Grundarfja Ra Ur Kirkjufell MontagnaIslanda, terra magica e quasi surreale, un luogo dove Madre Natura è ancora la padrona di casa, dove ci si sente davvero piccoli. E' quella destinazione dove passi da una spiaggia di sabbia nera ai campi di lava, da una laguna di ghiaccio a vulcani ancora attivi: non a caso, è chiamata la terra del ghiaccio e del fuoco. Una di quelle destinazioni da visitare almeno una volta nella vita, per lasciarsi travolgere e ammaliare.
Ecco tutti i nostri consigli per organizzare un viaggio in Islanda!

Cosa vedere in Islanda: città e luoghi di interesse

1 - Reykjavík

harpa concert hall 2 samantha olivoFoto di Samantha Olivo. hallgrimskrkja samantha olivoFoto di Samantha Olivo. sun voyager samantha olivoFoto di Samantha Olivo. Reykjavik è la capitale dell'Islanda, la porta d'ingresso a questo bellissimo Paese. Si tratta infatti della prima tappa di ogni viaggio islandese, in quanto dista meno di 1 h di auto dall'aeroporto internazionale (collegato anche dalla navetta da/per Keflavik). Generalmente si dedica alla città uno o due giorni, per poi partire per un on the road lungo la Ring Road, ovvero la principale e più lunga strada islandese, che percorre tutta l'isola in forma circolare.

Se vi fermate poco tempo in città, vi consigliamo di seguire questo itinerario di un giorno. Sicuramente non può mancare una visita alla Chiesa di Hallgrimskirkja, l'edificio più imponente della città. Passate poi alla particolare e unica Harpa Concert Hall, uno dei simboli della città (visite guidate da 1.750,00 ISK/€11,20), affacciata nel porto. Infine, impossibile non ammirare il tramonto (sempre se il cielo non sia nuvoloso) dal Sun Voyager, o Sólfar in islandese, uno dei luoghi più fotografati di Reykjavik!

L'hot dog più buono d'Islanda: per una pausa pranzo tipica, fermatevi allo stand di hot dog Bæjarins Beztu Pylsur, conosciuti per essere i più famosi e buoni d'Islanda! Un pranzo tipico e, soprattutto, economico (fattore da non sottovalutare in Islanda). Poi ci farete sapere se davvero sono i più buoni! Ottieni indicazioni

2 - Golden Circle (Circolo d'Oro)

geysir Islanda Thingvellirfaglia silfra Islanda Circolo d Orogullfoss samantha olivokerid 1 samantha olivoIl Golden Circle, o Circolo d'Oro, è una delle escursioni più famose da fare da Reykjavik. Si tratta di un'itinerario circolare con alcune delle meraviglie naturali più belle del Paese! Vista la complessità del percorso, vi consigliamo un'escursione guidata da Reykjavik, e in ogni caso, preventivate almeno un giorno intero per la visita.

La prima tappa, a circa 50 km da Reykjavík (45 min in auto) è il Parco nazionale di Thingvellir, il sito più importante per la storia e la cultura islandese. Qui si trova anche la Faglia di Silfra, la spaccatura tra le faglie continentali di Europa e America: prenotate una sessione di snorkeling, ne vale troppo la pena!
La seconda tappa è l'area geotermica di Haukadalur, a 50 min d'auto da Thingvellir, dove si trova Geysir, il geyser più famoso d'Islanda.
A soli 10 min dall'area geotermica, infine, si trovano le spettacolari cascate di Gullfoss, ultima tappa del Golden Circle. Tra le più belle del Paese, queste meravigliose cascate hanno un'altezza complessiva di 32 m e le sue acque provengono dal ghiacciaio Langjökull.

Infine, un'ulteriore tappa che viene aggiunta al Golden Circle è quella al Cratere di Kerid. Si tratta di un cratere vulcanico che risale a 6.500 anni fa e che oggi ospita un lago (trovandosi su un terreno privato il costo è di 400,00 ISK/€2,60). Potrete seguire sia il percorso sulla cima del cratere, sia scendere fino al lago per toccare l'acqua.

