Bangkok Tailandia Wat Arun Tramonto Bangkok è una destinazione fatta di contrasti, dove i grattacieli e la modernità si contrappongono alla tradizione e agli antichi templi. E uno dei templi più famosi è il Wat Arun, conosciuto anche come Tempio dell'Alba, situato proprio sulla sponda del fiume. Ecco tutti i nostri consigli per organizzare al meglio una visita al Tempio dell'Alba di Bangkok.
VEDI ANCHE: Cosa vedere a Bangkok

Orari e prezzi

Il Tempio dell'Alba, meglio conosciuto come Wat Arun, è aperto tutti i giorni, nella fascia oraria 8:00-17:30. Alcune giornate, soprattutto con grande affluenza turistica, potrebbe rimanere aperto fino alle 18:00. L'ingresso al tempio è di circa 100,00 THB (€2,70). Assicuratevi di avere sempre contanti con voi, non sempre sono accettate la carta di credito per pagamenti.

  • Orari: tutti i giorni 8:00-17:30;
  • Miglior orario per evitare code: la mattina presto all'apertura;
  • Costo biglietto: 100,00 THB (€2,70).

Visita guidata combinata: spostarsi a Bangkok può essere davvero stressante tra tuk tuk e traffico. Partecipa quindi ad un tour guidato combinato che comprende anche la visita al Palazzo Reale e al Wat Pho, due delle principali attrazioni della capitale thailandese.

Biglietti online e visite guidate

Cosa vedere e come visitare il Wat Arun

bangkok tailandia wat arun tramonto Il Wat Arun è oggi uno dei simboli di Bangkok e della Thailandia, uno dei templi da visitare assolutamente nella capitale, da inserire anche in un itinerario di un giorno. L'ingresso al tempio si trova in prossimità del molo traghetti Wat Arun Ferry Pier (Wat Arun Ratchawararam). Una volta scesi dall'imbarcazione, vi basterà percorrere il breve viale per arrivare all'ingresso.

Il tempio si compone di diversi edifici, di cui il più famoso è la grande torre centrale, in thailandese chiamata þrahng. Costruita in stile Khmer e decorata con porcellana smaltata con motivi floreali, è alta circa 80 m e simboleggia il Monte Meru, ovvero il centro dell'universo secondo la religione induista. E' possibile salire sulla torre: ogni lato dispone infatti di una scalinata piuttosto ripida (consigliato indossare scarpe comode) che permettono di accedere alle due terrazze da cui si ammira una splendida vista su Bangkok. Sulle terrazze potrete ammirare le statue dei Kinnara, ovvero delle figure induiste e buddhiste che aiutano l'uomo nel momento di pericolo.

Oltre alla grande torre centrale, è possibile ammirare altri templi ed edifici:

  • Sala dell'Ordinazione: costruita nel XIX secolo, le cui parete interne sono decorate con numerosi affreschi della vita di Buddha e delle sue precedenti incarnazioni;
  • Tempio principale: tempio situato a ovest della torre centrale. Questo è il luogo dove si trovava un tempo la statua del Buddha di Smeraldo;
  • Bot Noi: piccolo tempio situato a est della torre centrale. Era la precedente Sala dell'Ordinazione e al suo interno è ancora custodito il letto in cui meditava il re Taksin;
  • Vihan noi: piccolo tempio situato vicino al Bot Noi e costruito durante il Regno di Ayutthaya;
  • Padiglioni Cinesi: sulla riva del fiume si trovano 6 sale in stile cinesi, decorati con statue sacre e porcellana colorata, oggi utilizzati anche come attracchi per le imbarcazioni.

Dove si trova e come arrivare

  • A piedi: in 158 Thanon Wang Doem, Wat Arun, sulla sponda opposta del fiume Chao Phraya. Raggiungibile a piedi dal tempio Wat Kanlayanamit Woramahawihan (1 km, 13 min) e dal Wanglang Market (1,7 km, 20 min) - Ottieni indicazioni;
  • In traghetto: molo di riferimento Wat Arun Ratchawararam, traghetti linea Local Line e Red Line. Dal Wat Pho (situato sulla sponda opposta di fronte al Wat Arun), prendere il traghetto Local Line dal molo Tha Tien (3 min);
  • In metro: fermata di riferimento Itsaraphap, servito dalla metro linea MRT Blue Line. Dista dal Wat Arun 900 m (11 min a piedi).

Consigli utili per visitare l'attrazione

  1. Alzati presto: l'ideale sarebbe raggiungere l'ingresso entro le ore 8:30, all'orario di apertura, quando ci sono ancora pochi turisti in giro in città;
  2. Visita al tramonto: l'ultima ora di apertura è sicuramente il momento più affascinante per visitare il tempio, ma è anche il più affollato, perdendo tutta la sua magia. Valuta la visita al tramonto in base alle tue aspettative;
  3. Tour guidato: partecipa ad un tour combinato che include la visita al Palazzo Reale, al Wat Pho e al Wat Arun, le tre principali attrazioni di Bangkok. Info e costi qui;
  4. Occhio alle restrizioni: trattandosi di un luogo sacro, è richiesto un abbigliamento consono sia per donne che per uomini, con spalle coperte e pantaloni almeno sotto al ginocchio.
  5. Tempo minimo: ti consigliamo di considerare un minimo di un'ora per la visita. L'ideale sarebbe poter dedicare 2 h tempo;
  6. Traghetto: raggiungilo con il traghetto, ma non aspettarti i traghetti di Venezia! Qui vengono infatti utilizzate le barche tipiche thailandesi, un'esperienza assolutamente da provare. Costo 4,00 THB (€0,10).

Cenni storici e curiosità: cosa sapere in breve

bangkok wat arun La costruzione del Wat Arun risale al periodo del Regno di Ayutthaya: Ayutthaya, in passato, fu infatti l'antica capitale del Regno del Siam. Oggi è sicuramente uno dei simboli di Bangkok e una delle attrazioni più famose Thailandia.

La storia del tempio è un po' travagliata e, nel corso dei vari regni, cambiò nome diverse volte. In origine il suo nome era Wat Makok, che significa Tempio degli Ulivi, ma con la caduta del regno e la nuova capitale a Thonburi, il nome venne cambiato in Wat Chaeng. In questo periodo ospitava la famosa statua del Buddha di Smeraldo, che dal 1785 è stata trasferita nel tempio di Wat Phra Kaew, all'interno del Palazzo Reale di Bangkok.

Il nome Wat Arun Ratchatharam lo si deve all'imperatore Rama II, che apportò anche grandi ristrutturazioni e ampliamenti, fino a farlo diventare il tempio che possiamo visitare oggi. Il nome è stato scelto in omaggio ad Aruna, ovvero la divinità induista dell'alba, da qui Tempio dell'Alba.
VEDI ANCHE: Cosa sapere per un Viaggio in Thailandia