museo di vienna

Cosa vedere al Kunsthistorisches Museum di Vienna: consigli, prezzi e come arrivare

Kunsthistorisches Museum, Vienna, guida alle opere da visitare assolutamente. Consigli, mappa, prezzi, info su cosa vedere e come arrivare, cenni storici e curiosità.

skyline di viennaVienna è una città elegante, raffinata. Una città che è fiorita e ha prosperato sotto il dominio asburgico, fino ad assumere un ruolo fondamentale sia dal punto di vista storico che da quello culturale. Oggi, la capitale austriaca, nonostante abbia perso quel suo ruolo centrale, sa ancora attrarre l'attenzione su di sé richiamando milioni di visitatori ogni anno.

Vienna infatti è la culla di numerosi compositori di spicco (quali Mozart e Vivaldi), ma è anche patria di bellissimi esempi di architettura barocca e di giardini stile Jugendstil. Inoltre, la città ospita numerosissimi musei di rilievo: uno dei principali è senza dubbio il Kunsthistorisches Museum, considerato uno dei musei più antichi e ricchi al mondo. Ve lo presentiamo.
VEDI ANCHE: 10 cose da vedere assolutamente a Vienna Cosa vedere a Vienna in un giorno

Cosa vedere e come visitare Kunsthistorisches Museum

museo di viennaIl Kunsthistorisches Museum raccoglie al suo interno opere di straordinario valore storico e culturale, di cui gran parte dei pezzi della collezione originaria appartenenti un tempo alla casata degli Asburgo. Alla collezione originaria, costituita dai ritratti e dalle armature di Ferdinando II d'Austria, dalle pitture di Leopoldo d'Asburgo e dalla collezione privata dell'imperatore Rodolfo II d'Asburgo, si sono poi aggiunte altre collezioni successive: la collezione egizia-orientale, quella delle antichità greche e romane, quella della scultura e delle arti decorative, oltre al gabinetto numismatico e alla biblioteca.

Il museo è suddiviso in tre diversi piani:

  • Piano terra: il percorso parte da qui, dove (oltre all'ingresso, al negozio, al guardaroba e ai servizi igienici) sono presenti la collezione egizia, quella di arte antica e la Kunstkammer viennese (qui vi sono custodite statuette in bronzo, oggettini preziosi, oreficeria, orologi di pregio, ecc. commissionati dagli stessi sovrani austriaci);
  • Primo piano: lo spazio è dedicato alla pinacoteca vera e propria, composta da dipinti di artisti viennesi e non realizzati tra il XV secolo e il 1800
  • Terzo piano: occupato dal gabinetto numismatico; a questo livello sono esposti più di 2500 pezzi di monete e medaglie antiche (cosa che rende il Kunsthistorisches Museum la quinta collezione di monete più grande del mondo).

Qui di seguito, vi abbiamo selezionato le 8 opere imperdibili all'interno della galleria pittorica del museo.

1 - Pala di San Cassiano, Antonello da Messina

pala di san cassianoCosì chiamata in onore della chiesa veneziana di San Cassiano che la ospitava, la Pala realizzata da Antonello da Messina costituisce un'opera di fondamentale importanza oltre che essere uno dei pezzi più preziosi della collezione: sebbene gravemente mutilata nel corso dei secoli, la pala segnò una vera e propria spaccatura tra la pittura veneta del '400.

  • Data creazione: 1475-76
  • Autore: Antonello da Messina
  • Dimensioni: 115x65 cm pannello centrale, 55,9x35 cm pannello sinistro e 56,8x35,6 cm pannello destro
  • Tecnica dell'opera: dipinto olio su tavola con tematiche religiose

2 - Quattro stagioni, Giuseppe Arcimboldo

autunno di giuseppe arcimboldoSi tratta di una serie di quattro dipinti, ognuno dei quali raffigurante un soggetto di sembianze semi-umane realizzato però con frutti, fiori ed elementi vegetali legati alla stagione di riferimento. L'autore, Arcimboldo, realizzò questi dipinti per celebrare in maniera allegorica il reame viennese unendo il microcosmo al macrocosmo.