Pranzo tipico islandese alla Fattoria Fridheimar: si trova a metà strada tra le cascate di Gullfoss e il Cratere Kerid e rappresenta una tappa irrinunciabile. Oltre ad assaggiare piatti preparati con prodotti a km0, potrete incontrare i suoi animali, soprattutto i cavalli islandesi. Ottieni indicazioni

3 - Penisola di Reykjanes

blue lagoon icelandFoto di Ainars Brūvelis. blue lagoon islanda Penisola di ReykjanesFoto di Samantha Olivo. La Penisola di Reykjanes è conosciuta principalmente per due motivi: ospitare l'aeroporto internazionale di Keflavik e la famosissima Laguna Blu, o Blue Lagoon. Quest'ultima è una delle attrazioni più conosciute di tutta l'Islanda e si tratta di un'area geotermale con una piscina termale! Da Reykjavik potete raggiungerla in auto in circa 40 min oppure prenotando transfer di andata e ritorno.

Ma la penisola di Reykjanes è molto di più: presenta infatti paesaggi spettacolari e attrazioni uniche! Da non perdere una tappa veloce al Brúin milli heimsálfa, ovvero il Ponte dei due continenti, situato tra la placca euroasiatica e quella americana! Dal faro Reykjanes Lighthouse potrete invece ammirare un panorama spettacolare.

Ma da poco si è aggiunta anche un'altra grande attrazione naturale: nel marzo del 2021, dopo ben 800 anni di inattività, ha eruttato il Fagradalsfjall Volcano. Sono già stati costruiti dei parcheggi e preparati dei sentieri per raggiungere la zona e ammirare questo spettacolo della natura.

Come organizzare l'escursione al vulcano: può essere fatta in autonomia o con escursione guidata da Reykjavik. In autonomia, basterà parcheggiare nelle aree predisposte e seguire il percorso, ben tracciato e segnalato. Per arrivare ai campi di lava bastano appena 25 min a piedi.

4 - Penisola di Snæfellsnes

kirkjufell samantha olivoFoto di Samantha Olivo. Se a sud di Reykjavik troviamo la Penisola di Reykjanes, a nord troviamo la spettacolare Penisola di Snæfellsnes, una vera e propria perla islandese! Se soggiornate semrpe a Reykjavik, anche in questo caso consigliamo un tour guidato di un giorno, trasporto incluso. Qui, infatti, si trova uno dei simboli di tutta l'Islanda: l'inconfondibile ed iconico monte Kirkjufell. Il miglior punto per ammirarlo, e per scattare la classica foto da cartolina, è dalle cascate Kirkjufellsfoss.

Ma nella penisola ci sono tantissime altre attività da fare e luoghi magici, più o meno conosciuti, da vedere. Arrivando da Reykjavik, ecco quali sono le tappe che vi consigliamo! Fermatevi innanzittutto alla spiaggia Ytri Tunga: si tratta di un luogo ancora poco conosciuto, dove vive un'intera colonia di foche, che potrete ammirare da molto vicino. Proseguite poi sulla strada e raggiungete Búðakirkja, la spettacolare chiesa nera, il cui colore contrasta con tutto il paesaggio. Riprendendo la strada non potete di certo perdervi Lóndrangar, conosciuto come il Castello d'Islanda. Ma non si tratta di un castello costruito dagli umani: si tratta di materia lavica, uno spettacolo indiscusso! Ultima tappa a Saxhóll, cratere di un vulcano ormai inattivo da secoli, per poi arrivare alla cittadina di Olafsvik, da cui partono anche le escursioni in barca per avvistare le balene. Per tutto il tragitto, inoltre, potrete godere di una bellissima vista sul ghiacciaio Snæfellsjökull!

Organizza bene l'itinerario: la Penisola di Snæfellsnes è davvero ricca di cose da fare e da vedere, quelle citate sono solo alcune. Per visitarla tutta con calma, la soluzione migliore è un tour di 2 giorni da Reykjavik, se ne avete solo uno a disposizione vi consigliamo di selezionare bene le cose da vedere e quali, purtroppo, tralasciare.

5 - Vík e spiaggia di Reynisfjara

spiaggia scogliera vikfaraglioni vik samantha olivoDopo aver visitato il Circolo d'Oro, un'altra zona molto famosa dell'Islanda meridionale è quella di Vík. Anche in questo caso, la soluzione migliore è muoversi con un'auto a noleggio o optare per un tour guidato di un giorno da Reykjavik.

