Cosa visitare nel Parco dei Nebrodi: aree attrezzate, percorsi e paesi da vedere!

Il Parco dei Nebrodi è la più grande area protetta della Sicilia. Ecco una guida per visitare la riserva! Scopri come arrivare, i percorsi da seguire, quali paesini vedere, le aree attrezzate e gli agriturismi migliori!

Parco dei Nebrodi
La Sicilia offre una grande varietà di paesaggi oltre a quello classico delle stupende spiagge e dell'incantevole mare.
Ad esempio il Parco dei Nebrodi, che si estende tra le province di Messina e Catania, rappresenta uno spettacolo mozzafiato. Gli antichi Greci chiamavano questa zona "la terra dei caprioli", ed è proprio da "nebros", capriolo, che nasce il nome del parco.

VEDI ANCHE: I PARCHI NATURALI PIU' BELLI DEL MONDO

Oggi vogliamo fornirvi una guida per visitare questa splendida area: dall'itinerario alla scoperta di caratteristici comuni, come il paesino di Bronte famoso per i suoi pistacchi, fino ai percorsi e sentieri nella riserva; e ancora le strade dei sapori, le aree attrezzate ed i parchi avventura, infine gli agriturismi migliori che offrono servizi completi per immergersi totalmente nella natura incontaminata...

Come arrivare

Mostra Mappa
Nel totale, il Parco dei Nebrodi, è vasto circa 200.000 ettari e si trova nel nordest della Sicilia, tra le Madonie e i Peloritani. Proprio insieme a queste catene montuose costituisce l'Appennino Siculo.
Rappresenta la più grande area protetta della Sicilia; di fatto quindi dispone di numerosissimi accessi.
Sono tantissime le strade che collegano l'area protetta alle più grandi città della regione:

  • Indicazioni per chi arriva da Palermo: esistono due possibilità, o si percorre la SP 168 in direzione Caronia-Capizzila o in alternativa la SS 117 fiancheggiando il versante occidentale tra Mistretta e Nicosia.
  • Indicazioni per chi arriva da Messina: le possibilità sono diverse, si può arrivare tramite l'Autostrada A20, la SS 116 lungo il tratto Capo d'Orlando-Randazzo, la SS 289 lungo il tratto S. Agata Militello-Cesarò, o ancora le molte strade provinciali come la 157 (Rocca di Caprileone-Tortorici) o la 160 (S.Marco d'Alunzio).
  • Indicazioni per chi arriva da Catania: la soluzione più rapida ed efficace consiste nel percorrere la SS 120 dell'Etna e delle Madonie.

Cosa vedere: ecco 5 consigli!

Ovviamente trattandosi di un'area particolarmente vasta, è veramente difficile visitarla tutta in un'unica giornata. Tra l'altro, l'entroterra è talmente ricco di luoghi di interesse che le variabili da considerare per pianificare un itinerario soddisfacente sono veramente parecchie. Detto ciò è indispensabile scegliere a monte il tipo di esperienza che si intende vivere. Fortunatamente abbiamo selezionato per voi le possibilità più interessanti.

1 - Itinerari nei comuni del Parco

Bronte
La prima proposta consiste nella visita dei principali comuni situati nel territorio della riserva. In totale sono 24: 19 in provincia di Messina, 3 in provincia di Catania e 2 in provincia di Enna. Tra questi figurano alcuni borghi particolarmente belli e caratteristici che meritano senza dubbio una visita:

  • Bronte: si trova ai piedi dell'Etna e domina la Valle del Simeto. La cittadina vanta un grande patrimonio architettonico e culturale ed è famosa in tutto il mondo per il pistacchio, la cui raccolta (tra fine agosto ed i primi di settembre) rappresenta un momento di festa per tutti gli abitanti.
  • San Fratello: Situato in provincia di Messina, deve il nome ai tre Santi Fratelli Alfio, Cirino e Filadelfio. Il comune è noto per i suoi cavalli. Attualmente se ne contano circa 3.500 esemplari che vivono allo stato brado. La zona è molta apprezzata per il turismo equestre, e diventa meta ideale per vacanze in agriturismo con maneggio, in un paese in cui anche la cucina tipica è diventata un marchio di fabbrica.
  • Galati Mamertino: Questo caratteristico paesello è apprezzato per i suoi paesaggi naturali. Proprio in questi luoghi ancora oggi è possibile ammirare splendidi esemplari di capriolo.
  • Sant'Agata Militello: è il comune più basso tra quelli facenti parte del parco. Questo incantevole paesello offre un paesaggio unico che coniuga la bellezza del mare all'imponenza del parco naturale.

