quito centro storicoNegli ultimi anni, l'Ecuador si è fatto spazio tra le mete più sognate e desiderate per un viaggio grazie soprattutto al suo arcipelago delle Galapagos, uno dei tesori più preziosi della storia naturale. Ma, oltre a queste piccole isole paradisiache, in Ecuador c'è tanto altro: le tantissime culture indigene, l'architettura, i paesaggi vulcanici e la foresta pluviale. Un Paese di tanti contrasti in un territorio davvero ristretto, ma che saprà farvi innamorare.

Quando andare in Ecuador: periodo migliore

In Ecuador il clima è equatoriale lungo la costa e temperato nelle zone interne. In generale si alternano due stagioni, una umida (da ottobre ad aprile) e una secca (da maggio a settembre). Vi sono però sensibili variazioni climatiche a seconda delle zone e delle caratteristiche fisiche del territorio:

  1. Sulla costa e in pianura (Esmeraldas, Manta, Guayaquil): le temperature sono calde tutto l'anno e il periodo migliore va da luglio a novembre (il picco di piogge inizia da fine novembre/dicembre).
  2. Sulle Ande (Quito, Cuenca): le temperature sono più miti e rimangono costanti tutto l'anno. Tuttavia si abbassano molto alle altitudini più elevate. Anche qui è da preferire la stagione secca per le minori precipitazioni (mesi di luglio e agosto).
  3. Nella Foresta Amazzonica (Puyo): qui il clima è caldo e umido tutto l'anno. In pratica non c'è una vera e propria stagione secca, tuttavia nei mesi di luglio e agosto le precipitazioni si riducono lievemente.

In generale il mese di agosto vi permette di organizzare un itinerario che comprenda tutte e tre le zone senza incappare in condizioni climatiche particolarmente avverse.

Da evitare invece i mesi fra dicembre e maggio, per le frequenti piogge e l'umidità elevata, ma anche per la possibilità incappare nel fenomeno chiamato El Niño, ovvero un ciclico innalzamento della temperatura dell'oceano che si verifica una volta ogni 5-7 anni e provoca alluvioni e inondazioni sulle aree limitrofe alla costa e siccità in quelle più distanti.

Cosa vedere in Ecuador: città e luoghi di interesse

1 - Quito

quito centro storicoQuito è la capitale dell'Ecuador e un vero e proprio gioeillino dell'architettura coloniale spagnola.
Sorge a circa 2850 metri in una valle della Sierra circondata da coni vulcanici. Il nome deriva dalla tribù che abitò la valle nel periodo pre Inca, la tribù Quitu. La città fu fondata nel 1534 dal conquistador spagnolo Sebastian de Belalcazar.
Il centro storico, Patrimonio dell'Umanità UNESCO dal 1978, è vivace, colorato, ricco di edifici di epoca coloniale, tantissime chiese, vecchi monasteri, campanili e piazze in cui si concentra la vita della città.
Tra le attrazioni da non perdere, dovete segnarvi sicuramente: Plaza Grande, il cuore della Città Vecchia; la Cattedrale di Quito, magnifico esempio dell'architettura spagnola in Sud America; La Ronda, il quartiere più pittoresco della città.
VEDI ANCHE: 10 Cose da vedere assolutamente a Quito in Ecuador

2 - Giro in TelefériQo e vulcano Pichincha

vulcano pichinchaUna delle cose che non potete assolutamente perdervi mentre siete a Quito è un giro in TeleferiQo, una spettacolare funivia che, dal centro della città, vi porterà fino in cima al vulcano Pichincha.
La funivia arriva sino all'altezza di 4.100 metri e, dalla cima del vulcano, potrete godere di una vista spettacolare su tutta la capitale ecuadoriana. Se volete provare a salire ancora più in alto, troverete un sentiero che vi porterà fino alla cima del Rucu Pinchaha, a quasi 5000 metri di altitudine. Questo sentiero non è particolarmente difficile, anzi, ma la cosa che vi potrebbe mettere in difficoltà è l'altitudine, quindi vi consigliamo di percorrere questo tratto solo se siete allenati. E non vi preoccupate, la fatica verrà ricompensata dall'incredibile vista.
Vi consigliamo assolutamente di prendere la funivia, vivrete un'esperienza unica.

