Visita al Giardino di Boboli a Firenze: Come arrivare, prezzi e consigli

Cerchi consigli per visitare il Giardino di Boboli a Firenze? Ecco info su come arrivare, prezzi, orari e una guida per un tour completo in poco tempo

Il Giardino di Boboli è il parco storico di Firenze che si estende in prossimità della facciata di Palazzo Pitti, di cui ne rappresenta il giardino granducale. Realizzato per volere di Cosimo I de' Medici, da questi venne abbellito con statue e fontane mentre, per opera di Cosimo II, venne ampliato ulteriormente. Connesso anche all'avamposto militare del Forte di Belvedere, il giardino è oggi patrimonio dell'UNESCO, e accoglie ogni anno oltre 800.000 visitatori.
VEDI ANCHE: 10 cose da vedere a Firenze Week End a Firenze: cosa vedere in 3 giorni

Dove si trova e come arrivare

Mostra Mappa

  • A piedi: Il Giardino di Boboli sorge alle spalle di Palazzo Pitti, raggiungibile con circa 20 min. di passeggiata dal centro storico della città, seguendo le indicazione per "Ponte Vecchio" per poi attraversarlo, e procedere su Via Guicciardini. Ottieni indicazioni
  • In bus: linee 36, 36A, 37 e 11. La fermata è Campuccio, e dista 350 metri di passeggiata a piedi per Via Santa Maria e Via Romana, per un totale di 15 minuti circa.
  • In auto: la struttura è situata in pieno centro a Firenze, ed è quindi impossibile raggiungerli in auto. Vi consigliamo di lasciare l'auto in un parcheggio in zona stazione, e di prediligere i mezzi pubblici per gli spostamenti.
  • In treno: Il Giardino dista 1,4 chilometri dalla Stazione FS di Firenze Santa Maria novella, percorribili a piedi oppure in autobus. Nel caso del bus, le indicazioni sono quelle elencate in precedenza mentre, se il bagaglio non pesa e decidete di andare a piedi, sappiate che ne vale la pena. La passeggiata dura all'incirca 30 minuti, e vi porterà ad attraversare alcuni dei luoghi più caratteristici di Firenze, tra cui Ponte Vecchio.

VEDI ANCHE: Come muoversi a Firenze - mezzi, costi e consigli

Orari e prezzi

  • Orari: l'orario di apertura è sempre alle 8:15. A variare sono invece quelli di chiusura, così suddivisi: 16:30 nei mesi di novembre, dicembre, gennaio, febbraio; 17:30 nel mese di marzo e ottobre con ora solare; 18:30 nei mesi di aprile, maggio, settembre, ottobre e marzo con ora legale; 19:30 nei mesi di giugno, luglio, agosto. L'ultimo ingresso è sempre un'ora prima della chiusura. Il Giardino resta chiuso il primo e ultimo lunedì del mese + Natale e Capodanno
  • Miglior orario per evitare code: verso l'orario di apertura
  • Costo biglietto: €10,00 da marzo a ottobre, €6,00 da novembre a febbraio
  • Riduzioni: €5,00 da marzo a ottobre e €3,00 da novembre a febbraio. Hanno diritto alla riduzione i cittadini italiani e di UE, Svizzera, Liechtenstein, Islanda e Norvegia aventi tra i 18 e i 25 anni.
  • Gratuità: Prima domenica del mese per tutti. Minori 18 anni muniti di documento di identità valido (i minori di anni 12 devono essere accompagnati da un adulto). Persone con disabilità, guide turistiche e interpreti, studenti e docenti. Anche in caso di ingresso gratuito, bisogna comunque recarsi in biglietteria e munirsi dell'apposito ticket.

