maschera funeraria tutankhamon

Cosa vedere al Museo Egizio del Cairo: consigli, prezzi e come arrivare

Museo Egizio, Il Cairo: guida alle opere da visitare assolutamente. Consigli, mappa, prezzi, info su cosa vedere e come arrivare, cenni storici e curiosità.

maschera funeraria tutankhamonUna tappa imperdibile per gli appassionati della storia egizia poiché questo museo, collocato attualmente al Cairo, è considerato come l'esposizione più completa dei reperti archeologici risalenti all'antico Egitto. Vi stupiranno la sala delle Mummie e, in particolare, l'area dedicata ai tesori di Tutankhamon, con la sua famosa maschera funeraria ancora intatta, probabilmente il simbolo dell'Egitto più conosciuto al mondo. Si attende la nuova sala espositiva nel 2020, nella piana di Giza.
VEDI ANCHE: Il Cairo, Egitto - dove si trova, quando andare e cosa vedere 10 cose da vedere assolutamente a Il Cairo

Cosa vedere e come visitare il Museo Egizio

Il Museo Egizio del Cairo, conosciuto in tutto il mondo per la presenza della più completa collezione di reperti archeologici dell'antico Egitto, a dispetto della sua fama è in realtà articolato soltanto su due piani, che espongono più di 130.000 opere risalenti per lo più all'epoca faraonica.

  • Al pian terreno, disposte in ordine cronologico, sono conservate le opere che vanno dall'Antico Regno all'età greco-romana, passando per il Medio e il Nuovo Regno.
  • Il primo piano, invece, che si raggiunge percorrendo una grossa scalinata, è organizzato in aree tematiche e le più famose sono indubbiamente la Sala delle Mummie e quella dedicata ai tesori di Tutankhamon.

1 - Maschera funeraria di Tutankhamon

maschera funeraria tutankhamonQuesta maschera rappresenta una delle opere più conosciute al mondo e fu scoperta da un egittologo britannico nella camera sepolcrale del faraone, nella Valle dei Re. L'opera mette in luce l'isolito dettaglio dei fori ai lobi, che a quel tempo erano riservati solo alle donne e ai bambini. Il copricapo con le insegne del cobra e dell'avvoltoio, simboleggiano il potere del faraone

  • Materiale: oro
  • Dimensioni: 54 cm x 39,3 cm x 49 cm

2 - Tutankhamon come Nefertum

tutankhamun come nefertum emerge da un fiore di lotoLa testa di Tutankhamon fu rinvenuta nella tomba del faraone nella Valle dei Re ed essa rappresenta il giovane Tutankhamon come un bambino che sorge da un fiore di loto blu e per questo associato a Nefertum, dio del sole nascente. Così come accade per la sua maschera funeraria, anche qui i lobi sono predisposti a ospitare degli orecchini.

  • Materiale: legno, stucco, vernice
  • Dimensioni: 30 cm di altezza

3 - Statuetta di Cheope

statuetta di cheopeQuesta statuetta è l'unica opera tridimensionale del faraone rimasta intatta. Essa raffigura Cheope seduto su un trono, che si presenta meno lavorato rispetto alla figura umana, con in mano uno scettro a forma di flagello.

  • Materiale: avorio
  • Dimensioni: 7,5 cm x 2,9 cm x 2,6 cm

4 - Chefren in trono

chefren in tronoLa raffigurazione del faraone presenta Chefren non con i suoi connotati riconoscibili, bensì nella sua idealizzazione di figura divina, con un corpo perfetto, muscoli ben definiti e senza età. Inoltre, la completa assenza di emozioni o di intenzioni di movimento, vuole rappresentare l'eternità del faraone, immobile come la sua postura rigida.

  • Materiale: diorite
  • Dimensioni: 168 cm x 57 cm x 96 cm

5 - Iside, madre di Thutmose III

iside madre di thutmose iiiLa scultura della regina madre Iside fu realizzata per essere dedicata al figlio e viene ritratta in una classica posa dell'arte egizia, ovvero con le mani sulle gambe, uno scettro floreale adagiato nella mano sinistra e una grossa parrucca sul capo con trecce d'uguale lunghezza.

  • Materiale: granito nero
  • Dimensioni: 98,5 cm x 25 cm x 52,5 cm

6 - Regina bianca

Il copricapo con i cobra di questa scultura evidenziano in modo chiaro il rango del soggetto, ovvero una regina, in particolare del faraone Ramses II. Probabilmente, grazie al dettaglio della collana con la dea Hathor appoggiata al seno, la donna poteva essere anche una sacerdotessa.

