chiesa la rotonda rovigo Fonte: wikipedia - Autore: Threecharlie - Licenza: CC BY-SA 3.0

Rovigo: cosa vedere, dove mangiare e cosa fare la sera

Cosa vedere a Rovigo e dintorni: itinerari di un week-end e di un giorno. Scopri 10 cose da visitare, i migliori ristoranti e cosa fare la sera. Info e consigli utili su Rovigo

chiesa la rotonda rovigo Fonte: wikipedia - Autore: Threecharlie - Licenza: CC BY-SA 3.0 Rovigo si trova nella parte meridionale del Veneto, al confine con l'Emilia Romagna, in una zona pianeggiante notoriamente ricca di corsi d'acqua e a 40 chilometri circa dal Mare Adriatico. Rovigo è compresa nella vasta zona del Parco Regionale Veneto del Delta del Po, area di grande interesse naturalistico e storico. Città a prima vista piccola e tranquilla, cela interessanti percorsi e secoli di storia. Sapevate, ad esempio, che all'interno di Rovigo sono conservate alcune possenti torri facenti parte di una grandiosa fortezza medievale? Questa è solo una delle sorprese della città, ecco dunque Rovigo: cosa vedere, dove mangiare e cosa fare la sera.
VEDI ANCHE: 10 cose da vedere in Veneto paesi e borghi più belli del Veneto le Ville Palladiane più belle del Veneto

10 cose da vedere a Rovigo in un Weekend

1 - Chiesa della Beata Vergine del Soccorso

chiesa la rotonda rovigo Fonte: wikipedia - Autore: Threecharlie - Licenza: CC BY-SA 3.0 Questo edificio religioso, denominato La Rotonda per la sua pianta ottagonale, è uno dei più famosi e storici della città. È una Chiesa davvero monumentale, che stupisce ancor di più se si pensa alla sua origine: è stata costruita tra il XVI e XVII secolo al solo scopo di conservare un'immagine di modeste dimensioni della Madonna col Bambino, alla quale gli abitanti della città erano molto devoti e che era affrescata all'interno di un piccolo oratorio. Pare infatti che l'oratorio non riuscisse ad ospitare il flusso di devoti alla Vergine del Soccorso, che era interceduta varie volte per la popolazione di Rovigo, ad esempio durante un'epidemia di peste.

L'esterno è magnifico, col colonnato che segue la pianta ottagonale, ma l'interno vi lascerà ancor più senza fiato. C'è uno splendido altare che risale al 1607, e tutto l'impianto di decorazione intorno al minuscolo quadro della Vergine è incredibile: ci sono una serie di angeli che sorreggono il dipinto, e l'intera struttura parte dall'altare. Da notare inoltre il grande organo, che è qui dal 1767.

  • Come arrivare:si trova a circa 1,5 chilometri dalla stazione ferroviaria di Rovigo, raggiungibile a piedi in circa 20 minuti, imboccando viale Marconi e poi procedendo su via della Pace. Da piazza Vittorio Emanuele, in pieno centro, è molto vicina, sono circa 500 metri, ci si impiega 5 minuti a piedi. Dalla stazione parte l'autobus navetta U12 ogni due ore, e ferma in via della Pace, da lì è necessario proseguire a piedi per circa 450 metri attraverso viale Trieste. Ottieni indicazioni
  • Orari:chiusa il lunedì, aperta dal martedì al sabato dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 18:30, la domenica apre alle 09:00. Durante le messe sono sospese le visite turistiche.
  • Costo biglietto:Gratis

2 - Palazzo Roverella

palazzo roverella Fonte: wikipedia - Autore: Threecharlie - Licenza: CC BY-SA 3.0 Palazzo Roverella è un maestoso edificio che proviene direttamente dal periodo rinascimentale ed estense della città. Si affaccia su piazza Vittorio Emanuele II, cuore pulsante di Rovigo. Fu commissionato nel 1474 dal cardinale Roverella per celebrare un periodo particolarmente florido della sua famiglia. Nel corso dei secoli il palazzo ha subìto interventi inadeguati alla sua originaria eleganza, fino alla fine della Seconda Guerra mondiale quando una ristrutturazione ha rimesso in sesto la facciata, giocando in particolare tra i cromatismi del rosso dei mattoni e del bianco dei marmi, così che, una volta giunti nella piazza, è impossibile non notarla. L'interno, invece, è stato ristrutturato solo dopo il 1985.