Vík in realtà è una piccolissima cittadina, ma è conosciuta per la sua spettacolare spiaggia nera, la spiaggia di Reynisfjara! Qui si trova una spettacolare grotta di basalto, la Hálsanefshellir Cave, e i famosi faraglioni. Ma non solo: questo è uno dei migliori luoghi in cui ammirare i Puffin in estate, ovvero le bellissime pulcinelle di mare.

Per ammirare la spiaggia dall'alto, invece, potrete raggiungere il vicino punto panoramico Dyrhólaey. Da qui si vede tutta la spiaggia nera, la piccola spiaggia di Kirkjufjara e la particolare formazione rocciosa a forma di arco. Ma non solo: se sarete fortunati potrete anche intravedere delle foche nell'oceano!

Raggiungi il Sólheimasandur Plane Wreck: si tratta del relitto di un aereo della US Navy che effettuò un atterraggio di emergenza poco distante da Vik, nel 1973. Da allora non è mai stato spostato e oggi è diventato una vera e propria attrazione. Si tratta di un luogo spettacolare e insolito, amato molto dai fotografi. Ottieni indicazioni

6 - Cascate del Sud dell'Islanda

seljalandfoss cascata islandaskogafoss cascata islandasvartifoss cascata islandaMa il sud dell'Islanda non è famoso solo per Vik. Qui, infatti, si trovano alcune delle cascate più belle e famose di tutto il Paese! Partendo da Selfoss, in ordine troverete prima Seljalandsfoss, poi Skógafoss e infine Svartifoss.

Seljalandsfoss nasce dal ghiacciaio di Eyjafjallajökull e compie un salto di ben 65 m. La sua particolarità è che si può passare proprio dietro, facendo tutto il giro e ammirando uno spettacolo unico. Piccolo consiglio: dotatevi di kway o qualche altra protezione, in quanto ci si bagna!
Dopo questa cascata troviamo invece Skogafoss, forse una delle immagini più famose dell'Islanda. Questo luogo è infatti stato scelto come location per video musicali e serie tv, basti pensare a Games of Thrones. Nasce dal fiume Skógaá, che proviene dal ghiacciaio Eyjafjallajökull.

Infine la terza e ultima famosa cascata è Svartifoss, inserita all'interno della meravigliosa cornice del meraviglioso parco naturale Skaftafell, dove è anche possibile partecipare ad un trekking sul ghiacciaio. Questa cascata, con un salto di 20 m, si caratterizza per le sue particolari colonne di basalto, che la incorniciano perfettamente, e si raggiunge seguendo un sentiero di circa 30 min.

Scopri la cascata nascosta di Gljufrabui: questa cascata è una vera e propria perla, che non in tanti conoscono. Molti si soffermano solo su Selkalandsfoss, quando questa cascata dista solo 10 min a piedi. Si trova in uno stretto canyon e per raggiungerla potrebbe essere necessario fare un tratto con i piedi nell'acqua (questo dipende dalla portata d'acqua del momento). Ottieni indicazioni

7 - Jökulsárlón e Diamond Beach

jokulsarlon 1 samantha olivoL'Islanda è chiamata la "Terra del Ghiaccio e del Fuoco", questo perché da vulcani e spiagge di sabbia nera si passa a ghiacciai e lagune di ghiaccio. E' il caso di Jökulsárlón, il più grande e famoso lago di origine glaciale del Paese, raggiungibile anche con tour organizzati da Reykjavík. Si trova a sud del ghiacciaio, il più grande d'Europa, ed è proprio da qui che si staccano gli icebergs che possiamo ammirare nel lago. Per ammirare gli iceberg da vicino è possibile anche prendere parte a tour in barca (40 min), sul gommone (1 h) oppure con il kayak (1 h 30 min). Qui, inoltre, vive una colonia di quasi 300 foche. La posizione chiusa e riparata della laguna è perfetta per loro, che possono vivere lontano dai predatori.

Gli iceberg presenti nel lago glaciale di Jökulsárlón o si sciolgono qui oppure vengono trascinati dalla corrente fino a riva, sull'oceano. Qui, infatti, si trova la splendida spiaggia di Diamond Beach, una spiaggia nera tra le più famose del Paese. Il suo nome deriva dal fatto che, su questa spiaggia, si trovano tantissimi iceberg, di dimensioni diverse, che brillando al sole sembrano dei diamanti.

