Cibo Piastra Conoscitore PastoTrento ha una tradizione culinaria che trae origini da una cucina di sopravvivenza, la cucina tipica trentina è di origine povera ma nello stesso tempo sostanziosa. Conserva gelosamente l'autenticità delle sue origini alpine, ma sa usare al meglio le moltissime influenze provenienti dalla tradizione dei territori confinanti, come quello austriaco e veneto.
Le tante culture diverse, nel corso degli anni, si sono mescolate tra loro fino a creare un intreccio di storie ma anche piatti spettacolari che vanno assolutamente assaggiati.

Hai programmato una gita nel capoluogo trentino? Ecco le 10 cose da mangiare a Trento e qualche consiglio su dove assaggiarle.

1 - Canederli

canederli speckDetti anche gnocchi di pane o knödel, sono senza dubbio una delle ricette più conosciute e apprezzate della regione e, come tanti altri piatti locali, sono di origine contadina.
S tratta di una tipica pietanza di recupero poiché nasce proprio con lo scopo di utilizzare alcuni prodotti che altrimenti sarebbero stati buttati, come ad esempio il pane raffermo.

I canederli sono delle deliziose palline a base di un impasto fatto appunto di pane, uova, farina, latte, spezie e aromi. Al composto di base si possono anche aggiungere tanti altri ingredienti come formaggi, carne, salumi o verdure.

  • Consigliato a: pranzo, cena
  • Costo medio: €9,00
  • Ingredienti principali: pane, uova, farina, latte, spezie e aromi

2 - Carne salada

carpaccio razzo pinoli antipastoLa carne salada nasce dall'esigenza di conservare la carne bovina come scorta alimentare per l'inverno. Per la sua preparazione solitamente si usano fesa, punta d'anca o la parte del girello da marinare in una miscela di sale e spezie come pepe, aglio, rosmarino, alloro e bacche di ginepro.

Dopo un primo periodo di frollatura infatti, la carne viene poi privata di tutte le parti grasse e nervose per poi essere marinata a secco con il mix di spezie. In seguito, viene immersa in una salamoia con le erbe aromatiche e alle bacche di ginepro e lasciata stagionare dai 25 ai 30 giorni, in stanze buie con una temperatura non superiore ai 12°. È un alimento povero di grassi ed estremamente versatile, indicato per antipasti veloci se tagliato sottile, perfetto se abbinato con formaggi morbidi ma anche con verdure.

  • Consigliato a: pranzo, cena, spuntino
  • Costo medio: circa €22,00 al kg
  • Ingredienti principali: carne bovina marinata con sale, spezie, erbe aromatiche

3 - Strudel di mele

cibo piastra conoscitore pastoLo strudel di mele, parola tedesca che significa "vortice", è uno dei dolci più amati di tutto il Trentino. Si tratta infatti del celebre dolce a base di mele molto diffuso sia in Austria che in tutta la regione. Con la sua semplicità ha conquistato e continua a conquistare qualsiasi goloso.

Nessuno lo direbbe, ma le sue origini sono ben lontane dalle Alpi! Si tratta infatti di una versione del baklava, dolce tipico turco. Il tradizionale ripieno dello strudel ha come ingrediente principale le mele con l'aggiunta di cannella, pinoli e uvetta ammollata nel rum.

  • Consigliato a: sempre
  • Costo medio: €5,00
  • Ingredienti principali: farina, acqua, olio di semi, uova, mele Golden, zucchero, burro, uvetta, pinoli tostati, cannella in polvere, Rum, scorza di limone

4 - Tonco del pontesel

Il tonco de pontesel è uno spezzatino di carni miste con maiale, manzo e vitello. Il piatto è molto ricco grazie all'aggiunta di lardo, pancetta e pezzi di luganega (una salsiccia tipica del nord Italia) fresca.

Anche questa specialità ha origini antiche e povere, la parola "tonco" vuol dire intingolo, il "pontesel" è invece un piccolo ponte sotto il quale scorre sempre l'acqua. Il nome del piatto si riferisce alla sua stessa preparazione, durante la cottura dello spezzatino, infatti, il sughetto viene sempre allungato in modo che la carne diventi tenera e la pentola sempre piena di liquido.

