palazzo ducale tramonto

Cosa vedere al Palazzo Ducale di Venezia: consigli, prezzi e come arrivare

Palazzo Ducale, Venezia, guida alle opere da visitare assolutamente. Consigli, mappa, prezzi, info su cosa vedere e come arrivare, cenni storici e curiositÓ.

piazza san marco 2Il Palazzo Ducale di Venezia è il famoso edificio caratterizzato da archi e pilastri che si incontra appena giunti in Piazza San Marco. Impossibile non notarlo! Con la sua bellezza, la sua storia e la sua eleganza contribuisce senza dubbio a rendere la piazza ancora più interessante e inoltre si tratta della residenza storica dei dogi di Venezia e per tale motivo è anche uno dei simboli della città. Storia, arte, rinascimento e antichità si fondono in un unico imperdibile luogo. Scoprite cosa vedere al Palazzo Ducale, consigli, prezzi e come arrivare.
VEDI ANCHE: Cosa vedere a Venezia Cosa vedere a Venezia in un giorno

Cosa vedere e come visitare il Palazzo Ducale

palazzo ducale veneziaIl Palazzo Ducale è formato da 4 piani e suddiviso in 7 aree tematiche. Su ogni piano si trovano innumerevoli sale e inoltre si nascondono porte, scale e stanze segrete visitabili solo previa prenotazione dell'apposito itinerario con guida turistica specializzata presente in loco. Le aree tematiche sono:

  • Il Museo dell'Opera
  • Il Cortile
  • Le Logge
  • L'Appartamento del Doge
  • Le Sale Istituzionali
  • le Prigioni
  • l'Armeria

Sebbene il percorso di visita possa sembrare logico con partenza dal cortile ed arrivo all'ultimo piano risalendo i piani nell'ordine in cui si presentano, l'itinerario consigliato anche dal sito ufficiale è ben più complesso. Esso segue infatti le aree tematiche e non i piani, dovendo però salire e scendere più volte. A voi la scelta! In ogni caso ricordate che l'ingresso è uno solo, da Porta del Frumento in Piazza San Marco, e nonostante l'ampia suddivisione il palazzo è in gran parte accessibile ai disabili grazie ad ascensori e servizi situati al piano terra (toilette, bar, guardaroba, zona bimbi). Purtroppo Prigioni e Armeria, per ovvi motivi architettonici, sono collegati solo da scale. A tal proposito facciamo presente che anche l'itinerario attraverso i luoghi segreti del palazzo è accessibile solo a persone senza disabilità motorie per via delle scale e degli spazi ristretti.
Ed ora ecco come visitare il Palazzo Ducale: la suddivisione dei piani, le aree tematiche nel dettaglio e le rispettive sale.

1 - Museo dell'Opera

palazzo ducale san marcoSi estende per tutto il piano terra del palazzo dove vi era l'Opera, un ufficio tecnico per la manutenzione della struttura. Il museo è costituito principalmente dai capitelli che lo adornano i quali, oltre ad arricchire il palazzo ed essere una preziosa decorazione di sculture, fungevano da insegnamenti storici, morali, religiosi e politici poiché arricchiti di immagini di uomini, donne, bambini e segni zodiacali. Un codice incomprensibile dalla società attuale! Il museo si sviluppa in sei sale:

  • Sala I: con sei capitelli e rispettive colonne del porticato rivolti verso il Bacino di San Marco. Questi sei fanno parte del progetto più antico dell'edificio e qui si incontrano due tematiche. In ordine prima Salomone e Sette Sapienti e poi Teste Maschili di Razze Diverse.
  • Sala II: quì si trovano solo quattro capitelli i quali erano in origine collocati sulla facciata verso la piazza. Le raffigurazioni sono prettamente rivolte al lavoro, ai prodotti della terra e alle corrispondenze astrologiche, infatti la tematica si chiama I Mestieri
  • Sala III: con soli tre capitelli a tematica religiosa. Il primo è stato definito il più bello d'Europa. I temi apposti su questi capitelli si chiamano Creazione di Adamo, Pianeti e Loro Domicili e I Vizi Capitali.
  • Sala IV: vi sono due fusti di colonne del porticato ed un possente muro di pietra fatto di grandi massi che risale ad una fase antica del Palazzo. Nessuna raffigurazione e nessuna tematica particolare.
  • Sala V: altri due fusti di colonne del portico con archi acuti e rappresentazioni di teste di leoni.
  • Sala VI: conta ben 29 capitelli decorativi con un maggiore interesse per l'aspetto decorativo. Quì i disegni sono per lo più fogliame.

