i borghi piu belli della tuscia viterbese

I borghi più belli della Tuscia Viterbese

I Borghi più belli della Tuscia: scopri cosa vedere nell'antica Etruria, le attrazioni ed i paesini medievali da visitare vicino Viterbo e Orvieto,

i borghi piu belli della tuscia viterbeseIl Viterbese è ricco di borghi affascinanti, per questo rappresenta una delle zone più suggestive e apprezzate del Lazio. Un luogo senza tempo dove le tradizioni prendono forma perché non sono mai state perse. Turisti occasionali o turisti esperti, questa zona dello stivale riesce ad affascinare e incuriosire chiunque decida di trascorrere del tempo nei suoi borghi magici, da Bracciano ad Acquapendente, da Bolsena a Calcata, senza dimenticare Civita Castellana e Tuscania. Lungo le sue antiche strade che raccontano popolazioni e abitudini: ecco i borghi più belli della Tuscia Viterbese, chiamata così perché anticamente terra degli etruschi, da non perdere in un viaggio alla scoperta delle meraviglie italiane.
VEDI ANCHE: 10 posti da visitare nel Lazio

1 - Bracciano

braccianoDifficile trovare chi non conosce Bracciano con il suo castello e il suo lago. La sua origine non è ancora ben chiara, sembra che il primo insediamento risalga al X secolo. Da visitare assolutamente ci sono il Duomo di Santo Stefano che risale al 1200, la Chiesa di Santa Maria Novella risalente al 1436 con l'annesso Museo Civico e il castello Odescalchi che dalla sua posizione domina tutto il territorio caratterizzato dal lago sabatino. Suggestivi anche i molti vicoli che si snodano intorno alle sue mura.

  • Come arrivare:In auto da Civitavecchia in circa 45 minuti attraverso l'A12/E80 in direzione Roma verso Cerveteri (uscita Cerveteri/Ladispoli). Con l'autobus della Linea Cotral da Civitavecchia, fermate di Porta Tarquinia, Stazione Ferroviaria e Piazza Vittorio Emanuele. Ottieni indicazioni, clicca qui
  • Monumenti e attrazioni: Castello Odescalchi, Duomo di Santo Stefano, Chiesa di Santa Maria Novella, Museo Civico.
  • Info Utili: il castello è aperto dal martedì alla domenica dalle 10:00 alle 18:00, il costo della visita è €8,50. Il Duomo è visitabile gratuitamente così come la Chiesa di Santa Maria Novella, Il Museo Civico è aperto dal martedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e nei weekend dalle 10:00 alle 18:00 (dal 15 settembre al 31 maggio); dal martedì al venerdì dalle 16:00 alle 19:00 e il weekend dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00 (dal 1 giugno al 14 settembre).

2 - Bolsena

bolsenaCentro fortemente legato all'agricoltura e alla pesca, Bolsena sorge su un colle ai piedi dei monti Volsini. Meta molto apprezzata dai turisti che la visitano numerosi per la tranquillità del borgo, la salubrità dell'aria e per il suo indiscutibile fascino. Non è un segreto che rappresenti, da sempre, uno dei borghi più suggestivi del Lazio.
VEDI ANCHE: i borghi più belli d'Italia - classifica ufficiale

  • Come arrivare:In auto percorrendo l'Austostrada del sole (A1), uscita Orvieto poi imboccando la strada Umbro Casentinese (per circa 24 km). In autobus si sale sulla linea Cotral da Orvieto le cui fermate utili sono Piazza Cahen e piazzale Stazione ferroviaria Orvieto Scalo, o da Roma fermata Saxa Rubra cambiando però a Viterbo. Ottieni indicazioni, clicca qui
  • Monumenti e attrazioni: Cappella del Miracolo, chiesa di Santa Cristina, Convento di Santa Maria del Giglio, Rocca Monaldeschi della Cervara, Lago di Bolsena.
  • Info Utili: Le chiese sono visitabii gratuitamente, il Convento di santa Maria del Giglio è anche un punto di ristoro (prezzo medio €10,00), La Rocca Monaldeschi della Cervara è aperta il lunedì dalle 15:00 alle 18:00, dal martedì al venerdì, weekend e festivi dalle 10:00 alle 18:00.

