La Spiaggia di Cala Mariolu in Sardegna

Tutte le info sulla Spiaggia di Cala Mariolu in Sardegna: come arrivare, spiagge libere e lidi attrezzati e dove dormire nei dintorni

E' una vera e propria location da sogno, incoronata del titolo di "Spiaggia più bella d'Italia 2016" dalla nota community turistica TripAdivisor. La spiaggia di Cala Mariolu, sita nella costa centro-orientale della Sardegna, è un gioiello per gli occhi del turista che sogna di immergersi nel suo mare azzurro cangiante, di passeggiare sulla spiaggia dai ciottoli bianchi e rosa, di ammirarne le peculiari flora e fauna.
La spiaggia, sita nel territorio di Baunei, deve il suo nome all'appellativo "mariolo" - "ladro", in ponzese - un epiteto con il quale i pescatori di Ponza, appunto, apostrofavano la foca monaca, rea di rubare il pescato dalle proprie reti.
Cala Mariolu è la meta ideale per coloro che volessero scegliere di trascorrere una vacanza all'insegna dell'avventura - soprattutto per la modalità di raggiungimento della spiaggia - ampliamente ripagata dal soggiorno in un piccolo angolo di paradiso del nostro Bel Paese.

Come arrivare

trekking per cala marioluRaggiungere Cala Mariolu potrebbe rivelarsi non facile. Come anticipatamente affermato, la vera avventura è rappresentata dalle vie percorribili per arrivare sulla spiaggia.

  • Cala Mariolu è infatti facilmente raggiungibile via mare partendo da Arbatax o Santa Maria Navarrese con gommoni o proprie imbarcazioni (esiste anche la più comoda e sicura opzione traghetto, che prevede la sosta sulla spiaggia usufruendo delle Linee Blu o Arancio)
  • E' consigliato il percorso a piedi solo ad esperti di trekking. L'escursione prevede, infatti, di intraprendere ilpercorso che dall'altopiano di Golgo (Baunei) prosegue in direzione Serra Lattone e conduce attraverso il bosco di Ispuligidenie alla Cala. Si consiglia, in ogni caso, un viaggio di ritorno in barca.

Mostra Mappa

Spiaggia libera, Lidi e Stabilimenti Balneari

vacanza a cala marioluL'incontaminata e limpida spiaggia di Cala Mariolu è libera, dotata di bagno pubblico e di un chiosco/bar dove noleggiare ombrelloni ed attrezzatura da snorkeling. E' inoltre presente un piccolo centro diving che coordina le immersioni subacquee.
L'unico pagamento richiesto è un contributo ambientale di €1,00 per i bagnanti adulti (i bambini non devono versare alcuna quota), in modo da garantire i servizi e la salvaguardia della spiaggia.

Dove dormire nei dintorni: hotel, resort e b&b

Numerose sono le soluzioni per alloggiare nei pressi di Cala Mariolu. Molti turisti optano per la soluzione del campeggio, una full immersion nella natura con un'autogestione delle proprie risorse. Per coloro i quali non volessero, invece, rinunciare ai comfort di alberghi, B&B, ecc., ecco alcune delle opzioni più vantaggiose per dormire a due passi dalla favolosa spiaggia sarda.

Cosa fare e vedere nei dintorni

i fondali di cala marioluCala Mariolu è soprattutto nota per le sue acque cristalline, all'interno delle quali sono ospitate specie ittiche e flora marina che vale la pena di vedere. Dalle cernie alle aragoste passando, con un pizzico di fortuna, alla visione sporadica di qualche delfino che talvolta passa per un "saluto" a turisti ed autoctoni, immergersi nei limpidi fondali marini della "perla" sarda può diventare un'esperienza indimenticabile da intraprendere, tuttavia, in piena sicurezza.
Ecco perché le immersioni subacquee organizzate sono un vero e proprio "must" della località, ma non l'unica attività da intraprendere. Ecco le attività suggerite da fare a Cala Mariolu:

  • Immersioni subacquee organizzate
  • visita alle suggestive cale e grotte naturali raggiungibili tramite imbarcazioni o - perché no - in qualche caso, anche a nuoto (una su tutte, la popolare grotta del Fico).
  • Trekking e passeggiate: Cala Mariolu, nota anche con il nome di "Is Pulige de Nie" ("come pulci di neve" in dialetto sardo, chiaro riferimento ai sassolini bianchi che ricoprono interamente la spiaggia), offre veri e propri spettacoli naturali anche sulla terraferma. Non solo trekking, ma anche passeggiate più "soft" e sicure per ogni tipologia di turista consentono di "incontrare" rarissime specie di volatili, come il Falco della Regina, il Cormorano del Ciuffo, Il Falco Pellegrino e l'Acquila Reale.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Commenti sull'articolo
  • Paolo Spanu
    Paolo Spanu 24 Gennaio 2019 10:08

    Beh... Arrivare a nuoto alla grotta del Fico mi sembra improbabile. Bell'articolo su una delle spiagge di una costa di cui sono innamorato.

    Rispondi
Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su