3 - Parque Nacional Cotopaxi

cotopaxi ecuadorNel Parque Nacional Cotopaxi, a soli 80 chilometri da Quito, troverete il Volcan Cotopaxi, il vulcano più famoso dell'Ecuador.
Per i più esperti e avventurosi, potrete scalare il vulcano e i suoi 5.897 metri d'altezza, un'esperienza davvero unica.
Ovviamente, per poterlo scalare, dovrete già essere abili e allenati, non è un'esperienza per tutti.
Ma questo non preclude la possibilità di vivere momenti unici: per chi non ha mai scalato, ci sono tantissime escursioni a piedi, a cavallo o in bici sia in quota, intorno ai laghi andini, sia alle pendici dei vulcani circostanti.
In qualsiasi caso, una vitista al Paeque Nacional Cotopaxi è un must durante il vostro viaggio in Ecuador.

4 - Cuenca

cuencaCuenca, come Quinto, è una città bellissima, esempio del colonialismo spagnolo, Patrimonio dell'Umanità UNESCO. Centro universitario, ospita studenti proveniente da tutto il mondo, oltre che tantissimi turisti che vengono a vedere la sua bellezza.
Città a misura d'uomo, molto semplice da girare a piedi, il centro storico è ricco di edifici di epoca coloniale, sembra quasi di trovarsi in Europa.
Qui respirerete un'aria internazionale, ma anche tradizionale. Di giorno potrete visitare i numerosi mercati, perdervi per le strade e le piazze. Vi imbatterete in donne che vestono gli abiti tradizionali e mercatini con prodotti locali. Di notte, invece, si animano i bar e i locali lungo la strada, che offrono sia cibi della cucina locale che internazionali.
Il nucleo della città è il Parque Abdon Calderon, la piazza che separa due delle cattedrali più importanti della città, una risalente al 1557 e la seconda al 1880. La domenica, dopo la funzione religiosa, questa piazza prende vita e diventa luogo d'incontro per tutti gli abitanti di Cuenca.
VEDI ANCHE: 10 Cose da vedere assolutamente a Cuenca in Ecuador

5 - Quilotoa

quilotoa ecuadorQuilitoa è un lago di origine vulcanica che si trova nella provincia del Cotopaxi, a 170 chilometri di distanza dalla capitale Quito.
Siamo a circa 3.000 metri di altitudine e potrete fare una lunga escursione tutto attorno al lago. Per farla senza troppe difficoltà, dovete essere allenati ed almeno un po' esperti di trekking alpino. Attenzione al vento, che in alcuni punti può essere davvero molto forte. In ogni caso, il percorso può essere adattato alle proprie esigenze e capacità fisiche.
Lungo il percorso si trovano diversi piccoli villaggi indigeni.

6 - Papallacta

Papallacta è un piccolo villagio nella provincia di Napo, a circa 70 chilometri da Quito, situato a 3.300 metri di altitudine nelle Ande. Potete tranquillamente organizzare un'escursione della durata di una giornata.
Questo luogo è conosciuto soprattutto per le bellissime terme, una delle bellezze naturali più conosciute e affascinanti dell'Ecuador, situate alle porte del villaggio andino.
Ideali per rilassarsi dopo un'escursione nella giungla, godendo di una delle viste più belle di sempre. La loro altezza le rende le terme più alte al mondo. Pensate che le più alte d'Europa, in Svizzera, si trovano ad un'altitudine di "solo" 1.400 metri, pochissimo rispetto a queste di Papallacta. Ci sono tantissime vasche di forme e temperature diverse, il tutto in una bellissima cornice naturale.

7 - Isole Galapagos

galapagos ecuador 1Se vi trovate in questa parte del mondo, non potete assolutamente dimenticarvi delle magnifiche Isole Galapagos!
Questo è un arcipelago formato da 13 isole vulcaniche che si trova a circa 1.000 chilometri dalla costa occidentale dell'America del Sud. Come l'Ecuador, anche queste isole si trovano a cavallo dell'Equatore.
Le più antiche risalgono a circa 4 milioni di anni fa, mentre le isole più giovani sono ancora in via di formazione. Questa, infatti, è una delle zone vulcaniche più attive al mondo.
Grazie al clima tropicale, sono perfette per essere visitate durante tutto l'anno, e alcuni mesi sono migliori di altri per gli avvistamenti di alcune specie: ad aprile si schiudono le uova delle tartarughe marine, luglio e agosto sono i mesi ideali per gli appasionati di birdwatching, a settembre troverete i pinguini, a dicembre si avvistano facilmente leoni marini e albatros.
VEDI ANCHE: Galapagos: dove si trovano, quando andare e cosa vedere

8 - Pailon del Diablo

Nel vostro viaggio in Ecuador non potete saltare il Pailon del Diablo, ovvero il Calderone del Diavolo, una cascata di 30 metri. Ci sono vari tipi di percorsi, per i più avventurosi è possibile avvicinarsi percorrendo dei stretti passaggi che vi faranno sentire dentro ad un film di Indiana Jones.
Per raggiungere la cascata dovrete percorrere una scalinata incastonata nella montagna e percorrere circa un chilometro fatto di sole scale. Arrivati alla vetta, potrete ammirare dall'altro l'immensa cascata che si trova sul fiume Pastaza. Per i turisti, è stato costruito anche un ponte sospeso, per rendere l'esperienza ancora più adrenalinica. Attenzione al percorso però, soprattutto nei giorni di pioggia, in quanto è molto scivoloso, quindi attrezzatevi di scarpe comode e di giacca a vento impermeabile per non rischiare di rimanere bagnati a causa dell'acqua della cascata.

