Midday At The City Of Arts And

Cosa vedere a Valencia: guida con consigli pratici sulla città

Si tratta della terza città più importante di tutta la Spagna, la cui popolarità è in continua crescita e ora è una delle mete estive più ambite, per via delle tantissime cose da fare. In materia di bellezza, cultura, vita notturna e gastronomia da urlo, senza dimenticare il mare, Valencia non è seconda a nessun'altra metropoli iberica o europea e anzi, è una destinazione davvero adatta a tutti!

Scopriamo quindi insieme cosa vedere a Valencia, con questa guida con consigli pratici sulla città!mappa principali attrazioni monumenti valencia

Cerchi un hotel a Valencia? Abbiamo selezionato per te le migliori offerte su Booking.com.

1 - Cattedrale

catedral de valenciaFoto di Diego Delso. Il punto nevralgico del centro storico valenciano è proprio la sua celeberrima Cattedrale, nome spagnolo La Seu de València, dedicata all'Assunzione di Maria ed edificata per volere di Giacomo I. Ad abbellirla sono le tre porte, realizzate in tre stili architettonici diversi, le quali garantiscono l'accesso all'interno di questa meraviglia storica: all'interno non si può non vedere il presunto leggendario Santo Graal, ovvero il calice dove Gesù bevve nel corso dell'Ultima Cena.

La particolarità di questa splendida cattedrale è data dal suo passato e dalla mescolanza di stili che la contraddistingue: venne costruita dove sorgeva un tempio romano risalente al XIII secolo a.C. ma, all'arrivo degli arabi, fu convertita in moschea; nel corso dei secoli subisce tante modifiche, fino a renderla quella che oggi possiamo visitare. Resta solo da decidere la porta d'accesso alla favolosa Cattedrale: la barocca Puerta del Los Hierros, la romanica Puerta del Palau o la gotica Puerta de los Apostoles?

Sali sul Miguelete: è il campanile della Cattedrale, con la sua particolare scala che va restringendosi man mano che si sale. Alla fine vi ritroverete in cima dove ancora suonano alcune delle campane più antiche della Spagna.

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi
  • Come arrivare: in Plaça de l'Almoina, nel centro storico. Metro più vicina Alameda (linee 3, 5, 7 e 9). Scesi alla stazione, proseguire a piedi per circa 12 minuti - Ottieni indicazioni
  • Orari: lun-sab 10:30 fino 17:30 o 18:30 in base al periodo, dom dalle 14:00
  • Costo biglietto: intero €3,00, ridotto €2,00

2 - Plaza de la Virgen

valencia plaza de la virgen fuenteQuasi tutti gli eventi più importanti della città si tengono proprio in questa piazza centralissima di Valencia. Al suo centro si erge la Fuente del Rio Túria, realizzata da Manuel Silvestre Montesinos, dove troneggia una figura possente che rappresenta il Fiume Turia e attorno le otto damigelle che rappresentano i rispettivi canali d'irrigazione (detti acequias). Alle sue spalle c'è la maestosa Basilica della Vergine con la facciata dai colori pastello e l'imponente cupola.

Chiamata dai valenciani Plaça de la Seu è adiacente anche alla Cattedrale e nei secoli è diventata il luogo in cui si riunisce il Tribunal de Las Aguas: nella Porta degli Apostoli si tiene un'assemblea, anzi quasi un vero e proprio rito, che affonda le sue radici nella struttura legislativa imposta da Giacomo I, in cui tutti i giovedì dell'anno il tribunale discute e risolve le varie controversie nate tra agricoltori, sorte a causa dell'uso di acqua irrigabile. I turisti si posizionano attorno agli anziani giudici e ascoltano le sentenze emesse in lingua valenzana.

Si trova nel centro storico, quindi è facilmente accessibile a piedi da ogni punto, la fermata metro di riferimento più vicina è Alameda - Ottieni indicazioni

Festa de las Fallas: il 17 e 18 Marzo qui si tiene la festa de Las Fallas, si tratta dell'Ofrenda de Flores alla Virgen de los Desemparados (Vergine dei "senza tetto"). Nel centro della piazza viene costruito un grande telaio di legno che raffigura la Vergine.

Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

    3 - Lonja de la Seda

    la lonja de la seda en valenciaFoto di Juan Mayordomo. lonja de la seda valenciaFoto di Diego Delso. Un piccolo gioiello storico è la Lonja de la Seda, a testimonianza della floridezza commerciale della città e della ricchezza dei suoi abitanti nel passato; l'antico "mercato della seta" di Valencia è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità UNESCO solo nel 1996 e racconta la tangibile imponenza e bellezza dello stile architettonico tardo gotico della sua struttura interna ed esterna.

    La location oggi ospita l'Accademia Culturale di Valencia e rimane la prediletta per importantissime esposizioni. Entrando all'interno del complesso si rimane estasiati dagli enormi ambienti, dalle colorate decorazioni delle finestre, i mascheroni nascosti e raffiguranti scene erotiche, le porte ad arco e i dettagli del tetto che coprono il Consulado del Mar.
    L'ingresso è incluso nella Valencia Tourist Card.

    Sconti per studenti: se siete studenti, ricordatevi di portare con voi la Carta dello Studente, infatti mostrandola presso le biglietterie avrete diritto a piccole scontistiche. In generale, l'ideale è comunque visitarla con un tour guidato, e potrai anche acquistare seta preziosa a prezzi stracciati!

    Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi
    • Come arrivare: in Carrer de la Llotja 2, nel centro storico. La stazione metro più vicina è Alameda (linee 3, 5, 7 e 9) distante 16 minuti a piedi - Ottieni indicazioni
    • Orari: mar-sab 10:00-19:00, dom e festivi 10:00-14:00, lun chiuso
    • Costo biglietto: intero €2,00, ridotto €1,00

    4 - Mercado Central

    mercado central valenciaFoto di Diego Delso. Quattro diverse entrate permettono di visitare il mercato gastronomico e variopinto di Valencia, che sorge esattamente di fronte alla Lonja de la Seda. Il mercato centrale di Valencia è davvero vasto e al suo interno è possibile trovare qualsivoglia leccornia, dalla carne alla frutta, passando per l'immancabile pesce, il tutto comodamente esposto su oltre 900 bancarelle.

    Questo edificio è particolare perché ha assorbito stili architettonici diversi e contrastanti tra loro, riuscendo ad unire il moderno Art Nouveau, alle influenze architettoniche di stampo gotico e barocco degli edifici vicini.

    Scopri il pappagallo: se si guarda il mercato dall'esterno, possiamo notare che sopra la cupola principale c'è un pappagallo verde, chiamato dai valenciani "Cotorra del Mercat", che allude ai vari pettegolezzi all'ordine del giorno nei mercati.

    Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi
    • Come arrivare: in Plaça de la Ciutat de Bruges. Raggiungere la fermata bus Sant Vicent Màrtir-Cotanda (linee 3 e 6), poi proseguire a piedi per 8 minuti. La stazione Metro più vicina invece è Alameda (linee 3, 5, 7 e 9), distante 15 minuti a piedi - Ottieni indicazioni
    • Orari: lun-gio 8:00-14:30, ven 8:00-20:30, sab 8:00-15:00
    • Costo biglietto: gratis

    5 - Plaza de la Almoina

    plaza de la reina valenciaFoto di chisloup. Il vero cuore pulsante della cultura di Valencia nel passato è rappresentato proprio da Plaza de la Almoina, una grandissima piazza immersa nel centro storico cittadino e che ospita uno dei capolavori architettonico-religiosi più significativi della città.

    A dare il nome alla piazza fu un'istituzione medievale che distribuiva cibo ai bisognosi, infatti nella lingua valenciana Almoina significa "Elemosina", nome assegnato solo in seguito alla demolizione dei palazzi circostanti; ed è proprio grazie alla detta demolizione che vennero ritrovati dei resti archeologici e che fu scoperta la città romana antica, i cui resti possono essere visitati accedendo al museo archeologico.

