10 Cose da vedere assolutamente a Trapani

Cosa vedere a Trapani in Sicilia? Quali sono i luoghi di interesse da visitare? Cosa vedere di particolare? Ecco le 10 cose da vedere a Trapani e dintorni e da non perdere assolutamente!

trapani citta 10 coseFamosa per il suo mare cristallino e le spiagge bianchissime, Trapani offre a chi la visita numerosi spunti per passare una giornata da non dimenticare. Città dalla storia millenaria, compare addirittura nell'Eneide e le sue origini sembrano essere mitologiche: secondo la leggenda la città nacque su una lingua di terra (Drepanon, da cui deriva "Trapani") originatasi da una falce caduta dalle mani di Cerere oppure di Saturno, il dio patrono della città. Legata a Cartagine, nemica "storica" di Roma, dominata dai Romani e dalla Spagna, Trapani conserva ancora oggi le testimonianze di questa storia che ha visto un intreccio di culture e popoli nella sua terra.

VEDI ANCHE: 10 POSTI DA VEDERE ASSOLUTAMENTE IN SICILIA

Situata a nord-ovest della Sicilia, proprio su uno dei tre angoli dell'isola, Trapani è in una posizione ottimale per una gita fuori porta, magari legata ad altre tappe della Sicilia come Palermo, non troppo distante da qui. Curiosi di sapere cosa potreste visitare? Ecco 10 cose che dovete assolutamente vedere a Trapani e nei suoi dintorni.

1 - Centro Storico

centro storico trapani(1)
Parlare di ogni singola attrazione a Trapani è praticamente impossibile. Il centro storico della città infatti è pieno zeppo di attrazioni che meritano di essere viste. Il Palazzo Senatorio, le Cento Chiese, le Mura di Tramontana, sono solo alcuni degli innumerevoli luoghi che dovreste vedere. Prendetevi del tempo per passeggiare tra le vie della città e scoprite questa città poco per volta. Non rimarrete delusi.

  • Come arrivare: con la macchina da Marsala prendere la SS115 e la SP21, da Palermo prendere la E90 e la A29
  • Orari: /
  • Costo biglietto: /

2 - Museo delle saline

trapani 10 coseLe Saline di Trapani sono una tappa fondamentale della città. Fu proprio il commercio di sale infatti a rendere fiorente questa città nel corso dei secoli, rendendola una vera potenza commerciale in tutta Europa. Non si hanno testimonianze certe, ma sembra che il commercio di sale, conosciuto anche come l'oro bianco della Sicilia, risalisse addirittura all'epoca dei Fenici. Purtroppo nel corso del '900 le saline caddero in disgrazia, fino ad un'ultima alluvione nel 1965 che danneggiò in modo irreparabile i macchinari. Visitando questo luogo potrete vedere come si ricavava (e si ricava ancora oggi) il sale dall'acqua di mare. Il museo delle Saline di Trapani comprende, oltre alle celebri vasche in cui si estraeva il sale, ma anche mulini ed attrezzature d'epoca che servivano a completare il procedimento per l'ottenimento del sale.

3 - Torre Ligny

torre di ligny
Torre Ligny è senza dubbio tra i simboli della città. Situata sulla punta più estrema della costa della città, sorge proprio sulla punta di quella famosa falce Trapani tanto ricorda. La sua costruzione è avvenuta nel Seicento grazie al vicerè Claudio la Moraldo. Ideata come fortezza, nel corso degli anni divenne poi un faro che aveva il compito di controllare il traffico di imbarcazioni che si avvicinavano al porto. Al suo interno oggi ospita il museo della preistoria con la sua collezione di anfore romane ritrovate nel sito archeologico di Trapani ed anche di un elmo, ritrovato proprio sul fondo del mare della città.

  • Come arrivare: dal Centro Storico a piedi su Via Sirene
  • Orari: lun-dom 9:00 - 19:30
  • Costo biglietto: intero € 1,00

4 - Torre della Colombaia

torre della colombaia trapaniChiamato anche Il Castello del Mare, è alto ben 32 metri con 4 piani sovrapposti. Secondo la leggenda, la Colombaia sarebbe stata edificata addittura dai troiani, arrivati a Trapani dopo la conquista di Troia. Quello che è sicuro è che durante il dominio cartaginese l'edificio era già bello che costruito, dal momento che Amilcare Barca, in occasione della prima guerra punica, vi costruì vicino anche una caserma militare. Nel 249 a.C. la Colombaia fu sede di una importantissima battaglia contro i cartaginesi, durante la quale fu conquistata dai Romani per poi passare di nuovo sotto le mani dei Cartaginesi. Nell'Ottocento la Colombaia divenne una prigione dei borboni, per poi venire abbandonato dopo la costruzione del penitenziario di San Giuliano.

  • Come arrivare: dal Centro Storico a piedi su via Catulo Lutazio
  • Orari: sempre visitabile
  • Costo biglietto: gratis

5 - Porta Oscura e Orologio Astronomico

orologio astronomico trapaniA due passi dal Palazzo Senatorio troverete la Torre dell'Orologio di Trapani. Risalente al XIII secolo e situata su una delle torri di avvistamento della città, è la porta più antica di Trapani. Se guardate bene potrete notare sulla facciata della Torre un orologio molto particolare, che è anche uno dei più antichi orologi astronomici d'Europa (risale infatti al 1596). Questo orologio astronomico, sul quale sono presenti un quadrante del Sole ed un Lunario, ha le lancette che invece di indicare l'ora indicano i segni dello zodiaco, i solstizi, gli equinozi, le stagioni ed i punti cardinali, mentre nel Lunario si indicano le fasi lunari.