9 - Mitad del Mundo

Esatto, con Mitad del Mundo si intende proprio Metà del Mondo. A soli 30 chilometri da Quito, in un parco attrazioni, potete vivere un'esperienza che va sicuramente aggiunta alla lista delle cosa da fare prima di morire: essere contemporaneamente nei due emisferi del mondo. In questo punto passa la linea dell'Equatore, che divide la terra in due emisferi. Con un solo passo, a cavallo della latitudine 0, potrete trovarvi nell'Emisfero Australe o in quello Boreale.
Il monumento sorge dove, nel 1736, un esploratore segnò la linea dell'equatore. Qui, inoltre, potrete scoprire come è stata tracciata la traiettoria e tutti gli studi che sono stati fatti, per poi godervi una passeggiata lungo tutta la linea del parco. Troverete anche numerosi locali e ristoranti, in cui rilassarvi un attimo, e dove, durante il weekend, offrono tantissimi spettacoli e musica dal vivo.

10 - Puerto Lopez e Parco Nazionale Machalilla

Puerto Lopez è una piccola località costiera di 16.000 abitanti, un villaggio di pescatori che vive appunto di pesca e di turismo. Si trova in una lunga baia ad arco nella provincia di Manabi ed anche questo è un ottimo luogo per gli amanti della natura e degli animali, infatti è sede del parco Nazionale Machalilla che ospita l'ultima foresta pluviale secca dell'Ecuador offrendo diverse escursioni e attività naturalistiche come trekking, immersioni e tour in barca tra isole e spiagge vicine. L'attività indubbiamente più amata di Puerto Lopez è però il whale watching durante il quale si scorgono le balene ma anche amberjack, delfini, wahoo, marlin e tonni. Quì il turismo è molto di nicchia poiché incentrato sulla scoperta, la valorizzazione ed il rispetto del territorio promuovendo quindi l'ecoturismo con viaggi ecosostenibili, tuttavia oltre che i sostenitori di questo stile di viaggio, Puerto Lopez attrae anche molti giovani in cerca di divertimento nei suoi locali notturni.

11 - Guayaquil

Guayaquil, nota anche come la Perla del Pacifico, è la città più grande dell'Ecuador in fatto di popolazione (oltre 3.700.000 abitanti), situata nel sud ovest del Paese in una grande pianura sulla riva destra del fiume Guayas, circondata da diverse alture come il Cerro Santa Ana che ospita il quartiere coloniale Las Peñas divenuto centro storico cittadino. Guayaquil ha infatti vissuto anni di colonialismo spagnolo, del quale rimangono caratteristici e bellissimi monumenti come la Cattedrale di San Pietro. Uno dei punti più apprezzati della città è però il Malecon 2000, la versione moderna dell'antico lungomare abbellito da musei, giardini e fontane ma anche da ristoranti, bar e discoteche. Guayaquil è dunque un posto ideale soprattutto per gli amanti del divertimento e per gli amanti della storia.

12 - Tena e Foresta Amazzonica

Tena è il capoluogo della provincia di Napo, una cittadina dell'entroterra ecuadoregno relativamente piccola, con 34.000 abitanti. Quì la gente vive per lo più di agricoltura, allevamento e pesca, oltre che di turismo da qualche anno a questa parte. La principale motivazione turistica sono le numerose possibilità escursionistiche che la zona offre nella natura incontaminata che si estende tutto intorno. Il centro città di Tena ad esempio è il punto di partenza per le escursioni nella foresta amazzonica, mentre il vicino fiume Rio Napo è molto gettonato dagli amanti di kayak, canoa e rafting e offre inoltre la possibilità di visitare e scoprire i villaggi indigeni nei suoi dintorni. In città sono anche presenti giardini zoologici e parchi divertimento, questo fa di Tena una città molto adatta a giovani, famiglie con bambini e chiunque ami la natura e l'avventura. E nel caso siate appassionati anche di cibi locali, non dimenticatevi di assaggiare gli spiedini di punteruolo rosso e le ricette a base di armadillo, preparazioni tipiche delle zone amazzoniche!