Oggi il palazzo ospita mostre di importanza internazionale, due delle quali permanenti: la splendida Pinacoteca, una delle collezioni più importanti e prestigiose in Veneto, con i capolavori dei maestri italiani tra cui il Tiepolo, e l'Archeologia, con reperti etruschi, romani, greci e veneti. Spesso ci sono anche delle mostre temporanee all'interno dell'edificio, solitamente dedicate all'arte tra 1800 e 1900.

  • Come arrivare:si trova in piazza Vittorio Emanuele II e dista circa 1 chilometro dalla stazione, una passeggiata di 13 minuti su Corso del Popolo. Con i mezzi, è possibile prendere gli autobus U6-U7-U8 e scendere, in pochi minuti, alla fermata Corso del Popolo BNL, da lì è sufficiente attraversare la strada, sono circa 100 metri. Ottieni indicazioni
  • Orari:da lunedì a venerdì dalle 09:00 alle 19:00, sabato e domenica aperto fino alle 20:00.
  • Costo biglietto:€5,00

3 - Museo dei Grandi Fiumi

Il Museo dei Grandi Fiumi è un'esposizione dedicata alle civiltà sorte sulle sponde dei corsi d'acqua che caratterizzano il territorio, in particolare le aree del delta del Po e dell'Adige. L'esposizone è ospitata all'interno dell'antico ex Monastero degli Olivetani. Il museo è diviso in tre aree dedicate ai periodi: età del Bronzo, età del Ferro ed età romana.
ll percorso espositivo è innovativo e consente al visitatore di toccare con mano e partecipare attivamente alla visita, ci sono ricostruzioni dei siti di ritrovamento e diorami a grandezza naturale che rappresentano gli usi e i costumi del periodo dei reperti esposti.

  • Come arrivare:si trova in Piazza San Bartolomeo, dalla stazione dista circa 2 chilometri, mezz'ora a piedi attraverso Corso del Popolo. Gli autobus U6, U7 e U8 partono dalla stazione ogni 30-40 minuti circa e possono lasciarvi a Piazzale Appiotti, da cui il Museo dista 300 metri. La corsa dura meno di dieci minuti. Da piazza Vittorio Emanuele II il Museo dista circa 950 metri, 10 minuti di passeggiata attraverso il centro, seguendo Corso del Popolo. Ottieni indicazioni
  • Orari:chiuso il lunedì, aperto da martedì a venerdì dalle 09:00 alle 13:00, con ultimo ingresso un'ora prima della chiusura; sabato, domenica e festivi dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00.
  • Costo biglietto:€4,00

4 - Piazza Vittorio Emanuele II

piazza vittorio emanuele ii 1 Fonte: wikimedia - Autore: Threecharlie - Licenza: CC BY-SA 4.0 Piazza Vittorio Emanuele II è il cuore di Rovigo, la piazza principale del centro storico. Qui potrete rilassarvi in uno dei caffè all'aperto e, da lì, dare un'occhiata agli edifici e alle statue circostanti. Ad esempio, posto sopra un'alta colonna, c'è il leone di Venezia, sopravvissuto al periodo in cui Rovigo apparteneva alla Repubblica di Venezia.
Tra gli edifici c'è l'Accademia dei Concordi, che un tempo ospitava la preziosa Pinacoteca che ora si trova a Palazzo Roverella, Palazzo Municipale, la Loggia dei Notari e la Torre dell'orologio. Naturalmente, su tutti, c'è proprio Palazzo Roverella e il suo dirimpettaio Palazzo Roncale. Nella piazza sorge anche una splendida statua di Re Vittorio Emanuele II al quale la piazza è dedicata.

