Cannibalismo nel mondo: curiositÓ storiche e ultime trib¨ cannibali esistenti

Inchiesta sul Cannibalismo: curiositÓ storiche e ultimi cannibali ancora esistenti. Informazioni su Korowai, Aghori e altre trib¨ cannibali nel mondo.

Per molti di noi la parola "cannibale" incute timore e paura: ci pare infatti quello del cannibalismo un fenomeno fuori da ogni logica, terrificante, macabro. Nonostante i divieti e l'intervento di organi internazionali, al mondo esistono ancora oggi alcune tribù cannibali, che praticano il loro credo e persistono nelle proprie superstizioni con la stessa serenità con cui noi mangiamo un kebab o una piadina al termine di una serata tra amici.

Qual è il significato di cannibalismo?

Qual è il significato di cannibalismoIl cannibalismo è la pratica di mangiare la carne di altri simili: questo rito appartiene a tribù umane ma anche ad esempio a specie animali, che si nutrono di membri della stessa specie per ragioni dovute alla sovrappopolazione o alla scarsità alimentare. Per quanto riguarda gli uomini, il cannibalismo è legato prettamente a motivi di usanza culturale o, in casi sempre più rari, a ragioni estreme di carestia. Spesso si verificano casi di cannibalismo dovuto a disturbi mentali e psicologici. La carne che viene mangiata può provenire da qualsiasi parte dell'organismo.

Esistono ancora Tribù Cannibali?

In contesti industrializzati e di benessere può sembrare molto strano, ma il cannibalismo è ancora oggi praticato da diverse tribù nel mondo, spesso lontane tra di loro sia fisicamente che culturalmente. Una tribù cannibale può essere propensa a mangiare i simili del proprio gruppo di appartenenza, oppure pratica il cannibalismo solo nei confronti di membri della stessa specie ma di un altro clan.
Vediamo quali tribù cannibali esistono ancora oggi nel mondo.

1 - Korowai, Nuova Guinea

KorowaiGli appartenenti a questo clan considerano la carne umana al pari di come noi consideriamo quella di maiale: partendo dall'idea che la persona maschile sia stata uccisa dal "khakhua", un uomo strega proveniente dagli inferi, tagliano gli arti e i vari pezzi dell'individuo per riuscire ad arrivare a mangiare questa misteriosa entità che ne ha provocato la morte.
La loro parte preferita è il cervello, ma mangiano tutto a eccezione di denti, ossa, capelli, unghie e pene. Ai bambini sotto i 13 anni non è consentito il cibarsi del loro simile.
VEDI ANCHE: LE 8 ISOLE PIU' SELVAGGE DEL MONDO

2 - Aghori, India

Aghori, IndiaGli Aghori sono monaci esiliati molto temuti in tutta l'India: organizzano rituali a base di carne umana e soggiornano vicino a luoghi di creazione, in cerca di illuminazione spirituale. Oltre a nutrirsi di carne di loro simili, gli Aghori bevono da teschi umani e masticano teste di animali vivi.
Sono la setta più estrema dei Sâdhu, e ll nucleo principale dei loro insediamenti è Varanasi, città sacra per gli induisti. Qui visse e morì il loro guru Baba Kinaram, che pare abbia vissuto per 170 anni. Avallano le pratiche più estreme perché secondo loro tutto il mondo è un'illusione, emanazione di Shiva e quindi perfetto. Negare qualsiasi comportamento equivale ad offendere Shiva.
Lo scopo principale delle pratiche cannibali degli Aghori è assorbire lo "Shakti" del defunto, ovvero la sua energia vitale ed i suoi "poteri".
Principalmente, si nutrono dei cadaveri lungo il Gange credendo in questo modo di allontanare la vecchiaia, come fece il loro guru Baba Kinaram. Per fare questo, fanno ricorso a un mix di marijuana, alcool e meditazione.
VEDI ANCHE: la classifica degli orrori da gustare

3 - Milizia Mai-Mai, Congo

Nel 2003 i ribelli cannibali in Congo furono condannati dalle Nazioni Unite per aver mangiato i membri della comunità da loro stessi massacrati e per aver costretto le famiglie delle vittime a fare altrettanto. Più recentemente le milizie Mai-Mai hanno mangiato alcuni capi tribù dopo averli catturati, credendo che ciò permetta loro di guadagnare dei poteri speciali che li proteggono dai proiettili.

4 - Liberia

Secondo un recente documentario, un'alta percentuale di persone in Liberia ha almeno una volta nella vita mangiato resti umani: non è raro trovare per le strade cadaveri privi di genitali. Questo nasce dalla credenza secondo cui i genitali maschili sono fonte di potere, mentre quelli femminili hanno la forma perfetta per essere portati nel portafoglio.

5 - Yoruba, Nigeria

Yoruba, NigeriaIn alcune zone della Nigeria, tra cui quella in cui vive la tribù di Yoruba, è ancora praticato il cannibalismo, strettamente legato al commercio di carne umana. Le ragioni sono legate al permanere di antiche superstizioni, ma anche a credenze di ambito medico. Ci sono mercati aperti in cui è possibile acquistare prodotti freschi a base di carne umana, nonché alcune parti del corpo.

