10 Cose da vedere assolutamente a Treviso e dintorni

Cosa vedere a Treviso? Quali sono i luoghi di interesse e i posti da visitare? Ecco cosa visitare: le 10 cose da vedere a Treviso e dintorni, da non perdere assolutamente!

Treviso sorge nella bassa pianura veneta, in una zona ricca di risorse idriche, che giocano un ruolo fondamentale nel fascino della città. La coesistenza armoniosa tra la natura, le costruzioni umane e le numerose testimonianze storiche, rappresenta infatti il punto forte di un luogo, capace d'incantare il visitatore.
Ecco 10 Cose da vedere assolutamente a Treviso e dintorni.

1 - Piazza dei Signori

Piazza dei Signori è la piazza più importante di Treviso, centro culturale, storico e sociale di tutta la città. Questa, deve il suo nome alla presenza dei palazzi dell'antica Signoria trevigiana, ovvero: Palazzo del Podestà, a nord, con la Torre Civica, antica sede della Signoria, risalente al XIII secolo; Palazzo del Pretorio ad ovest; la prima sede della Biblioteca a sud, e Palazzo dei Trecento ad est. Edificio che domina sull'intera piazza,Palazzo dei Trecento.

  • Come arrivare: Piazza dei Signori è il cuore di Treviso, ed è facilmente raggiungibile a piedi da qualsiasi parte della città. Dalla stazione centrale dista appena 8 minuti, che equivalgono a circa 600 metri di passeggiata in Corso del Popolo - Ottieni indicazioni
  • Orari: sempre accessibile
  • Costo biglietto: gratis

2 - Palazzo dei Trecento

Attorno al palazzo gravitava la vita polito-amministrativa di Treviso. Terminato nel 1268, nel corso del tempo rivestì diversi ruoli: sede del Tribunale dei Consoli, luogo delle assemblee pubbliche, luogo dove veniva amministrata la giustizia da parte del Podestà e sede del Consiglio. Il Palazzo divenne poi anche la sede della suprema assise civica, formata da trecento membri da cui deriva il nome "Palazzo dei Trecento". Nel 1944 il Palazzo fu vittima di un bombardamento che causò danni talmente gravi, che inizialmente si analizzò l'ipotesi della demolizione. Si decise però per il restauro, di cui è testimonianza una fila di mattoni più arretrati rispetto al piano dei muri perimetrali, che permette di distinguere le porzioni di pareti originali da quelle ricostruite. Oggi Palazzo dei Trecento è sede del consiglio comunale, e palazzo adibito a luogo di mostre ed esposizioni.

  • Come arrivare: a pochi passi da Piazza dei Signori - Ottieni indicazioni
  • Orari: aperto al pubblico in occasione delle mostre, sabato e domenica dalle ore 14.30 alle ore 18.00
  • Costo biglietto: intero €5,00, ridotto €3,00, gratuito per minori di 18 anni e residenti Comune di Treviso

3 - Porta Altinia, Porta San Tomaso e Porta Santi Quaranta

Il centro storico di Treviso è chiuso all'interno di mura cinquecentesche, sulla quale si aprono tre porte. Porta Altinia è la prima. Collocata all'estremità meridionale della città, la sua realizzazione risale al 1514, quando le sue fondamenta furono gettate accanto a quelle di una precedente porta di cui sussistono le volte. Utilizzata per diversi anni come baluardo militare, presenta una parte superiore stile torrione mentre, sui fronti laterali, è possibile vedere i fori delle cannoniere. Porta San Tomaso si colloca nella zona nordorientale del centro, ed è la più grande e maestosa di tutte e tre le porte. Eretta nel 1518 è interamente rivestita da elementi decorativi, che riprendono lo schema degli archi trionfali classici. Sovrastata da una cupola fatta di legno e piombo, al centro del fronte esterno presenta una statua del leone di San Marco mentre, all'esterno dell'arco centrale, è riportata la scritta :"Porta de San Thomaso", in dialetto veneto per le persone che venivano da fuori Treviso mentre, sulla facciata rivolta verso la città la scritta è in latino, al fine di sottolineare le differenze culturali tra il centro e la campagna. Porta Santi Quaranta è situata ad ovest della città, ed è stata realizzata nel 1516, in concomitanza della costruzione di nuove opere difensive in seguito alla battaglia di Legnano. La parte centrale è ricoperta da una volta intonaca da una serie di piccoli archi mentre, la facciata esterna, è volutamente sobria e pacata in quanto, fu pensata come simbolo di un governo forte e sicuro. Anche in questo caso abbiamo la presenza di una stessa scritta in latino e in dialetto mentre, le feritoie che tagliano verticalmente la facciata, indicano la passata presenza di due ponti levatoi.