  • Consigliato a: pranzo, cena
  • Costo medio: €12,00
  • Ingredienti principali: manzo, vitello, maiale, salsiccia luganega

5 - Spätzle

formaggio di pasta spatzle formaggioSono piccoli gnocchi a base di farina di grano tenero, uova e acqua. Di origine tedesca, sono riconosciuti grazie alla loro tipica forma a goccia, datagli dallo speciale strumento che di utilizza per prepararli.

Lo Spätzlehobel è una specie di grattugia formata da una base bucherellata sulla quale fare scorrere un recipiente con l'impasto: muovendolo avanti e indietro vengono formati gli gnocchi che vengono poi fatti cadere direttamente nell'acqua bollente. I condimenti sono i più disparati, panna e prosciutto oppure panna e speck, al forno con formaggio fuso e cipolla, con carni di cacciagione oppure in brodo.

  • Consigliato a: pranzo, cena
  • Costo medio: €10,00
  • Ingredienti principali: farina di grano tenero, uova e acqua

6 - Zuppa d'orzo

È una specialità tipicamente invernale e sostanziosa, considerata anche piatto unico poiché può contenere verdure, cereali e anche carne oppure speck. Pur essendo a lunga cottura (sono necessarie circa 2 ore per poterlo gustare) è una pietanza di facile preparazione perché non richiede particolari attenzioni una volta posto sul fornello.

Può essere preparato anche in una versione più asciutta, che diventa così una specie di risotto invece che nella classica forma brodosa tipica della minestra.

  • Consigliato a: pranzo, cena
  • Costo medio: €8,00
  • Ingredienti principali: verdure, carne o speck, cereali

7 - Strangolapreti

Anche questa ricetta ha origini molto antiche, si dice che gli strangolapreti fossero uno dei piatti preferiti proprio dai sacerdoti durante il Concilio di Trento. Furono chiamati così proprio per prendere un po' malignamente in giro la proverbiale golosità (e qualche volta ingordigia) degli esponenti del clero, che si abbuffavano di questo e altri piatti fino quasi a strozzarsi.

Il piatto, nella sua semplicità, è davvero molto gustoso: si tratta di gnocchetti dal tipico colore verde dovuto agli spinaci presenti nell'impasto, conditi con abbondante burro e salvia e cosparsi con il formaggio grattugiato.

  • Consigliato a: pranzo, cena
  • Costo medio: €10,00
  • Ingredienti principali: farina, acqua, spinaci, burro, salvia

8 - Straboi

strauben trentinoChiamati anche "strauben", "stràboli", "stràuli" o "fortaie", sono un dolce tipico della cucina del Trentino il cui nome deriva dal tedesco strauben che significa "arricciare". La forma di queste frittelle, infatti, è tipicamente a chiocchiola.

Di solito sono preparate durante le sagre o le feste in strada o in piazza e sono composte da un impasto di farina, uova, latte, zucchero, burro e un bicchierino di grappa. Successivamente fritte nell'olio bollente, vengono cosparse di abbondante zucchero a velo e spesso accompagnate da marmellata di mirtilli rossi, panna montata oppure frutta cotta.

  • Consigliato a: spuntino
  • Costo medio: €5,00
  • Ingredienti principali: arina, uova, latte, zucchero, burro, grappa

9 - Trota trentina

trota pesce fried fry verdureLe trote del Trentino hanno conquistato la prestigiosa denominazione IGP (Indicazione Geografica Protetta) e si distinguono per l'indice di corposità e il contenuto di grassi molto ridotti.

Questo prelibatio pesce, che può essere allevato oppure pescato nelle fresche e limpide acque dolci della regione, può essere preparato seguendo diverse ricette: al forno, alla griglia, al cartoccio, in padella, per arricchire un risotto oppure abbinato ad altre ricette tipiche regionali come la zuppa d'orzo.

