India Taj Mahal Agra Architettura 1Una terra magica. Spiritualità, misticismo, magnificenti palazzi, baraccopoli, colori sgargianti. Ed ancora, gli odori pungenti delle spezie, i risciò, le strade intasate, i grattacieli dei quartieri più ricchi e le mucche che attraversano la strada. Un Paese dai mille contrasti, così forti che toccano il visitatore e che non possono lasciarlo indifferente. Ma oltre a questi aspetti emotivi, l'India è un Paese enorme, che proprio per la sua vastità presenta climi e paesaggi totalmente differenti.

Si sente spesso dire che per affrontare un viaggio in India bisogna "essere pronti". Io aggiungo che non lo si sarà mai abbastanza. Ecco una serie di consigli utili per organizzare un viaggio in India: info utili, sicurezza e itinerari consigliati.

Viaggiare informati: info utili

  • Abitanti: 1.353 miliardi
  • Capitale: Nuova Dehli
  • Lingue: uffuciali hindi e inglese; lingue usate e riconosciute dalla Costituzione in totale 23
  • Moneta locale: rupia indiana (INR) / Cambio: €1,00 = 87,25 INR
  • Fuso Orario: + 5,30 UTC. + 4,30 ore rispetto all'Italia, + 3,30 quando in Italia vige l'ora legale
  • Distanza dall'Italia: 5.917 km (7 h 30 min di volo) da Roma alla capitale

Quando andare? Clima e periodo migliore

A prescindere dai costi, a prevalere nella scelta di un viaggio in India deve essere il fattore clima.
Considerando la vastità e la grande varietà di paesaggi presenti nel Paese, in India si rilevano notevoli differenze climatiche da una regione all'altra. In linea di massima si riconoscono tre stagioni: un'estate calda ed afosa (da marzo a fine maggio), la stagione dei monsoni (da giugno a fine ottobre) e un inverno fresco e soleggiato (da novembre a fine febbraio).

Proprio la stagione fresca è quella più consigliata per un viaggio classico. La mattina e la sera fa abbastanza freddo e addirittura può esserci la nebbia; durante il giorno, invece, le temperature salgono ma non sono torride e consentono di visitare le varie attrazioni con agio. In questo periodo si tengono inoltre alcuni degli eventi più importanti, come l'Holi Festival (famosissima festa dei colori che si tiene a marzo), il Diwali (Festival delle luci che dura 5 giorni fra ottobre e novembre) e il Bikaner Camel Festival (coloratissimo festival dedicato ai cammelli nel deserto del Rajasthan che si tiene a Gennaio).

  • Clima: tropicale e dominato dai monsoni che determinano una stagione secca e una piovosa. Il periodo più piovoso va da luglio a settembre, nel sud-est del Paese il monsone si prolunga fino a fine anno. In estate si possono toccare i 48°
  • Periodo migliore: Per un tour completo o per il classico Rajasthan si consiglia il nostro inverno, ovvero i mesi fra novembre e febbraio, che corrispondono alla stagione fresca e asciutta.
  • Periodo da evitare: da marzo a fine maggio per le temparature calde e afose, da giugno a fine ottobre per le abbondanti piogge

Cosa vedere in India: città e attrazioni da non perdere

1 - Delhi, Nuova Dheli e Forte Rosso

red fort delhi edifici antica 1Un mix di culture che si intrecciano e soprappongono e l'hanno resa, nel corso dei secoli, un luogo affascinante e ricco di mistero. Il distretto urbano di Delhi comprende la città vecchia e l'agglomerato cittadino più recente, ovvero la capitale Nuova Delhi .

Dehli è un'area infinita e frenetica, ed è davvero improbabile, se non impossibile, riuscire a vederla tutta. Uno dei simboli è il Red Fort, residenza dell'impero Moghul, dai colori fantastici. ma meritano una visita anche la moschea Jama Masjid e il Bahai Lotus Temple.

