Giappone Osaka Notte Asia

Cosa sapere per un Viaggio in Giappone

Aggiornato a Luglio 2020 Queste informazioni sono state aggiornate grazie al contributo di 177 viaggiatori.

Giappone Osaka Notte AsiaIl Giappone è una meta intrigante come nessun altro Paese.
Rimarrete abbagliati ed affascinati dalla creatività di questo popolo che sa coniugare tradizioni millenarie alla tecnologia più avanzata e sofisticata. Sarete immersi tra Buddhismo zen e robotica, tra metropoli iper moderne e placidi villaggi rurali!

Qualunque sia la vostra passione, se siete amanti del sushi o di anime e manga, seguaci della meditazione o nerd alla ricerca dell'ultimo ritrovato tecnologico sul mercato, la ricchezza della cultura e l'ospitalità che troverete renderanno la visita nel paese del Sol Levante un'esperienza semplicemente indimenticabile. Ecco cosa sapere per un viaggio in Giappone.

Periodo migliore

close up photography of cherry blossom treeE' l'inizio della primavera o il tardo autunno. Quando le precipitazioni non sono abbondanti e le temperature sono molto più accettabili rispetto a quelle rigide invernali o quelle calde e molto umide dell'estate.
La primavera è senza dubbio il top in quanto ogni anno si ripete il meraviglioso spettacolo della fioritura dei ciliegi, il cosiddetto sakura.
L'hanami che, letteralmente, significa "ammirare i fiori", è una vera e propria tradizione iniziata 1.300 anni fa e che viene praticata non solo dai turisti ma anche dagli stessi abitanti. Esistono dei tour organizzati ad hoc per inseguire la fioritura dei ciliegi.
Nulla da togliere al periodo autunnale durante il quale la natura dà il meglio di sè con i caldi colori del foliage degli aceri in primis.

Documenti necessari

Passaporto in corso di validità. Visto turistico rilasciato automaticamente alla dogana all'arrivo in Giappone; dura 3 mesi e non è prorogabile. Dal 2007, in dogana viene fatta una fotografia e vengono prese le impronte digitali. Occorre esibire il biglietto aereo di ritorno, l'indirizzo e i recapiti almeno del primo hotel in cui si soggiorna.
Dichiarare e dimostrare di avere una quantità di denaro sufficiente per mantenersi autonomamente per tutta la durata del soggiorno.
Fortemente consigliata l'assicurazione sanitaria dal momento che in Giappone la sanità è privata.
Sempre utile, per ogni evenienza, portare una carta di credito internazionale, accettata praticamente ovunque.

Quanti giorni

  • Durata minima del viaggio: almeno 8 giorni
  • Durata consigliata del viaggio: almeno 15 giorni

Come vestirsi e cosa portare

turista con zaino a tokyoConsiderando che le stagioni consigliate per un viaggio sono le mezze stagioni, occorre portare vestiti di mezzo peso; comodi, informali e di tessuto traspirante. Tenete presente che, in ogni stagione, ci sono sbalzi di temperatura abissali per via dell'aria condizionata "sparata a 1.000" nei locali, nei centri commerciali, sugli autobus e sui treni. Per questo motivo è consigliabile avere sempre a portata di mano un sciarpa o un foulard e un maglione o una felpa per proteggersi.
Antipioggia e ombrello sempre nello zaino.

Scarpe comode per le lunghe camminate e che siano anche facili e comode da mettere/togliere velocemente (ideali i tipi senza lacci) dal momento che è usanza togliere le scarpe quando si entra nei templi, nei giardini zen, nelle case private, nei caratteristici ryokan e in alcuni ristoranti tradizionali. All'uopo si rivela utilissimo portare sempre con sè anche un paio di calzini di ricambio.

Non dimenticate l'adattatore di corrente universale: la corrente è a 110/120V e le prese sono pertanto diverse dalle nostre.

