Spagna. Da Madrid dista in treno 2 h 40 min, perfetta per un tour di un giorno da Madrid. Scopriamo quindi insieme cosa vedere a Salamanca in un giorno!

Prima volta a Salamanca? Per ottimizzare i tempi ed avere un primo approccio con la città, ti consigliamo di prenotare una visita privata con un locale.

  • 09:30 - Plaza Mayor, Casa de las Conchas
  • 11:00 - Cattedrale Vecchia e Cattedrale Nuova
  • 15:00 - Università di Salamanca
  • 16:30 - Huerto de Calixto y Melibea e Grotta di Salamanca
  • 18:00 - Convento de San Esteban
  • 19:00 - Corte del Palacio de La Salina

Cosa vedere a Salamanca in 3 giorni

Tre giorni sono più che sufficienti per scoprire la città di Salamanca, e sarà possibile viverla con lentezza, scoprendo anche gli angoli meno noti. Ecco il nostro itinerario suggerito per visitare Salamanca in 3 giorni:

  • Giorno 1: Plaza Mayor, Mercado Central, Museo Taurino, Iglesia de San Martin, Plaza Ananya, Catedral Vieja, Catedral Nueva, Università, Fortezza Romana - mostra mappa
  • Giorno 1: Casa de las Conchas, Palacio Monterrey, Convento de la Madre de Dios, Torre del Clavero, Plaza Colon, Convento de San Esteban, Casa Lis, Museo de Historia de Automocion, Ponte Romano, Monumento del Lazarillo del Tormes - mostra mappa
  • Giorno 1: Torre del Aire, Plaza de la Constitucion, Ermita de Nuestra Señora de la Misericordia, Parque de los Jesuitas, Domus Artium 2002, Paseo fluvial, Plaza Mayor, Casa Dona Maria la Brava, Placio de Alonso de Solis - mostra mappa

Altre attrattive da visitare

architettura fiume barche panoramaSe vi resta del tempo e avete visto tutte le precedenti attrazioni, vi segnaliamo altre attrazioni da vedere e visitare, sebbene di importanza minore.

La facciata del Palcio de Monterrey è un fine esempio di architettura rinascimentale spagnola, ma l'edificio è purtroppo chiuso al pubblico. Altro edificio da menzionare il Palazzo di Orellana, sede del Gran Archivio della Guerra Civile (gratis) e il palazzo di Anaya, sede della facoltà di Filologia (gratis), meraviglioso esempio del neoclassico di Salamanca.

Il Convento de las Duenes, in un bel palazzo moresco con un chiostro molto suggestivo (gratuito), la Chiesa di San Juan de Sahagún e la Chiesa di San Tomas sono edifici religiosi cattolici meno suggestivi della cattedrale ma con un loro particolare fascino, che meritano una visita se il tempo ve lo concede.

Se amate le auto e viaggiate con i bimbi un museo adatto a voi è il Museo Storico dell'Automobile, con una mostra permanente di 100 veicoli (€4,00); in alternativa, per gli appassionati di cinema la Biblioteca del Film di Castille e Leon è famosa per la collezione di Fascinanting Devices (prezzo in base a eventi, consultare il sito ufficiale). Infine, per chi vuole conoscere aneddoti e storie della corrida, consigliamo il piccolo ma caratteristico Museo Taurino, tutto da scoprire (€3,00), con numerosi documenti e antichi vestiti tradizionali dei toreri.

5 cose da fare a Salamanca

Bere un caffè al Cafè Novelty
Partecipare alle feste della Virgen de la Vega
Andar a Tapear
Tour della street art
Scattare una foto con il Lazarillo de Tormes
1/5

  1. Bere un caffè al Cafè Novelty: non potete non sedervi ad un tavolino del più antico caffè di Salamanca, in Plaza Mayor, che in passato ha ospitato personaggi illustri come Victor Garcia de las Conchas, Yosè Ortega y Gasset, Mario Verga Llosa e molti altri
  2. Partecipare alle feste della Virgen de la Vega: nel mese di settembre si svolge una festa popolare in onore della Vergine, durante la quale vengono organizzati balli, spettacoli e processioni
  3. Andar a Tapear: il modo migliore per gustare alcuni piatti tipici della città è assaggiare le tapas! All'ora di pranzo, tra le 14:00 e le 16:00, molti bar propongono piccole porzioni delle loro specialità. Oltre a Plaza Mayor, uno dei luoghi più frequentati è calle Van Dick, piena di locali tipici
  4. Tour della street art: passeggiando nel quartiere di Oreste, poco distante dal centro storico, potrete imbattervi nei murales della Galerìa Urbana. Gli artisti hanno infatti dipinto muri vuoti, portoni dei garage e anche case! Si tratta del quartiere più colorato di Salamanca
  5. Scattare una foto con il Lazarillo de Tormes: poco prima del Ponte Romano si trova questa scultura dedicata a Lazarillo de Tormes, famoso romanzo spagnolo ma con autore anonimo. Non si può dire di essere stati a Salamanca senza aver immortalato questa statua

Cosa vedere nei dintorni: gite ed escursioni di un giorno

Ávila, 100 km
Parco naturale degli Arribes del Duero Foto di Manu Vilela
Toledo, 227 km
Valladolid, 116 km
Segovia, 143 km
Zamora, 63 km Foto di Outisnn
Sierra di Francia - La Alberca, 63 km Foto di Luis Daniel Carbia Cabeza
Béjar e Sierra de Candelario, 73 km Fonte: wikimedia commons
Miranda del Castañar, 74 km
1/9