Fish & Chips o Lobster Roll? Vicino al parcheggio del si trovano due stand che vendono un ottimo fish & chips, rigorosamente con merluzzo atlantico, e un altrettanto delizioso Lobster Roll. Una pausa pranzo perfetta, ammirando il panorama davanti a voi! Costo medio per porzione €13,00.

8 - Höfn e Islanda Orientale

vestrahorn stokksnes islanda estL'Islanda orientale è forse uno tra i luoghi meno visitati del Paese, ma racchiude paesaggi e attrazioni naturali davvero spettacolari. Un'ottima località in cui fare base è Höfn, principale città della zona e meravigliosa località portuale affacciata sull'Oceano. Qui non ci sono particolari attrazioni, ma ha spettacolari viste sull'oceano e sulle montagne che la circondano.

Da qui potrete poi partire alla scoperta dei meravigliosi fiordi orientali. Tappa obbligatoria a Egilsstaðir, un paesino piccolino ma che rappresenta un ottimo punto di partenza per raggiungere e scoprire la zona del lago Lagarfljót e le cascate Hengifoss e Litlanesfoss. Il lago di Lagarfljót, molto stretto e lungo, fa parlare di sé principalmente per un motivo: a quanto pare sembra che da secoli le sue acque siano abitate da un leggendario mostro marino. Ci sarebbero anche dei documenti a testimonianza di ciò.

Per il resto, la zona dei fiordi orientali merita di essere attraversata per gli spettacolari paesaggi che si vedono dal finestrino dell'auto, tra insenature, oceano e montagne!

Attenzione alla strada: la Ring Road è asfaltata quasi nella sua totalità, fatta eccezione per alcuni tratti proprio nei fiordi orientali, dove la strada è sterrata. In questi tratti bisogna prestare particolare attenzione, guidando piano soprattutto quando si incontrano altre auto, per evitare di sollevare sassi e rovinare la carrozzeria dell'auto.

9 - Akureyri e Goðafoss

islanda godafoss cascata paesaggioIl Nord dell'Islanda è un continuo susseguirsi di paesaggi e natura incontaminata, tra vallate, spiagge e montagne. Anche in questo caso, come per l'Islanda orientale, si trovano piccolissime cittadine, e la più famosa è Akureyri, soprannominata anche la capitale dell'Islanda del Nord. Qui meritano una visita la sua particolare chiesa, le cui vetrate colorate raccontano alcune scene e storie tratte dalla storia cristiana del Paese, e il suo piccolo giardino botanico, che custodisce specie provenienti da tutta l'Islanda! Questo, inoltre, è un ottimo punto per partecipare a crociere di avvistamento delle balene! Le uscite in barca durano in media 3 h, gli avvistamenti quasi sempre garantiti!

Inoltre, a soli 35 km dalla città (30 min in auto), si trova una delle cascate più belle e famose del Paese, dopo quelle già citate dell'Islanda Meridionale: stiamo parlando di Goðafoss, che in islandese significa "Cascata deli Dei". La sua forma può ricordare quella delle Cascate del Niagara, ovviamente con una dimensione inferiore, con un salto di circa 12 m. Sicuramente uno dei punti più fotografati d'Islanda!

Fai una tappa a Dettifoss, la cascata più imponente d'Europa: questa cascata si trova a 150 km da Akureyri (2 h 15 min in auto). Si tratta di un luogo spettacolare, anche location del film "Prometheus" di Ridley Scott. Attenzione alla scelta della strada per raggiungerla: la 862 è completamente asfaltata, adatta quindi a qualsiasi veicolo, mentre la 864 è sterrata e nella stagione invernale viene chiusa. Ottieni indicazioni

10 - Westfjords

breidavik fiordi occidentali islandaInfine, oltre ai fiordi orientali, non si possono di certo tralasciare i meravigliosi fiori occidentali, ovvero la regione dei Westfjords. Si tratta di una delle zone forse meno visitate del Paese, questo soprattutto a causa del suo lato selvaggio e incontaminato: qui la maggior parte delle strade sono sterrate, richiedendo quindi necessario l'uso di un 4x4, e soprattutto molto tempo a disposizione. Dall'altro lato, però, qui il turismo di massa non è ancora arrivato, rendendo questa regione una delle più autentiche dell'Islanda!