  • Consigliato a: pranzo, cena
  • Costo medio: €14,00
  • Ingredienti principali: trota o trota salmonata IGP del Trentino

10 - Spezzatino di cervo

gulasch carneNon poteva mancare un piatto a base di selvaggina, un classico tipicamente invernale che richiede una preparazione abbastanza lunga ma il risultato ne vale sicurame te la pena.

La carne di cervo viene cotta dopo essere stata immersa in una marinatura a base di vino e aromi tutta una notte. La marinatura aiuta a mitigare il sapore selvatico della carne e, inoltre, contribuisce a renderla tenera durante la cottura. La carne del cervo in generale è magra e ha un sapore più dolce rispetto, ad esempio, a quella del cinghiale. Viene posta particolare attenzione alla cottura, che avviene a fiamma bassa, per evitare che diventi secca e stopposa. Di solito lo spezzatino è servito con abbondante polenta.

  • Consigliato a: pranzo, cena
  • Costo medio: €15,00
  • Ingredienti principali: carne di cervo, vino, aromi, polenta

Dove mangiare a Trento: migliori ristoranti, locali tipici e street food

Passeggiando per il suo centro storico, è impossibile non cogliere il profondo legame tra la città di Trento e la sua tradizione enogastronomica. È facile infatti notare un'abbondante presenza di locali tra ristoranti, birrerie e bar, frequentati sia dai cittadini che dai turisti. Appena usciti dal centro storico, invece, è più evidente l'importanza della produzione vinicola, anch'essa però sempre abbinata al buon cibo locale.

I piatti tipici della zona sono poveri ma sostanziosi, lo street food locale si può assaporare specialmente durante le feste di paese e in concomitanza del Natale, quando locals e visitatori si riversano nelle strade del centro con in mano dolci e vino speziato. In città si può mangiare bene con qualsiasi budget a disposizione. Ecco dove mangiare a Trento:

1 - Antica Trattoria Ai Tre Garofani

  • Descrizione: è un locale genuino da sempre votato all'accoglienza, in attività (secondo alcune testimonianze) fin dal 1275. Prodotti del territorio vengono abbinati a ingredienti internazionali.
  • Specialità: pasta fatta in casa
  • Prezzo medio: da €30,00 a persona
  • Indirizzo: Via Giuseppe Mazzini, 33 - Ottieni indicazioni / tel: (+39) 349 6358908

2 - Scrigno del Duomo

  • Descrizione: il menu è un'esperienza gastronomica ricercata che però rispetta il passato. Grande attenzione per l'offerta di vini bianchi, rossi e profumate bollicine di montagna.
  • Specialità: Canederli di barbabietola con fonduta di Gorgonzola, lime e lampone km 0
  • Prezzo medio: da €60,00 a persona
  • Indirizzo: Piazza del Duomo, 29 - Ottieni indicazioni / tel: (+39) 0461 220030

3 - Lodanda Le Due Travi

  • Descrizione: ristorante e B&B, la gestione è familiare, propone cucina tipica trentina e tapas. Ogni giorno cambiano due primi e due secondi del menu del giorno
  • Specialità: tortel di patate con salumi
  • Prezzo medio: da €20,00 a persona
  • Indirizzo: Via del Suffragio, 20 - Ottieni indicazioni / tel: (+39) 0461 096502

4 - Osteria Le Due Spade

  • Descrizione: locale accogliente con cinque secoli di storia alle spalle. Per la cena, al menu alla carta si affiancano due menu degustazione: uno del territorio ed uno di pesce.
  • Specialità: Salmerino alpino in "tortel de patate" su salsa allo zafferano del Trentino
  • Prezzo medio: da €75,00 a persona
  • Indirizzo: Via Don Arcangelo Rizzi, 11 - Ottieni indicazioni / tel: (+39) 0461 234343

5 - Ristorante Antica Trattoria Due Mori

  • Descrizione:è uno dei ristoranti più antichi della città, la cui cucina ha un forte legame con la tradizione
  • Specialità: Strangolapreti, canederli, carne salada
  • Prezzo medio: da €35,00 a persona
  • Indirizzo: Via S. Marco, 11 - Ottieni indicazioni / tel: (+39) 0461 984251