Tour, visite guidate e biglietti online

Cosa vedere e cenni storici

giardino boboli firenzeI Giardini di Boboli sono uno dei più importanti esempi di giardino all'italiana del XVI secolo, senonché uno dei parchi più grandi della città di Firenze. In parte circondati dalle atiche mura difensive del Forte Belvedere, nella loro parte superiore, i Giardini sono attraversati da una via principale, attorno alla quale si sviluppano viali, siepi, terrazze arricchite da statue e fontane e diversi edifici, che ne fanno un vero e proprio museo a cielo aperto. Vediamo quali sono le diverse attrattive, che s'incontreranno lungo il cammino.

1 - L'Anfiteatro

Uno dei primi edifici che s'incontra appena entrati è l'anfiteatro, che in origine conteneva la Fontana dell'Oceano, lì collocata nel XVII secolo al fine di permettere le rappresentazioni teatrali. La struttura è attraversata dall'asse di passeggio principale, e rappresenta il punto in cui il giardino fu scavato, al fine di ricavare la pietraforte utilizzata per costruire Palazzo Pitti. La struttura venne inaugurata nel 1637, in occasione dell'incoronazione di Vittoria della Rovere, moglie di Ferdinando II de' Medici a duchessa, e aveva al centro la Fontana dell'Oceano, successivamente spostata a sud ovest, in modo da rendere l'anfiteatro utilizzabile per le rappresentazioni teatrali. Lo stesso centro, venne però abbellito nel 1790 con l'installazione di un obelisco egiziano, l'unico in tutta la Toscana e di una vasca di granito, aggiunta nel 1840.

2 - Il Bacino di Nettuno

Percorrendo una doppia rampa ornata da statue romane si giunge al bacino di Nettuno. Creato nel 1777-1778, questo rappresenta il punto in cui confluiscono tutte le acque che irrigano il giardino. Al centro del giardino si erge la Fontana di Nettuno, che ritrae il Dio circondato da naiadi e tritoni: la fontana è stata soprannominata dai toscani " Fontana della forchetta", a causa del triedente impugnato da Nettuno. Intorno alla fontana sono presenti dei terrazzamenti erbosi, che ripropongo la forma ad ali dell'anfiteatro sottostante. Qui, abbiamo la statua dell'Abbondanza, inizialmente destinata ad una colonna celebrativa per Piazza San Marco, però mai realizzata. In questa zona, se si aguzza bene la vista, è possibile ammirare anche delle muraglie difensive, che arrivano dal vicino Forte Belvedere: al fine di tutelare l'armonia dell'insieme, queste sono state coperte con numerosi alberi.

3 - Il Giardino del Cavaliere

Il Giardino di Boboli presenta una divisione in diverse aree verdi, ognuna con una sua caratteristica particolare, a se stanti e recintate. Primo tra questi è di sicuro il Giardino del Cavaliere, che si trova al termine dell'asse principale. Questo è stato costruito su una parte dei bastioni realizzati da Michelangelo nel 1529, e custodisce piante odorose e rare, siepi di bosso e una pittoresca fontana. Per accedervi è necessario salire una scala fatta a rampe curve e incrociate che culmina su un terrazzino, situato sopra una stanza circolare. La fontana presente al centro prende il nome difontana delle Scimmie, viste le tre scimmiette di bronzo alla base della fontana, all'interno della quale l'acqua zampilla da un putto di marmo. L'edificio principale di quest'area è il Casino del Cavaliere, prima luogo di svago dei granduchi di Toscana e oggi sede del Museo delle Porcellane.