La capitale dei Fiordi Occidentali è Ísafjörður, in realtà una località davvero molto piccola, ma che ha una vivace vita culturale. Tra le attrazioni naturali da vedere c'è sicuramente la cascata Dynjandisfoss, conosciuta anche come Fjallfoss, la più grande della penisola nord-occidentale. Imperdibile anche la meravigliosa baia di Patreksfjordur, incorniciata da due piccoli firdi, Patreksfjordur e Talknafjordur.

Organizzate l'itinerario con molta cura: se non avete un 4x4, assicuratevi che le strade da percorrere siano asfaltate. Inoltre, la programmazione qui diventa essenziale. Per visitare con calma questa zona occorrerebbero minimo 3 giorni, alcuni itinerari ne prevedono addirittura 7. Infine, in inverno diventa essenziale controllare ogni giorno le condizioni meteo e le possibili chiusure delle strade. Potete farlo sul sito ufficiale road.is

Itinerari consigliati

Itinerario di 7 giorni: Sud dell'Islanda e Penisola Snæfellsnes

  1. Primo giorno: arrivo in aeroporto a Reykjavik, noleggio auto e trasferimento a Reykjavik. Sistemazione in hotel e visita della città. Pernottamente a Reykjavik
  2. Secondo giorno: partenza presto per visitare la Penisola di Snæfellsnes, in autonomia o con tour organizzato da Reykjavik. Chiesa nera di Budir, Lóndrangar, cratere Saxhóll, cittadina di Olafsvik e Kirkjufell. Rientro e pernottamento a Reykjavik
  3. Terzo giorno: partenza da Reykjavik e giornata dedicata al Circolo d'Oro. Mattina Parco Nazionale Thingvellir. Pomeriggio Geysir, cascata Gullfoss e cratere Kerid. Sera arrivo e pernottamento a Selfoss
  4. Quarto giorno: partenza da Selfoss e itinerario nel sud dell'Islanda. Mattina Seljalandsfoss (con Gljufrabui) e Skogafoss. Primo pomeriggio Sólheimasandur Plane Wreck, Dyrhólaey, spiaggia nera di Vik. Sera arrivo e pernottamento a Kirkjubæjarklaustur.
  5. Quinto giorno: partenza da Kirkjubæjarklaustur, tappa al Parco Nazionale Skaftafell con la cascata Svartifoss. Pomeriggio laguna glaciale di Jökulsárlón e Diamond Beach. Sera rientro e pernottamento a Vik
  6. Sesto giorno: partenza da Vik, arrivo alla penisola di Reykjanes, con visita al vulcano attivo e alla Laguna Blu. Pernottamento a Keflavik, vicino all'aeroporto
  7. Settimo giorno: consegna auto a noleggio e rientro in Italia

Quanto costa? Dettagli del prezzo

  • Prezzo a persona a partire da: €1.500,00 a persona
  • La quota comprende: alloggi, noleggio auto, voli
  • La quota non comprende: pranzi e cene, assicurazione di viaggio, spese personali