  • Come arrivare:la stazione dista circa 1,2 chilometri da Piazza Vittorio Emanuele II, percorribili a piedi in un quarto d'ora attraverso Corso del Popolo. Altrimenti è possibile prendere gli autobus U6-U7-U8, circa ogni mezz'ora è possibile trovare una corsa, nel giro di pochi minuti fermano a Corso del Popolo BNL, dove c'è proprio l'imbocco della piazza. Ottieni indicazioni
  • Orari:sempre accessibile
  • Costo biglietto:Gratis

5 - Torri del Castello Medievale

torre dona rovigo Fonte: wikipedia - Autore: Threecharlie - Licenza: CC BY-SA 3.0 Il centro di Rovigo cela segreti inaspettati, ed è così che, all'interno di un bel parco, si possono trovare le due torri, Donà e Grimani, entrambe pendenti, resti dell'antico castello medievale che fungeva da fortificazione per la città, della quale restano ancora varie porte lungo il percorso delle cinta, tra cui quella di San Bortolo. Purtroppo le torri sono solo visitabili all'esterno, anche se è prevista una futura apertura della Torre Donà con vista panoramica su tutta la città: motivo per tornare presto!

La torre Donà infatti è alta 51 metri ed è meglio conservata della vicina Grimani, chiamata Torre Mozza perché la parte superiore è completamente crollata. Tutto intorno c'è uno splendido parco con giochi per i bambini, panchine e la possibilità di rilassarsi un po'.

  • Come arrivare:le Torri del Castello Medievale si trovano in piazza Giacomo Matteotti, a circa 950 metri dalla stazione, percorribili a piedi in 12 minuti attraverso Corso del Popolo. Sono distanti pochi metri da piazza Vittorio Emanuele II, è necessario semplicemente attraversare Corso del Popolo, perciò si possono anche prendere i mezzi dalla stazione, autobus U6-U7-U8 e scendere proprio a Corso del Popolo BNL, le Torri si trovano a 200 metri in direzione nord. Ottieni indicazioni
  • Orari:sempre accessibile
  • Costo biglietto:Gratis

6 - Chiesa dei Santi Francesco e Giustina

chiesa dei santi francesco e giustina Fonte: wikipedia - Autore: Threecharlie - Licenza: CC BY-SA 3.0 La Chiesa di Santa Giustina, che dava il nome anche al quartiere sull'Adigetto, si trovava un tempo dove ora c'è piazza Garibaldi, poco distante dall'attuale sito. Il primo documento che attesta l'esistenza della Chiesa risale al 1206. Soltanto poi, nel 1800, la Chiesa è stata trasferita nell'attuale edificio dov'era già presente la Chiesa di San Francesco, unendo dunque il culto dei due Santi. L'edificio attuale è il risultato di una ristrutturazione iniziata nel 1827, che ha completamente stravolto lo stile dell'edificio originario. La facciata è stata costruita in un momento successivo sull'attuale sagrato. Era inizialmente decorata dalla presenza di cinque statue, che furono eliminate alla fine degli anni Sessanta.

Una curiosità: nel 1914 è stato finalmente inaugurato il fonte battesimale, che era stato richiesto nel 1603, più di trecento anni prima, dal parroco di Santa Giustina. Degna di nota è, al terzo altare destro, una statua di marmo di Giovanni Marchiori raffigurante San Lorenzo, così come alcuni dipinti importanti e l'organo antico.

  • Come arrivare:si trova in piazzale San Francesco, a circa 1,4 km dalla stazione, venti minuti a piedi attraverso Corso del Popolo e Piazza Vittorio Emanuele II, da cui dista nemmeno 300 metri. Con i mezzi, si possono sempre prendere gli autobus U6-U7-U8 e scendere in Corso del Popolo BNL, la Chiesa si trova a 350 metri attraverso piazza Vittorio Emanuele II. Ottieni indicazioni
  • Orari:visitabile durante la giornata tranne che nell'orario delle messe, feriali 18:30, festivi alle 10:00, alle 11:00 e alle 18:30.
  • Costo biglietto:Gratis

7 - Palazzo Roncale

Il palazzo Roncale è un palazzo nobiliare situato nei pressi di Piazza Vittorio Emanuele II. È stato realizzato nel 1555 dalla famiglia Roncale, che si era trasferita da Bergamo intorno alla metà del XV secolo. Il progetto era stato affidato al veronese Michele Sanmicheli, il quale aveva un compito arduo: far sì che il palazzo Roncale potesse competere con l'eleganza di palazzo Roverella senza sfigurare. Il palazzo era costruito con una pianta molto simile a quella dei palazzi veneziani; nel XX secolo è stato poi sottoposto a una grande ristrutturazione. Attualmente, Palazzo Roncale ospita una continuazione tematica ideale della collezione della Pinacoteca del Palazzo Roverella e, di frequente, alcune mostre temporanee.