    Si trova nel centro storico, dietro la Cattedrale. Metro più vicina Alameda (linee 3, 5, 7 e 9). Scesi alla stazione, proseguire a piedi per circa 12 minuti - Ottieni indicazioni

    Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi






    6 - Plaza de Toros

    ronda toro spagna plaza de toros 1Anche a Valencia non può mancare la piazza più emblematica di tutte le più famose città spagnole: Plaza de Toros, sita vicino al quartiere Ruzafa, fu progettata da Sebastián Monleón e poi costruita nell'arco di dieci anni tra il 1850 e il 1860, con lo scopo di dare un luogo fisso ai valenciani che assistevano alle corride. Difatti la sua costruzione iniziò proprio nel periodo in cui la passione dei locali per la corrida era al massimo.

    Oggi la sua capienza è di circa 10.500 spettatori e i suoi visitatori rimangono estasiati dallo stile neoclassico con quattro ordini di arcate, che ricordano moltissimo il Colosseo di Roma. Ci sono poi alcuni pilastri che vogliono celebrare alcuni toreri illustri cari ai valenciani, per esempio Ladron de Guevara, Pepet, Curro Valencia, Manuel Granero e Vicente Barrera. Ogni giorno vengono effettuati tour di Plaza de Toros ed è anche possibile vistare il Museo Taurino di Valencia: raccoglie una collezione sull'evoluzione della tauromachia valenciana a partire dal XIX secolo fino ai nostri giorni; nell'esposizione troverete notizie sulla formazione del torero, sulla liturgia della corrida, sui tori e su Plaza de Toros.

    Come capire se è in corso una corrida: semplice, basta vedere se sono esposte le bandiere nella parte superiore della struttura. In particolare, se le bandiere si trovano in tutti i piloni ci sarà una corrida di tori, se sono poste in piloni alterni avremo una corrida di novillos, e se invece ce n'è una ogni tre piloni ci sarà una corrida di becerros.

    Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi
    • Come arrivare: in Carrer de Xàtiva 28. In metro la fermata di riferimento è Xativa, ad appena 1 minuto a piedi dall'edificio. Vicino stazione ferroviaria València Nord - Ottieni indicazioni
    • Orari: da marzo ad agosto mar-sab 10:00-19:00, dom-lun 10:00-14:00. Da settembre a febbraio mar-sab 10:00-18:00, dom-lun 10:00-14:00. Festivi 10:00-14:00
    • Costo biglietto: €2,00

    7 - Parco Naturale dell'Albufera

    valencia albufera tramonto paesaggi 1E' una vera e propria oasi, un parco naturale ad appena mezz'ora d'automobile dal centro di Valencia. Il parco integra un meraviglioso lago ed alcune località marittime fantastiche, senza dimenticare che proprio qui abbondano numerose specie animali come le anatre, ogni anno su queste acque in inverno ne passano circa 25.000!

    Lasciatevi cullare dalla brezza e dal rumore delle onde di questo "piccolo mare" (traduzione fedele del nome Albufera); regalatevi una romantica traversata in barca ed ammirate la straordinaria ed incontaminata natura lussureggiante: non vorrete andare più via!

    Fai un tour in jeep e in barca: si trova a circa 10 km da Valencia, si può quindi raggiungere facilmente in auto ma, se non siete automuniti, potete optare per un tour in barca e jeep alla laguna di Albufera, con trasporto incluso. Qualunque sia il mezzo che deciderete di utilizzare, vi consigliamo di rimanere fino al tramonto, uno dei momenti più magici.

    Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi
    • Come arrivare: da Città delle Arti e delle Scienze autobus n.25 in direzione El Palmar; In alternativa si può arrivare percorrendo la CV-500 per 15 min dal centro di Valencia con la propria auto o in taxi. Disponibili anche tour da Valencia - Ottieni indicazioni
    • Orari: Albufera sempre accessibile / giro in barca durata 40 min
    • Costo biglietto: Albufera gratis / giro in barca €5,00 a persona

    8 - Oceanografic e Ciutat de les Arts i les Ciències

    valencia spagna calatrava tramonto 1 2valencia oceanografic buiocity of arts and sciences valenciavalencia oceanografic piscinaIl modo più interessante per sapere cosa sta dietro alle leggi della fisica o della dinamica, oppure vedere da vicino alcune delle specie animali più rare al mondo è quello di visitare la Ciutat de les Arts i les Ciències: tutta la struttura è composta da cinque differenti settori, ognuno dei quali suddiviso nelle tre aree tematiche scienza, arte e natura. Un'esperienza unica in una delle città più belle della Spagna.

    Si deve all'estro dell'architetto Santiago Calatrava la realizzazione di un'immensa attrazione il cui aspetto richiama un edificio estrosamente futuristico. Tanto particolare esternamente quanto immensa all'interno, non vi basteranno un paio d'ore per visitarla. Una delle attrazioni top di Valencia, comprende l'Oceanografic, l'Umbracle, il Palazzo delle Arti, il Museo della Scienza e l'Hemisfèric.

    ingresso oceanografic valenciaVieni presto e preventiva almeno mezza giornata: recatevi qui preferibilmente al mattino presto, ci sono numerosissimi settori da vedere e una giornata potrebbe non bastare se vi imbatterete in interminabili file all'ingresso. Per questo, è indispensabile il biglietto salta la fila e la mappa per decidere che percorso seguire. Potete scegliere tra il biglietto combinato o quello solo per l'Oceanogràfic. Inoltre, la mattina presto e il tramonto sono i migliori momenti per scattare delle meravigliose fotografie, in quanto i riflessi degli edifici sull'acqua saranno più nitidi, creando meravigliosi giochi di luce.

    Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi
    • Come arrivare: in Av. del Professor López Piñero. Metro più vicina Alameda (linee 3, 5, 7 e 9) e Marítim-Serrería (linee 5 e 7). Poi proseguire a piedi per circa 20 min - Ottieni indicazioni
    • Orari: lun-gio 10:00-18:00, ven-dom 10:00-19:00, nel periodo estivo chiusura posticipata 21:00
    • Costo biglietto: prezzo combinato per tutte le attrazioni intero €38,20, ridotto €28,80

    9 - Spiaggia La Malvarrosa

    playa de la malvarrosa valencia 01Foto di Manuel Martín Vicente from. E' una delle spiagge più note di Valencia, forse la più mondana e frequentata. Questa enorme spiaggia accoglie i valenciani da maggio a ottobre ed offre davvero qualsiasi tipo di comfort ed intrattenimento: ad esempio potreste divertirvi giocando a beach volley, oppure gustare un'ottima paella presso uno dei numerosi ristorantini situati lungo la dorata spiaggia che si estende per diversi chilometri.

    Tra gli eventi che si svolgono in questa meravigliosa spiaggia ci sono la famosa "mascletà napolitana" in occasione della festa de Las Fallas, e i suggestivi fuochi artificiali durante la notte di San Juan.

    Nel quartiere di La Malvarrosa. Le linee del bus sono la 2, 19, 31, 32 e N1 e N9; in metro la raggiungete con la linea 4 scendendo alla fermata "Eugenia Vines" o "Les Arenes" - Ottieni indicazioni.

    Scopri l'origine del nome: la storia del nome risale al 1856, quando El Cabanyal non era altro che un'area paludosa, quindi il botanico Felix Robillard decise di trasformarla totalmente piantando le malvarose, che poi utilizzò per produrre i suoi oli essenziali.