3 - Acquapendente

acquapendenteAcquapendente si trova sopra un'altura che domina la valle del fiume Paglia ed è proprio questa sua posizione a cavallo tra Lazio e Toscana a regalarle un'atmosfera suggestiva, unica. E' un luogo che i turisti amano per le sue bellezze da scoprire e perché è un punto molto comodo dal quale si possono raggiungere molte altre città vicine come Orvieto, il Lago di Bolsena e Siena, ma non soltanto. Della sua antica cinta muraria sono rimaste tre porte. Da non perdere la visita alla Torre dell'Orologio, detta anche del Barbarossa, la Rocca che venne fatta costruire da Enrico IV nel XII secolo e che ormai è completamente distrutta.

  • Come arrivare:in auto si imbocca l'A1 Firenze-Roma, da nord uscita Fabro direzione Acquapendente oppure imboccando sempre l'A1 Firenze-Roma, da sud uscita Orvieto in direzione Acquapendente. In autobus si sale sulla linea Cotral da Viterbo o da Roma (Saxa Rubra) anche se da qui è necessario cambiare sempre a Viterbo e salire sull'autobus diretto ad Acquapendente. Ottieni indicazioni, clicca qui
  • Monumenti e attrazioni: Torre dell'Orologio, Porta delle Antiche Mura, Cattedrale del Santo Sepolcro, Museo della città.
  • Info Utili: La Torre dell'Orologio, la porta e la Cattedrale sono a ingresso gratuito. Il museo della città ha un costo di visita di €3,00 ed è aperto nei weekend e giorni festivi in inverno dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 19:00 e in estate dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:30. Dal lunedì al giovedì la visita è su prenotazione.

4 - Calcata

calcataIl borgo di Calcata si trova nel cuore dell'Agro Falisco, nella valle del Treja. Nonostante disti appena 40 chilometri da Roma, mantiene una propria personalità e un proprio carattere. L'accesso al borgo è possibile dall'unica porta rimasta dell'antica cinta muraria. E' chiamata anche borgo degli artisti perché è popolata da molti artisti provenienti da tutte le arti del mondo che hanno trovato in Calcata un luogo in cui fermarsi per lavorare e creare. Il cuore del borgo, nonché punto di ritrovo è la sua piazza dalla quale si irradiano le altre strade. Oltre che per il tufo, Calcata è celebre per essere il paese delle streghe. Per chi lo desidera da qui è possibie raggiungere alcuni percorsi naturalistici a piedi o a cavallo. Curiosità: qui non prendono cellulari e non ci sono reti wi-fi.

  • Come arrivare:in auto da Roma si percorre la Strada statale 2 bis Cassia Veientana prendendo l'uscita 5 e successivamente quella per Campagnano e ancora più avanti quella per Mazzano Romano, da lì seguire le indicazioni per Calcata. Se si percorre l'A1, invece, da nord uscita Magliano Sabina poi sulla SS 3 Flaminia in direzione Roma e seguire poi le indicazioni per Faleria-Calcata. Da sud sull'A1 fino al Grande Raccordo Anulare poi le indicazioni sono le stesse. In autobus la linea è la Cotral da Roma (fermata Saxa Rubra). Ottieni indicazioni, clicca qui
  • Monumenti e attrazioni: Chiesa del santissimo Nome di Gesù, Opera bosco Museo d'arte della natura.
  • Info Utili: La chiesa è visitabile gratuitamente, l'Opera Bosco è aperta la domenica e i giorni festivi dalle 11:00 al tramonto e il costo di visita è di €7,00.

5 - Civita di Bagnoregio

civita di bagnoregioFino a qualche tempo fa Civita di Bagnoregio era celebre per essere definita "la città che muore". Oggi, grazie al turismo non è più così, anzi è totalmente rinata. La sua storia parte da lontano, precisamente sembra sia stata fondata oltre 2.500 anni fa dagli Etruschi. A chiamarla la città che muore è stato Bonaventura Tecchi, a causa del suo destino. Il colle tufaceo su cui si poggia è eroso alla base da due torrenti sottostanti, così come dal vento e dalla pioggia. Nonostante questo però non c'è niente di certo. Curiosità: i suoi abitanti sono 16, secondo l'ultimo censimento del 2011, ma sembra che oggi siano ancora meno. Al borgo si accede attraverso un ponte esclusivamente pedonale lungo 300 metri e costruito nel 1965.
VEDI ANCHE: Civita di Bagnoregio, come arrivare e cosa vedere