4 - La Kaffeehaus e il Viottolone

Tornando indietro, all'altezza della statua dell'Abbondanza abbiamo la Kaffeehaus: un padiglione in stile rococò, ricoperta da una cupola finestrata, alla cui base si trova una grotta. La costruzione, che si trova nel punto più panoramico del giardino, permette di ammirare al meglio anche il Viottolone, il secondo asse del giardino, che portava alla Villa Medicea di Poggio. Davanti alla Kaffeehaus si trova il prato con al centro laFontana di Ganimede mentre, il Viottolone, attraversa la zona definita"Prato dell'Uccellare" caratterizzata da alberi secolari. I viali che affiancano il Viottolone sono i più larghi e ricchi di sculture, tra cui vanno ricordati il Giove olimpico, attribuito a Giambologna o la serie dei Giocatori, statue che rappresentano persone intente a giocare ai principali giochi in voga all'epoca del granducato. Altro importante edificio è la Limonaia, che conserva piante di epoca medicea, e la Palazzina della Meridiana, dove ha oggi sede la Galleria del Costume. Fra le diverse e curiose sculture che abbelliscono i Giardini di Boboli vanno ricordati: la statua di Giove seduto di Baccio Bandinelli, alcune statue provenienti dal Foro di Traiano e altre di epoca romana, il Bacchino e la sua omonima fontana - la statua del nano più popolare alla corte di Cosimo I collocata vicino a Palazzo Pitti - e il Perseo e l'Adromeda.

5 - Il Giardino e la Grotta di Madama

Restando su questo lato del giardino s'incrocia la Grotticina della Madama, progettata dal Tribolo e decorata con spugne, stalattiti e una vasca marmorea sormontata da quattro statue di capre, da cui un tempo zampillava l'acqua. La grotta si trova a un'estremità del Giardino di Madama, con alcune aiuole geometriche fiorite, realizzato verso il 1570 per Giovanna d'Austria

6 - La Grotta del Buontalenti

Questa può essere considerata un vero e proprio capolavoro di architettura, ed è forse la costruzione più preziosa dell'intero Parco. Iniziata per volere di Fracesco I de' Medici, è interamente decorata con stalattiti spugne e statue, rispettando lo stile alchemico che il granduca amava. Gli elementi della natura sembrano infatti prendere vita e uscire dalle pareti, così come i famosi Prigioni di Michelangelo, in origine qui collocati ma poi spostati alla Galleria dell'Accademia.

Come visitare il Giardino di Boboli: consigli utili e info pratiche

  1. Pianta del Giardino: la mappa del giardino è utile ad orientarsi in caso di visita non guidata inoltre contiene indicazioni dei vari accessi e il regolamento da rispettare durante la visita.
  2. Tempo minimo per la visita: ti consigliamo di dedicare un'intera giornata alla visita del Giardino. All'interno di questo ci sono molte cose da vedere e, se in precedenza si sono fatte altre escursioni o si ha in programma di farne delle altre la stessa giornata, si potrebbe essere troppo stanchi per apprezzarne appieno la bellezza.
  3. Quando effettuare la visita: i Giardini, di solito, non sono un luogo molto affolato. L'ideale però, vista la durata della visita dovuta alla grandezza della struttura, sarebbe comunque raggiungere l'ingresso molto presto.
  4. Tour guidato: se sei interessato a visitare altri musei o attrazioni della città, puoi acquistare dei tour privato, come nel caso del Tour Privato di Palazzo Pitti e Giardino di Boboli
  5. Occhio alle restrizioni: all'interno dei Giardini sono in vigore una lunga serie di limitazioni e divieti. Si consiglia di visualizzare il regolamento completo.
  6. Scegli l'accesso più vicino: è possibile entrare da quattro diversi ingressi, il Portone principale di Palazzo Pitti (piazza de' Pitti, Annalena (via Romana 37/a), Piazzale di Porta Romana, Forte Belvedere. In occasione delle entrate gratuite previste per le prime domeniche del mese l'ingresso principale e quello da Annalena vengono chiuse.

  7. Tour a tema: Alcune parti del libro di Dan Brown "Inferno" e il film ispirato a questo, sono ambientate proprio nei Giardini di Boboli. E' possibile effettuare dei tour a tema. Scopri di più: La Firenze di Dan Brown: Inferno Walking Tour

Non hai ancora prenotato volo e hotel? Consulta le nostre offerte!


Ti č piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su