    10 - Stadio Mestalla

    camp de mestalla grada de la marFoto di Valencia CF. Tra gli stadi più noti d'Europa e il più antico stadio spagnolo in assoluto: difatti venne costruito nel 1923 ed oggi ha raggiunto una capienza di circa 50.000 spettatori, i valenciani ogni anno vi si recano per le partite casalinghe del Valencia Club de Futbol. Tutti i tifosi di calcio sapranno sicuramente che, tra le partite più importanti che si sono disputate in questo stadio, primeggiano il campionato mondiale del 1982 che vede la nazionale spagnola sfidare Jugoslavia, Irlanda del Nord e Honduras.
    Il suo nome deriva dall'omonimo torrente che ancora oggi scorre proprio sotto la struttura dello stadio e in tutto il quartiere circostante.

    Il Mestalla è vivo praticamente tutti i giorni dell'anno e quasi interamente visitabile grazie al Mestalla Forever Tour Valencia CF: avrete la possibilità di viverlo e conoscere la sede del Valencia Football Club, grazie alle guide locali che vi racconteranno la storia e gli aneddoti più importanti. Si passerà dalla sala stampa, agli spogliatoi dei giocatori, vedendo da vicino tutti i premi e lo foto storiche conservate accuratamente.

    Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi
    • Come arrivare: in Av. de Suècia. Con la metropolitana utilizzate la linea verde L5 fino alla fermata Aragon, proprio accanto allo stadio Mestalla. Ottieni indicazioni
    • Orari: lun e dom chiuso per le visite, mar-ven 12:00-18:00, sab 11:30-13:00
    • Costo biglietto: Mestalla Forever Tour Valencia CF intero €11,00, ridotto €9,00 / per assistere a singole partite da €20,00.

    11 - Museo delle Belle Arti

    museo belle arti interno valenciaFoto di Dorieo. Francisco de Goya e Joaquín Sorolla sono due dei celeberrimi pittori protagonisti della seconda pinacoteca spagnola: qui sono raggruppate circa 2.000 opere della fine del XV secolo. Tra le altre opere spiccano quelle raccolte nelle sale "Gotiche", con esponenti della scuola valenzana, tra cui opere di Pinazo e Benlliure. Il museo è noto anche per la collezione pittorica rinascimentale, il Patio del Embajador Vich e l'opera inedita di Velázquez.

    Il percorso artistico abbraccia davvero un lungo periodo di tempo e un'infinità di opere disseminate all'interno di sale quasi labirintiche: si inizia con i primitivi valenciali del periodo compreso tra XIV secolo fino agli inizi del XVI con opere di Jacomart e Reixach, per poi passare a Espinosa, Sorolla, Pinturicchio, Murillo, Velázquez, El Greco, Goya e tantissimi altri. La fondazione nel suo edificio risale al 1683 per merito dell Arcivescovo Juan Tomás de Rocabertí che si affidò all'architetto Juan Bautista Pérez Castiel, allora capomastro della Cattedrale.

    Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi
    • Come arrivare: in Carrer de Sant Pius V 9. Con bus 6, 11, 16, 26, 28, 79, 94, 95. La stazione metro più vicina è Alameda (linee 3, 5, 7 e 9) distante 10 minuti a piedi - - Ottieni indicazioni
    • Orari: mar-dom 10:00-20:00, lun chiuso
    • Costo biglietto: Gratis

    12 - Istituto valenciano d'Arte Moderna

    escala institut valencia d art modernFoto di Joanbanjo. L'Istituto Valenciano di Arte Moderna (IVAM) è uno dei più importanti musei di arte moderna in tutta la Spagna e spesso, anche più volte all'anno, ospita importanti artisti provenienti da tutto il mondo i quali conducono interessanti seminari! Al suo interno troverete circa 11.322 opere, che comprendono la pittura, la fotografia, disegni e sculture di artisti non solo valenciani ma anche latino americani, europei e tanti altri. Basti pensare che si trova al 52esimo posto fra i musei più visitati al mondo.