2 - Cortile

Percorrendo il corridoio d'ingresso del palazzo si arriva al cortile. Quì stile e schema sono uguali a quelli dell'esterno, le facciate però sono state realizzate tra il 1485 e il 1501, datazione avvenuta tramite gli stemmi dei dogi presenti sulle pareti. Nel cortile si apre la larga Scala dei Giganti e da quì inizia il percorso verso i piani superiori, ad esempio alle Logge che sormontano l'intero cortile le quali godono di un piano interamente a loro dedicato.

3 - Logge

Come già detto, le Logge si raggiungono tramite la Scala dei Giganti. Esse circondano il palazzo dall'interno e dall'esterno estendendosi su tutto il piano lasciando spazio ad ambienti minori destinati all'amministrazione e a vari servizi come la cancelleria ducale e la libreria. Le pareti di questo piano vedono incastonate delle bocche di leone nelle quali venivano introdotte le denunce di vari crimini che finivano in una cassetta posta dall'altra parte del muro in corrispondenza dell'ufficio competente. Sul piano si trovano due principali sale:

  • ​La Sala dello Scrigno: all'interno vi era il Libro d'Oro con i nomi dei patrizi veneziani e il Libro d'Argento con i nomi delle famiglie veneziane originali
  • La Sala della Milizia da Mar: il ritrovo dei membri del Senato e del Maggior Consiglio per reclutare gli equipaggi di guerra della flotta veneziana

4 - Appartamento del Doge

Questa area tematica è ovviamente riservata alle stanze del doge comprese tra il primo e il secondo piano dove si distinguono le stanze della sua vita privata e le Sale di Rappresentanza. Si tratta di un percorso artistico fatto di legno intagliato, stucchi, camini monumentali, marmi e decori finemente scolpiti, per mostrare l'evoluzione storica e iconografica della figura del doge. Le stanze sono:

  • Sala degli Scarlatti: per i consiglieri ducali
  • Sala dello Scudo: per ricevere gli ospiti
  • Sala Grimani: elegante con stemmi e decori in onore del doge Grimani
  • Sala Erizzo: contiene lo stemma del doge Erizzo
  • Sala degli Stucchi: interamente decorata da stucchi
  • Sala dei Filosofi: prende il nome da dodici immagini di filosofi antichi che si trovavano al suo interno
  • Sala delle Volte: per funzioni private quali banchetti di famiglia
  • Sala dell'Udienza: stanza ricca di putti alati, delfini e leoni
  • Sala dell'Antiudienza: contiene uno splendido camino ma la sua funzione non è mai stata chiarita
  • Sala degli Scudieri: la prima sala per accedere agli appartamenti del doge nella quale gli scudieri rimanevano di guardia

5 - Sale Istituzionali

Sono le sale nelle quali si svolgeva la vita politica e amministrativa della repubblica infatti quì si riunivano i principali organi di governo. Presentano decorazioni sempre fedeli e coerenti con le virtù dello Stato e delle funzioni svolte e si trovano spalmate su tre piani:

  • Primo Piano: Liagò, Quarantia Civil Vecchia, Sala del Guariento, Sala del Maggior Consiglio, Sala dello Scrutinio, Sala della Quarantia Criminal, Sala dei Cuoi, Sala del Magistrato delle Leggi
  • Secondo Piano: Atrio Quadrato, Sala delle Quattro Porte, Sala dell'Anticollegio, Sala del Collegio, Sala del Senato, Sala del Consiglio dei Dieci, Sala della Bussola
  • Piano delle Logge: Sala dei Censori, Sala dell'Avogaria de Comun, Sala dello Scrigno, Sala della Milizia da Mar

