museo pompidou parigi

Cosa vedere al Museo Pompidou di Parigi: consigli, prezzi e come arrivare

Museo Pompidou, Parigi, guida alle opere da visitare assolutamente. Consigli, mappa, prezzi, info su cosa vedere e come arrivare, cenni storici e curiosità.

parigi vista sulla tour eiffelIl Museo Pompidou è una delle maggiori opere artistiche di Parigi, a partire dal suo vistoso e moderno esterno fino alla collezione di inestimabile valore al suo interno. Non per niente è anche uno dei musei più visitati al mondo! Designe, architettura, pittura e fotografia si uniscono in un solo luogo per dare forma a esposizioni permanenti e temporanee spesso accompagnate da conferenze, incontri, dibattiti, concerti e spettacoli. Ecco cosa vedere al Museo Pompidou di Parigi con consigli, prezzi e informazioni utili per raggiungerlo
VEDI ANCHE: 10 Cose da vedere assolutamente a Parigi Cosa vedere a Parigi in un giorno

Cosa vedere e come visitare Museo Pompidou

Uno dei più importanti luoghi d'arte moderna e contemporanea al mondo, il Museo Pompidou di Parigi si sviluppa tra il terzo e il quinto piano del Centro Pompidou con un percorso espositivo di 70 mila opere d'arte tra cui dipinti, sculture, fotografie e opere di architettura e design. Tra gli artisti figurano Picasso, Chagall, De Chirico, Duchamp, Matisse e Kandinskij, ovvero i maggiori esponenti di stili quali il cubisco, il surrealismo e l'espressionismo astratto. Per visitare il museo vi verrà fornita all'ingresso un'audioguida gratuita, ma se siete interessati a visite guidate personali o di gruppo allora sarà necessario prenotare da 1 mese a 15 giorni prima. Inoltre per accedere al museo segnaliamo oltre al normale ingresso principale, un apposito ingresso riservato alle persone con disabilità fisiche situato nell'angolo tra Rue du Renard e Rue Saint-Merri.

1 - La Fontana

fontana stravinskyL'opera La Fontana è in realtà un orinatoio, ormai divenuto il più famoso del mondo, nato quasi per gioco semplicemente per verificare se la Society of Indipendent Artists era veramente fedele al suo principio di non rifiutare nessuna opera presentata. In questo caso si è trattato di una vera e propria rivoluzione dell'arte del Novecento.

  • Data creazione: 1917
  • Autore: Marcel Duchamp

2 - Le Violon d'Ingres

Questa opera è una fotografia di un artista che è stato prima un pittore dadaista e successivamente un fotografo surrealista. Le Violon d'Ingres è un capolavoro che rappresenta Kiki de Montparnasse, una parigina famosa durante gli anni '20, con due intagli di violino sulla schiena. Una foto di indiscutibile particolarità e anche la sua opera maggiore.

  • Data creazione: 1924
  • Autore: Man Ray
  • Dimensioni: 28,2×22,5 cm
  • Tecnica: fotografia

3 - Udnie

udnie francis picabiaUdnie è una delle prime opere d'arte astratte, un dipinto realizzato secondo i fondamentali del cubisco e futurismo uniti per creare movimento e rendenderlo il protagonista. Il quadro è infatti caratterizzato da piani che osservandoli danno la sensazione di un movimento incessante. Si dice che l'artista sia stato ispirato da uno spettacolo di danza che ebbe luogo su una nave.

  • Data creazione: 1913
  • Autore: Francis Picabia
  • Dimensioni: 290 x 300 cm
  • Tecnica: olio su tela

4 - Ritratto della Giornalista

Il Ritratto della Giornalista è un dipinto anticonformista col quale l'artista ha voluto rappresentare il lato grottesco della società tedesca di quel periodo attraverso la figura di una giovane giornalista tedesca seduta al Romanische Cafè che si presenta come indipendente e spregiudicata ma che in realtà indossa una maschera. Per via del suo significato il governo nazista reputò l'opera offensiva nei confronti del popolo tedesco e non permise a Otto Dix di pubblicarla.

