Cosa vedere al Museo Nazionale del Cinema di Torino: consigli, prezzi e come arrivare

Aggiornato a Novembre 2019 Queste informazioni sono state aggiornate grazie al contributo di 101 viaggiatori.
Museo Nazionale del Cinema, Torino, guida alle opere da visitare assolutamente. Consigli, mappa, prezzi, info su cosa vedere e come arrivare, cenni storici e curiositÓ.

pellicolaIl Museo Nazionale del Cinema di Torino è uno straordinario percorso attraverso la storia del cinema che parte addirittura da quando il cinema non esisteva fino ad arrivare ai giorni nostri. E' ospitato all'interno della Mole Antonelliana e la sua collezione conta svariate opere tra cui film, fotografie, documenti, stampe, dischi e molto altro, che vi faranno scoprire quanto in realtà sia grande il mondo del cinema. Ecco i nostri consigli per la visita, i prezzi e come arrivare!

Cosa vedere e come visitare il Museo Nazionale del Cinema

Il Museo Nazionale del Cinema si sviluppa seguendo la forma della Mole Antonelliana, quindi a spirale verso l'alto e con un'esposizione disposta su più livelli. L'itinerario proposto è interattivo in modo tale che il visitatore possa scoprire in prima persona e toccare con mano tutto ciò che è legato al mondo del cinema. Le aree tematiche che lo compongono sono ben 10 (Archeologia del Cinema, Fototeca, Manifesti e Materiali Pubblicitari, Memorabilia del Cinema, Apparecchi, Cineteca, Archivio Storico, Biblioteca, Videoteca, Fonoteca) e ognuna di queste contiene numeri elevati di cimeli e oggetti in tema cinema. Ecco cosa vi aspetta in ogni area del museo!

1 - Archeologia del Cinema

Quest'area racconta come il pubblico veniva allietato prima che nascesse il cinema con storie, ombre cinesi, scatole ottiche, lanterne magiche e dispositivi per animare le immagini. Una variegata raccolta arricchita da stampe, quadri, cerami­che e altri rari reperti ico­nografici.

2 - Fototeca

Racchiude oltre 1.000.000 di immagini, una ricca collezione che ripercorre la storia del cinema e quella della fotografia attraverso gli scatti di fotografi importanti che hanno "catturato" momenti sulla scena, sul set, ritratti di attori e registi, riprese di muto e di sonoro italiano ed estero.

3 - Manifesti e Materiali Pubblicitari

Circa 535.000 oggetti tra manifesti, locandine e materiali promozionali, in una collezione che documenta, oltre alla storia del cinema, anche quella della cartellonistica ideata da grandi disegnatori per la pubblicizzazione dei film in uscita.

4 - Memorabilia del Cinema

Si tratta di una collezione ideata per capire meglio le varie fasi della produzione ed è formata infatti da materiali di vario genere quali costumi di scena, oggetti del set e di pre-produzione, bozzetti per scenografie, disegni di animazione, maschere e modellini ormai divenuti anche pezzi artistici da collezionismo molto ricercati.

5 - Apparecchi

attrezzatura cinemaUn'area immancabile, dedicata all'apparecchiatura cinematografica e fotografica nella quale si trovano macchine e accessori di ogni genere come cineprese, proiettori, attrezzature da laboratorio, macchine fotografiche, ingranditori, visori, stereovisori e molto altro come testimonianza del processo realizzativo di un film.

6 - Cineteca

La collezione più significativa del museo, un patrimonio raro e prezioso costituito a partire dal 1942 quando la fondatrice acquistò la prima pellicola. Oggi conta più di 30.000 film in pellicola e in altri formati delle più disparate epoche e generi cinematografici.

7 - Archivio Storico

Questo archivio è un documentario di contenuti dalla ricchezza inestimabile nel mondo del cinema poiché conserva elementi unici e inediti tra cui migliaia di testimonianze della vita e dell'attività di società, registi, sceneggiatori, attori e tecnici del cinema muto e sonoro, sia italiano che estero.

8 - Biblioteca

La biblioteca è il centro di documentazione sul cinema e sulla fotografia più prestigioso d'Europa per la vastità e varietà del suo patrimonio che conta 45.000 monografie e 104.000 fascicoli di riviste. Di particolare importanza sono la raccolta dedicata alla fotografia piemontese e il fondo di riviste del cinema muto italiano.