  • Come arrivare:si trova proprio davanti al Palazzo Roverella, in piazza Vittorio Emanuele II, a circa 1 chilometro dalla stazione, una passeggiata di 13 minuti su Corso del Popolo; oppure, con i mezzi, è possibile prendere gli autobus U6-U7-U8 e scendere, in pochi minuti, a Corso del Popolo BNL, da lì sarà sufficiente attraversare la strada, sono circa 100 metri. Ottieni indicazioni
  • Orari:aperto solo venerdì dalle 09:00 alle 19:00, sabato, domenica e festivi dalle 09:00 alle 20:00
  • Costo biglietto:Gratis

8 - Porta San Bortolo

La Porta San Bortolo è davvero interessante, perché si tratta della porta meglio conservata delle due rimaste della cinta muraria di Rovigo. La sua struttura è realizzata in cotto a fornice unico e si affaccia su Piazza Umberto Merlin, è una porta di collegamento tra il centro cittadino e il quartiere di San Bartolomeo, a sud della città. Il suo aspetto è rimasto praticamente lo stesso che assunse durante i lavori alla cinta muraria, dopo il 1482, a opera della Repubblica di Venezia; degna di nota, e ben visibile, è la merlatura ghibellina, che è stata restaurata di recente. Questa porta merita davvero una passeggiata, allunangandosi un po' dal centro, per ammirarla.

  • Come arrivare:si trova a circa 1,4 chilometri dalla stazione, venti minuti a piedi attraverso Corso del Popolo. Con i mezzi, si possono sempre prendere gli autobus U6-U7-U8 e scendere in Corso del Popolo BNL, la porta si trova a 250 metri in direzione sud. Da piazza Vittorio Emanuele II dista circa 200 metri, due minuti a piedi attraverso via Cavour. Ottieni indicazioni
  • Orari:sempre accessibile.
  • Costo biglietto:Gratis

9 - Chiesa di San Bartolomeo

La chiesa di San Bartolomeo è caratteristica perché si tratta di uno dei pochi esempi di architettura religiosa del XVI secolo presenti nella zona sud del Veneto. Al suo interno ci sono anche alcuni elementi dello stile barocco, come stucchi e affreschi, aggiunti nel corso del secolo successivo. L'attuale edificio è sorto come sostituto della precedente chiesa del monastero sempre dedicata a San Bartolomeo, costruita nel XIII secolo dalla congregazione degli Umiliati. Nel 1480 venne demolito il vecchio convento e costruita la nuova Chiesa che comprende l'attuale chiostro collegato all'esterno da un portale in pietra sopra il quale è ben visibile l'anatema di Papa Gregorio XI , scritto contro chi osasse violare il monastero. Da notare l'organo datato 1778, posizionato di lato all'altare maggiore, su una cantoria, che è ancora funzionante.

  • Come arrivare:si trova a 2 chilometri dalla stazione, circa 25 minuti di cammino attraverso il centro e Corso del Popolo, e 900 metri da piazza Vittorio Emanuele II, 11 minuti di cammino attraverso via Don Minzoni. Dalla stazione si possono prendere gli autobus U6 e U7 direzione Pontecchio e San Cassiano e scendere in via Antonio Oroboni, impiega un quarto d'ora circa, la Chiesa si trova a 450 metri. Ottieni indicazioni
  • Orari:visitabile durante la giornata tranne che negli orari delle messe, nei feriali alle 07:30 e alle 18:00, domenica e festivi alle 08:00, alle 10:00, alle 12:00 e alle 19:00. È possibile accordarsi con la Parrocchia per una visita guidata di circa un'ora.
  • Costo biglietto:Gratis

10 - Torre Pighin

La Torre Pighin, che prende il nome dalla via in cui si trova, è la terza delle tre torri di Rovigo sopravvissute nel corso del tempo, e faceva parte della cinta muraria voluta nel 1138 dal Vescovo di Adria proprio per rafforzare la difesa della città. È realizzata in muratura a pianta quadrata, e attualmente sorge in mezzo alle case moderne, anzi, dopo varie vicissitudini la torre è tornata ad essere ad uso abitativo privato, com'era già stata in passato, e questo significa, purtroppo, che non è visitabile se non dall'esterno. Un giro intorno alla Torre è, però, consigliato, per vedere questo testimone del passato che ancora resiste in mezzo agli edifici contemporanei.