Cosa vedere

architettura giappone kyotoLa prima volta in questa terra vuol dire Tokyo e Kyoto. Per vedere entrambe in maniera appena sufficiente considerate almeno una settimana.
A Tokyo vanno esplorati i vari quartieri, il Palazzo Imperiale, che si trovano tra le 10 Cose da vedere assolutamente.
A Kyoto sono imperdibili il Fushimi Inari, l'icona del Paese stesso; la foresta di bambù ad Arashiyama; la Passeggiata del Filosofo; il Kinkaku-ji, il Kiyomizudera, i suggestivi quartieri di Gion e Pontocho e il caratteristico Nishiki Market. Scopriteli meglio tra le 10 cose da vedere assolutamente.

Una seconda volta in Giappone è l'occasione per scoprire altre località come Hakone, uno dei centri termali più rinomati; Takayama, emblema del Giappone feudale; Osaka, capitale della gastronomia nipponica famosa per il castello; Shirakawa-go, remoto villaggio di montagna con case in stile gassho; Kamakura celebre per il grande Buddha; Nara e il suo parco di cervi; Hiroshima, città moderna famosa per la tragedia della Seconda Guerra Mondiale. Chi, infine, non sa rinunciare a qualche giorno di mare, può raggiungere il nord, ad Okinawa, la zona di costa con il mare più bello.

  • Se visiti la destinazione per la prima volta: Tokyo (Akiabhara, Shibuya, Shinjuku, Asakusa, Ueno, Takeshita Dori, mercato del pesce). Kyoto (Fushimi Inari, foresta di bambù ad Arashiyama, Passeggiata del Filosofo, Kinkaku-ji, Kiyomizudera, Nijo-jo, Gion, Pontocho, Nishiki Market)
  • Se stai ritornando nella destinazione: Takayama, Kanazawa, Osaka, Hakone, Hiroshima, Nikko, Nara, Shirakawa-go, Okinawa

Come muoversi

stazione di tokyoIl sistema dei trasporti è super efficiente.

Per spostarsi da una città ad un'altra il mezzo migliore è il treno; molte tratte sono servite dagli Shinkansen, i treni proiettile ad altissima velocità (es. Tokyo-Kyoto ¥13.600, circa €114,00).
E' super conveniente il Japan Rail Pass (7 giorni da €249,00).

A Tokyo ci si sposta con la metro; ci sono due società: la JR (Yamanote Line) e la Tokyo Metro. Il costo del biglietto varia in base al chilometraggio. E' caldamente consigliato avere la Pasmo o la Suica, carte ricaricabili a scalare per evitare di dover fare il biglietto del treno ogni volta e perdere un sacco di tempo.

A Kyoto ci si può spostare sia con la metro (2 linee) che con gli autobus. Anche in questo caso il costo del biglietto varia in base ai km (tariffa base da 1 a 3 km ¥210, circa €1,80).

Takayama, Kanazawa, Osaka, Hakone e Hiroshima sono collegate a Tokyo e Kyoto con i treni. Lo stesso vale per Nikko, Nara e Kamakura. Per raggiungere Shirakawa-go si può scegliere tra treno ed autobus entrambi in partenza da Takayama.

Cosa prenotare in anticipo

tokyo giappone shibuya incrocioIl volo da e per l'italia è sicuramente la prima voce da prenotare con largo anticipo anche per cercare di risparmiare un po' sulle tariffe.

Gli hotel vanno anch'essi prenotati anzitempo soprattutto se si visita il Giappone in alta stagione e/o durante eventi di grande richiamo (come la fioritura dei ciliegi). In particolar modo muovetevi con largo anticipo soprattutto se volete trovare una buona scelta anche dal punto di vista economico e se volete godervi almeno una notte in un caratteristico ryokan, esperienza sensoriale a 360° nella cultura piuttosto costosa e molto richiesta.

Acquistate il Japan Rail Pass on-line e poi ritiratelo in loco in uno dei luoghi di ritiro proposti.