  • Ávila, 100 km: famosa per le mura medievali perfettamente mantenute, la città presenta 80 torri merlettate e ben nove porte cittadine; la più bella "El Alcazar", si trova nella parte orientale della città.
  • Parco naturale degli Arribes del Duero, 86 km: lungo lembo naturale come confine tra Spagna e Portogallo creato dall'erosione dei fiumi Duero e Agueda. È possibile fare crociere sul fiume, escursioni a cavallo, e visite ai piccoli borghi alla scoperta delle tradizioni, dell'artigianato e della gastronomia. Infine, non perdete la visita al Pozo Airon, una cascata che si getta dall'alto con impeto nel letto del fiume sottostante.
  • Toledo, 227 km: famosa per le sue bellezze architettoniche che hanno saputo integrare culture e religioni completamente distanti con grazia e magnificenza: edifici cristiani, arabi, ebraici convivono fianco a fianco e rendono unico il paesaggio.
  • Valladolid, 116 km: centro storico ricco di chiese ed edifici storici, è una città universitaria con una vita notturna molto intensa, e sarà molto piacevole passeggiare sulle rive del fiume Duero che attraversa la città.
  • Segovia, 143 km: si trova sul cammino di Santiago e ha un fascino antico davvero unico. L'imponente acquedotto romano conta ben 160 archi ed è protagonista indiscusso della piazza centrale della città, plaza Azoguejo. Ha una grande tradizione culinaria e vinicola, perciò una tappa nei numerosi ristoranti per una degustazione di prodotti tipici è fortemente consigliata.
  • Zamora, 63 km: Il fiume Duero attraversa anche la città di Zamora, capitale dell'omonima provincia. La città è particolarmente conosciuta per le sue numerose chiese romaniche, ne conta ben 24.
  • Sierra di Francia - La Alberca, 63 km: splendido parco naturale contraddistinto da questa catena montuosa, ricco di percorsi escursionistici, è possibile visitare un antico borgo, La Alberca il primo ad essere dichiarato monumento storico nazionale.
  • Béjar e Sierra de Candelario, 73 km: località montana incastonata tra le montagne. Tutto intorno la città è cinta da una suggestiva muraglia, ed al suo interno si può visitare il jardin historico artistico El Bosque con un laghetto e grandi alberi. Dal paesino è possibile inoltre partire per un'escursione in bicicletta attraverso la ciclovia che ripercorre la vecchia ferrovia e si dirige a sud seguendo il fiume.
  • Miranda del Castañar, 74 km: borgo all'interno del vasto territorio della Sierra di Francia. La sua plaza de Toros è la piazza più antica di Spagna, e naturalmente il borgo è stato dichiarato monumento storico nazionale.

Come muoversi a Salamanca

Il miglior modo per visitare la città è a piedi! Il centro storico è infatti molto ridotto, le attrazioni principali tutte vicine tra loro e, per un primissimo approccio, vi consigliamo una visita privata con un locale, per immergervi a pieno nell'atmosfera di Salamanca.
Nessun mezzo è propriamente sconsigliato, ma il noleggio auto può rivelarsi davvero poco utile, in quanto non c'è nessuna necessità di muoversi in auto! Infatti si può contare anche su bus e taxi per qualche tratta più lunga.

Se siete intenzionati ad utilizzare il bus, molto utile l'acquisto della Tarjeta bono-bus, una tessera ricaricabile che costa solo €2,00 ma che vi permette di viaggiare sui bus urbani a €0,59 a tratta (costo normale di una corsa singola €1,05). Non ci sono altri mezzi di trasporto pubblico o card e abbonamenti.

In estate è attivo il treno turistico, che parte da Plaza de Anaya e fa un giro completo della città in circa 30 min, passando per i punti più turistici e le zone più famose (tutti i giorni 10:00-20:00, partenze ogni 30 min). Indicato soprattutto se viaggiate con bambini o per una panoramica generale di Salamanca (costo biglietto €4,00, ridotto 3-12 anni €2,00, ridotto over€653,00).

  • Soluzioni e mezzi consigliati: a piedi, taxi, treno turistico
  • Soluzioni e mezzi sconsigliati: auto
  • City card e abbonamenti consigliati: Tarjeta bono-bus (acquisto €2,00 - vedi dettagli)

Organizza il tuo soggiorno a Salamanca: consigli, voli e hotel

spagna salamanca storicamente 3Salamanca è ideale per un week end in ogni momento dell'anno, ma sicuramente la primavera e l'autunno sono le stagioni migliori, perché la temperatura è meno calda e più sopportabile. Se però volete vivere un'atmosfera indimenticabile, l'estate è il momento perfetto perché si svolgono diversi Festival, come quello del Jazz in strada, quello internazionale delle Arti di Castilla e Leon. A settembre, poi, c'è la Festa della Virgen de la Vega, con spettacoli e offerta di fiori alla Madonna l'8 settembre.

Per arrivare occorre fare scalo a Madrid, e poi proseguire via terra da Madrid (confronta i voli). Una volta in città, il modo migliore per spostarsi è a piedi, dal momento che il centro storico è piccolo e la maggior parte delle attrazioni si trovano qui. In alternativa i trasporti urbani sono efficienti. La città è piuttosto economica e sono presenti strutture di ogni tipologia. Vi consigliamo di alloggiare in centro (confronta i migliori alloggi su Booking).

Salamanca è a misura d'uomo e di famiglia! Oltre alle cose precedentemente citate, visitate il Parco de la Alamedilla, un giardino con fontane e laghetti artificiali dove sguazzano cigni e papere. Chi invece cerca la movida, troverà la maggior parte dei locali dove bere un chupito o una cerveza nei pressi di Plaza Mayor e Plaza de San Juan Bautista.