6 - Prigioni

ponte dei sospiriSi raggiungono dal primo piano attraversando la Sala del Magistrato delle Leggi la quale conduce ad uno stretto corridoio. Questo corridio è il famoso Ponte dei Sospiri (ben visibile già dall'esterno) così chiamato per riferirsi ai sospiri emanati dai prigioneri uscendo dal tribunale e dirigendosi verso la cella nella quale avrebbero scontato la loro pena. Percorrendo il ponte si giunge così ad un'altra ala dell'edificio che ospitava appunto le prigioni. Quì si possono osservare celle grandi, illuminate ed areate, così costruite per migliorare le condizioni di vita dei prigionieri.

7 - Armeria

L'Armeria del Palazzo Ducale era il luogo nel quale venivano conservati, custoditi e sistemati i vari strumenti di guerra sempre pronti all'utilizzo nel caso di necessità. Era affidata alle cure del Consiglio dei Dieci che sorvegliavano la sala e la proteggevano. Oggi questi strumenti sono ancora visibili poiché la sala ospita un vero e proprio museo di armi e munizioni che conta circa 2.000 pezzi nonostante con la fine della repubblica molti oggetti andarono persi. Il museo è suddiviso in 4 sale:

  • Sala I: è chiamata Sala della Gattamelata e custodisce l'armatura del condottiero Erasmo de Narni più alcuni esemplari da combattimento cinquecenteschi di vario genere
  • Sala II: conserva uno stendardo turco conquistato durante la battaglia di Lepanto ed un'armatura del 400 con alabarde e spade decorate
  • Sala III: quì si trovano diversi cannoni ed il busto di Francesco Morosini, un ammiraglio nominato comandante della flotta veneziana
  • Sala IV: espone una grande collezione di armi miste come balestre, mazze, spade, trappole e strumenti di tortura

8 - Luoghi Segreti

I luoghi segreti, come anticipato, si nascondono in tutto il palazzo e sono visitabili solo con una guida e su prenotazione. Il percorso proposto è un itinerario che conduce alla scoperta di questi luoghi non visibili nelle normali sale elencate finora, iniziando dall'ampio cortile entrando in una stretta porticina che porta nei Pozzi, ovvero dei terribili luoghi di detenzione. Da quì si sale una scala stretta per giungere a due piccole stanze le quali ospitavano il Notaio Ducale e il Deputato alla Segreta del Consiglio dei Dieci. Si prosegue poi verso la grande Sala della Cancelleria Segreta con pareti rivestite da armadi che conservavano atti pubblici e scritture segrete delle magistrature veneziane. Infine attraversando questa sala si arriva alla Stanza della Tortura e alla zona dei Piombi dove erano sistemate alcune celle, anch'esse segrete, riservate ai prigionieri del Consiglio dei Dieci.

Dove si trova e come arrivare

Mostra Mappa

  • A piedi: Venezia è un labirinto di vicoletti lungo i quali compaiono molte indicazioni per i principali punti della città. Seguite i cartelli per Piazza San Marco e, una volta arrivati, attraversatela completamente dirigendovi verso il mare, dopodiché svoltate a sinistra e troverete subito l'ingresso - Ottieni indicazioni
  • In vaporetto: linea 1 fino alla fermata Vallaresso - linea 2 fino alla fermata Giardinetti - linea 5.1 e linea 4.1 fino alla fermata San Zaccaria
  • In gondola: col mezzo più famoso della città è possibile arrivare ovunque, ma considerando che non fa parte del trasporto pubblico ed offre tour privati, bisognerà prenotare il giro concordando itinerario e prezzo con l'agenzia o col gondoliere
  • In taxi d'acqua: si trovano ovunque nei canali più larghi come ad esempio sul Canal Grande e anche in questo caso l'itinerario andrà concordato con il conducente, mentre il prezzo nella maggiorparte dei casi è una tariffa standard