  • Come arrivare:In auto percorrendo l'A1 da nord, uscire a Orvieto e proseguire seguendo le indicazioni per Bagnoregio. Se invece si proviene da sud l'uscita è quella di Orte, si dovrò poi proseguire sulla superstrada per Viterbo e uscire a Bagnaia-Montefiascone per continuare sulla Provinciale Teverina fino al borgo. In autobus si raggiunge da Orvieto (stazione ferroviaria) con la linea Cotral. Ottieni indicazioni, clicca qui
  • Monumenti e attrazioni: chiesa e piazza di San Donato, grotta di San Bonaventura, i palazzi rinascimentali.
  • Info Utili: la visita del borgo ha una tariffa di €3,00 nei giorni feriali e di €5,00 nei festivi.

6 - Tuscania

tuscaniaUno dei luoghi più suggestivi della Tuscia, Tuscania è una città d'arte di circa 8mila abitanti. Dal tipico aspetto medievale, è celebre in particolare per le sue due basiliche: quella di Santa Maria Maggiore e quella di San Pietro, appena fuori dalla cerchia delle mura. Da visitare sicuramente piazza Bastianini con il suo Duomo e la sua fontana del seicento e il Museo Nazionale Tuscanese che custodisce i sarcofagi e altri elementi legati alle antiche famiglie della città vissute tra il VI e il II secolo a. C.

  • Come arrivare:In auto percorrendo l'A12 Roma-Civitavecchia, Aurelia fino a Tarquinia e poi Strada Provinciale 3. In autobus è attiva la linea Cortral da Orvieto. Ottieni indicazioni, clicca qui
  • Monumenti e attrazioni: Basiliche di Santa Maria Maggiore e di San Pietro, Museo Nazionale Tuscanese, piazza Bastianini.
  • Info Utili: la visita alle basiliche è possibile (gratuitamente) dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00, da ottobre ad aprile invece l'orario pomeridiano è dalle 14:30 alle 16:30. Il Museo Nazionale Tuscanese (gratuito) è aperto tutti i giorni dalle 8:30 alle 19:30.

7 - Sutri

sutriConsiderata la porta dell'Etruria, Sutri è un vero baluardo etrusco oltre che importante punto di snodo di pellegrini e merci fino al periodo medievale. La sua posizione su un rilievo tufaceo che domina la Cassia lo rende ancora più suggestivo. Le sue origini risalgono probabilmente all'età del bronzo, ma non ci sono molte testimonianze che lo confermiano. Da scoprire assolutamente: l'anfiteatro romano, le sua strutture religiose, il mitreo, luogo dedicato al Dio Mitra, Palazzo Savorelli.

  • Come arrivare:In auto da Roma o da Viterbo percorrendo la via Cassia. In autobus con la linea Cotral da Roma (fermata Saxa Rubra). Ottieni indicazioni, clicca qui
  • Monumenti e attrazioni: anfiteatro romano, Duomo, Mitreo, Palazzo Savorelli.
  • Info Utili: per l'anfiteatro e il Mitreo il costo d'ingresso è €5,00 intero e €3,00 ridotto e si possono visitare dal martedì al venerdì dalle 9:00 alle 14:00 e i weekend e festivi dalle 9:00 alle 16:00. Il Giardino Villa Savorelli ha ingresso gratuito e si può visitare tutti i giorni dalle 9:00 alle 16:00.

8 - Capodimonte

capodimonteCapodimonte si trova sulla riva nord est del lago di Bolsena su un promontorio di circa 330 metri. A dominare la città c'è la Rocca dei Farnese che venne fatta costruire nel XV secolo da Pier Luigi Farnese. Città dalla storia molto complessa, fu distrutta prima nel 280 a.C. e poi alla metà del VIII secolo dai Longobardi. Ancora oggi da scoprire ci sono molte attrazioni tra cui proprio il Palazzo Farnese di Capodimonte (detto anche la Rocca) e la necropoli che si estende per 5 chilometri.

