Piazza Armerina: cosa vedere e dove mangiare

Cosa vedere a Piazza Armerina e dintorni: itinerari di un weekend e di un giorno. Scopri 10 cose da visitare e i migliori ristoranti. Info e consigli utili su Piazza Armerina in Sicilia

piazza armerina vista panoramicaSituata esattamente al centro della Sicilia, a 30 minuti da Enna, Piazza Armerina oggi fa parte del comprensorio turistico di Caltagirone insieme ad Aidone con il sito di Morgantina. Le origini della città sono antichissime: la zona era già abitata dai Greci, forse provenienti da Gela. Poi sono arrivati i Romani, che ci hanno lasciato la splendida Villa Romana del Casale, uno degli edifici romani più famosi ed ammirati in tutto il mondo con i suoi mosaici.

Piazza Armerina ha uno dei centri storici più grandi e ricchi della Sicilia, ma purtroppo passa spesso in secondo piano rispetto a città più grandi e famose. Basti pensare che Carlo V nel 1512 la fregiò del titolo di "Urbs Opulentissima.
Ecco un itinerario delle 10 cose da visitare a Piazza Armerina in un weekend.
VEDI ANCHE: 10 posti da visitare assolutamente in Sicilia

10 Cose da visitare a Piazza Armerina in un Weekend

1 - Cattedrale Maria Santissima delle Vittorie

cattedrale piazza armerinala Cattedrale di Piazza Armerina è un edificio colossale che sorge sul punto più alto della città, nel cuore del quartiere Monte. Per costruirla ci è voluto più di un secolo (dal 1604 al 1719). Dedicata a Maria Santissima delle Vittorie, la Cattedrale è caratterizzata da un'architettura che è un insieme di stili che vanno dal gotico al barocco, oltre ad un campanile alto ben 40 metri in stile gotico-catalano che risale alla chiesa precedente che sorgeva proprio in questo punto.

L'esterno è stato realizzato in pietra arenaria, che con il suo caratteristico colore giallo permette alla sua gigantesca cupola verde acqua (la più alta della Sicilia con i suoi 76 metri di altezza) di risaltare ancora di più, anche a km di distanza. Al suo interno potrete vedere una croce in legno, dipinta su entrambi i lati che raffigura la crocifissione e la resurrezione di Cristo, un battistero realizzato da Antonello Gagini e l'altare maggiore, in argento, che contiene l'icona della Madonna delle Vittorie, che viene portata in processione ogni 15 agosto.

  • Come arrivare: piazza Cattedrale. Con la macchina da Piazza Garibaldi prendere Via Camillo Benso Conte di Cavour fino piazza Cattedrale. A piedi fare lo stesso percorso - Ottieni indicazioni
  • Info: gratis/visitabile in relazione agli orari della messa

2 - Palazzo Trigona

palazzo trigona piazza armerinaPalazzo Trigona della Floresta si trova a pochi passi dalla cattedrale della città. La volontà di costruire questo palazzo fu espressa da Matteo ed Ottavio Trigona nel 1690 sotto il regno di re Martino I. Non si hanno notizie certe su chi abbia realizzato il progetto iniziale, ma sicuramente l'architetto Orazio Torriani, che si occupò anche della cattedrale vicina, partecipò attivamente a scegliere alcuni aspetti del palazzo.
I suoi tre piani nascondono un'ampia corte interna, mentre sul balcone centrale potrete vedere lo stemma della famiglia Trigona. Dopo anni di lavori oggi il palazzo Trigona è pronto per ospitare il Museo Archeologico della città.

  • Come arrivare: piazza Cattedrale. Con la macchina da Piazza Garibaldi prendere Via Camillo Benso Conte di Cavour fino piazza Cattedrale. A piedi fare lo stesso percorso - Ottieni indicazioni
  • Info: 0935 687667

3 - Castello Aragonese

castello aragonese piazza armerinaIl Castello Aragonese si trova sul versante meridionale del monte Mira. Costruito nel XIV secolo sotto il regno di re Martino I il Giovane, ha una struttura imponente, caratterizzata da possenti mura e quattro torri angolari. Se non trovate l'ingresso non preoccupatevi, la corte e l'entrata principale infatti si trovano sul versante opposto a quello della piazza, in direzione sud.

Nel corso dei secoli questo edificio, che inizialmente aveva uno scopo difensivo, passò da diverse mani fino a divenire nel 1812 un carcere, come testimoniano ancora oggi le finestre realizzate in ferro. Rimasto in mano ad un cittadino privato per anni ed in uno stato di quasi abbandono, ora il Castello è stato acquistato per essere restaurato. Si tratta comunque di un edificio molto amato dagli abitanti della città, che proprio qui mettono in scena diverse rappresentazioni storiche e feste di quartiere, soprattutto nei mesi estivi.