Ad ogni angolo della strada, inoltre, pare esserci un mercato da scoprire, se non altro per immergersi nella frenesia di suoni, colori e odori che sono, in fin dei conti, il significato della vera India.

2 - Agra e Taj Mahal

india taj mahal agra architettura 1 1Si trova nello stato dell'Uttar Pradesh, a circa 200 km da Nuova Delhi e conta 1.259.979 abitanti. È stata la capitale dell'Impero Moghul dal XVI al XVIII secolo, e oggi è famosa soprattutto perché ospita il celeberrimo Taj Mahal.

Questo splendido edificio, uno dei simboli dell'India, fu costruito nel 1632 con la funzione di mausoleo dall'imperatore moghul Shah Jahan in onore della sua moglie preferita. Universalmente è considerato uno dei più splendidi esempi di architettura musulmana del mondo, è Patrimonio dell'Umanità UNESCO e fa parte delle sette meraviglie del Pianeta Terra.

Oltre al Taj Mahal, altre attrazioni principali sono il Forte Rosso e la tomba di Akbar.

3 - Jaipur, Amber Fort e Hawa Mahal

hawa mahal palazzo jaipur rajasthan 1È la capitale del Rajasthan, parola che significa "Terra dei re", e calza a pennello poiché questo stato federato indiano era l'antico Regno dei Maharaja, nonché una delle regioni più spettacolari dell'India.

La sua capitale è anche il centro più popoloso di questa zona (circa 3 milioni di abitanti) e conserva alcuni dei punti di interesse più interessanti e spettacolari dell'intera regione. Lo Hawa Mahal (noto anche come Palazzo dei venti o Palazzo della brezza) ha la forma di corona del dio Krishna, è formato da 953 jharokha o finestre e ha una facciata riccamente decorata che assomiglia a un nido d'ape di un alveare. A poca distanza dalla città, in cima a una collina e da raggiungere a dorso d'elefante, c'è l'Amber Fort.

4 - Jodhpur

jodhpur citta blu rajasthan india 1È la capitale della regione del Marwar, non lontano dal Deserto di Thar, e la seconda città dello stato federato del Rajasthan dopo Jaipur (846.408 abitanti). Fra le città indiane è conosciuta come "la città blu" ed è facile capire il perché.

Se si passeggia per le strette vie della città vecchia, infatti, subito salta all'occhio il colore dominante delle casette e delle costruzioni, ovvero un blu intenso. Questo colore un tempo serviva per identificare le abitazioni che appartenevano ai membri della casta sacerdotale dei Bramini. Il Forte Mehrangarh è la principale attrazione della città, risale al 1458 ed era la dimora dei regnanti, ad oggi ospita il Mehrangarh Museum. Altrettanto meritevole di una visita lo spettacolare cenotafio di Jaswant Thada.

5 - Udaipur e City Palace

udaipur india rajasthan lago 1Udaipur è una città dell'India Settentrionale, capoluogo di distretto e divisione omonimi, si trova nello stato federato del Rajasthan e conta circa 400.000 abitanti. Ricca di storia e di cultura, è famosa anche per la sua splendida posizione panoramica e per i suoi meravigliosi palazzi, molti dei quali ad oggi sono alberghi di lusso, costruiti nell'era Rajput.

È soprannominata "la Venezia d'Oriente" ma è conosciuta soprattutto come "città bianca" a causa del colore di molte sue costruzioni. Città dal fascino senza paragoni, affaccia sul tranquillo lago Pichola, il più grande dei sei laghi della zona, ed è ricca non solo di palazzi ma anche di templi, tradizionali havelis (residenze nobiliari riccamente decorate) e un intrico di strette stradine. L'attrazione principale è il City Palace (in parte albergo di lusso, in parte museo e Galleria dei Cristalli), seguono il Jag Mandir e il Monsoon Palace.

6 - Varanasi e Rive del Gange

india varanasi ghat architettura 1È una delle mete più gettonate per quanti si recano in India, specialmente nel nord del Paese. È la città sacra per eccellenza, nonché uno dei centri più belli e antichi non solo dell'India, ma di tutta l'Asia. Varanasi affaccia sul fiume Gange, per tradizione ogni induista deve raggiungere la città sacra e immergenrsi nelle sue acque, almeno una volta nella vita.