Itinerario di 10 giorni: lungo la Ring Road islandese

  1. Primo giorno: arrivo in aeroporto a Reykjavik, noleggio auto e trasferimento a Reykjavik. Sistemazione in hotel e visita della città. Pernottamente a Reykjavik
  2. Secondo giorno: partenza da Reykjavik e visita al Circolo d'Oro (Thingvellir, Geysir, Gulfoss). Arrivo e pernottamento a Hvolsvöllur o Selfoss
  3. Terzo giorno: partenza da Hvolsvöllur o Selfoss e scoperta delle cascate del sud (Seljalandsfoss e Skogafoss). Tappa al promontorio di Dyrhólaey, ai faraglioni Reynisdranga e a Vik. Arrivo e pernottamento a Kirkjubæjarklaustur
  4. Quarto giorno: partenza da Kirkjubæjarklaustur, tappa al Parco Nazionale Skaftafell con la cascata Svartifoss. Pomeriggio laguna glaciale di Jökulsárlón e Diamond Beach. Arrivo e pernottamento a Egilsstaði
  5. Quinto giorno: partenza da Egilsstaði e viaggio attraverso i fiordi orientali. Arrivo al Lago Mývatn e visita dei dintorni, con tappa al Monte Krafla. Arrivo e pernottamento ad Akureyri
  6. Sesto giorno: partenza da Akureyri, mattina Jökulsárgljúfur, nel Parco nazionale di Vatnajökull, canyon di Ásbyrgi e cascata Dettifoss. Pomeriggio Husavik ed escursione per vedere le balene. Rientro e pernottamento ad Akureyri
  7. Settimo giorno: visita dei dintorni di Akureyri, con la zona montuosa di Tröllaskagi, il villaggio di Siglufjörður e Hofsós. Arrivo e pernottamento a Blönduós
  8. Ottavo giorno: partenza da Blönduós e scoperta della penisola di Snæfellsnes, con l'iconico Kirkjufell. Arrivo e pernottamento ad Arnarstapi
  9. Nono giorno: partenda da Arnarstapi e scoperta della penisola di Reykjanes, con il vulcano attivo e la Laguna Blu. Pernottamento a Keflavik, vicino all'aeroporto
  10. Decimo giorno: consegna auto a noleggio e rientro in Italia

Quanto costa? Dettagli del prezzo

  • Prezzo a persona a partire da: €2.000,00 a persona
  • La quota comprende: alloggi, noleggio auto, voli
  • La quota non comprende: pranzi e cene, assicurazione di viaggio, spese personali

Quando andare? Info su clima e periodo migliore

Mese Temperature medie (min/max) Precipitazioni (giorni/mm)
Gennaio -3 / 2° 13 gg / 80 mm
Febbraio -2 / 3° 13 gg / 80 mm
Marzo -2 / 3° 14 gg / 80 mm
Aprile 0 / 6° 12 gg / 60 mm
Maggio 4 / 9° 10 gg / 50mm
Giugno 7 / 12° 10 gg / 50 mm
Luglio 8 / 14° 10 gg / 50 mm
Agosto 8 / 13° 11 gg / 70 mm
Settembre 6 / 10° 12 gg / 80 mm
Ottobre 3 / 7° 15 gg / 100 mm
Novembre -1 / 4° 13 gg / 90 mm
Dicembre -2 / 2° 13 gg / 80 mm
  • Clima: di tipo oceanico freddo, con temperature basse, anche se in parte miticate dall'Oceano, e cielo spesso nuvoloso. Perennemente instabile, con precipitazioni distribuite in tutto il corso dell'anno
  • Periodo migliore: da tarda primavera a estate, per le temperature poco più miti e le giornate leggermente più soleggiate. A giugno è possibile assistere al fenomeno del Sole di Mezzanotte
  • Periodo da evitare: inverno, per le temperature rigide e le pochissime ore di luce. Da ottobre ad aprile è però possibile assistere al fenomeno dell'Aurora Boreale
  • Consigli: in ogni stagione vestiti caldi. In inverno vestiti termici, sciarpa, berretto, guanti, scarpe pesanti per affrontare la neve. In estate vestirsi a strati, maglietta a maniche corte, felpa e kway o giacca a vento. Scarpe comode per le escursioni

Islanda fai da te: info, costi e consigli

seljalandsfoss cascata islandaL'Islanda è una destinazione costosa: dal volo aereo (€139,00) agli alloggi (€80,00 a notte), passando per il noleggio auto (€90,00 al giorno) e i pasti nei ristoranti (€30,00 a pasto).

Dall'Italia ci sono alcuni voli diretti da Milano e Roma, la maggior parte dei voli richiede comunque uno scalo, che generalmente è ad Amsterdam o Londra. Per quanto riguarda gli spostamenti, il noleggio auto è essenziale, soprattutto se volete percorrere tutta la Ring Road. Ci sono diverse compagnie di noleggio: una volta ritirata l'auto, bisogna sempre accertarsi che non ci siano danni alla carrozzeria, magari scattando alcune foto, ed è caldamente consigliato acquistare un'assicurazione che copra qualsiasi danno, anche quelli causati da cenere e sabbia!

Per gli alloggi meglio prenotarli con largo anticipo. Se avete organizzato un itinerario lungo la Ring Road la soluzione migliore è dormire ogni sera in un luogo diverso. Nelle principali città troverete sia hotel (anche di lusso) che appartamenti, mentre nelle piccole località ci sono principalmente cottage e guesthouse. Quest'ultimi regalano sicuramente un'esperienza più autentica!