Sempre on-line prenotate il Pocket WiFi, il router portatile per collegarsi a Internet. Lo ritirerete all'ufficio postale dell'aeroporto al vostro arrivo.

Per i lunghi tragitti in treno, se non volete correre il rischio di fare il viaggio in piedi, è consigliabile prenotare i posti a sedere. Non serve muoversi molto tempo prima, è sufficiente recarsi alla biglietteria della stazione anche solo 1 o 2 giorni antecedenti la partenza e fissare il vostro posto.

Dove dormire

appartamenti porte colori di tokyoTokyo e Kyoto sono le due città base dove dormire la prima volta in Giappone, per un viaggio che quindi tocca le mete più iconiche, le principali ed imperdibili. In entrambe le città non si può parlare di un vero e proprio centro.
A Tokyo, suggeriamo di trovare alloggio nel quartiere di Shinjuku, il più rappresentativo, il più vivace la sera e quello che, con circa 20 min di metro o treno collega tutti gli altri quartieri interessanti (Shibuya, Ginza, Asakusa, Akihabara, Ueno). I quartieri di Asakusa e Ueno sono perfetti per trovare soluzioni economiche, ma la sera sono un po' "morti".

Stesso discorso per Kyoto: non esiste un vero e proprio centro, la città è vastissima e le singole attrazioni sono disseminate un po' ovunque. Metro e autobus obbligatoriamente necessari per spostarsi da un'attrazione ad un'altra. Per tal motivo la scelta migliore è trovare un alloggio il più vicino possibile ad una fermata metro o di autobus. Perfetta la zona stazione.

Dove mangiare

sushi giapponese piastra potenzaI ristoranti sono monotematici; è molto raro trovare un locale che cucini di tutto. l locali più tipici sono le izakaya dove si spende almeno ¥3.000, circa €25,00. Per facilitare l'interpretazione dei menù, all'ingresso sono sempre esposte perfette riproduzioni in plastica dei piatti.

I ristoranti più economici sono quelli di ramen (tra ¥500 e ¥1.000, circa €4,00 e €8,00), dove mangiare okonomiyaki, la cosiddetta "pizza giapponese" che è una ricca frittata gigante, udon e tempura, tonkatsu, simile alla nostra cotoletta e yakitori, spiedini di carne (sono piccolissimi, preventivarne almeno una decina).
La pregiatissima carne di Kobe è venduta a peso: minimo ¥4.770 l'etto/€40,00!
Sushi e sashimi partono da ¥4.000, circa €33,00.

Nei ryokan è possibile provare l'esperienza del Kaiseki: tanti piccoli piatti curati nei minimi dettagli (notte + cena e colazione, da ¥20.000, circa €150,00).

Lo street-food per eccellenza di Osaka sono i takoiaky, polpette di polpo (una porzione ¥800, circa €7,00). Per pasti veloci ed economici i conbini, aperti h24, sono perfetti. Qui si trovano prodotti confezionati come onigiri, tramezzini, insalate, gelati, frutta etc...; ma anche buns, spiedini, pezzi di pollo e polpette caldi.

Quanto costa

  • Costo voli e spostamenti: volo a/r €900,00 - treni lunghe tratte €120,00 - treni medie tratte €60,00 - singola corsa metro o bus €2,00
  • Costo accomodation: €30,00/40,00 ostelli e capsule hotel - €90,00/110,00 hotel buono - da €300,00 ryokan
  • Budget giornaliero minimo per pasti e attrazioni: un pasto frugale (comprando qualcosa di veloce nei conbini oppure ramen, udon o simili) costa €11,00 - cena di sushi o carne €50,00 - templi quasi sempre gratuiti - giardini zen €4,00

Come pagare

La moneta locale è lo Yen (¥). €1,00 = 119,34¥

Il top è arrivare in Giappone muniti di yen. Cambiare pertanto gli euro in yen in Italia prima di partire. Risparmierete tempo durante il soggiorno e i tassi applicati dalle banche sono generalmente i più convenienti.