Orari e prezzi

Il Palazzo Ducale, essendo una delle maggiori attrazioni di Venezia, è un luogo sempre molto affollato. L'orario migliore per visitarlo si riduce infatti all'apertura e alla chiusura in quanto durante tutta la giornata è parecchio affollato. L'orario di visita è comunque molto vasto e va dalla mattina presto alla sera tardi dividendosi in orario estivo ed invernale. Inoltre l'attrazione è aperta in ogni giorno dell'anno senza nessuna eccezione. Durante l'estate, solo nei weekend, è prevista l'apertura addirittura fino alle 23:00. Quanto ai prezzi, vi è la possibilità di diverse riduzioni che dipendono soprattutto dall'età. La riduzione spetta anche a chi ha acquistato la card che consente l'accesso agli altri Musei Civici di Venezia. Eccovi le informazioni dettagliate:

  • Orari:aprile-ottobre da domenica a giovedì dalle 8:30 alle 21:00, venerdì e sabato dalle 8:30 alle 23:00 / novembre-marzo tutti i giorni dalle 8:30 alle 19:00
  • Miglior orario per evitare code: tra le 8:30 e le 10:00 e dalle 17:00 a chiusura
  • Costo biglietto:€25,00 / €28,00 per seguire anche l'itinerario segreto con la guida
  • Riduzioni: sul normale ingresso €13,00 per bambini da 6 a 14 anni, studenti tra i 15 e i 25, anziani con più di 65 anni e possessori di Carta Rolling Venice - €5,50 a persona per gruppi scolastici / sull'ingresso all'itinerario segreto €15,00 per bambini da 6 a 14 anni, studenti tra i 15 e i 25, anziani con più di 65 anni e possessori di Carta Rolling Venice
  • Gratuità: bambini fino a 5 anni, disabili e possessori di MUVE Friend Card

Tour, visite guidate e biglietti online

Consigli utili per visitare l'attrazione

  1. Alzati presto: l'ideale sarebbe raggiungere l'ingresso entro le ore 8:00
  2. Acquista la city card: se sei interessato a visitare altri musei o attrazioni della città, puoi acquistare la MUVE Friend Card che consente l'accesso a tutti i Musei Civici di Venezia e risparmiare sugli ingressi
  3. Biglietto online: puoi acquistare i biglietti online ed evitare le code tenendo a mente che sul sito sono disponibili solo i biglietti ridotti perciò, se ne hai diritto, in questo modo potrai risparmiare tempo
  4. Itinerari Segreti: sono dei percorsi segreti che si snodano all'interno di alcune sale. Si tratta di piccoli spazi e scale ripide e strette, perciò è possibile visitarli solo a partire da 6 anni e senza alcuna difficoltà motoria, inoltre serve prenotare una visita apposita con accompagnatore qualificato
  5. Tempo minimo: ti consigliamo di considerare un minimo di 2 ore per la visita, anche se l'ideale sarebbe poter dedicare 3 ore
  6. Audioguida: nel caso visitassi l'attrazione in autonomia, l'audioguida è uno strumento molto utile per capire meglio cosa stai osservando. Costa €5,00 e puoi richiederla alla cassa!

Cenni storici e curiosità: cosa sapere in breve

palazzo ducale tramontoIl Palazzo Ducale, anticamente chiamato Palazzo Dogale in quanto residenza del doge di Venezia, ha una storia che parte dal lontano 700, quando venne edificato per la prima volta, una struttura della quale però non è rimasto niente. Circa 50 anni dopo venne costruita una nuova sede nella cittadina di Metamaucum, e successivamente trasferita a Rivoaltus, l'attuale zona del Ponte di Rialto. Infine ecco nell'812 la struttura attuale in Piazza San Marco che, nonostante i diversi incendi e le varie ristrutturazioni, rimane indubbiamente uno dei simboli della città e un bellissimo capolavoro gotico veneziano.
Terminata l'epoca dei dogi di Venezia, il Palazzo Ducale è diventato sede museale e conta oltre un milione di visitatori all'anno (circa 1.319.527).

Non hai ancora prenotato volo e hotel? Consulta le nostre offerte!


Ti Ŕ piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su