Varanasi è anche il luogo dove vengono disperse le ceneri dei defunti, che bruciano tutto il giorno sulla tradizionale pira per la cremazione. Se per qualcuno il continuo viavai di fedeli e famigliari dei trapassati può essere qualcosa di troppo forte e da evitare, per altri è una vera e propria esperienza mistica unica che fa parte del fascino speciale del Paese.

Fra le attrattive imperdibili vi son il Tempio Vishwanath, il Tempio Nepali Hindu, il Man Mandir Observatory e il Tempio Tulsi Manas.
Veronasi è una delle poche destinazioni indiane che da il meglio durante la stagione calda, ovvero fra aprile e maggio, quando si celebrano diverse feste e riti religiosi.

7 - Calcutta

victoria memoriale calcutta 1Calcutta è la terza città dell'India per dimensioni, conta 4.486.679 abitanti ed è la capitale del Bengala Occidentale, nonché la capitale culturale dell'India orientale. È stata la capitale dei territori britannici fino al 1911, poi sostituita da Delhi, sorge lungo il fiume Hooghly (un ramo del fiume sacro Gange) ed è ricca di monumenti e luoghi di interesse, molti dei quali sono splendide testimonianze dell'epoca vittoriana.

Al visitatore si presenta con un doppio volto: nobiltà e povertà, cultura e disperazione convivono in un contesto nello stesso tempo futuristico e decadente. Fare tappa a Calcutta può essere un'esperienza davvero segnante, sicuramente non è una meta adatta a tutti, soprattutto a quanti sono particolarmente sensibili alla povertà e alla sofferenza umana. Nonostante questo, la città ha anche un intenso carattere intellettuale, artistico e culturale, ha una storia antichissima e una spitirualità spiccata, è infatti visitata da moltissimi pellegrini che si recano al Tempio Dakshineswar Kali, senza dubbio l'attrattiva più importante insieme al famoso Victoria Memorial.

8 - Bangalore

parco della liberta bangalore 1La città hub high-tech di Bangalore si trova nella parte meridionale dell'India ed è diventata un centro cosmopolita in piena espansione, sia per quanto riguarda l'industria, a vita notturna e i suoi parchi. È la capitale dello stato indiano meridionale di Karnataka e la terza città più grande del Paese, con i suoi 8 milioni circa di abitanti.

È una delle città più progressiste e sviluppate dell'India, con un clima favorevole, un moderno sistema di trasporti urbani e una fiorente scena sociale. Sebbene non ci siano attrazioni famose, troverai incantevoli parchi e una straordinaria architettura vittoriana.

9 - Mumbai

mumbai porta dell india india nave 1Mumbai (o Bombay) è la capitale dello Stato del Maharashtra ed è la seconda città dell'India per dimensioni. Conta 12.478.447 abitanti e figura anche tra le città più densamente popolate al mondo. Principale punto commerciale dell'India, ha una vita culturale particolarmente vivace, nonché mille volti, da quello più prettamente tradizionale, con i piccoli mercati tipici, a quello formato da grattacieli contemporanei e grandi centri commerciali.

Il suo frequentatissimo porto è conosciuto anche come la "Porta dell'India", da non perdere anche il tempio induista Shree Siddhivinayak e la misteriosa Isola di Elephanta, patrimonio UNESCO. Mumbai è anche la capitale dell'intrattenimento e del cinema indiano, ha sede qui la più grande industria cinematografica del mondo, la celebre Bollywood.

10 - Chennai

tempio tamil nadu india patrimonio 1Chennai è la quarta città per dimensione di tutto il Paese, ospita oltre quattro milioni di abitanti ed è conosciuta anche come "la porta del Sud". Un tempo chiamata Madras, è la capitale dello Stato del Tamil Nadu e ospita il celebre Forte St. George, una costruzione del Seicento che rappresenta la prima fortificazione costruita ad opera della Compagnia delle Indie.
La città, all'epoca, era infatti un importante scalo commerciale.