N.B. Non tutte le filiali hanno a disposizione la valuta giapponese, prenotate la moneta almeno un paio di mesi prima della partenza.

Potete altrimenti cambiare gli euro presso gli sportelli di cambio degli aeroporti giapponesi. Per trovare tassi migliori, anziché cambiare in aeroporto, recatevi direttamente in banca; ci sono sportelli dedicati.
E' altresì possibile prelevare yen in contanti utilizzando la propria carta di credito o prepagata presso gli ATM internazionali disponibili negli uffici postali, nei konbini della catena 7eleven e in alcune stazioni.

ATTENZIONE: alcuni ATM spesso non sono abilitati ai prelievi internazionali e quindi non sarà possibile prelevare con una carta italiana. Ogni carta di credito o prepagata applica diverse commissioni per i prelievi all'estero. Verificare a quanto ammontano queste commissioni rivolgendovi alla banca o alla società che ha emesso la carta.

Sicurezza

giappone osaka notte asiaNel complesso è un Paese sicuro.
Ciononostante è sempre opportuno applicare le normali precauzioni a salvaguardia della propria sicurezza. In alcuni locali notturni di Roppongi, a Tokyo, si sono recentemente registrati casi di rapina ai danni di stranieri dopo che questi avevano assunto bevande presumibilmente alterate con sonniferi. Così come occorre prestare attenzione ai borseggiatori sui mezzi pubblici.

I rischi maggiori possono invece derivare da eventi connessi a calamità naturali.
Per le sue caratteristiche morfologiche e geologiche, il Giappone è infatti considerato un Paese a rischio per quanto riguarda l'attività vulcanica, l'attività sismica e il rischio tifoni che, da settembre a tutto novembre, si abbattono sul Paese con una certa frequenza e possono essere di media o forte intensità.
Il consiglio è quello di tenersi aggiornati con i media locali e sul sito ufficiale della Farnesina.
Utilissima l'App (in lingua inglese) per smartphone, che contiene consigli e indicazioni in caso di catastrofi naturali e consente di ricevere "early warning" su emergenze e tsunami.