2 - Percorsi ed Escursioni nella Riserva

Percorsi ed Escursioni nella RiservaL'area naturalistica si presta per interessanti escursioni a piedi, durante le quali è possibile ammirare le bellezza faunistiche e floreali. Sono presenti diversi sentieri e percorsi da seguire, ecco i principali:

  • Dorsale dei Nebrodi: si tratta di un percorso a piedi o un mountain bike che si estende da est a ovest per quasi 75 km, su un dislivello di totale di 2300 metri. Durante il tragitto, della durata di 3 giorni, si fa tappa in alcuni comuni del parco quali Mistretta e Floresta. La difficoltà del percorso è piuttosto alta, e bisogna far fronte a diverse ore di cammino (approssimativamente 7 ore quotidiane) e dislivelli giornalieri di 700/800 metri.
  • Sentiero delle Sorgenti: questo itinerario si sviluppa nei pressi del borgo di Maniace (punto di partenza e di arrivo dell'escursione). Durante il tragitto vi addentrerete in una delle zone più umide della regione, visitando sorgenti d'acqua dolce a circa 1300 d'altitudine. Il percorso è lungo circa 18 km e dura 7/8 ore. Certamente più semplice da percorrere rispetto alla Dorsale, ma in ogni caso consigliato a ragazzi e adulti con un minimo di allenamento.
  • Escursione alle Rocche del Crasto: l'ultimo percorso consigliato si sviluppa intorno alle Rocche del Crasto, particolarissime rocce cristalline che mostrano sfumature di colori differenti in base al riflesso dei raggi solari. Questo percorso presenta tre varianti, con partenza da tre punti differenti (Portella Gazzana, Lemina Bacco, Sorgente di Malirò). Tutte le varianti hanno una lunghezza di circa 7 km, un tempo di percorrenza di 2 ore e mezza, un dislivello compreso fra 250 e 270 metri, il tutto per un tasso di difficoltà medio

3 - Aree attrezzate e Parchi avventura

Parchi avventuraUn'altra soluzione per apprezzare le meraviglie naturali del territorio sono le aree attrezzate nelle quali potrete rilassarvi e godervi la tranquillità della natura
Ecco alcune aree attrezzate consigliate:

  • Lago Urio Quattrocchi, presenta tavoli, panche, passerelle per disabili e punti d'acqua
  • Orto Noceri, area camping immersa in una favolosa oasi verde
  • Sorgente Nocita, perfetta per pic-nic e pranzi a sacco domenicali
  • Area del Capriolo, nei pressi di Galati Mamertino, offre servizi di educazione ambientale per bambini e spazi attrezzati per la sosta
  • Monte Furci, presenta zone per la sosta dove è possibile ammirare un panorama incredibile
  • Area Attrezzata Cicogna, offre servizi igienici e tutto ciò che serve per un pic-nic
  • Area Attrezzata Ciccaldo, offre servizi igienici e tutto ciò che serve per un pic-nic


Se invece volete concedervi una giornata dinamiche all'insegna del divertimento il Nebrodi Adventure Park è ciò che fa per voi.
Qui potrete cimentarvi in escursioni e percorsi per ogni età.
Per maggiori info visitare il sito: http://www.nebrodiadventurepark.it/

4 - Le strade dei Sapori

Le strade dei Sapori, pistacchio di bronteQuesta soluzione è certamente la più indicata per i visitatori golosi amanti della buona cucina e desiderosi di scoprire i gustosi prodotti tipici locali. L'Ente del Parco insieme all'associazione di promozione turistica "Le Strade dei Sapori" guidano i visitatori alla scoperta di itinerari enogastronomici che coinvolgono aziende del territorio che si occupano della produzione di specialità tipiche dei Nebrodi.

VEDI ANCHE: 6 ITINERARI ENOGASTRONOMICI IN SICILIA

Di seguito i contatti dell'associazione:

  • tel. 0921/333015
  • e-mail: lestradedeisapori@parcodeinebrodi.it

5 - Soggiorni in Agriturismo

Suino neroTutta la zona del Parco dei Nebrodi è ideale per fare agriturismo, per passare dei giorni in pieno relax, per degustare ottimi prodotti e anche per divertirsi.
Sono tantissime le strutture in cui potrete soggiornare e gustare specialità uniche: dall'l'ottimo miele, ottenuto grazie alla grande varietà di alberi e fiori fino alle pietanze a base di suino nero, specie animale simile al cinghiale tipica della zona.
Ecco 3 strutture consigliate:


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su