È una meta adatta non solo agli appassionati di storia ma anche a coloro che vogliono scoprire le tradizioni locali: il Tempio di Kapaleeswarar è uno dei più belli e particolari templi indù, un tripudio di forme e colori. Non solo, la città soddisfa anche chi cerca una vacanza fatta di sole e di mare: la sua Marina, infatti, è costituita da 13 chilometri di spiaggia sabbiosa che si affaccia sul Golfo del Bengala.

Itinerari consigliati

Per un breve viaggio in India solitamente si consiglia la visita del Triangolo d'Oro, ovvero le tre città più importanti: Dehli, Jaipur ed Agra. Se poi si dispone di maggiore tempo e budget, si può esplorare più a fondo il Rajasthan, aggiungendo all'itinerario anche Jodhpur, Udaipur, il Lago sacro di Pushkar, il deserto Jaisalmer e i templi dalle raffigurazioni erotiche di Khajuraho.

Un altro itinerario molto consigliato è quello dell'India Classica, che combina la visita del Triangolo d'Oro e del Rajasthan a quella nella zona di Varanasi e del Fiume Gange, area di grande interesse spirituale in cui ogni 12 anni si tiene il famoso pellegrinaggio Kumbh Mela.

Vi sono poi alcuni itinerari alternativi un po' meno turistici, come il tour delle coste orientali fra Calcutta, la regione Orissa e il distretto Rayagada, la città di Similiguda, il Lago Chilka e il villaggio di Raghurajpur e la suddivisione del Vishakhapatnam; o ancora il tour del Sud fra lo stato di Kerala, Pondicherry, Tanjore, Trichy, Madurai Cochin e talvolta lo stato di Goa.

Itinerario di 7 giorni: Triangolo d'Oro

  1. Primo giorno: arrivo in mattinata a Delhi, check-in in hotel e visita della città
  2. Secondo giorno: esplorazione di Delhi e Nuova Dheli, con visita al Forte Rosso, Raj Ghat, Moschea Jama Masjid, Mausoleo di Humayun, Minareto di Qutub, zona delle ambasciate, palazzo del governo e residenza presidenziale.
  3. Terzo giorno: trasferimento a Jaipur, la Città Rosa, per ammirare i forti e palazzi imponenti, pomeriggio in libertà
  4. Quarto giorno: giornata di escursioni e tour a Jaipur, con visita all'Amber Fort, all'Hawa Mahal, al palazzo del Maharaja, e all'Osservatorio Astronomico Jantar Mandar
  5. Quinto giorno: trasferimento ad Agra con sosta lungo il tragitto alla città fantasma di Fatehpur Sikri. Arrivo in serata ad Agra.
  6. Sesto giorno: visita di Agra con tour al Taj Mahal e al Forte di Agra. Dopo il pranzo ritorno a Delhi
  7. Settimo giorno: Rientro in Italia

Quanto costa? Dettagli del prezzo

  • Prezzo a persona a partire da: €1.560,00
  • La quota comprende: volo intercontinentale a/r, tutti i trasferimenti indicati, 6 pernottamenti e prime colazioni, 5 pranzi e 5 cene, ingressi alle attrazioni menzionate, guida locale in lingua italiana, assicurazione medica
  • La quota non comprende: tasse aeroportuali e fuel surcharge, visto India, pasti non menzionati, bevande, mance ed extra di carattere personale
  • Preventivo personalizzato: clicca qui per richiedere un preventivo personalizzato

Itinerario Rajasthan + Agra: nel caso disponiate di più tempo e budget, potete valutare l'itinerario espanso che oltre al luoghi indicati include altre città e attrattive di interesse. L'itinerario ha una durata di 14 giorni ed un costo a persona di €2460,00 - clicca qui per richiedere un preventivo personalizzato