  • Materiale: calcare dipinto
  • Dimensioni: 75 cm x 44 cm x 44 cm

7 - Maschera funeraria di Tuia

La nobile egizia Tuia era la bisnonna di Tutankhamon e il suo viso è rappresentato con un sorriso leggero, ma grazioso, reso ancora più luminoso dagli occhi in quarzo e vetro blu, con accenni di rosso. La sua pesante parrucca è trattenuta da una fascia floreale.

  • Materiale: cartonnage dorato, pietre e vetro
  • Dimensioni: 40 cm x 28 cm

8 - Statua osiriforme di Mentuhotep II

Questa scultura in pietra arenaria rappresenta l'antico faraone Mentuhotep II, che riveste l'importantissimo ruolo di essere stato cului il quale compì la grande impresa di riunire l'Egitto dopo la disgregazione, inaugurando il Medio Regno. La statua è intatta e raffigura il faraone nelle vesti del dio Osiride; da qui, il colore nero della pelle, tipico del dio dei morti.

  • Materiale: pietra arenaria
  • Dimensioni: 138 cm x 47 cm x 101 cm

9 - Userkaf in grovacca

La testa di Userrkaf è il frammento di quella che fu un'intera statua del faraone, conosciuto per essere il fondatore della V dinastia egizia. Quest'opera è comparabile stilisticamente a quelle eseguite per il re Micerino, grazie alle minuzie nei dettagli e agli occhi contornati da una linea di trucco.

  • Materiale: grovacca
  • Dimensioni: 45 cm x 26 cm x 25 cm

10 - Statua di Khasekhemui

Probabilmente la più antica statua regale egizia, raffigura il faraone Khasekhemui già con abile maestria e cura dei particolari. Oggi è esposta con la parte destra della testa completamente mancante, senza naso e con la corona a metà, ma è ancora possibile ammirare i dettagli scalfiti nella pietra dura, come gli occhi e gli angoli della bocca.

  • Materiale: scisto verde
  • Dimensioni: 56,5 cm x 13,3 cm x 30 cm

Dove si trova e come arrivare

Mostra Mappa

  • A piedi: situato al centro di piazza Tahrir, riconoscibile per il suo colore rosso - Ottieni indicazioni
  • In metro: raggiungibile con la linea 1 e la linea 2, fermata Sadat

Orari e prezzi

  • Orari: tutti i giorni dalle 09:00 alle 19:00, il venerdì dalle 09:00 alle 11:00 e dalle 13:30 alle 19:00. Durante il periodo di Ramadan, il museo potrebbe chiudere alle 17:00
  • Miglior orario per evitare code: al mattino presto, poiché già in tarda mattinata il museo è molto affollato
  • Costo biglietto: 60 EGP (circa €3,00) - Sala delle Mummie 100 EGP (circa €5,00)
  • Riduzioni: 30 EGP (circa €1,50) per gli studenti muniti del tesserino ISIC, 50 EGP (circa €2,50) per la Sala delle Mummie
  • Gratuità: ingresso libero per i residenti

Tour, visite guidate e biglietti online

Consigli utili per visitare l'attrazione

  1. Alzati presto: è importante raggiungere il museo al primo mattino, poiché già a ora di pranzo è molto affollato di turisti
  2. Occhio alle restrizioni: in questo museo non è possibile scattare foto liberamente. Ricordati di acquistare il ticket per le foto all'ingresso, così da poter utilizzare la macchina fotografica in alcune aree
  3. Tempo minimo: ti consigliamo di considerare un minimo di due ore per la visita
  4. Cambio moneta: ricordati di portare con te della moneta locale, poiché potrebbero non accettare euro o altro denaro straniero

Cenni storici e curiosità: cosa sapere in breve

Nel 2011, durante il periodo conosciuto come la primavera araba, il Museo Egizio del Cairo ha subito un saccheggio che ha comportato la distruzione di due mummie faraoniche e il danneggiamento di altre opere, che sono poi tornate nella disponibilità del Museo, grazie all'intervento del governo. Si stima che nel 2020 il Museo Egizio possa essere spostato a Giza, accanto alle piramidi, in un complesso di circa 500.000 mq.

Non hai ancora prenotato volo e hotel? Consulta le nostre offerte!

Hai trovato qualcosa che non va?

Ogni contributo è benvenuto, e tutti possono contribuire.
Aiutaci anche tu a trasmettere informazioni sempre aggiornate a tutti i nostri utenti

Segnalacelo
Forse ti può interessare anche...

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Torna su