  • Data creazione: 1926
  • Autore: Otto Dix
  • Dimensioni: 121x89 cm
  • Tecnica: olio su tela

5 - Doppio Ritratto con Bicchiere di Vino

Il Doppio Ritratto con Bicchiere di Vino rappresenta una donna che sorregge un uomo che a sua volta ha in mano un bicchiere di vino e brinda in una scena di sogno. Questo quadro è ritenuto fondamentale nell'arte di Chagall, un'opera che lascia intuire una coniugazione tra Ottocento e Novecento ma che non si inserisce in nessuna corrente pittorica in particolare.

  • Data creazione: 1917
  • Autore: Marc Chagall
  • Dimensioni: 233X136 cm
  • Tecnica: olio su tela

6 - Arlequin

Arlequin è uno dei tanti disegni incompiuti dello stesso personaggio che l'artista ha prodotto tra il 1915 e il 1923 durante un periodo in cui il classicismo si era imposto nuovamente sull'arte parigina. Picasso non ha mai finito l'opera e lo fece volutamente per motivi sconosciuti dando colore solo al viso.

  • Data creazione: 1917
  • Autore: Pablo Picasso
  • Dimensioni: 116x90 cm
  • Tecnica: olio su tela

7 - Mit dem Schwarzen Bogen

mit dem schwarzen bogenMit dem Schwarzen Bogen è il nome in tedesco di un quadro il cui nome italiano corrisponde a Dipinto con Arco Nero. I protagonisti del dipinto sono semplicemente tre blocchi di colore, discordi e distanti da tutte le teorie sull'armonia delle forme. Ciò ha stabilito che la pittura può essere il risultato di dissonanze e contraddizioni e ha reso quest'opera la più importante dell'artista in questione.

  • Data creazione: 1912
  • Autore: Wassily Kandinskyj
  • Dimensioni: 188×196 cm
  • Tecnica: olio su tela

8 - Il Ritornante

Il Ritornante è un quadro il cui soggetto principale è un manichino seduto senza braccia e senza testa. Attraverso questa figura e questa opera enigmatica e significativa l'artista ha voluto simboleggiare la propria incompletezza in un ricco universo anche se l'intero dipinto fornisce la possibilità di molteplici interpretazioni, una delle più diffuse è un riferimento a Pinocchio.

  • Data creazione: 1917
  • Autore: Giorgio de Chirico
  • Dimensioni: 94x77,9 cm
  • Tecnica: olio su tela

9 - La Camicetta Rumena

Questa tela è stata l'opera che ha rivoluzionato Matisse facendolo passare da un forte colorismo all'essenzialità sintetica. L'artista ha avuto l'idea dopo aver visto dei disegni a penna pubblicati sulla rivista di una modella che indossava una camicetta ricamata, così ha voluto fotografarla e ritrarla dando vita, dopo ben sei mesi di lavoro, a questo dipinto così semplice e allo stesso tempo elaborato.

  • Data creazione: 1940
  • Autore: Henri Matisse
  • Dimensioni: 92x73 cm
  • Tecnica: olio su tela

10 - Le Nozze

Le Nozza è un dipinto ricco di elementi e di soggetti, ognuno dei quali ha un simbolo ben preciso. I protagonisti sono due sposi i quali danzano al di sopra di un gallo che indica il canto del mattino e di un nuovo giorno. Accanto alla coppia figura un bambino che rappresenta l'unione, mentre sullo sfondo vi è un villaggio con una capanna che simboleggiano la concretezza e la semplicità della vita quotidiana. Il tutto si sviluppa sotto al sole che emana calore e allontana l'oscurità e infine sulla destra del dipinto un violino suona la sinfonia della vita.

  • Data creazione: 1910
  • Autore: Marc Chagall
  • Dimensioni: 99,5x188,5 cm
  • Tecnica: olio su tela