5 Curiosità storiche sul cannibalismo

  1. Come è nato il termine Cannibalismo?
    Fu diffuso in europa da Cristoforo Colombo. Il navigatore usava riferirsi agli abitanti del Nuovo Mondo, e alle loro selvagge abitudini (fra cui l'antropofagia), con il termine "Canibal".
  2. E' vero che gli uomini preistorici praticavano il cannibalismo?
    La risposta è si. Lo testimoniano alcuni resti archeologici dell'Uomo di Neanderthal e dell Homo Erectus, che occasionalmente estraeva il midollo osseo dai cadaveri per cibarsene.
  3. Gli Aztechi praticavano il cannibalismo per religione?
    Secondo alcune teorie storiche, gli Aztechi furono costretti per necessità a cibarsi di uomini durante periodi di forte carestia. Solo successivamente questa pratica venne leggittimata da motivi religiosi.
  4. E' vero che in passato la nobiltà cinese si cibava di carne umana?
    Secondo alcune testimonianze storiche, in epoche passate la carne umana era considerata molto pregiata dalla nobiltà cinese, quindi le "specialità a base di uomo" costituivano il piatto forte di ricchi banchetti.
  5. Come è nata la leggenda dei "comunisti che mangiavano i bambini"?
    Negli anni 20 e 30, la carestia costrinse la popolazione russa a terribili atti di cannibalismo. I bambini venivano rapiti, uccisi, squoiati e sezionati, infine venduti a caro prezzo nel mercato nero come "carne bovina e suina".
    Ovviamente non erano "i comunisti" a macchiarsi di questi crimini, piuttosto gente ridotta alla disperazione dalla fame. Questi fatti storici vennero poi distolti e romanzati durante il dopoguerra, generando la suddetta diceria, spesso utilizzata per intimorire i bambini discoli e indisciplinati (comportati bene... altrimenti arrivano i comunisti a mangiarti!).

Ti Ŕ piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Commenti sull'articolo
  • Diletta Lanfranca
    Diletta Lanfranca 28 Ottobre 2016 16:27

    E' incredibile se si pensa a quanto possono essere differenti le culture del mondo. Di recente Ŕ uscito un libro scritto da due sudiosi Tedeschi che hanno visitato la Nuova Guinea e conosciuto la realtÓ delle tribu cannibali. Secondo quanto scritto pare che i Korowai affermino che la migliore carne umana Ŕ quella giapponese. La Carne "bianca" invece ha un odore ed un sapore troppo forte...

    Rispondi
  • Chiara Valenti
    Chiara Valenti 25 Novembre 2016 12:00

    Io ho letto invece che in genre la carne pi¨ apprezzata Ŕ quella femminile, perchÚ pi¨ tenera rispetto a quella maschile... Vengono i brividi!

    Rispondi
  • Vittorio Minella
    Vittorio Minella 30 Dicembre 2016 13:33

    A noi leggere certe cose fa quasi paura, ma per queste popolazioni mangiare la carne umana dei defunti Ŕ una tradizione che esiste da sempre. Tempo fa ho letto la storia di un giovane studente che nel 1955 si trasferý in Per¨ per studiare da vicino la trib¨ degli Harakmbut. Rimase nel villaggio con loro per diverso tempo fino a quando un giorno partecip˛ a quella che pensava fosse una ordinaria battuta di caccia.
    In pratica assalirono un villaggio vicino e catturarono dei prigionieri che furono uccisi e cucinati mentre il resto della trib¨ ballava attorno al fuoco. Lo studente, terrorizzato per quanto avvenuto, si senti costretto a ballare e mangiare con loro. La notte stessa fuggý a gambe levate.

    Rispondi
  • Milly Ferrucci
    Milly Ferrucci 10 Gennaio 2017 17:08

    Vittorio, in realtÓ non Ŕ solo una questione di paura verso fenomeni culturali che noi occidentali non possiamo comprendere. Il punto Ŕ che Ŕ stato dimostrato scientificamente che il cannibalismo Ŕ una pratica insana che pu˛ causare patologie neurologiche come ad esempio la malattia Kuru. Secondo me civilizzare queste trib¨ dovrebbe essere un dovere morale per noi occidentali.