Itinerario di 10 giorni: India Classica

taj mahal india agra architettura 1

  1. Primo giorno: arrivo in mattinata a Delhi, check-in in hotel e visita della città. Qutub Minar, quartiere coloniale, India Gate, mausoleo di Safdarjung. Cena, con possibilità di tour di degustazione di street food indiano, e pernottamento a Delhi
  2. Secondo giorno: termine della visita di Delhi, Old Delhi, Moschea del venerdì, Forte Rosso, tempio Sikh. Pranzo e partenza per Jaipur. Cena e pernottamento a Jaipur
  3. Terzo giorno: sosta fotografica al Palazzo dei Venti, salita con elefante al Forte di Amber e visita, pranzo in dimora storica, palazzo della città, museo e osservatorio astronomico. Cena e pernottamento a Jaipur
  4. Quarto giorno: partenza verso Agra e sosta al pozzo di Abhaneri. Pausa pranzo. Visita di Fatephur Sikri, antica capitale Moghul. Cena e pernottamento a Fatephur Sikri
  5. Quinto giorno: visita di Agra, con Forte Rosso, mausoleo di Eimad-ud-Daula. Pranzo e nel pomeriggio visita del famosissimo Taj-Mahal (consigliato il biglietto con ingresso prioritario). Cena e pernottamento ad Agra
  6. Sesto giorno: viaggio in treno verso Orcha e visita del tesoro nascosto di Orcha, in particolare del Jehangir Mahal. Pranzo in corso di escursione. Proseguimento verso Khajuraho dove si arriverà in tempo utile per la cena e il pernottamento
  7. Settimo giorno: visita dei templi occidentali induisti famosi per le raffigurazioni erotiche. In tarda mattinata volo per Varanasi. Prima visita al Gange per assistere alla cerimonia delle arti con il fuoco. Cena e pernottamento a Varanasi
  8. Ottavo giorno: escursione in barca all'alba per assistere ai riti di purificazione nel Gange, passeggiata tra i vicoli della città antica. Pranzo. Visita del sito archeologico di Sarnath, luogo della prima predicazione del Buddha. Cena e notte a Varanasi
  9. Nono giorno: visita della parte moderna di Varanasi, con università, tempio della dea Durga e il Bharat Mata Mandir. Dopo pranzo, volo per Delhi. Cena e pernottamento in capitale
  10. Decimo giorno: trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo di rientro in italia

Quanto costa? Dettagli del prezzo

  • Prezzo a persona a partire da: €2.150,00
  • La quota comprende: volo intercontinentale a/r, volo interno Delhi-Varanasi a/r, tutti i trasferimenti indicati, i trasferimenti in treno, 8 pernottamenti, pensione completa tranne 2 pasti, tutti gli ingressi alle attrazioni menzionate, guida locale in lingua italiana, assicurazione medica
  • La quota non comprende: tasse aeroportuali e fuel surcharge, visto India, pasti non menzionati, bevande, mance ed extra di carattere personale
  • Preventivo personalizzato: clicca qui per richiedere un preventivo personalizzato