  • Come arrivare:In auto percorrere l'A1 e uscire a Orte, poi la superstrada per Viterbo uscita Siena, prendere poi la Cassia fino all'uscita Capodimonte che si raggiunge dopo circa 20 km. In autobus la linea Cotral da Roma (Saxa Rubra) o da Viterbo. Ottieni indicazioni, clicca qui
  • Monumenti e attrazioni: Rocca Farnese, Necropoli
  • Info Utili: La rocca è aperta (ingresso gratuito) dalle 10:00 alle 13:00 la domenica, il martedì e il mercoledì, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00 il venerdì e il sabato. Il lunedì è chiusa.

9 - Montefiascone

montefiascone(1)Montefiascone sorge a 590 metri sul livello del mare, in cima al colle più alto dei monti Volsini. La sua origine risale al Medioevo, anche se ancora nessuno è riuscito a darne la certezza. Il suo centro storico custodisce importanti testimonianze del suo passato raccontato dagli edifici che ancora sono visitabili, dalla Cattedrale di Santa Margherita alla chiesa di San Flaviano, senza dimenticare la sua rocca costruita nel XII secolo e oggi in parte danneggiata ma sempre maestosa e uno dei luoghi della zona più visitati. Il suo nome viene fatto risalire a Mons (per la sua posizione sul colle) e a Faliscorum (dal popolo dei Falisci che si stanziarono nell'area).

  • Come arrivare:in auto direzione nord percorrendo l'A1 e uscire a Orte, poi la superstrada per Viterbo fino all'uscita Montefiascone. Direzione sud attraverso l'A1 uscita Orvieto continuando sulla Strada Statale Amerina, alla rotonda prendere la terza uscita per la SS 71 e percorrerla per 27 km. Ottieni indicazioni, clicca qui
  • Monumenti e attrazioni: Cattedrale di Santa Margherita, chiesa di San Flaviano, Rocca dei Papi.
  • Info Utili: la chiesa di San Flaviano è visitabile tutti i giorni gratuitamente dalle 9:00 alle 19:00, la Cattedrale di Santa Margherita è visitabile gratuitamente tutti i giorni dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00, la Rocca dei Papi è visitabile tutti i giorni dalle 8:30 al tramonto e il costo per la visita è di €4,00.

10 - Soriano nel Cimino

soriano nel ciminoSoriano nel Cimino è il più grande comune tra quelli del comprensorio dei Monti Cimini, sorge a 509 metri sul livello del mare. Il suo nome sembra derivare da Sorinianum, anche se la sua etimologia è ancora sconosciuta. Alcune teorie lo farebbero risalire a una famiglia romana, altre ai primi esemplari di gatto soriano importato in Italia dal Medio Oriente e altre ancora a un termine di origine etrusca, composto da surus e inaus che significa luogo boscoso. Da visitare il Castello Orsini, il Palazzo Chigi-Albani con la sua celebre e curiosa fontana Papacqua, le chiese e poco distante dal borgo la Faggeta, dichiarata Patrimonio Naturale dell'Umanità dall'Unesco a luglio 2017.

  • Come arrivare:In auto da nord attraverso l'A1 uscita Attigliano per poi proseguire in direzione Bomarzo-Viterbo fino al bivio per Soriano; se si arriva da sud invece sull'A1 si imbocca l'uscita per Orte continuando sulla Superstrada per Viterbo fino allo svincolo per Soriano. Per chi arriva da Roma si può percorrere anche la Cassia. In autobus con la linea Cotral da Roma (fermata Saxa Rubra o Tiburtina) per Viterbo poi corsa per Soriano nel Cimino oppure per Orte. Ottieni indicazioni, clicca qui
  • Monumenti e attrazioni: Castello Orsini, Palazzo Chigi-Albani, Duomo, Chiesa di Sant'Eutizio, Chiesa di Sant'Agostino, Faggeta.
  • Info Utili: il Castello Orsini è visitabile gratuitamente tutti i giorni dalle 10:00 alle 17:30 da novembre a marzo, il sabato e la domenica dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00 da aprile a ottobre. La faggeta è aperta per le visite dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 12:00 e nei weekend dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 16:30 alle 19:00.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su