  • Come arrivare: Piano Carcere 11. Con la macchina da Piazza Garibaldi prendere Via Camillo Benso Conte di Cavour fino alla Cattedrale e proseguire su via Floresta. A piedi da Piazza Garibaldi prendere via Vittorio Emanuele - Ottieni indicazioni
  • Info: Attualmente visitabile solo dall'esterno a meno di rappresentazioni in atto

4 - Chiesa di San Rocco

chiesa san rocco fundro piazza armerinaLa Chiesa di San Rocco è conosciuta dagli abitanti di Piazza Armerina anche con il nome di "Fundrò". Questo soprannome risale alle origini stesse della chiesa: Fundrò era un borgo rurale che sorgeva a una decina di chilometri dalla città, dove sorgeva una chiesa ed un convento con monaci Benedettini. Dopo la distruzione del borgo, avvenuta alla fine del XIV secolo, i monaci si rifugiarono a Piazza Armerina e qui gli venne affidata la chiesa di San Rocco. Sempre opera dei Benedettini è anche il convento che ancora oggi è adiacente alla chiesa, e che ospita il Comune della città.

All'esterno della chiesa potrete ammirare la sua facciata in tufo giallo, mentre all'interno sono presenti tele del Seicento ed una Madonna marmorea, che viene dall'antica abbazia di Fundrò. Quando la visitate osservate la facciata: vicino al portale potrete vedere una meridiana, che ancora oggi indica l'ora a chi si trova nella piazza. Nota curiosa: la chiesa ha una sorta di "gemella" nella piazza: il palazzo di città che si trova sull'altro versante del marciapiede. Ad un primo sguardo le due costruzioni si somigliano molto.

  • Come arrivare: piazza Giuseppe Garibaldi. Con la macchina da piazza Generale Cascino prendere via Monsignor Sturzo e girare su via Roma. Percorrerla fino a piazza Giuseppe Garibaldi - Ottieni indicazioni
  • Info: gratis, in base agli orari della messa

5 - Chiesa di San Pietro

chiesa san pietro piazza armerinaLa Chiesa di San Pietro è sicuramente uno degli edifici religiosi più importanti della città. Il complesso, che comprende la chiesa ed un convento, fu costruito attorno alla metà del 1500 per onorare una miracolosa immagine della Madonna situata in una piccola chiesa che sorgeva proprio lì. L'esterno di questa chiesa, definita il "Pantheon di Piazza Armerina",è abbastanza spoglio, mentre il suo interno, a navata unica, è ricco di capolavori. Iniziando dal soffitto a cassettoni decorati che crea un effetto ottico molto particolare, fino alla gigantesca tela sulla vostra sinistra, forse opera di Caravaggio o della sua scuola.
Nella zona dell'abside potrete poi vedere la famosa icona miracolosa della Madonna e, dalla parte opposta, quella che era l'antica abside della chiesetta che sorgeva lì prima dell'edificazione della chiesa di San Pietro.
Una volta visitato l'interno di questa chiesa potrete poi accedere al chiostro cinquecentesco del convento. In questo cortile non vi sembrerà neanche di essere in città.

  • Come arrivare: Viale Generale Ciancio 2. Con la macchina da piazza Giuseppe Garibaldi prendere via Umberto I fino a piazza Generale Cascino. Procedere su viale Generale Ciancio fino a destinazione - Ottieni indicazioni
  • Info: gratis. Visitabile in base agli orari della messa

6 - Teatro Garibaldi

teatro garibaldi piazza armerinaIl Teatro Comunale si trova di fronte la Chiesa di Santo Stefano. Risalente al XVIII secolo, questo teatro che comprende 320 posti totali, suddivisi tra platea, tre ordini di palchi ed un loggione, è uno dei più antichi teatri comunali di tutta la Sicilia. Oggi qui si organizzano eventi culturali e proiezioni cinematografiche, ma questo non toglie niente alla bellezza di questo edificio.
Il soffitto del Teatro, in occasione della costruzione dell'ingresso durante i primi del Novecento, fu completamente affrescato da Giuseppe Paladino. Il prospetto invece è decorato con bassorilievi che raffigurano i volti di Alfieri, Bellini, Goldoni e Verdi.