    Rispondi
    Dezu
    Dezu 16 Aprile 2018 15:46

    Dovere morale ? Perdonami ma dovresti essere meno moralista ed imparare a farti gli affari tuoi che qua in Italia ne abbiamo di cose alle quali pensare, problemi dovuti alla civilizzazione che tu tantoooo adori ! Inoltre, ti invito a informarti meglio rispetto alla malattia Kuru Kuru che colpisce prevalentemente le donne poichŔ nella trib¨ erano (o meglio sono) le uniche che possono mangiare il cervello della persona morta. Che sia meglio consumare un altro tipo di carne credo sia indubbio tant'Ŕ che non lo fanno certo per penuria di cibo pensý per motivazioni culturali tanto discutibili come possono esserlo le nostre (ebbene sý non siamo ne perfetti ne migliori rispetto ai cannibali che tanto ti scandalizzano). Detto questo credo che l'unico dovere che debba avere un essere umano razionale e civilizzato quale ti ritieni sia quello di pensare prima di aprire bocca o muovere a random le dita sulla tastiera. Saluti

  • Michele Dinero
    Michele Dinero 13 Gennaio 2017 15:29

    Ho letto che i capi della tribu dei Korowai sono convinti che nell'esatto momento in cui cambieranno le loro abitudini e tradizioni il mondo smetterÓ di esistere. Milly vai loro a spiegare che il cannibalismo non va praticato......

    Rispondi
    Dezu
    Dezu 16 Aprile 2018 15:57

    Non va praticato perchŔ ? PerchŔ secondo voi Ŕ sbagliato ? Benissimo nessuno vi obbliga certamente a mangiare carne umana, quello che per˛ non capisco e forse non capir˛ mai Ŕ questo: perchŔ vi sentite in obbligo, come la cara Milly ha ampiamente dato prova, di cambiare le usanze culturali altrui ? Avete forse paura che una notte arrivi un cannibale in casa a mangiarvi le palle (per chi le ha) ? Se un gruppo culturale che in questo caso Ŕ una trib¨ ha questa usanza, bene affari loro, questo non li rende automaticamente dei serial killer indiscriminati come se fossero degli zombie mangia uomini, per˛ nonostante questo continuo a sentire e a leggere questi commenti pieni di malcelata superioritÓ verso chi, con tutto rispetto, in un ambiente naturale vi mangerebbe in(la :-D) testa. Per chi viaggia credo che il rispetto per le altrui usanze debba essere sempre al primo posto quindi se vi sentite minacciati da alcuni comportamenti umani semplicemente evitate di frequentare i luoghi nei quali questi vengono espressi. Punto.

  • Sandra Abitabile
    Sandra Abitabile 16 Gennaio 2017 17:54

    Nella maggior parte dei casi il cannibalismo viene praticato per motivi culturali, ma non sempre. Ad esempio la trib¨ dei Maori di Whangaroa Harbour nel 800 ha catturato, sottomesso e mangiato circa 70 europei solo per vendetta. Ancora oggi questo evento si ricorda con il nome Boyd massacre.....

    Rispondi
  • Ilenia Miranda
    Ilenia Miranda 14 Febbraio 2017 17:52

    Su un'altro articolo ho letto chei Korowai consumano la carne umana avvolta in foglie di banano. Visto? in fondo sono salutari, accompagnano la carne con della della verdura proprio come noi occidentali XDD

    Rispondi
  • Priroc
    Priroc 14 Giugno 2017 19:42

    con tutti gli africani che arrivano da noi,non e' che c'e' il rischio di trovarcene qualcuno in casa?

    Rispondi
  • Luca
    Luca 06 Dicembre 2017 09:02

    Ridicolo! Io sono stato per lungo tempo in alcuni villaggi Yoruba in Nigeria e nessuno ha mai mangiato carne umana! La religione Yoruba e tutta la tradizione Ifa africana ne impedirebbe anche il solo pensiero! La loro religione, infatti, parte dall'assunto che i Santi stiano dentro i loro corpi e mai e poi mai mangerebbero i loro Santi! Sicuranente facevano, in tempi molto passati dei sacrifici umani, ora del tutto sostituiti da sacrifici di animali, ma il senso dei sacrifici erano, non solo volontari, ma interni alla credenza che gli Orisha potessero in questo modo purificare l'intero villaggio!

    Rispondi
  • Mauro Borgia
    Mauro Borgia 31 Gennaio 2018 06:26

    Nel diritto romano insabbiato da chissachi..essere carnivori Ŕ un favoreggiamento al cannibalismo...peggio dell'atto o reato in se...criminologia forense..principi persi per qualche lusso senza il buon benessere...(turpe psico/fisica)..per dovere..della felicitÓ...

    Rispondi
    Dezu
    Dezu 16 Aprile 2018 15:51

    Fammi capire Borgia, cosa volevi dire col tuo commento sconclusionato ? Davvero, non ti si capisce, sembra quasi che tu sia arrivato in Italia via mare non molti giorni fa. Se, e questa Ŕ una mia ipotesi personale, intendevi dire che tutti dovrebbero essere vegetariani o vegani solo perchŔ (sempre secondo te, visto che avendo studiato il diritto romano non ho mai riscontrato nulla di quanto tu affermi) se si Ŕ carnivori si pu˛ passare al cannibalismo la trovo una cosa francamente allucinante... Vi ripeto, siete pi¨ deliranti voi con le vostre farneticazioni che i cannibali che mangiano carne umana per una motivazione, condivisibile o meno che sia.

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su