Itinerario di 9 giorni: Il meglio dell'India del Sud

houseboat kerala alleppey

  1. Primo giorno: arrivo a Madras, check-in in hotel e tempo a disposizione per attività libere o riposo. Pranzo e nel pomeriggio visita della città, chiesa S.Tommaso, lungomare, edifici governativi e tempio di Kapale-eshwara. Cena e notte a Madras
  2. Secondo giorno: partenza per Pondicherry. Sosta per la visita di Mahabalipuram, primo esempio di arte templare induista. Arrivo a Pondicherry e visita dell'antica colonia francese e dell'Ashram di Sri Aurobindo. Cena e pernottamento a Pondicherry
  3. Terzo giorno: trasferimento a Tanjore e pranzo in corso di viaggio. Visita di Tanjore, tempio Brahadeshwara dedicato a Shiva e visita del museo dei bronzi. Cena e pernottamento a Tanjore
  4. Quarto giorno: trasferimento a Trichy. Visita della città-tempio di Srirangam. Proseguimento per Madurai con pranzo in corso di viaggio. Arrivo a Madurai in tempo per assistere alla cerimonia della dormizione. Cena libera e pernottamento a Madurai
  5. Quinto giorno: completamento della visita di Madurai, tempio dedicato alla dea Meenakshi, museo e palazzo di Tirunalai Nayak. Pranzo e trasferimento al Parco di Periyar. All'arrivo, visita ad una piantagione di spezie. Cena e notte a Periyar
  6. Sesto giorno: trasferimento nella pianura del Kerala. Sistemazione in hotel e pomeriggio a disposizione per relax, piscina e trattamenti ayurvedici. Possibilità di partecipare ad una lezione di cucina Keralan. Cena e pernottamento
  7. Settimo giorno: crociera in barca nei backwaters, i caratteristici canali che attraversano il Kerala, pranzo a bordo e arrivo nei pressi di Aleppey. Trasferimento a Cochin. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento a Cochin
  8. Ottavo giorno: visita di Cochin, la città più cosmopolita dell'India del sud, le reti cinesi, il palazzo olandese, la chiesa di s. Francesco, il quartiere ebraico e la via degli antiquari. Dopo pranzo, spettacolo di danza. Nel tardo pomeriggio trasferimento in aeroporto
  9. Nono giorno: partenza per l'Italia con volo nelle primissime ore del mattino

Quanto costa? Dettagli del prezzo

  • Prezzo a persona a partire da: €1.920,00
  • La quota comprende: volo intercontinentale a/r, tutti i trasferimenti indicati, la crociera nel Kerala, 7 pernottamenti, pensione completa, tutti gli ingressi alle attrazioni menzionate, guida locale parlante italiano
  • La quota non comprende: tasse aeroportuali e fuel surcharge, visto India, pasti non menzionati, bevande, mance ed extra di carattere personale, assicurazione viaggio India
  • Preventivo personalizzato: clicca qui per richiedere un preventivo personalizzato

Cosa sapere per un Viaggio in India

Dove si trova e come arrivare

Ufficialmente Repubblica dell'India, è uno Stato federale dell'Asia meridionale. Con 3.287.263 kmq, è il settimo stato del mondo per superficie ed il secondo più popoloso dopo la Cina. È bagnata dall'Oceano Indiano a sud, dal mar Arabico a ovest e dal golfo del Bengala a est. Con una linea costiera che si snoda per 7.517 km, confina a ovest con Pakistan, Cina, Nepal e Bhutan; a nord-est con Bangladesh e con il Myanmar a est. Vicini prossimi, ma separati dall'Oceano Indiano, lo Sri Lanka a sud-est e le Maldive a sud-ovest.

Alitalia e Air India hanno voli diretti fra Roma e Nuova Dehli, della durata di 7 h 30 min circa. Le altre maggiori compagnie che volano in India, facendo scalo, sono Qatar, Emirates, Oman Air, Lufthansa, British, Cathay, KLM, Singapore Airlines. In bassa stagione si trovano ottime occasioni attorno ai €300,00 (guarda le offerte), in alta stagione (Natale e Capodanno) si sfiorano i €1.000,00.

Sicurezza, visto e documenti necessari

  • Requisiti d'ingresso: passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e con due pagine bianche disponibili. Visto turistico necessario da richiedere all'Ambasciata Indiana a Roma
  • Vaccinazioni: certificato di vaccinazione contro la febbre gialla per tutti i viaggiatori di età superiore ai 9 mesi provenienti da Paesi a rischio di trasmissione della malattia. Consigliate difterite, epatite A e B, tifo, tubercolosi, poliomielite e il richiamo antitetanico
  • Restrizioni: proibita l'introduzione di apparecchiature satellitare, ricetrasmittenti, telescopi. Senza l'autorizzazione da parte dell'Autorità indiana è proibito il volo di aeromobili senza equipaggio quali drone, mongolfiera, parapendio, deltaplano, ultraleggero entro un raggio di 30 Km intorno a Vijay Chowk (centro della città) in New Delhi. Proibito usare e introdurre nel Paese sigarette elettroniche
  • Sicurezza: frequenti gli episodi di micro-criminalità ai danni dei turisti; allarme terrorismo elevato; rischio calamità naturali durante il periodo monsonico. Consultare il sito ufficiale della Farnesina
  • Consigli utili: affidarsi ad un buon tour operator o agenzia locale e stipulare una buona assicurazione che preveda anche la copertura delle spese sanitarie. Sempre validi i consueti accorgimenti come evitare luoghi di eventuali manifestazioni, non fare l'autostop etc