  • Come arrivare: Piazza Umberto I. Con la Macchina da piazza Giuseppe Garibaldi prendere via Umberto I fino a piazza Umberto I, all'altezza della chiesa di Santo Stefano - Ottieni indicazioni
  • Info: gratis. Visitabile in relazione agli orari degli spettacoli

7 - Commenda dei Cavalieri di Malta

commenda cavalieri di maltaLa Commenda dei Cavalieri di Malta è vicinissima al Teatro Garibaldi. Realizzata nel XII secolo, doveva servire inizialmente come "ospedale" per i crociati che dalla Sicilia viaggiavano verso Gerusalemme. Questo edificio all'epoca si trovava fuori dalle mura della città, mentre oggi si trova a due passi dal Teatro Comunale e dal centro "moderno" della città. Al suo interno non c'è molto da vedere: la chiesa è decisamente spoglia, ma rappresenta sicuramente uno dei luoghi più affascinanti della città.

  • Come arrivare: Piazza Umberto I. Con la macchina da piazza Giuseppe Garibaldi prendere via Umberto I fino a piazza Umberto I, all'altezza della chiesa di Santo Stefano - Ottieni indicazioni
  • Info: gratis, in relazione agli orari della messa.

8 - Fontana dei Canali

fontana canali piazza armerinaSi tratta della più importante fontana con abbeveratoio di tutta la città ed è anche la più frequentata. Situata nel cuore del quartiere Canali e realizzata nel XIX secolo, la fontana dei Canali comprende quattro mascheroni da cui esce acqua di sorgente in ogni momento del giorno, un abbeveratoio ed anche un lavatoio con più di 20 "postazioni".
Ad oggi non si sa chi dovrebbero rappresentare i quattro mascheroni: alcuni dicono che dovrebbero essere i quattro fratelli Dello Spedale, incaricati di scolpirli. Secondo altri invece rappresenterebbero quattro importanti uomini del Risorgimento: Mazzini, Camillo Benso conte di Cavour, Vittorio Emanuele II e Giuseppe Garibaldi. Questa seconda opzione, visto il periodo in cui fu costruita la fontana, sembra essere più plausibile. Inoltre pensare che ancora oggi i cittadini vadano a prendere l'acqua da Vittorio Emanuele II è abbastanza divertente.

  • Come arrivare: Via Zaffiro. Da piazza Giuseppe Garibaldi prendere prendere Umberto I fino a piazza Generale Cascino. Dirigersi su Via Monsignor Sturzo e girare su Via Principato. Procedere su Via Giacomo Matteotti fino a largo Conceria - Ottieni indicazioni
  • Info: gratis, sempre visitabile

9 - Villa Romana del Casale

villa romana del casale piazza armerinaLa Villa Romana del Casale è senza dubbio l'attrazione principale della città ed uno dei luoghi più importanti di tutta la Sicilia.
Formata da 60 stanze e 3.500 metri quadrati di pavimenti interamente realizzati con la tecnica del mosaico, questa Villa dal 1997 è stata inserita dall'Unesco fra i patrimoni dell'umanità. Proprio in questa villa qui si trovano i celebri mosaici delle "ragazze in bikini", oltre alle scene della "grande caccia" ed alla "scena erotica".

La sua scoperta è avvenuta nel 1950 e da quel momento sono andati avanti i lavori per portare alla luce tutta la sua superficie, anche se ultimamente sono stati ritrovati anche dei resti di un villaggio medievale adiacente.
La Villa Romana del Casale risale probabilmente al IV secolo ma non si sa il nome del proprietario. Vista la presenza di numerosissimi mosaici che raffigurano animali e scene di caccia si è ipotizzato che potesse essere proprietà di uno dei tanti mercanti di animali esotici di Roma.

A formare la Villa sono quattro diversi nuclei: un ingresso monumentale, la villa vera e propria, con le sue stanze ricche di mosaici ed il peristilio, una trichora ed anche un complesso termale. Se avete la possibilità visitatela anche la sera, quando la Villa è sede di eventi musicali ed artistici.

  • Come arrivare: SP15 in direzione "mosaici" e "Villa Romana del Casale" - Ottieni indicazioni
  • Info: ingresso €10,00 / aperta tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:00

10 - Villa delle Meraviglie

villa delle meraviglie piazza armerinaIn questa villa, poco distante dalla Villa Romana del Casale, ha sede uno dei musei "privati" più importanti del circondario. In questa splendida villa del Settecento è raccolta la collezione della famiglia Cammarata.
Nato dall'idea di Enzo Cammarata, in questo museo potrete vedere reperti storici di ogni tipo: vasi d'epoca, ceramiche, mobili intarsiati, quadri, sculture (tra cui anche una realizzata forse da Michelangelo), marmi e tutto quello che mai potrebbe passarvi per la testa.

