343 matera copia

I Siti UNESCO italiani per regione: Sud ed Isole

Quali sono i siti unesco del Sud-Italia? Scopri il numero dei siti unesco in Italia meridionale e nelle isole, ecco la lista dei siti Unesco italiani per regione: i monumenti ed i luoghi patrimonio dell'umanitÓ in Basilicata, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia

343 matera copiaAncora un articolo dedicato alle meraviglie d'Italia: città, luoghi e monumenti, celebrazioni e cerimonie tradizionali riconosciute dall'Unesco per la loro importanza storica, artistica e culturale.
Dopo aver scoperto ed ammirato i luoghi del Nord e del Centro, adesso ci spostiamo verso il mezzogiorno italiano, territorio determinante per la storia della nostra Nazione.
Dalle testimonianze di civiltà nuragiche in Sardegna, alle indelebili traccie culturali lasciate dai dominatori greci, arabi e normanni in Sicilia; percorrendo lo stivale verso nord attraverso Puglia, Basilicata e Campania, Calabria. Ecco la lista dei patrimoni italiani del Sud e delle Isole.
VEDI ANCHE: I siti Unesco del centro Italia I siti Unesco del Nord Italia

Sardegna

Si parte dall'Italia insulare e precisamente dalla Sardegna. Qui dal 1997 sono riconosciuti 3 patrimoni, due dei quali rappresentano delle espressioni della cultura immateriale:
la grande tradizione del "Canto a tenore", tipologia di canto corale che rappresenta un'espressione artistica autoctona della regione; e la nota celebrazione "Faradda di li candareri", appartenente alla rete delle grandi macchine a spalla Italiane. L'unico patrimonio effettivamente visitabile è l'insediamento Nuragico di Su Nuraxi presso il piccolo comune di Barumini.

  • Su Nuraxi di Barumini (Barumini), inserito nella lista nel 1997

Sicilia

  • Villa romana del Casale a Piazza Armerina, inserita nella lista nel 1997
  • Valle dei Templi - Area archeologica di Agrigento, inserita nella lista nel 1997
  • Isole Eolie, inserite nella lista nel 2000
  • Città tardo barocche del Val di Noto (Sicilia sud orientale): comprende Caltagirone; Catania; Militello in Val di Catania; Modica; Noto; Palazzolo Acreide; Ragusa; Scicli. Inserite nella lista nel 2002.
  • Siracusa e la Necropoli Rupestre di Pantalica: comprende Ortigia (Siracusa); Necropoli di Pantalica (Sortino). Inserite nella lista nel 2005
  • Monte Etna, inserito nella lista nel 2013.
  • Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale: comprende Palazzo Reale e Cappella Palatina; Cattedrale di Palermo; Chiesa di San Giovanni degli Eremiti; Chiesa della Martorana; Chiesa di San Cataldo; Ponte dell'Ammiraglio; La Zisa, il Duomo di Cefalù e il Duomo di Monreale. Inserite nella lista nel 2015

Puglia

  • Castel del Monte (Andria), Inserito nella lista nel 1996
  • Trulli (Alberobello), Inseriti nella lista nel 1996
  • Santuario di San Michele Arcangelo (Monte Sant'Angelo), che fa parte dei Luoghi del potere dei Longobardi in Italia, inseriti nella lista nel 2011
  • La Riserva naturale Foresta Umbra, che fa parte delle Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa, inserite nella lista nel 2017

Basilicata

La Basilicata vanta un patrimonio riconosciuto nel 1993, il Il comune di Matera, ed uno riconosciuto nel 2017 ovvero la Foresta di Cozzo Ferriero nel Parco nazionale del Pollino, inserita fra le "Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa".

  • I Sassi e il parco delle chiese rupestri di Matera, inseriti nella lista nel 1993
  • Foresta di Cozzo Ferriero nel Parco nazionale del Pollino, fa parte delle Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa. Inserite nella lista nel 2017.

Campania

  • Centro storico di Napoli: Comprende Parco e Reggia di Capodimonte, Castel Sant'Elmo, Certosa di San Martino, Villa e Parco Floridiana, Villa Rosebery, Villa comunale di Napoli, Real Orto Botanico, Distretto di Villa Manzo - Santa Maria della Consolazione, Marechiaro, Distretto del Casale e Santo Strato. Inserito nella lista nel 1995.
  • Palazzo reale del XVIII secolo di Caserta con il parco, l'acquedotto Carolino e il complesso di San Leucio. Inseriti nella lista nel 1997.
  • Zone archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata, Comprende Pompei, Villa dei Misteri, Ercolano, Villa dei Papiri, Teatro romano di Ercolano, Villa A e Villa B. Inserite nella lista nel 1997.
  • Costiera amalfitana - 1997: Comprende vari comuni della provincia di Salerno
  • Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, con i siti archeologici di Paestum e Velia, e la Certosa di San Lorenzo. Inseriti nella lista nel 1998.
  • Complesso monumentale di Santa Sofia con il Museo del Sannio (Benevento), fa parte dei luoghi dei Longobardi in Italia, inseriti nella lista nel 2011.

Calabria

  • Foresta di Cozzo Ferriero nel Parco nazionale del Pollino, fa parte delle Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa, inserite nella lista nel 2017.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su