  • Data creazione: 1563
  • Autore: Giuseppe Arcimboldo
  • Dimensioni: 66x50 cm
  • Tecnica dell'opera: pittura a olio su tavola

3 - Giovane donna nuda allo specchio, Giovanni Bellini

giovane donna nuda allo specchio giovanni belliniIl dipinto appartiene all'ultima fase produttiva del pittore Bellini, tra i più importanti artisti del Rinascimento italiano. Il soggetto rappresentato è appunto una donna nuda che si sta acconciando davanti allo specchio. Alle sue spalle, da una finestra si intravede un paesaggio naturale luminoso che contrasta il colore più scuro degli interni. Notevoli i riferimenti alla pittura fiamminga.

  • Data creazione: 1515
  • Autore: Giovanni Bellini
  • Dimensioni: 62x79 cm
  • Tecnica dell'opera: olio su tavola di pioppo

4 - Pietà con due angeli, Annibale Carracci

pieta con due angeli annibale carracciGesù giace morto a terra, disteso sopra un sudario mentre appoggia il capo sul grembo di Maria (probabilmente svenuta per il troppo dolore). Due cherubini, infatti, cercano di sostenerla e piangono anch'essi disperatamente. Alla scena principale (situata verso il lato sinistro) si oppone dal lato opposto la lastra tombale, sulla quale sono poggiati i segni della Passione: la corona di spine e i chiodi, ancora sporchi del sangue di Cristo.

  • Data creazione: 1603 circa
  • Autore: Annibale Carracci
  • Dimensioni: 41x60,8 cm
  • Tecnica dell'opera: olio su rame

5 - Davide con la testa di Golia, Caravaggio

davide con la testa di golia caravaggioIl giovane eroe della tradizione biblica, Davide, tiene in mano la testa del suo avversario sconfitto, il gigante Golia, come una sorta di macabro trofeo. Il colore cupo dello sfondo si contrappone alla luminosità dei corpi, tratto distintivo della pittura di Caravaggio, come anche la drammaticità della scena che viene espressa dalla smorfia di dolore sul volto del gigante, collocato più in primo piano rispetto al giovane vittorioso.

  • Data creazione: 1607
  • Autore: Caravaggio
  • Dimensioni: 90,5x116,5 cm
  • Tecnica dell'opera: olio su tela

6 - San Sebastiano, Mantegna

san sebastiano mantegnaSi tratta probabilmente dell'opera più famosa di Mantegna. San Sebastiano, rappresentato nell'attimo topico del suo martirio, è legato a una colonna di un monumento romano poggiando i piedi su un pavimento a scacchiera, ed è ritratto nudo con il solo perizoma. Il corpo, muscoloso ma contorto, è trafitto da frecce che sono penetrate nella carne in profondità; inoltre, lo stacco netto dei colori sulla tavola e il cielo cupo della composizione trasmettono un forte senso di inquietudine e di sacralità.

  • Data creazione: 1456-57
  • Autore: Mantegna
  • Dimensioni: 68x30 cm
  • Tecnica dell'opera: tempera su tavola

7 - Madonna del Belvedere, Raffaello

madonna del belvedere raffaelloConosciuta anche come Madonna del Prato, la Madonna del Belvedere è un'opera di spicco della produzione artistica di Raffaello Sanzio. In un paesaggio lacustre verdeggiante, si trovano la Madonna che regge tra le gambe Gesù Bambino e San Giovannino, inginocchiato nell'angolo sinistro. L'attenta composizione di forma piramidale e il continuo rimando di sguardi e gesti tra i tre personaggi, rendono questo dipinto uno dei più significativi realizzati dall'autore.

  • Data creazione: 1506
  • Autore: Raffaello
  • Dimensioni: 113x88 cm
  • Tecnica dell'opera: olio su tavola

8 - Giochi di bambini, Bruegel il Vecchio

giochi di bambini bruegel il vecchioTra le opere più curiose realizzate da Bruegel, Giochi di bambini rappresenta la veduta di una piazza di paese interamente occupata da gruppi di bambini che mettono in scena circa un'ottantina di giochi allora conosciuti. Sebbene il tema fosse già particolarmente in voga nell'arte medievale, la particolarità del dipinto sta nell'utilizzo della prospettiva e dell'attenzione nella composizione (i soggetti sono sparpagliati a gruppi nel dipinto, ma paradossalmente in maniera equilibrata), oltre che nella critica velata all'inutilità delle azioni umane (i visi dei soggetti rappresentati non sono infatti sorridenti come dovrebbe essere).