Come muoversi

riscio viaggio taxi trasportiIn genere meglio acquistare un tour all inclusive con trasporti compresi.

In caso di viaggio fai d te sfruttare i voli interni per le grandi distanze (es.Dehli-Varanasi a partire da €35,00, 50 min di volo) e noleggiare un driver locale per gli spostamenti fra le varie attrattive di interesse (media di €35,00/40,00 al giorno ad auto).

Improponibile il noleggio: le strade indiane sono costantemente invase da animali, persone e qualunque tipo di veicolo!

Treni e autobus sono generalmente sconsigliati per via di ritardi frequenti, lungaggini nello spostamento e condizioni igieniche pessime (es. Dehli-Varanasi in bus o treno richiede una media di 6 ore di viaggio, biglietto €5,00).

Dove dormire

Importante premessa: il livello qualitativo delle strutture ricettive indiane non è come il nostro. Se volete una struttura buona (non lusso), mai scendere sotto le 4 stelle (Hotel e b&b a partire da €20,00 a camera - guarda le offerte)

Il Paese propone una vasta gamma di strutture ricettive per tutti i tipi di viaggiatori.
Si va dagli ostelli economici per poche centinaia di rupie, adatte soprattutto per i viaggiatori "zaino in spalla" che gli alberghi principeschi.

Dove è possibile, suggeriamo di alloggiare nelle carattersitiche havelis, antiche dimore dei mercanti, costruite tra il XVII ed il XX secolo, oggi trasformate in hotel.

Stessa varietà di tipologia e prezzo anche al sud. Molto diffusi gli EcoLodges, ma non mancano lussuosi Resort dove farsi coccolare con massaggi ayurvedici, fino agli spartani hunts sulle spiagge.

Ultimamente si sta sviluppando anche il concetto delle "guesthouse", B&B, "homestay" che, oltre al comfort di una struttura ricettiva di livello medio, offrono la possibilità di entrare a diretto contatto con la cultura locale.

Dove mangiare

buffet indiano cibo spezie pranzo 1La cucina indiana è prevalentemente vegetariana. L'unica carne disponibile è il pollo; il pesce si trova al sud nelle località di mare. Carne vaccina e maiale inesistenti.

Ricordate che il cibo è sempre molto speziato e piccante. Dire sempre "No Spicy e No hot".

Tra i locali dove mangiare c'è ampia scelta. Street-food e locali umili frequentati solitamente dagli indiani sono economici ma li sconsigliamo per le discutibili condizioni igieniche.
D'altra parte, in un ristorante di buon livello, di stampo occidentale per arredamento e atmosfera, con tovagliato e posate, si spende attorno ai €7,00/€8,00 a persona.

Nelle città più grandi non mancano proposte di cucina internazionale (italiana, cinese, thai) e fast-food.

Onnipresenti sui menù: Dosa e Samosa (appetizer), riso biryani condito con verdure, spezie o pollo, Dal Makhni a basedi lenticchie, Palak paneer (spinaci e formaggio). Il Thali è un vero e proprio pasto completo servito su un unico vassoio. Buonissimo il pane che ha innumerevoli nomi a seconda di come è cotto o condito. Il tipo più gettonato è il naan, cotto nel forno tandoori, e che può essere insaporito con formaggio "chees naan", cipolle o spezie.