  • Come arrivare: le tre porte sono facilmente raggiungibili a piedi da qualsiasi parte della città. Porta Altinia si trova a due minuti dalla Stazione Centrale - Ottieni indicazioni. Porta San Tomaso invece dista 20 minuti, passando tra i principali monumenti della città - Ottieni indicazioni. Porta Santi Quaranta invece, si raggiunge in 20 minuti percorrendo la parte ovest della città, e passando per porta Calvi - Ottieni indicazioni
  • Orari: sempre accessibile
  • Costo biglietto: gratis

4 - Via Calmaggiore e la Fontana delle Tette

fontana delle tette treviso 2Via Calmaggiore è la strada principale del centro storico di Treviso. Nel Medioevo il suo compito era quello di collegare simbolicamente i due centri del potere: la cattedrale, sede del potere spirituale e Palazzo dei Trecento, centro di quello temporale. All'inizio del Calmaggiore, all'interno del palazzo Pretorio, si trovava fin dal 1559 la famosa fontana delle Tette che, in occasione di particolare festeggiamenti, spilava vino bianco e rosso, contemporaneamente. Oggi la fontana originale è stata rimossa e collocata sotto la loggia di palazzo dei Trecento mentre, una copia funzionante, è stata posta nel cortile di una piccola galleria che collega il Calmaggiore con la piazzetta della Torre e alla calle del Podestà. Lungo Calmaggiore è possibile vedere numerosi palazzi affrescati, sia nelle facciate che all'interno dei portici che, susseguendosi per tutta la lunghezza della strada, ne rappresentano una delle maggiori peculiarità.

  • Come arrivare: I portici di Calmaggiore si trovano a pochi passi da Piazza dei Signori. La strada, costituisce la continuazione di via XX settembre - Ottieni indicazioni
  • Orari: sempre accessibile
  • Costo biglietto: gratis

5 - Parco naturale regionale del Fiume Sile

parco regionale del sileIl parco naturale regionale del Fiume Sile si estende lungo il corso del Sile su una superficie di 4.152 ettari, divisa all'interno di 11 territori comunali facenti parte delle province di Padova, Treviso e Venezia. L'area protetta dispone di una serie d'ingressi, tra cui, quello situato nell'area delle "risorgive", a Casacorba di Vedelago (Treviso), da dove parte un percorso attrezzato, fatto di sentieri pedonali e ciclabili. All'interno del parco sono conservate una grande varietà di piante, alcune ricostruzioni storiche locali e l'antico mulino, oggi museo etnografico. Visitare il parco è una buona opportunità per rilassarsi nella natura, mentre s'impara qualcosa sulle origini e la storia della città.

  • Come arrivare: il parco naturale del Fiume Sile è raggiungibile in diversi modi ma, è consigliabile raggiungerlo a piedi, in modo da poter vedere anche un'altra parte di Treviso - Ottieni indicazioni
  • Orari: sempre accessibile
  • Costo biglietto: gratis

6 - Parco degli alberi parlanti

Il Parco degli Alberi Parlanti mira a guidare i bambini alla scoperta di temi come il cinema, i cartoni animati, le invenzioni, la scienza e la natura. Questo si articola in diversi spazi, situati all'interno del parco pubblico di Villa Margherita: la cedraia, sede del percorso multimediale Precinema e cartoon, del percorso scientifico e alla scoperta dei 4 elementi; e i percorsi all'aperto riguardante i draghi, i dinosauri, gli animali estinti e le Macchine di Leonardo Da Vinci. L'ultima area è costituita da un grande parcheggio, che dista due minuti a piedi dalla cedraia.

  • Come arrivare: in auto, autostrada A27, uscita Treviso Nord, proseguire sulla S.S.13. In treno ed autobus, dalla stazione ferroviaria di Treviso, prendere l'autobus linea n.1 - Ottieni indicazioni
  • Orari: Dal 2 gennaio al 30 dicembre. Chiuso il 25 dicembre e Pasqua. dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18:00
  • Costo biglietto: 1 percorso, bambino €7,00 adulto €5,00 - 2 percorsi, bambino €12,00 adulto €10,00 - 3 percorsi, bambino €17,00 adulto €15,00

7 - Duomo di Treviso

Il Duomo di Treviso è stata costruito su un tempio paleocristiano, di cui sopravvive oggi solo la Cripta. In stile romanico, l'edificio presenta una grande scalinata sulla facciata, adornata da sei colonne ioniche. Al suo interno sono custodite diverse opere famose tra cui l'altare maggiore dedicato, dello scultore Tullio Lombardo, e l'Annunciazione di Tiziano. A lato del Duomo si erge il Battistero di San Giovanni, piccola chiesa che fino al sec.XIX era l'unico fonte battesimale della città.

  • Come arrivare: da piazza dei Signori il Duomo dista solo 4 minuti. Muoversi in direzione nordovest verso Viocolo Podestà - Ottieni indicazioni
  • Orari: tutti i giorni, ma potrebbe essere inaccessibile durante alcune funzioni religiose
  • Costo biglietto: gratis

8 - Cimitero dei burci

cimitero dei burciSono diverse le leggende che aleggiano intorno al fiume Sile, tradizionalmente considerato un luogo magico, popolato da sirene e creature fantastiche, che proteggono l'acqua, le piante e gli animali. Fra i tanti luoghi misteriosi, ce n'è uno in particolare, conosciuto come il cimitero dei burci: un sito archeologico che ospita in cui giacciono circa una ventina di imbarcazioni, alcune non visibili ad occhio nudo, affondate tra il 1974 ed il 1975 ad opera dei loro stessi barcari, come segno di protesta nei confronti del "nuovo" trasporto su gomma. Il cimitero dei burci è raggiungibile tramite la GreenWay, la strada verde all'interno dell'area protetta del Parco Naturale Regionale del Fiume Sile.

