Cosa vedere nella Riviera d'Ulisse: Gaeta, Formia e Sperlonga

La Riviera di Ulisse è una Terra di miti ed eroi come Ulisse ed Enea, intrisa di storia e leggenda. Scopri cosa vedere nei dintorni del Parco Regionale Riviera di Ulisse e nei comuni di Gaeta, Formia e Sperlonga

Riviera Ulisse
La Riviera d'Ulisse è la striscia di costa del Lazio Meridionale a sud della provincia di Latina. Il suo "cuore" è il Golfo di Gaeta. Un luogo forse unico al mondo: oltre cinquanta chilometri di spiagge di fine rena con la particolare morfologia di promontori costieri rocciosi e montagnosi con i rilievi Aurunci che si innalzano oltre i 1000 metri a strapiombo sul mare. Da Gaeta a Formia, senza dimenticare il meraviglioso borgo di Sperlonga, ecco cosa vedere nei dintorni del Golfo di Gaeta.

Le terre del mito...

Territorio di indiscutibile fascino, la Riviera d'Ulisse è anche la sua storia singolare, antica, da smarrirne il senso tra realtà e leggenda.
Così l'Odissea narra l'incontro di Ulisse con il popolo dei Lestrigoni e dell'isola della maga Circe al cospetto del monte Circeo... Ed a Caieta, l'odierna Gaeta, Virgilio fa morire la nutrice di Enea, qui sepolta dall'eroe troiano durante il suo viaggio.
In epoca romana poi, è il territorio dove si snoda l'antico tracciato della via Appia: terra particolarmente apprezzata per il clima, gli scambi commerciali, le produzioni agricole di vini ed olio, la pescosità del mare e quindi eletta a luogo ideale per vacanze.
In questo lembo di terra, dopo il mito troiano, non mancarono vicende suggestive tramandate anche dalla memoria religiosa: è qui che, alla morte del Cristo, la leggenda narra che la montagna si spacca in due (Monte Orlando), morbida e combaciante, con i segni della mano del turco miscredente.

Parco Regionale Riviera di Ulisse

L'area interessata dal Parco Regionale Riviera d'Ulisse è divenuta protetta nel 1986. I luoghi di assoluto interesse nelle prossimità del parco sono il Santuario della Trinità e la Frotta del Turco, la già menzionata Montagna Spaccata ed il mausoleo di Lucio Munazio Planco.
Tali luoghi sono sparpagliati nel territorio dei comuni di Gaeta, Sperlonga e Formia.
Ma è il meraviglioso contesto naturale ad attirare più di qualunque altra cosa i turisti.
Appassionati di trekking ed escursioni potranno godere di uno scenario da favola, perdendosi fra sentieri ricchi di vegetazione tipica della Macchia Mediterranea. Gli amanti del mare potranno invece godere di spiagge magnifiche in cui concedersi giornate di pieno relax.

Gaeta, Formia e Sperlonga

Gaeta è una città situata tra Roma e Napoli. La sua lunga storia risale all'epoca romana, periodo nel quale divenne un importante presidio militare. Gaeta si compone di due sezioni, un quartiere storico e un quarto moderna, che insieme costituiscono una piacevole località balneare che offre alcune impressionanti opportunità turistiche come Castello Angioino-Aragonese, il Mausoleo di Lucio Munazio Plancoe la Chiesa dell'Annunziata.
Esattamente come Gaeta, anche Formia presenta un patrimonio storico e naturale di gransdissimo valore, non a caso prove storiche dimostrano che è stata abitata fin dal 500 aC da un antico popolo italico conosciuti come i Volsci.
Tra i luoghi di maggiore interesse segnaliamo la Torre di Castellone, iI Porto di Caposele, Villa Rubino e il Foro di Nerva. Infine merita una menzione il fantastico borgo di Sperlonga, annoverato tra i più belli d'Italia.
Si tratta di una cittadina amata per secoli da personaggi storici e divi dello spettacolo un mix magico di antico e moderno, luogo perfetto in cui rilassarsi e vivere incredibili esperienze culturali. Da non perdere assolutamente la Grotta di Tiberio, visibile passeggiando lungo il lato orientale della Riviera di Levante.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su