    Sono sistemate in due grandi aree, la Sala de la Muralla e il Centrè Julio Gonzales; le opere più note e da non perdere se si visita il museo sono quelle di Julio Gonzales (1876-1942) e di Ignacio Pinazo (1849-1916), gli avanguardisti del XX secolo, da cui poi si innesta tutta la collezione museale.
    VEDI ANCHE: Cosa vedere all'Istituto Valenciano di Arte Moderna: orari, prezzi e consigli

    Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi
    • Come arrivare: in C/ de Guillem de Castro 118. Si raggiunge in 10 minuti a piedi dal centro storico di Valencia, la fermata metro più vicina è Turia. - Ottieni indicazioni
    • Orari: mar-dom 10:00-19:00, ven fino 21:00, lun chiuso
    • Costo biglietto: intero €6,00, ridotto €3,00

    13 - Barrio del Carmen

    valencia torres de serranosbarrio del carmen valencia torres de serranosbarrio del carmen valencia barFoto di Jorge Franganillo. Il fulcro della vita sociale e notturna della città di Valencia è Barrio del Carmen, un quartiere celebre per i suoi negozi, dove poter cedere alla sempreverde tentazione dello shopping "vacanziero", e per i suoi numerosissimi locali, che contribuiscono ad animare l'area per intere notti. Le porte che anticamente lo "proteggevano" sono la Torres de Quart e la Torres de Serranos, da visitare assolutamente per scrutare dall'alto l'immensa città metropolitana di Valencia.

    Barrio del Carmen è un quartiere attivo al 100%, meta irrinunciabile in un soggiorno che vuole affiancare al classico momento della visita culturale, il divertimento "nudo e crudo": qui troverete bar e locali di ogni genere, le tipiche locande valenciane ma anche i pub mondani dove poter bere alcolici fino a tarda notte!

    Piccolo quartiere del centro storico. Sul lato settentrionale è circondato dal Jardín del Turia. La stazione metro più vicina è Alameda (linee 3, 5, 7 e 9) distante 20 minuti a piedi - Ottieni indicazioni.

    valencia barrio del carmen muralesFoto di Jorge Franganillo. Scopri la street art nel quartiere: non perdetevi i graffiti nascosti in questo quartiere, infatti da anni gli artisti fanno a gara per accaparrarsi i muri migliori e cimentarsi in particolari e uniche opere d'arte coloratissime raffiguranti ad esempio animali, scene di vita urbana etc. Il consiglio è quello di farvi accompagnare da una guida locale, che vi darà preziosi consigli e segreti per visitare al meglio la città.

    14 - Giardini del Turia

    jardines del turia valenciaFoto di José Luis Filpo Cabana. valencia parque gulliver 1Questa oasi nel cuore di Valencia, ricca di alberi di oleandri, pini e palme, nasce da una deviazione "artificiale" del fiume Turi, corso d'acqua sulle quali rive sorge la bella città. Una delle attrazioni più peculiari del parco è una pittoresca scultura di Gulliver, una sorta di "scivolo antropomorfo" sul quale salgono, divertendosi, grandi e piccini.

    Qui tutti possono cimentarsi in tante e diverse attività sportive come basket e calcetto nei campi gratuiti alla fine del versante ovest, skatepark lungo lo Skateplaza o lo skatepark Gulliver, noleggiare una bici o un tandem; insomma, questo parco offre qualcosa come 110 ettari di spazi per rilassarsi e staccare dal traffico cittadino e dalla mondanità.

    Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi
    • Come arrivare: Metro più vicina Alameda (linee 3, 5, 7 e 9). Scesi alla stazione, proseguire a piedi per circa 12 minuti - Ottieni indicazioni
    • Orari: Giardini del Turia sempre accessibile / Gulliver tutti i giorni 10:00-17:00
    • Costo biglietto: Giardini del Turia gratis / alcune attività a pagamento

    15 - Bioparc Valencia

    giraffa girafons zoo bioparc 1Non chiamatelo zoo, perché il Bioparc di Valencia rappresenta uno dei pochi fiori all'occhiello in materia di tutela e preservazione delle specie animali. L'area ospita numerosi esemplari, specialmente provenienti dall'Africa, come ad esempio leoni, lemuri e giraffe.