  • Come arrivare: SP15 in direzione "mosaici" e "Villa Romana del Casale". Arrivati al bivio per la Villa procedere a destra e seguire le indicazioni per "Villa delle meraviglie" - Ottieni indicazioni
  • Info: ingresso €4,00 / aperto lun-dom 9:00 - 19:00

Piazza Armerina in 1 giorno: itinerario consigliato

Se volete visitare Piazza Armerina in un giorno dovete tenere conto di alcune cose fondamentali, che riguardano soprattutto i trasporti nella città e l'ubicazione dei luoghi di maggiore interesse. Priorità assoluta al Centro Storico.
Suggeriamo inoltre la visita di un intero giorno con guida locale, che saprà guidarvi fra le migliori attrazioni mettendo in luce la storia e le peculiarità del paese (da €90,00 - prenota online)

La mattina si visita il centro storico.
Si parte da Piazza Giuseppe Garibaldi, il vecchio cuore della città dal quale hanno origine i quattro quartieri; colazione al Caffè del Centro e visita alla chiesa di San Rocco per poi salire verso la Cattedrale ed ammirare (da fuori) Palazzo Trigona ed il Castello Aragonese.

Il pomeriggo è dedicato alla Villa Romana del Casale.
Si torna in piazza Garibaldi e, dopo aver pranzato da Totò, prendete via Roma per "scendere" ai Canali.
Dopo aver visto la fontana con i quattro mascheroni potrete dirigervi alla Villa Romana del Casale.

La sera passeggiata in piazza Cascino.
Regalatevi una passeggiata al "Cascino", la piazza principale della città dove sorge un monumento dedicato al generale Cascino. Qui ci sono negozi, punti di ristoro di ogni tipo.
Se volete provare qualcosa di "tipico" provate le arancine e le specialità rustiche del Red Dragon, uno dei locali più conosciuti della città, rigorosamente da mangiare mentre passeggiate. Se invece avete un po' di tempo a disposizione arrivate nella zona di Santa Croce, e cenate Da Elide (si consigliano vivamente le pizze). A pancia piena potrete poi andare "al Cascino" e farvi una bella passeggiata per concludere la vostra giornata a Piazza Armerina.

Itinerario di un giorno in sintesi

  1. Colazione al Caffè del Centro
  2. Chiesa di San Rocco
  3. Cattedrale
  4. Fontana dei Canali
  5. Villa Romana del Casale
  6. Pranzo da Elide
  7. Chiesa di San Pietro
  8. Cena Da Toto'
  9. Monumento al Generale Cascino

Mostra Mappa

Dove Mangiare

Piazza Armerina regala delle piccole gioie agli amanti della buona tavola con delle vere prelibatezze, che vanno dalla colazione fino alla cena, senza dimenticare gli spuntini per la fame improvvisa che potrebbe cogliervi durante la vostra permanenza.

Organizza la tua visita a Piazza Armerina: info e consigli utili

  • Come muoversi: per spostarvi tra le varie attrazioni proposte potrete andare sia a piedi che con la macchina, dal momento che i luoghi che andremo a scoprire sono abbastanza vicini tra di loro. I mezzi pubblici ci sono ma sono decisamente pochi, meglio andare a piedi ed utilizzare un proprio mezzo per spostamenti più lunghi
  • Dove parcheggiare: se non sapete dove eventualmente parcheggiare la città è ben fornita anche di zone a parcheggio gratuito, dove potrete lasciare il vostro mezzo di trasporto senza problemi.
  • Dove dormire: Hotel e b&b a partire da €42,00 a camera - guarda le offerte
  • Cosa vedere nei dintorni: Enna (33 km), Caltagirone (26 km), Aidone (12 km), Pergusa (26 km), Caltanissetta (41 km)
  • Card, ticket e tour consigliati:

Curiosità: il Palio dei Normanni

Il Palio dei Normanni, si tiene ogni 13 e 14 agosto nella città. Durante questo evento storico (e sportivo), che ripercorre il momento della dominazione normanna in Sicilia con il conte Ruggero, i quattro quartieri della città si sfidano per decretare il vincitore che avrà l'onore di tenere fino all'anno successivo il vessillo di Maria Santissima delle Vittorie, patrona della città. Nel caso doveste capitare a Piazza Armerina assicuratevi di andare al Piano di Sant'Ippolito a vedere la giostra, sarà una cosa spettacolare.


Ti Ŕ piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su