Come pagare

rupie banconota india pagareLa moneta locale è la Rupia Indiana, €1,00 = HI 82,22.

Si consiglia di portare un po' di contanti (euro) ma senza esagerare. Entrambe le monete si cambiano facilmente: banche, agenzie di viaggio, hotel, change money sono i posti migliori per cambiare soldi. I tassi di cambio dell'aeroporto sono sempre poco convenienti; all'arrivo cambiare quindi il minimo indispensabile per raggiungere il vostro hotel.

Il Bancomat è l'opzione migliore, più sicura e più conveniente. Considerate una commissione di 100-200 rupie (circa €1,20/2,40) per transazione, oltre alle eventuali commissioni della vostra banca (da contattare prima di partire). Affidatevi agli sportelli bancari del settore privato come HDFC, Axis, ICICI, IndusInd, Kotak, Yes o CitiBank. I Bancomat in India erogano al max 10.000 rupie per transazione (circa €140,00).

Le Carte di Credito raramente vengono accettate, eccezion fatta per le grandi città e gli hotel e i ristoranti di lusso.
Non è consentito importare valuta indiana in India, tantomeno esportarla.

Altri consigli

photo of a man standing beside boyAvere a fianco una buona guida o una persona del luogo è indispensabile: vi sa consigliare i ristoranti migliori per il palato italiano (il piccante è davvero hot), vi aiuta nell'acquisto dei biglietti per le varie attrazioni controllando che non vi diano banconote sgualcite poi inutilizzabili oppure che non vi rifilino il resto sbagliato, vi aiuta ad attraversare a piedi la strada (il traffico è davvero intensissimo) e tanto altro!

Portate scarpe ed abiti che poi butterete; nelle zone sacre, anche quelle esterne come i ghat, lungo i fiumi sacri, si cammina scalzi, e dovete ricordare che le vacche sono sacre. Significa che vi trovate a camminare su... qualsiasi cosa!

Norme di comportamento

  1. Per presentarsi basta semplicemente unire le mani e dire "Namastè".
  2. Quando ci si presenta, gli uomini non devono mai stringere la mano di una donna.
  3. Le donne devono vestirsi in modo appropriato, con spalle e gambe coperte. Preferire abiti larghi per non evidenziare le forme del corpo.
  4. Evitare di indossare l'abito locale, il saree, in quanto potrebbe risultare offensivo.
  5. Togliersi sempre le scarpe per entrare nei templi, visitare luoghi sacri (es. i ghat) ed entrare nelle dimore private.
  6. Le donne che fumano o che bevono alcolici vengono considerate prostitute.
  7. Mai mangiare con la mano sinistra, che viene usata solo per l'igiene personale, mai mangiare da piatti o stoviglie altrui.
  8. Soffiare il naso in un fazzoletto senza farsi vedere. Per gli indiani è normale "snasare a terra"; soffiarsi il naso in un fazzoletto e rimetterlo in tasca è considerato qualcosa di sporco.
  9. Non toccare nè indicare persone o statue con i piedi in quanto sono considerati la parte impura del corpo.
  10. Evitare di scavalcare le persone sedute per terra.
  11. Ira e collera manifestate in maniera troppo eccessiva sono percepite negativamente. In qualsiasi situazione vi troviate non perdete mai il sorriso: sarà il modo migliore per ottenere ciò che volete.
  12. No alle effusioni in pubblico. Non abbracciatevi e non tenetevi per mano in strada, soprattutto se siete di sesso opposto. I baci in pubblico sono addirittura interdetti per legge.
  13. No alla cavalleria. Offrire il proprio aiuto o cedere il posto sul bus ad una donna, come altre forme di gentilezza e cavalleria, può essere considerato un insulto.
  14. L'India è un paese omofobo e tutta la sessualità è un argomento ancora tabù. L'omosessualità è considerata un reato e viene punita dalla legge; tuttavia due uomini possono tenersi per mano mentre passeggiano conversando.
  15. Non portare rupie indiane fuori dall'India, poiché è considerato illegale.