Dove si trova e come arrivare

Mostra Mappa

  • A piedi: l'ingresso principale si trova su Rue de Venise, raggiungibile a piedi tramite le vie principali Rue Rambuteau e Rue Saint-Merri - Ottieni indicazioni
  • In bus: il centro gode di un'apposita fermata autobus che porta lo stesso nome del complesso, alla quale è possibile arrivare con le linee 29, 38, 47 e 75
  • In metro: diverse sono le fermate della metropolitana nei dintorni del centro, infatti è possibile arrivare con la linea marrone numero 11 fino a Rambuteau, con la linea gialla numero 1 fino a Hotel de Ville e con la linea viola numero 4 fino a Etienne Marcel
  • In RER: ovvero la rete di treni urbani, i quali effettuano una fermata a Châtelet Les Halles proprio nelle vicinanze del centro con le linee A B e D
  • In auto: è possibile arrivare al centro con il proprio mezzo ed usufruire dell'ampio parcheggio a disposizione per i visitatori prenotandolo in anticipo senza costi aggiuntivi - Ottieni indicazioni

Orari e prezzi

Il Museo Pompidou è aperto 6 giorni su 7 e il suo unico giorno di chiusura settimanale è il martedì. Durante tutto l'anno l'intero centro si concede un solo giorno di chiusura straordinaria ovvero il 1° Maggio. Per quanto invece riguarda l'ingresso è prevista una notevole riduzione per i minorenni, la gratuità per tutti ogni prima domenica del mese ed inoltre l'attrazione rientra nel circuito dei musei compresi nel Paris Museum Pass. Ecco orari e prezzi nel dettaglio:

  • Orari: l'intero centro è aperto tutti i giorni eccetto il martedì che è il giorno di chiusura e segue un orario continuato dalle 11:00 alle 21:00
  • Miglior orario per evitare code: è preferibile visitarlo al mattino nelle prime ore di apertura, quindi tra le 11:00 e le 14:00, poiché durante tutta la giornata e fino alla chiusura è sempre molto affollato
  • Costo biglietto: il biglietto del museo include anche l'entrata alle mostre e costa €14,00 ma si può anche scegliere un biglietto di soli €5,00 che consente l'accesso solo a Vue de Paris, infine c'è l'opzione di acquistare solo il biglietto per un determinato spettacolo o concerto il cui costo va dai €10,00 ai €18,00 in base all'attività d'interesse
  • Riduzioni: è prevista una riduzione per l'ingresso al museo e alle mostre dei minori di 18 anni al costo di €11,00. Anche i biglietti per spettacoli e concerti sono ridotti e variano da €5,00 a €14,00 in base allo spettacolo
  • Gratuità: ogni prima domenica del mese è previsto l'ingresso gratuito per tutti, mentre è sempre gratuito per chi ha già acquistato il Paris Museum Pass e per le persone disabili

Tour, visite guidate e biglietti online

Consigli utili per visitare l'attrazione

  1. Alzati presto: l'ideale sarebbe raggiungere l'ingresso entro le ore 11:00
  2. Acquista la city card: se sei interessato a visitare altri musei o attrazioni della città, puoi acquistare il Paris Museum Pass di 2, 4 o 6 giorni e risparmiare sugli ingressi
  3. Biglietto online o per telefono: acquista preventivamente il biglietto online o telefonicamente per evitare le lunghe code all'ingresso
  4. Occhio alle restrizioni: leggi le restrizioni elencate all'ingresso e deposita nel guardaroba gratuito messo a disposizione dal museo eventuali zaini, borse, valigie, ombrelli, caschi e macchine fotografiche
  5. Tempo minimo: ti consigliamo di considerare un minimo di 2 ore per la visita, anche se l'ideale sarebbe poterne dedicare almeno 3

Cenni storici e curiosità: cosa sapere in breve

museo pompidou parigiIl Museo Pompidou nasce nel 1969 dalla volontà di Georges Pompidou, l'allora presidente della Repubblica Francese, di creare nel cuore di Parigi un'istituzione culturale multidisciplinare dedicata all'arte moderna abbracciando anche designe, musica e cinematografia. I motivi del suo grande progetto erano molteplici, ma furono soprattutto la voglia di frenare il declino di Parigi sulla scena artistica, aprire la creatività francese a nuove forme d'arte e creare un grande edificio che rappresentasse l'architettura della città, fino a quel momento irrilevante.

Non hai ancora prenotato volo e hotel? Consulta le nostre offerte!

Hai trovato qualcosa che non va?

Ogni contributo è benvenuto, e tutti possono contribuire.
Aiutaci anche tu a trasmettere informazioni sempre aggiornate a tutti i nostri utenti

Segnalacelo
Forse ti può interessare anche...

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Torna su