    Gli animali vivono in contatto fra loro, all'interno di habitat che riproducono al 100% le condizioni naturali della loro area di provenienza e i visitatori possono ammirarli nelle loro attività quotidiane in tutta sicurezza. Ovviamente sarete guidati da una delle guide che vi spiegherà come crescono, da dove provengono e le abitudini di ogni specie animale che vedrete: potrete assistere al risveglio dei dolcissimi lemuri, alla "passeggiata mattutina" delle giraffe, oppure veder giocare leoni possenti (ovviamente dietro ai vetri protettivi!).

    Questo è uno dei parchi più belli della penisola iberica e vanta diversi primati, per esempio è il luogo di nascita del primo oritteropo in tutta la Spagna. Ideale per passare una giornata di divertimento con i vostri bambini e per scoprire insieme gli animali.

    • Come arrivare: in Av. Pío Baroja 3. In bus tramite le linee EMT 3, 29, 61, 67, 81 e 95. La stazione metro più vicina è Tùria (linea 1) distante 20 minuti a piedi - Ottieni indicazioni
    • Orari: generalmente tutti i giorni 10:00-19:00, ma variano spesso in base a giornate e stagione, consultare il sito uffciale
    • Costo biglietto: intero €23,80, ridotto 4-12 anni €18,00, ridotto over €6517,50

    Altre attrattive da visitare

    spagna valencia europa architettura 1Valencia offre davvero tanto, molti la definiscono la città ricca di storia ma rivolta verso la modernità e il futuro e le sue attrattive così variegate ne sono sicuramente un esempio!
    La cosa migliore da fare, specie se si ha poco tempo a disposizione, è un tour guidato a piedi in italiano, per conoscere storia e monumenti principali insieme a una guida locale.

    Oltre ai must già elencati, vale sicuramente una visita il Museo Nazionale della Ceramica (€1,50) che custodisce pezzi della collezione di ceramiche medievali valenciane, carri del XVIII secolo, i mobili di Dresde e tanto altro; vale assolutamente la pena fermarsi ad ammirare la Plaza Redonda, quasi nascosta in pieno centro, qui troverete tantissimi hobbisti che producono prodotti esclusivamente valenciani. E poi ancora va visto il Museo Fallero (€2,00), perfetto per conoscere la festa delle Fallas in qualsiasi periodo dell'anno; e sicuramente una passeggiata lungo il quartiere Ruzafa, il barrio dall'alto flusso migratorio e dove si respira un'atmosfera di continua festa e poter assistere ai concerti jazz e alle mostre fotografiche, magari sorseggiando un'ottima sangria fino a tarda sera.

    10 cose da fare a Valencia

    Foto davanti l'Oceanografico
    Lezione di Paella
    Valencia in bicicletta
    Shopping a Ruzafa
    Giornata in spiaggia alla Malvarrosa
    Colazione al locale storico Horchateria Santa Catalina
    Foto tra i portici del Collegio del Patriarca
    Ammirare gli affreschi di San Nicola
    Spettacolo di flamenco in un tablao valenciano
    1/10