  • Come arrivare: Il cimitero dei burci è situato presso il Comune di Casier, che fa parte dell'interland della Città di Treviso, all'interno del parco del Sile. Per raggiungere la zona è consigliato l'utilizzo dell'autubus, Linea 4 urbana MOM, fermata Casier Centro. Da qui recarsi all'ingresso del parco, debitamente segnalato, e percorree la GreenWay - Ottieni indicazioni
  • Orari: sempre accessibile
  • Costo biglietto: gratis

9 - Villa Tiepolo Passi

Villa Tiepolo Passi è situata a Carbonera, alle porte di Treviso. Esempio di Villa Veneta post-palladiana, è stata la casa di numerose famiglie nobili fino ad arrivare ai Conti Passi de Preposulo, insediatevi nel '800 e attuali abitanti. All'interno della Villa è possibile ammirare una serie di affreschi del secolo XVII di Pietro Antonio Cerva Bolognese mentre, l'esterno è presidiato dai busti dei filosofi Democrito ed Eraclito, posizionati in modo da guardare il sole nascere e tramontare nel giorno del solstizio d'inverno, a simbolo dell'importante ruolo agricolo della Villa. All'esterno, l'elegante giardino all'italiana, con peschiera e statue del Torretto, rappresenta uno dei rari esempi rimasti ai tempi della Serenissima.

  • Come arrivare: partendo dai parcheggi vicini allo stadio, procedere in direzione nord da Strada Siora Andriana del Vescovo ci impiegherete a piedi circa 30 minuti - Ottieni indicazioni
  • Orari: tutte le domeniche dalle ore 11:00 e ore 15:30 Da Marzo a Novembre (minimo 4 persone). Chuisa il 1 Gennaio e il 25 Dicembre.
  • Costo biglietto: Ingresso: €10,00 a persona, €8,00 in caso di gruppo di minimo 15 persone. Riduzioni: Residenti a Carbonera, Soci FAI e Soci Ville Venete €8,00 a persona, studenti ( da 8 fino a 21 anni) €7,00, Diversamente abili: €7,00 a persona (accompagnatori gratuiti)
  • Gratuità: Bambini fino a 7 anni, assistenti diversamente abili, accompagnatori

10 - La Loggia dei Cavalieri

La Loggia dei Cavalieri è uno degli edifici più rappresentativi della città di Treviso. Situata in corrispondenza della zona in cui, molto probabilmente, sorgeva il foro della Tarvisium romana, la Loggia è il simbolo del potere dei nobili durante il periodo del Libero Comune. Costruita negli anni 1266-67, aveva la funzione di luogo di incontri, istituzionali e non, tra nobili. Successivamente la Loggia cadde in disuso e, chiudendone le arcate, si iniziò ad utilizzarla come magazzino: nell'Ottocento se ne propose l'abbattimento. La questione venne affrontata ancora una volta in seguito al bombardamento di Treviso, che danneggio gravemente la Loggia ma, fortunamente, ancora una volta si votò contro l'abbattimento.

  • Come arrivare: da Piazza dei signori procedere in direzione sud-est verso Via Barberia - Ottieni indicazioni
  • Orari: sempre accessibile
  • Costo biglietto: gratis

Organizza il tuo viaggio: mappa interattiva + info su hotel e tour

Treviso è una città capace di accontentare qualsiasi ideale di vacanza o di visita. Le diverse zone della città sono collegate in maniera sapiente, tramite i mezzi pubblici, il tutto avvalorato dalla presenza sia della stazione Ferroviaria che dell'areoporto. Nel centro della città i prezzi non sono di certo bassisimi ma, allontanadosi da Piazza dei Signori, è possibile trovare delle soluzioni adatte a tutti i portafogli, sia per quanto riguarda gli alloggi che la ristorazione.
Mostra Mappa

Consigli, info utili e itinerari per visitare Treviso

  • Poco tempo a disposizione? Ecco gli itinerari di 1 giorno e un weekend!
    Eh si, le cose da vedere sono sempre troppe e il tempo non basta mai! Ma nulla è perduto, meglio poco che niente, no? Ci abbiamo pensato noi a costruire degli itinerari ad hoc per non saltare i must di Treviso: ecco cosa vedere in un giorno e l'itinerario di un weekend
  • Le specialità tipiche e i migliori ristoranti di Treviso
    Suvvia, non avrete mica intenzione di andare a Treviso e mangiare al McDonald's... Ma certo che no, in ogni città ci sono delle specialità da provare assolutamente: ecco 10 cose da mangiare a Treviso e dove!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su