Consigli utili e norme di comportamento

  1. L'inchino è il modo utilizzato per salutare e ringraziare. Profondità e durata dell'inchino sono proporzionali allo status sociale della persona che si ha di fronte.
  2. Non esibire i tatuaggi in pubblico; evitare i bagni pubblici (onsen) o coprirli con cerotti. In Giappone i tatuaggi sono infatti associati alla "yakuza", la mafia giapponese.
  3. Non soffiare il naso in pubblico in quanto è considerato estremamente rozzo. I locali tendono a trattenersi finchè non si trovano da soli.
  4. Mai mangiare e bere mentre si cammina. Se non se ne può fare a meno, fermarsi in un angolo appartato e consumare lo snack o la bevanda; una volta terminato il vostro spuntino riprendere la marcia.
  5. Rispettare rigorosamente le file per salire e anche per scendere dai mezzi pubblici.
  6. Evitare di sporcare. La pulizia è un elemento essenziale della condotta di ogni cittadino. In giro non si trovano cestini per l'immondizia. La spazzatura prodotta si conserva e si getta una volta rientrati nel proprio alloggio.
  7. Fumare solo nelle aree adibite. Ciò vale anche negli spazi aperti.
  8. Sui mezzi di trasporto o nei luoghi pubblici evitare di tenere sulle spalle zaini ingombranti.
  9. Vietato parlare al telefono o ascoltare musica senza cuffie sui mezzi di trasporto. Fortemente consigliato disattivare la suoneria.
  10. Ci si siede per terra nelle case private e nei ristoranti più tradizionali. Il modo di sedersi tradizionale (seiza), consiste nel piegare le gambe, appoggiare le ginocchia a terra e accomodare i glutei sulla pianta dei piedi incrociate o giustapposte. L'alternativa più comoda è quella a gambe aperte incrociate (solo per gli uomini) e gambe piegate poste di lato (solo per le donne).
  11. Non accavallare le gambe. La postura giapponese ideale, segno di buona educazione (ad es. durante un colloquio) richiede di stare seduti con le gambe unite parallele e le mani sulle ginocchia.
  12. Evitare baci, abbracci ed effusioni in pubblico. Le manifestazioni di affetto sono ritenute un momento intimo da confinare alla sfera privata.
  13. Mantenere sempre un atteggiamento pacato: non si ride a squarciagola, non si alza mai la voce, non si manifesta in maniera troppa plateale la propria gioia o rabbia.
  14. Togliersi le scarpe per entrare nei templi, nei giardini zen, nelle case private, nei ryokan, nei centri massaggio, nei ristoranti più tradizionali.
  15. Biglietti da visita: i giapponesi ne hanno una specie di ossessione maniacale. Portatevene una buona scorta e consegnateli sempre con due mani.
  16. Al ristorante, appena ci si accomoda al tavolo, ad ogni commensale viene consegnato un tovagliolo umido (oshibori) usato per pulirsi le mani prima di mangiare.
  17. Forchette e coltelli sono praticamente inesistenti ed introvabili. Non infilzare il cibo con le bacchette e mai lasciarle in posizione verticale. Questo gesto infatti ricorda i bastoncini di incenso usati nelle cerimonie funebri.
  18. A tavola, mai passarsi il cibo con le bacchette. Questo gesto si effettua nei riti funebri, quando alcune ossa del defunto, dopo la cremazione, vengono raccolte e passate da un membro all'altro della famiglia con le bacchette.
  19. Noodles e udon vanno rigorosamente mangiati col "risucchio", facendo quindi rumore. A dimostrazione che si sta gradendo il piatto.
  20. Si consuma il cibo fino all'ultimo chicco di riso. Avanzare cibo è considerato un atto irresponsabile e ingrato. Secondo il buddhismo lo spreco di cibo è una mancanza di rispetto e compassione verso le vite vegetali o animali sacrificate per la preparazione della pietanza.
  21. Non è usanza lasciare la mancia. Potrebbe anche essere considerato un gesto offensivo.
  22. Usare sempre entrambe le mani quando si porge qualcosa, ad es le banconote vanno appoggiate nell'apposito piattino (rigorosamente a due mani) e non poste nelle mani dell'altra persona.
  23. Se avete occasione di fare un brindisi dite "Kampai". Non dite "cin cin" che in giapponese vuol dire tutt'altra cosa...
  24. Il numero 4 è assolutamente da evitare. La sua pronuncia ha infatti lo stesso suono della parola "morte"; è quindi considerato un porta sfortuna al punto che in alcuni hotel, condomini e ospedali si passa dal 3° al 5° piano.
  25. Assicurazione di viaggio/sanitaria: consigliata. Con noi ottieni uno sconto del 10% e hai copertura completa, assicurazione medica h24 e consulenza telefonica illimitata – fai un preventivo gratis

Assicurazione di viaggio: il nostro consiglio

Noi ci affidiamo sempre alla compagnia Compagnia di assicurazioni, che fornisce una copertura completa a dei prezzi assolutamente competitivi.
Inoltre mettono a disposizione un'assistenza clienti, un call center sempre attivo e l'assicurazione medica h24 con consulenza medica telefonica Illimitata: sappiamo bene che quando ci si trova all'estero in situazioni di emergenza, trovare un consulente sempre pronto a rispondere è la cosa più importante.
Visita il loro sito e ricevi uno sconto del 10% sulla tua polizza riservato agli utenti di Travel365.

Conosci questo posto?

Condividi le tue foto, suggerisci modifiche e segnalazioni. Tieni aggiornate le informazioni e aiuta migliaia di viaggiatori come te :)


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

  • facebook
  • Tweet
  • Mail

Domande frequenti su Giappone

Inserisci una domanda
Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Guida di Giappone

Torna su