9 - Videoteca

Offre al pubblico la scelta tra migliaia di film, dai classici di Hollywood ai capolavori italiani passando per film muti, grandi autori del cinema europeo, film pubblicitari e cinema d'animazione.

10 - Fonoteca

Un catalogo di 3.000 dischi legati al cinema contenenti le colonne sonore di centinaia di film firmate da grandi compositori come Morricone, Bernstein e Goldsmith. La collezione include anche le voci originali di celebri attori e attrici che cantano e recitano, come Totò e Greta Garbo.

    Dove si trova e come arrivare

    Mostra Mappa

    • A piedi: grazie alla sua posizione centralissima nella città, si può raggiungere la Mole Antonelliana, e quindi il museo, in pochi minuti a piedi tramite la strada principale Via Po e proseguendo poi sulla stradina di Via Gaudenzio Ferrari o di Via Giuseppe Verdi che portano in Via Montebello sulla quale si trova l'attrazione - Ottieni indicazioni
    • In bus: linee 6, 18 e 68 fino alla fermata Verdi
    • Tram: linea 16 fino alla fermata Palazzo Nuovo

    Orari e prezzi

    Il Museo Nazionale del Cinema è aperto tutti i giorni tranne il martedì e rimane aperto anche nei giorni festivi con orario ridotto di un paio d'ore. Il costo intero del museo è di €11,00 ma sono previste riduzioni per giovani, gruppi e scolaresche. Inoltre l'accesso è gratuito per i bambini e per chi ha acquistato il pass Piemonte Card oppure l'Abbonamento Musei Torino. Chiunque può richiedere all'ingresso la guida multimediale al costo di €5,00.

    • Orari: da mercoledì a lunedì dalle 9:00 alle 20:00 / sabato fino alle 23:00 - martedì chiuso
    • Miglior orario per evitare code: tra le 9:00 e le 11:00 e tra le 18:00 e le 20:00
    • Costo biglietto: €11,00
    • Riduzioni: €9,00 per ragazzi tra i 6 e i 26 anni e per i gruppi di almeno 15 persone - €3,50 per i gruppi scolastici
    • Gratuità: bambini sotto i 6 anni e possessori di Piemonte Card o Abbonamento Musei Torino

    Consigli utili per visitare l'attrazione

    1. Alzati presto: l'ideale sarebbe raggiungere l'ingresso entro le ore 9:00, al massimo le 10:00
    2. Acquista la city card: se sei interessato a visitare altri musei o attrazioni della città, puoi acquistare la Piemonte Card o l'Abbonamento Musei Torino per risparmiare sugli ingressi
    3. Biglietto online: Ticket combinato: Ascensore Mole Antonelliana + Museo del Cinema + tour in autobus turistico
    4. Animali: all'interno del museo sono ammessi gli animali domestici purché di taglia piccola, mentre taglie medie e grandi devono fermarsi al piano terra della Mole Antonelliana
    5. Ascensore Panoramico: per salire al museo ti consigliamo di scegliere l'ascensore panoramico e goderti la visuale offerta dalla Mole Antonelliana. Puoi aggiungerlo al biglietto del museo per un totale di €15,00 intero e €12,00 ridotto
    6. Tempo minimo: ti consigliamo di considerare un minimo di 2 ore per la visita. L'ideale sarebbe poter dedicare 2 ore e mezza

    Cenni storici e curiosità: cosa sapere in breve

    mole antonelliana 1L'idea di questo museo nasce nel 1941 dalla studiosa di storia e cinema Maria Adriana Prolo che inizialmente espose il materiale in una sala della Mole Antonelliana concessa dal comune di Torino.
    L'esposizione su livelli che si può ammirare oggi è invece opera dello scenografo François Confino che ha sfruttato al meglio le caratteristiche dell'edificio seguendo il crescendo antonelliano che gli ha permesso anche di giocare con i meccanismi della fascinazione posti alla base della rappresentazione cinematografica.

    Non hai ancora prenotato volo e hotel? Consulta le nostre offerte!

    Scopri la Guida Smart di Torino

    Hai trovato qualcosa che non va?

    Ogni contributo Ŕ benvenuto, e tutti possono contribuire.
    Aiutaci anche tu a trasmettere informazioni sempre aggiornate a tutti i nostri utenti

    Segnalacelo

    Ti Ŕ piaciuto questo articolo? Condividilo su:

    Lascia il tuo commento
    Accedi con Facebook Facebook
    Accedi con l'email

    Guida di Torino

    Torna su