  • Periodo minimo per un tour in Islanda: 7 giorni
  • Come arrivare: servita dall'Aeroporto Internazionale di Keflavík (KEF), 50 km da Reykjavik. Dall'Italia, voli diretti da Milano e Roma. Durata volo diretto 4 h 30 min, con scali oltre 5 h - confronta i voli
  • Città consigliate per fare base: Reykjavik, Vik, Höfn, Akureyri
  • Come muoversi: noleggio auto, l'unica alternativa è partecipare a tour guidati
  • Alloggi e sistemazioni: la soluzione migliore è soggiornare in appartamenti, per aver più indipendenza. Nelle principali città ci sono piccoli hotel, guesthouse, piccoli appartamenti e cottage, l'esperienza più caratteristica - confronta gli alloggi su Booking.com

Islanda Low Cost: come risparmiare

Il primo consiglio è noleggiare un campervan col quale unire i costi di veicolo, pernottamenti e pasti (€800,00 per 7 giorni, da dividere fra 2, 4 o 6 passeggeri). I camper offrono letti, pentole e stoviglie, frigo, lavandino, bombole del gas, fornello per cucinare e sistema di riscaldamento notturno. Viaggiando in van ci si ferma a dormire nei campeggi con prezzi da €10,00 a notte (sostare fuori da zone apposite è illegale oltre che pericoloso).

Il costo maggiore è la benzina: €200,00 euro per fare tutto il giro. Per i pasti, ve la cavate con circa €15,00 al giorno facendo la spesa in supermercati low cost come Bonus e Netto.

Riguardo l'itinerario, bisogna fare qualche rinuncia. Dedicate solo un giorno alla Capitale e tagliate tappe come Seydisfjordur, Hof, Hofn, Vik (paesini stupendi ma che offrono appena una passeggiata di qualche minuto con annessa foto, inoltre per raggiungerli richiedono deviazioni dal percorso).

Riepilogo dei costi per una vacanza low cost per 2 persone:

  • Volo con scalo a Londra: circa €289,00 A/R
  • Noleggio Van: €800,00 per 7 giorni
  • Benzina: €200,00
  • Campeggi: €140,00 complessivi
  • Escursioni: €200,00 (ad esempio l'escursione di 4 ore sul ghiacciaio con "trolls expedition")
  • Pasti: €200,00
  • TOTALE: €1829,00 per 2 persone

Attenzione alle aree deserte lungo la Ring Road: preparatevi a guidare per ore ed ore in zone in cui non si vede l'ombra di un benzinaio! Fra queste la regione est, da Djupivogur a Reykjahlid, oppure il tratto che collega Blonduos a Reykjavik. Soprattutto, assicuratevi che il campeggio in cui sosterete la notte sia aperto (molti lavorano solo in estate).

Nel caso non vi piaccia l'idea di guidare in luoghi sperduti così a lungo, potreste decidere di partire da Reykjavik e visitare il nord in due o tre giorni, per poi rientrare nella capitale e spostarti verso il sud per altri altri 2 o 3 giorni, senza addentrarvi nella zona ovest.

Viaggiare informati: info utili, sicurezza e documenti necessari

  • Abitanti: 366.425
  • Capitale: Reykjavík
  • Lingue: islandese. Diffuso anche l'inglese
  • Moneta locale: corona islandese (ISK) / Cambio: €1,00 = 148,80
  • Fuso Orario: -1h rispetto all'Italia; -2h quando in Italia vige l'ora legale
  • Vaccinazioni: nessuna vaccinazione richiesta
  • Requisiti d'ingresso: passaporto in corso di validità per tutto il periodo di permanenza in Islanda. Visto d'ingresso non richiesto. Consigliata un'assicurazione di viaggio
  • Sicurezza: l'Islanda è uno dei Paesi più sicuri al mondo, con un tasso di criminalità bassissimo. Si tratta di un'isola vulcanica, dove possono verificarsi improvvise eruzioni. Consulta la sezione Islanda del sito della Farnesina
  • Distanza dall'Italia: 3.299,20 km (5 ore di volo) da Roma alla capitale Reykjavík