    1. Salire sulla Torres de Quart: è la porta cittadina più grande di tutta Valencia e in cui bisogna assolutamente salire per godere della splendida vista dalla terrazza più alta della città (€2,00, gratis con Valencia Tourist Card)
    2. Foto davanti l'Oceanografico: questa è una struttura enorme ed estremamente particolare che sembra ricordare un'immensa tartaruga che viene fuori dalle acque, che poi si riflette simmetricamente sull'acqua. Uno dei momenti migliori è al tramonto
    3. Lezione di Paella: non si può dire di esser stati a Valencia senza aver mangiato la vera e unica paella valenciana. E se invece ti cimentassi in una prova di cucina? Scopri come cucinare la vera paella, info e prezzi qui
    4. Valencia in bicicletta: Valencia è una città davvero green e a misura d'uomo. Moltissimi abitanti ormai si muovono in bicicletta, quindi ti consigliamo di fare un tour in bicicletta accompagnato da una guida locale
    5. Shopping a Ruzafa: questo quartiere è considerato la "Soho" di Valencia ed è senza ombra di dubbio il paradiso dello shopping. Negozi, ristoranti, locali, qui non manca davvero niente per un pomeriggio di divertimento e relax
    6. Giornata in spiaggia alla Malvarrosa: goditi la spiaggia più famosa della città, e magari fai una lezione di paddle stand-up per pagaiare tra le acque della Malvarrosa (€30,00)
    7. Colazione al locale storico Horchateria Santa Catalina: una squisita colazione per iniziare al meglio la giornata, con cioccolata calda e churros, un'autentica tradizione del posto (€6,00)
    8. Foto tra i portici del Collegio del Patriarca: si tratta di una delle testimonianze architettoniche più importanti del Rinascimento spagnolo, imperdibile una foto sotto i meravigliosi portici
    9. Ammirare gli affreschi di San Nicola: per la bellezza degli affreschi sul suo soffitto, la Chiesa di San Nicola, in pieno centro storico, si è guadagnata il soprannome di "Cappella Sistina Valenciana". Impossibile quindi perdersi la sua bellezza
    10. Spettacolo di flamenco in un tablao valenciano: Assisti al migliore spettacolo di Valencia, con i migliori artisti, accompagnati da un'autentica cena mediterranea. Info e prezzi qui

    Organizza il tuo soggiorno a Valencia: voli e hotel

    valencia museo architettura modernoValencia è ben collegata con l'Italia, anche con Ryanair e altre compagnie low cost (confronta i voli da €21,00). La durata del volo è di circa 2 ore da Roma.
    La città è grande e le attrazioni da visitare davvero tante. Per un primo approccio alla città, consigliamo di fare un tour sul bus turistico Hop-on Hop-off, per prendere dimestichezza con la città e individuare i punti di riferimento. Il consiglio è valido ancor più se avete poco tempo a disposizione.

    Il periodo perfetto per visitare Valencia è quello compreso tra maggio e settembre, la temperatura sarà mite e molto piacevole, va evitato il mese di Agosto poiché le temperature saranno estremamente alte e quasi insopportabili. Vanno bene anche aprile e ottobre, ma in realtà è bellissima sempre.

    I quartieri migliori in cui alloggiare sono quelli del centro storico come Ciutat Vella o Barrio del Carmen, (confronta gli alloggi su booking - da €45,00), tuttavia sono da tenere in considerazione anche i quartieri più periferici (ad esempio Campanar), sicuramente più economici ed ugualmente ben collegati dai mezzi pubblici; vi sposterete facilmente con la metro e autobus tra attrazioni distanti tra loro. Il centro storico è anche il cuore delle movida, imperdibili quartieri come il Barrio del Carmen!

    Se viaggiate con bambini, sicuramente ameranno la Città delle Arti e della Scienza, con tutte le attrazioni presenti! Imperdibili anche i Jardín del Turia, con il grande Parc Gulliver. In questo caso, potreste pensare di soggiornare anche in uno dei quartieri vicino alle spiagge, per concedervi qualche pomeriggio di divertimento in spiaggia.
    Infine, se viaggiate low cost, Valencia è una destinazione alla portata di tutti, con ottimi prezzi sia per quanto riguarda le attrazioni che per pasti e cene. Ovviamente, in mesi come luglio e agosto i costi tendono a salire. Per risparmiare ulteriormente, vi consigliamo la Valencia Tourist Card.

    Conosci questo posto?

    Condividi le tue foto, suggerisci modifiche e segnalazioni. Tieni aggiornate le informazioni e aiuta migliaia di viaggiatori come te :)

    Aggiornato a Marzo 2021 Queste informazioni sono state aggiornate grazie al contributo di 80 viaggiatori.

    Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

    • facebook
    • Tweet
    • Mail

    Domande frequenti su Valencia

    Inserisci una domanda
    Lascia il tuo commento
    Accedi con Facebook Facebook
    Accedi con l'email

    Torna su