  • Data creazione: 1560
  • Autore: Bruegel il Vecchio
  • Dimensioni: 118x161 cm
  • Tecnica dell'opera: olio su tavola

Dove si trova e come arrivare

  • A piedi: il museo si trova in Maria-Theresien-Platz, una delle piazze più importanti di Vienna. Per arrivarci a piedi, vi basterà partire dalla Piazza del Municipio e camminare per circa 8 minuti in direzione del quartiere dei musei, costeggiando il Parco Volksgarten. - Ottieni indicazioni
  • In treno: Vienna è dotata di un'efficientissima rete di trasporti di superficie (gestiti dalla Wiener Linien) che permettono collegamenti in ogni angolo della città. Poco distante dall'ingresso del museo, si trova la fermata Burgring, da cui partono/arrivano mezzi ogni 3 minuti circa. La fermata dista dal museo meno di un minuto a piedi.
  • In metro: anche la metro è un modo molto comodo per arrivare a destinazione velocemente. In Maria-Theresien-Platz, si trova la fermata della linea U3 chiamata Volkstheater, poco lontana dal museo. Il costo di un biglietto della metro si aggira mediamente intorno ai €3,00.

Orari e prezzi

  • Orari:il museo è aperto da martedì a domenica, dalle 10.00 alle 18.00. Il giovedì la chiusura è posticipata alle 21.00.
  • Giorno di chiusura: tutti i lunedì.
  • Miglior orario per evitare code: appena dopo l'orario di apertura oppure nel tardo pomeriggio (ricordate che l'ingresso è permesso fino a un'ora prima dell'ora di chiusura).
  • Costo biglietto:Il costo del biglietto a persona è pari a €16,00 (€12,00 in caso di gruppi)
  • Riduzioni: riduzioni previste per i possessori della Vienna City Card,
  • Gratuità: i bambini e i ragazzi sotto i 19 anni non pagano l'ingresso al museo.

Tour, visite guidate e biglietti online

Consigli utili per visitare l'attrazione

  1. Acquista la city card: se sei interessato a visitare altri musei o attrazioni della città, puoi acquistare la card di Vienna e risparmiare sugli ingressi, oltre a poter usufruire di interessanti sconti in ristoranti, locali, ecc. Le card principali sono: la Vienna City Card, il Vienna PASS o il Vienna Flexipass.
  2. Biglietto prioritario e/o cumulativo: acquista il biglietto con ingresso prioritario per evitare di trovarti in coda, oppure puoi optare per il biglietto cumulativo grazie al quale potrai visitare altre cose interessanti, come per esempio il Tesoro degli Asburgo o entrare in uno degli altri musei lì vicino. Vienna: biglietto d'ingresso al Kunsthistorisches Museum
  3. Tempo minimo: ti consigliamo di considerare un minimo di 4 ore per la visita, sebbene l'ideale sarebbe poter dedicare una giornata o più.
  4. Non limitarti al Kunsthistorisches Museum: nei dintorni si trovano moltissimi altri musei che meritano di essere presi in considerazione, come per esempio il Museo Storico-Naturalistico situato proprio lì di fronte. Prenditi una giornata per esplorare la zona e lasciarti stupire dalla varietà dei musei viennesi!

Cenni storici e curiosità: cosa sapere in breve

quartiere dei musei viennaIl museo venne inaugurato ufficialmente nell'ottobre del 1891 alla presenza dell'imperatore Francesco Giuseppe I d'Asburgo, e aperto al pubblico per la prima volta qualche giorno più tardi.

Insieme al Kunsthistorisches Museum, anche il Museo storico-naturalistico (situato proprio di fronte, nella stessa piazza) fu commissionato dallo stesso imperatore Francesco nel 1858: lo scopo del sovrano era quello di creare un patrimonio culturale accessibile a tutti i cittadini viennesi (ma non solo), oltre che voler riunire in unico luogo e preservare la vastissima raccolta di testimonianze, pere d'arte, oggettistica, ecc. legata alla dinastia degli Asburgo.

Il concorso per la realizzazione dei due edifici venne vinto da due architetti tedeschi, i quali si prefissarono di realizzare due palazzi eleganti e maestosi, ispirati allo stile rinascimentale italiano, marmo e stucchi compresi. Tuttavia, per le pressioni messe in atto proprio dal sovrano che era impaziente di ammirare concluso il progetto, si vocifera che la prima pietra venne posata senza alcuna cerimonia ufficiale un'anonima giornata di novembre del 1871.

Non hai ancora prenotato volo e hotel? Consulta le nostre offerte!


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su