  • Come arrivare: dal Centro Storico a piedi su via Torrearsa
  • Orari: sempre visitabile
  • Costo biglietto: gratis

6 - Chiesa del Purgatorio

chiesa del purgatorio trapaniQuesta chiesa, costruita alla fine del 1600, è una delle maggiori chiese di Trapani. Edificata nel 1688 sul punto dove già sorgeva una torre di guardia araba, poi divenuta il campanile della chiesa, è un insieme di stili molto particolare. Degna di nota è la sua facciata-torre, realizzata nel 1714 da Giovan Biagio Amico, che la animò con statue che rappresentavano gli apostoli e Gesù. Colpita dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, non è mai tornata al suo antico splendore dal momento che buona parte della sua facciata è rimasta danneggiata.
Al suo interno potrete ammirare i 22 gruppi scultorei dei cosiddetti "Misteri" che, realizzati nelle botteghe di Trapani con legno e tela, ripercorrono la Passione di Cristo. Custoditi all'interno della Chiesa, i Misteri vengono poi portati in processione il venerdì Santo.

  • Come arrivare: dal Centro Storico a piedi fino a Via San Francesco d'Assisi
  • Orari:lun 04:00 - 19:00,sab 10:00 - 12:00, dom 04:00 - 19:00
  • Costo biglietto: gratis

7 - San Vito Lo Capo

san vito lo capo trapani(2)
San Vito Lo Capo senza dubbio è una delle spiagge più famose d'Italia. I suoi 3 km di spiaggia bianca, che vanno dal Golfo di Macari alla Riserva dello Zingaro, sono una delle mete preferite dagli amanti del mare e della natura in generale. Non è esattamente nella città di Tapani e per raggiungerla dovrete fare un po' di strada in macchina, ma si tratta di un luogo molto importante per gli abitanti della città, dal momento che proprio qui vengono spesso organizzati eventi come il Festival del Cous Cous e quello degli Aquiloni.

  • Come arrivare: con la macchina da Trapani prendere la SP16 (40 km / 50 minuti)
  • Orari: /
  • Costo biglietto: /

8 - Segesta

segesta 10 cose trapaniSegesta è la meta ideale se siete amanti della storia. Le rovine che vedrete risalgono ad una antica città fondata dagli Elimi, che secondo Tucidide non erano altro che i Troiani in fuga dopo la disfatta di Troia. Non sappiamo esattamente quando sia stata fondata la città, ma quello che è certo è che nel IV secolo a.C. questo luogo era già abitato. In questo sito archeologico potrete ammirare un tempio in stile Dorico ed un teatro che è stato scavato all'interno della collina.

  • Come arrivare: da Trapani prendere l'A29 e proseguire sulla E933 (33 km / 28 minuti)
  • Orari: da novembre a febbrario dalle 9.00-17.00, da aprile a settembre dalle 9,00-19,30. Marzo e pttobre dalle 9.00-18,30
  • Costo biglietto: intero € 6,00, ridotto € 3,00. Gratis la prima domenica del mese
  • Prenota il tour: Visita guidata di mezza giornata a Segesta

9 - Torre di Federico, Erice

erice 10 cose trapaniErice è forse uno dei luoghi più famosi della Sicilia. Il suo nome deriverebbe da Erix, il figlio di Afrodite e Bute, ucciso da Eracle. La cittadella, che sorge sulla cima del monte San Giuliano (in origine si chiamava appunto Monte Erice), è dal 2014 ufficialmente uno dei borghi più belli d'Italia. Non preoccupatevi di disturbare gli abitanti: Erice infatti ne ha solo 512. La caratteristica principale è la sua struttura medievale, fatta di strade tortuose, archi e cortili che risalgono a Federico II d'Aragona. Vi segnaliamo la Torre di Federico che con i suoi 28 metri di altezza e 108 scalini vi permetterà di avere una visuale a 360 gradi su tutto il circondario.

  • Come arrivare: dal centro storico prendere la funivia ATM21 o l'autobus 23
  • Orari: lun-dom 10.00-18.00
  • Costo biglietto: intero € 2,00

10 - Isole Egadi

isole egadi trapani(2)
Non sono proprio a Trapani ma sarebbe un peccato non visitarle dato che sono esattamente di fronte la città. Queste tre isole (Favignana, Levanzo e Marettimo) sono un must se amate la natura incontaminata, anche se ultimamente sono diventate sempre più famose tra i turisti. A Favignana inoltre potrete anche visitare uno dei siti archeologici più importanti d'Italia, con le sue pitture rupstri risalenti al 9680 a.C. Raggiungerle è molto facile, da Trapani infatti partono battelli ed aliscafi che, con circa 30,00 € tutto compreso, vi porteranno dalla città fino alle isole. Il tempo della traversata è abbastanza breve, anche se dovrete tenere conto delle variabili del caso, diciamo che in 30 min. di media dovreste cavarvela.

  • Come arrivare: da Trapani prendere gli appositi traghetti (massimo 30 min)
  • Orari: sempre visitabili
  • Costo biglietto: visita gratis, €30 per il traggitto in battello/aliscafo

Organizza il tuo viaggio: Volo, Hotel e Tour

Organizzare un viaggio a Trapani è davvero facilissimo. La città infatti si trova in un'ottima posizione per essere raggiunta oltre che con la propria macchina, anche con l'aereo. Inoltre la città è ricca di alberghi e b&b che vi permetteranno di soggiornare senza troppe preoccupazioni ed a prezzi anche economici.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti