Sarajevo Acqua Balkan Bridhe 2Sarajevo, capitale della Bosnia Erzegovina, è una delle capitali più giovani d'Europa.
In questa destinazione potrete vedere quartieri di chiara provenienza turca, musei, luoghi storici di importanza mondiale, tutto a portata delle vostre gambe. La città infatti è un'ottima meta turistica anche per viaggi brevi! Ecco tutti i nostri consigli su Sarajevo in un giorno.

Itinerario di un giorno a Sarajevo

sarajevo bosnia capitale 1L'itinerario parte dal must per eccellenza: Baščaršija, ovvero la Città Vecchia, dove si trova anche il famoso Ponte Latino. Dedicate la mattina alla visita di importanti luoghi sacri: la Moschea dell'Imperatore, la Cattedrale Ortodossa della Natività di Gesù e la Cattedrale del Sacro Cuore.

Per pranzo fermatevi nei dintorni del mercato Pijaca Markale, per poi dedicare il pomeriggio alla visita di una delle attrazioni più importante del Paese: il Tunnel della Salvezza, dall'importante valore storico!

Se avete modo di fermarvi anche la sera in città, vi consigliamo di rimanere nel centro storico, il vero fulcro della vita notturna della capitale, con numerosi locali notturni, bar alla moda, jazz club e locali con musica dal vivo!

  • Mattina: Baščaršija e Ponte Latino, Moschea dell'Imperatore (gratis), Cattedrale Ortodossa della Natività di Gesù (gratis), Cattedrale del Sacro Cuore (gratis)
  • Pomeriggio: mercato Pijaca Markale, Tunnel di Sarajevo (10,00 KM/€5,10)
  • Sera: centro storico (gratis)
  • Distanza percorsa: 21,6 km
  • Dove mangiare: Pranzo presso Chipas, Trg Fra Grge Martića 4 (Ottieni indicazioni) / Cena presso Inat Kuć,Veliki Alifakovac 1 (Ottieni indicazioni)

Prima volta a Sarajevo? Per ottimizzare i tempi ed avere un primo approccio con la città, ti consigliamo di prenotare un tour guidato a piedi con guida locale.

Di seguito analizzeremo nel dettaglio le 6 tappe principali del nostro itinerario.

1 - Baščaršija e Ponte Latino

sarajevo acqua balkan bridhe 2Iniziate questa giornata a Sarajevo da Baščaršija, ovvero il cuore del centro storico della città, ricco di meravigliose attrazioni e tutto da scoprire, come l'antichissima Gazi Husrev-beg Mosque, uno dei principali complessi ottomani dei Balcani. Al centro della piazza principale si trova la meravigliosa fontana Sebilj, risalente a fine 1900 e costruita in stile moresco, spesso presente sulle cartoline e nelle immagini della città. Impossibile non scattarle una foto!

La via principale del centro è invece Ferhadija, una via ricca di negozi, ristoranti e caffè, che percorre tutto il centro storico e rappresenta un vero e proprio punto d'incontro per locals e turisti!

Avvicinatevi infine alle sponde del fiume Miljacka, per attraversare il famoso Ponte Latino, il più vecchio dei ponti di Sarajevo. Ma non solo, si tratta di un luogo importantissimo anche dal punto di vista storico: nei pressi del ponte nel 1914 venne assassinato ll'erede al trono austriaco Francesco Ferdinando, episodio che, come ben sappiamo, portò all'inizio della Prima Guerra Mondiale! Alla fine del ponte, infatti, potrete vedere una targa che segna il punto preciso dell'attentato!

Non rinunciare ad una tazza di Caffè Turco: inserito nella lista dei beni commerciali dichiarati Patrimonio dell'Umanità UNESCO, il Caffè Turco è una bevanda che risale al XV secolo, nata originariamente nello Yemen e poi diffusasi in tutto il Medioriente, arrivando nel 1463 anche in Bosnia Erzegovina arrivò nel 1463. In città lo troverete praticamente in tutti i locali, ma noi vi consigliamo di fermavi da Miris Dunja, dove viene preparato uno dei migliori! Ottieni indicazioni

2 - Moschea dell'Imperatore

moschea islam sarajevo ottomanoUna volta attraversato il Ponte Latino, vi ritroverete davanti all'imponente Moschea Tsars, conosciuta anche come la Moschea dell'Imperatore, da cui spicca l'alto minareto, considerato il più bello del Paese!

La Moschea fu costruita nel lontano 1457, quando la dominazione ottomana raggiunse la Bosnia, per onorare il sovrano Solimano I. Purtroppo, in seguito alle guerre degli anni '90 nell'ex-Jugoslavia, questo luogo ha riportato diversi danno e le ristrutturazioni sono ancora in corso! Si tratta comunque di una delle attrazioni più belle della città, quindi vi consigliamo di non perdervela, anche solo dall'esterno. Gli interni sono comunque accessibili anche ai non mussulmani, tranne che negli orari di preghiera, momento in cui è chiusa ai visitatori!

Assaggia i Kipferl: Sarajevo ha subito l'influenza di diversi popoli. E se nel centro storico avete assaggiato il Caffè Turco, allora non potete di certo perdervi i Kipferl, una specialità austroungarica, a forma di mezzaluna crescente e che può essere sia dolce che salata! Proprio dietro alla Moschea si trova Pekara Bistrik, dove potrete trovare alcuni dei Kipferl più buoni della città! Ottieni indicazioni

3 - Cattedrale Ortodossa della Natività di Gesù

cattedrale ortodossa della nativit di ges sarajevoFoto di Mister No. Riattraversate il Ponte Latino e in appena 7 min a piedi potrete conoscere un altro lato della città di Sarajevo: qui, tra moschee e sinagoghe, si trova infatti la Cattedrale ortodossa della Natività di Gesù, il primo edificio non musulmano ad essere costruito in città.

Questa Cattedrale è una delle più grandi del Paese e fu costruita nel 1868 in onore della Santa Madre di Dio e della nascita di Gesù. Lo stile architettonico prevalente è quello barocco, a cui si mescolano anche elementi serbo-bizantini, rendendola davvero unica nel suo genere! Il suo alto campanile dorato spicca sui tetti degli edifici circostanti, e sul tetto dell'edificio si trovano cinque grandi cupole. Non ci sono veri e propri orari di apertura, vi consigliamo comunque di recarvi qui per ammirarla dall'esterno e, in caso la troviate aperta, di visitarne anche gli interni!

Goditi un po' di relax nella grande piazza della Cattedrale: nella piazza adiacente alla Cattedrale ogni giorno si ritrovano gruppi di pensionati per giocare a scacchi, a cui partecipano anche gli spettatori che forniscono consigli o semplicemente fanno il tifo! Un piccolo spaccato di vita quotidiana di Sarajevo.

4 - Cattedrale del Sacro Cuore

cattedrale cattolica del sacro cuore sarajevoFoto di Justin W Flory. Attraversando la famosa via Ferhadija, in soli 3 min a piedi potrete raggiungere il principale luogo di religione cattolica di Sarajevo, la Cattedrale del Sacro Cuore, un ulteriore esempio di come in città convivano più culture!

Costruita nel 1889 in onore del Sacro Cuore di Gesù, oggi la cattedrale è la sede dell'arcidiocesi di Vrhbosna e si presenta con una grande e imponente struttura in stile neogotico, che un po' contrasta con il resto degli edifici del centro storico! Uno dei punti forti della facciata è sicuramente il suo grande rosone centrale! In questo caso, la Cattedrale è generalmente aperta in estate mar-dom 9:00-17:30 e in inverno mar-sab 9:00-16:00, ma gli orari sono molto variabili!

Trova le Rose di Sarajevo: sulla strada di fronte alla Chiesa si trova la Rosa di SarajevoI e, camminando per la città, vi capiterà spesso di imbattervi in queste rose di resina rossa sull'asfalto! Hanno un forte significato: sono infatti situate nei punti precisi in cui persero la vita una o più persone uccise da una bomba o da un cecchino durante la recente guerra.

5 - Mercato Pijaca Markale

sarajevo mercatoFoto di Christian Bickel. Tra una visita e l'altra ormai sarà giunta ora di pranzo e noi vi consigliamo di raggiungere il grande mercato centrale di Sarajevo, il mercato Pijaca Markale. Si trova a soli 2 min a piedi dalla Cattedrale, percorrendo la via Mula Mustafe Bašeskije.

Questo mercato è un luogo di incontro di cittadini e turisti, ricco di bancarelle che vendono davvero ogni tipo di merce, dalla frutta ai fiori, dai dolci ai vestiti. Ma oltre ad essere un luogo dove immergersi nella vita quotidiana della città, si tratta anche di un luogo legato ad un tragico evento: a causa dei bombardamenti, qui nel 1994 persero la vita 68 persone, nell'anno successivo ne morirono altre 43. A ricordo delle vittime, su uno dei lati del mercato potrete notare un grande muro rosso, dove sono riportati tutti i nomi di chi ha perso la vita.

Fermati a pranzo qui: la zona intorno al mercato è piena di locali e ristorantini, ideali per fermarsi a pranzo! Potrete optare per qualcosa di veloce o per un pranzo comodamente seduti, assaporando le specialità del luogo. Noi vi consigliamo di ordinare i Ćevapčići, il piazzo nazionale bosniaco! Scopri di più

6 - Tunnel di Sarajevo

tunnel della salvezza sarajevoFoto di Bernard Gagnon. Dedicata la visita ad una delle attrazioni principali di Sarajevo, un luogo dall'immenso valore storico: il Tunnel della Salvezza. Se siete automuniti potrete raggiungerlo in appena 20 min, in alternativa dovrete prendere il tram linea 3 dalla stazione di Bascarsija fino a Llidza, da qui bus linea 32 A fino a Donji Kotorac okretnica (1 h). Noi vi consigliamo di prendere parte al tour dell'Assedio durante la guerra, che oltre alla visita alla Galleria comprende anche altri importanti luoghi (inizio ore 14:00, durata 4 h).

La recente guerra ha lasciato delle cicatrici ancora molto evidenti a Sarajevo e, una delle tappe imprescindibili per conoscere la sua storia, è proprio il Tunnel della Salvezza, progettato da Nedzad Brankovic e Fadil Sero e costruito dai volontari bosniaci tra il 1992 e il 1995. Questo tunnel collegava le città libere di Dobrinja e Butmir e fu utilissimo per salvare i civili e far arrivare aiuti umanitari e cibo! L'ingresso si trova su una casa-museo, proprietà di una famiglia che nel 1993 diede il consenso per costruire il tunnel.

Prendi parte ad una visita guidata: in base al vostro tempo a disposizione e a quanto volete approfondire le vostre conoscenze, potete prendere parte ad un tour completo sull'Assedio durante la Guerra (durata 4 h, info e costi qui), oppure ad un tour tra le gallerie della Guerra (durata 2 h, info e costi qui). Entrambi iniziano alle ore 14:00 e prevedono una tappa al Tunnel della Salvezza!

Attività e idee per itinerari alternativi

sarajevo biblioteca nazionaleSe non è la prima volta a Sarajevo, vi consigliamo di scoprire i suoi musei. Tra i più importanti c'è il Museo Nazionale della Bosnia (8,00 KM/€4,00), che al suo interno conserva l'Haggadah di Sarajevo, l'antico testo miniato con numerose scene della Bibbia (esposto al pubblico solo solo 2 h a settimana consultate il sito ufficiale). Componendosi di ben 4 padiglioni, la visita richiede almeno 3 h. Consigliata anche la visita alla Biblioteca Nazionale ed Universitaria di Bosnia ed Erzegovina (gratis), che oggi ospita diversi eventi, concerti ed esibizioni ed è la sede del Municipio. Gli orari della visita variano in base alle mostre e agli eventi in corso.

In città inoltre si trovano anche il War Childhood Museum (10,00 KM/€5,10), il più grande archivio mondiale di oggetti ed esperienze relative all'infanzia durante i conflitti (la visita richiede almeno 2 h), e la Galerija 11/07/95 (12,00 KM/€6,10), memoriale allestito per ricordare le 8.372 vittime del genocidio di Srebrenica.

Fuori dal centro, potrete visitare la Pista da Bob (gratis) risalente alle Olimpiadi Invernali del 1984 di Sarajevo, una delle poche strutture resistite ai bombardamenti. In città potrete ancora acquistare come souvenir la vecchia mascotte dei Giochi Vucko.
VEDI ANCHE: Cosa vedere a Sarajevo

  • Tour della città in famiglia: mattina centro storico, con fontana Sebilj. Ponte Latino e giro in tram per ammirare la città dai finestrini. Pomeriggio salita con la funivia fino al Monte Trebevic con visita alla Pista da Bob. Sera centro storico
  • Itinerario delle attrazioni gratuite: mattina passeggiata nel centro storico, con Ponte Latino e visita alla Biblioteca Nazionale ed Universitaria di Bosnia ed Erzegovina. Pomeriggio Moschea dell'Imperatore, Cattedrale Ortodossa della Natività di Gesù e Cattedrale del Sacro Cuore. Sera centro storico
  • Visita ai musei della città: mattina visita al Museo Nazionale della Bosnia (controllare sempre gli orari dell'Haggadah di Sarajevo). Pomeriggio passeggiata nel centro storico, con visita dall'esterno dei principali luoghi religiosi, Ponte Latino e Biblioteca Nazionale. Sera centro storico
  • Itinerario tra la storia della Guerra di Sarajevo: mattina Ponte Latino e visita alla Galerija 11/07/95 (in alternativa War Children Museum). Pranzo al Mercato Centrale e pomeriggio tour dell'Assedio durante la guerra (compresa la Galleria della Salvezza). Sera centro storico

Prima di partire: consigli utili

  1. Muoviti a piedi: il centro storico è perfetto per essere esplorato a piedi, in quanto le principali attrazioni si trovano a pochi minuti di distanza tra di loro! Inoltre, il centro storico è chiuso al traffico, transitano solo dei minibus - scopri di più
  2. Quando usare i mezzi: ci sono delle attrazioni che si trovano al di fuori del centro storico, come il Tunnel della Salvezza, la Pista da Bob o la Torre Avaz. In questo caso, valutate il ticket giornaliero per bus e trame (24 h 6,00 KM/€3,00)
  3. Dove parcheggiare: l'auto è utile per raggiungere il Tunnel di Sarajevo, ma in città vi consigliamo di parcheggiarla al garage di Sarajevo City Center, nel centro, con 1.100 posti disposti su 4 livelli (24 h 20,00 KM/€10,00). Ottieni indicazioni
  4. Visita Sarajevo in estate: il periodo tra maggio e ottobre è il momento giusto per visitare la città, in quanto le attrazioni hanno orari di apertura prolungati e il clima è più mite. In inverno, infatti, molte attrazioni chiudono nella prima metà del pomeriggio e le temperature scendono anche sotto lo 0