  • Come arrivare:si trova a 1,3 chilometri dalla stazione, circa 20 minuti di cammino attraverso Corso del Popolo, oppure con i mezzi si possono prendere gli autobus U6-U7-U8 e scendere alla fermata Corso del Popolo BNL, la Torre si trova a 260 metri in direzione sud, sulla sinistra. Da piazza Vittorio Emanuele II sono circa 350 mt, 5 minuti a piedi attraverso Corso del Popolo. Ottieni indicazioni
  • Orari:all'esterno è sempre accessibile.
  • Costo biglietto:Gratis

Cosa vedere a Rovigo in un giorno: itinerario consigliato

  • Mattina: Partiamo dal lato sud della città, in modo da approfittare dell'apertura di mattina del Museo dei Grandi Fiumi che, tuttavia, è possibile visitare anche nei pomeriggi del fine settimana. Prima, però, facciamo colazione alla vicina Pasticceria Gocce di Miele. Dopo la visita al Museo, proprio lì davanti, possiamo visitare la Chiesa di San Bartolomeo, e poi dirigerci in direzione centro attraverso Corso del Popolo. Lungo il tragitto possiamo fermarci per ammirare la Porta San Bortolo, e, poco più sù, nascosta tra le case, la Torre Pighin. Consumiamo il nostro pranzo nella zona centrale di Corso del Popolo, a Tavernetta Dante 1936. Ma non prendiamo il caffè!
  • Pomeriggio: Proseguiamo con calma e andiamo a sederci in piazza Vittorio Emanuele II, lì ce ne ordiniamo uno ammirando la bellezza di questa piazza. Poi possiamo visitare il Museo all'interno di palazzo Roverella, che fa orario continuato e, se nel fine settimana, magari anche palazzo Roncale per completare la visita della Pinacoteca. Dopodiché ci muoviamo dalla piazza e andiamo a visitare il Tempio della Beata Vergine del Soccorso, che assolutamente non deve mancare e, se abbiamo ancora tempo, la Chiesa dei Santi Francesco e Giustina. Completiamo il pomeriggio con una bella tappa al parco dove sono ospitate le Torri Donà e Grimani. Se abbiamo con noi dei bambini, saranno felici di divertirsi al parco giochi.
  • Sera: Ci spostiamo nella zona più viva della città, quella tra Corso del Popolo e piazza Vittorio Emanuele II e ordiniamo un calice di vino, oppure direttamente ceniamo all'Enoteca Otto.

Itinerario di un giorno in sintesi

Mostra Mappa

  1. Colazione presso Pasticceria Gocce di Miele
  2. Museo dei Grandi Fiumi - orari: dal mar al ven dalle 9:00 alle 13:00 - sab e dom dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00 - costo biglietto: intero €4,00 ridotto €2,00
  3. Chiesa di San Bartolomeo - orari: accessibile salvo orari delle messe - costo biglietto: gratis
  4. Porta San Bortolo e Torre Pighin - orari: sempre accessibili all'esterno - costo biglietto: gratis
  5. Pranzo presso Tavernetta Dante 1936
  6. Piazza Vittorio Emanuele II - orari: sempre accessibile - costo biglietto: gratis
  7. Palazzo Roverella - orari: dal lun al ven dalle 9:00 alle 19:00 - sab e dom fino alle 20:00 costo biglietto: intero €5,00 ridotto €3,50
  8. Tempio della Beata Vergine del Soccorso - orari: dal mar al sab dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 18:30, dom apre alle 09:00 - costo biglietto: gratis
  9. Torri Donà e Grimani - orari: sempre accessibili - costo biglietto: gratis
  10. Cena presso Enoteca Otto

Dove mangiare a Rovigo: i migliori ristoranti

  1. Tavernetta Dante 1936: locale storico, cucina tipica, anguilla in umido e sarde in saor, ottimi dolci
    Prezzo medio a persona: €25,00
    Indirizzo e contatti: Corso del Popolo, 212 (Ottieni indicazioni) / tel: +39 042526386
  2. Enoteca da Otto : ampia scelta di vini, prodotti tipici, taglieri
    Prezzo medio a persona: €25,00
    Indirizzo e contatti: via Nino Bedendo, 26 (Ottieni indicazioni) / tel: +39 042525581
  3. Osteria ai Trani: cucina tipica veneziana in un ambiente informale
    Prezzo medio a persona: €30,00
    Indirizzo e contatti: via Cavour, 30 (Ottieni indicazioni) / tel: +39 042525109

Cosa fare la sera: le zone della movida e i migliori locali di Rovigo

Rovigo è una cittadina tranquilla, tuttavia durante il weekend e nella bella stagione i luoghi più caratteristici della città si animano di nuova vita: in particolare piazza Vittorio Emanuele II, piena di localini, le piccole vie del centro intorno a essa e Corso del Popolo, la lunga via densa di attività che attraversa la città da nord a sud. Se cercate delle discoteche, la maggior parte di queste si trovano ad Arquà Polesine (a circa 10 chilometri da Rovigo) e Adria (a circa 25 chilometri), ma il centro città non si risparmia comunque con locali che offrono musica dal vivo e drink.

I migliori pub, locali e discoteche

  • Antico Caffè Franchin: lounge bar/pub storico, specializzato in happy hour e musica dal vivo all'aperto / Indirizzo: piazza Vittorio Emanuele II, 24 (Ottieni indicazioni) / Pagina facebook
  • Passion music club: discoteca aperta fino a tarda notte, musica techno / Indirizzo: viale Porta Adige, 54 (Ottieni indicazioni) / Pagina facebook
  • Canevone Lounge pub: ristorante, pub, aperitivi, cocktail, grande selezione di birre, musica e partite non solo di calcio / Indirizzo: vicolo Canevone, 4 (Ottieni indicazioni) / Pagina facebook

Organizza il tuo soggiorno a Rovigo: info e consigli utili

  • Come arrivare:da Milano, tramite la A4, Rovigo dista 250 chilometri, poco più di tre ore di auto. Con il treno, la soluzione migliore è un Frecciabianca per Bologna e poi un Regionale, il viaggio dura 3 ore e mezza e il costo del biglietto è di €42,00 a tratta. Da Roma, tramite la A1 e poi A13, Rovigo dista 450 chilometri, quasi cinque ore di auto. Con il treno, la soluzione migliore è un Frecciarossa per Bologna e poi un Regionale, il viaggio dura poco più di 3 ore e il costo del biglietto è di €70,00 circa a tratta. Gli aeroproti più vicini a Rovigo sono l'aeroporto di Venezia (distante circa 65 km), l'Aeroporto di Bologna (distante circa 72 km), quello di Venezia-Treviso (distante circa 73 km) e quello di Verona (distante circa 79 km).
  • Come muoversi: Rovigo è una città dalle dimensioni modeste, si riescono a visitare tutte le attrazioni del centro a piedi. Se desiderate spostarvi dalla città, tuttavia, è consigliata l'auto. Per muoversi con gli autobus FS Bus, che non sono molto frequenti, il costo del biglietto è di €1,30 ed è valido 75 minuti.
  • Dove parcheggiare: si può parcheggiare anche nelle zone del centro, nelle strisce blu, a pagamento, €1,30 all'ora, il sabato dopo le 16:00 è gratuito e tutti i giorni dopo le 18:00. A 600 metri da Palazzo Roverella c'è il Parcheggio Multipiano (Ottieni indicazioni), che costa €1,20 all'ora dal lunedì al sabato, €0,60 la domenica e durante la notte. L'unico parcheggio gratuito in centro è in via Sante Baseggio (Ottieni indicazioni) ma, per questo motivo, è molto spesso pieno. Ce n'è uno gratuito anche davanti alla stazione (Ottieni indicazioni) ma, anche questo, con pochissimi posti auto.
  • Dove dormire:Hotel e b&b a partire da €60,00 a camera - guarda le offerte
  • Cosa vedere nei dintorni: Il Parco Regionale Veneto del Delta del Po si trova a circa 60 chilometri da Rovigo, un'ora in auto; Ferrara si trova a 38 chilometri, poco più di mezz'ora di auto; Padova si trova a 45 chilometri, circa 50 minuti di auto; Venezia si trova a 82 chilometri, poco più di un'ora di auto.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su