13 - Ibarra, Vulcano Imbabura e Lago Yawarkucha

Ibarra è una città nel nord dell'Ecuador, capoluogo della provincia dell'Imbabura, con una popolazione di 132.100 abitanti, conosciuta anche come Città Bianca. La sua posizione ai piedi del vulcano Imbabura, vicina al fiume Tahuando e al lago Yawarkucha, la rende una meta turistica molto ambita per le svariate attività che si possono praticare. Molto amati sono il trekking sul vulcano e i lanci in parapendio, ma anche i tour in barca sul lago e gli sport nel fiume. Inoltre, sempre grazie alla sua posizione, il clima è temperato e piacevole tutto l'anno, dovuto ai venti secchi che soffiano dalle valli e alle correnti fresche che arrivano dagli altopiani delle Ande che unendosi creano il clima ideale. Oltre alle attività e al clima, Ibarra è molto apprezzata anche per le tipiche case coloniali, per la sua storia e per le vie del centro molto caratteristiche dove non mancano ristoranti, club notturni e discoteche, i quali rendono Ibarra una meta ideale davvero per tutti.

14 - Montañita

Montañita è una piccolissima città che conta poco più di 1.000 abitanti ma un gran numero di turisti, situata in provincia di Santa Elena verso il sud della costa ecuadoregna. Come mai è così frequentata? Ma soprattutto da chi? Montañita è molto economica ed è stata un luogo dimenticato dal mondo fino a qualche anno fa, quando era semplicemente un villaggio di pescatori nel quale oggi invece la festa, la musica, i locali e la gente non si fermano mai. E' la città per eccellenza di backpacker, viaggiatori solitari, hippy e surfisti, suddivisa in una griglia di stradine nelle quali si susseguono ostelli, ristoranti, club notturni, mercati e street food dove tutti socializzano con tutti. Inoltre vanta spiagge influenzate dalle correnti oceaniche fino a creare onde perfette per gli amanti del surf e grazie a questo è stata trasformata in una vera e propria Surf Town.

15 - Riobamba

Riobamba è una città di normali dimensioni con 146.324 abitanti, situata nel centro del Paese, proprio sulle Ande, e a 200 km dalla capitale Quito. Per questa vicinanza, molti turisti che arrivano a Quito infatti la includono nel loro itinerario poiché passare per Riobamba vuol dire attraversare strade panoramiche dalle quali si scorgono suggestivi paesaggi naturali come ad esempio la vista delle cime Chimborazo e Carihuairazo e la visuale sulle pianure che circondano questo importante centro agricolo. Molto gettonato è il treno turistico che percorre queste strade fermandosi nei punti principali di Riobamba e dintorni permettendo anche di scoprire la storia di questa città la quale è stata, seppur per un breve periodo, capitale dell'Ecuador in seguito alla fondazione della repubblica. Questo giro è decisamente più adatto a coloro che cercano la cultura dei luoghi visitati piuttosto che divertimenti di vario genere.

Itinerari consigliati

Itinerario di 14 giorni: la storia degli Inca tra le Ande e il Pacifico

  1. Primo giorno: Arrivo all'aeroporto di Quito, trasferimento in città e sistemazione in albergo
  2. Secondo giorno: Visita della città di Quito, ammirando la vista dalla collina del Pancillo e visitando i suoi più importanti monumenti come la Chiesa della Compagnia di Gesù e la Chiesa di San Francisco
  3. Terzo giorno: Visita della cittadina di Cayambe che sorge ai piedi del vulcano omonimo e alle sue famose piantagioni di rose di cui l'Ecuador è il maggior esportatore mondiale. In serata direzione verso la città di Peguche
  4. Quarto giorno: Visita al mercato indigeno di Ottovalo, il più grande delle Ande ecuadoriane e alla Riserva Ecologica Catacachi-Cayapas, dove ammirare uno dei laghi d'altura più belli dell'Ecuador
  5. Quinto giorno: Spostamento verso la città di Lasso e visita alle piramidi di Cochasqui, patrimonio UNESCO, considerate il sito archeologico più importante di tutte le Ande ecuadoriane
  6. Sesto giorno: Visita del parco Cotopaxi che sorge alle falde dell'omonimo vulcano, iconico simbolo dell'Ecuador, famoso per essere attualmente il vulcano più attivo al mondo
  7. Settimo giorno: Visita alla città di Banos e alla cascata del Pailòn del Diablo, la più famosa del Paese che può essere ammirata in tutto il suo splendore da una meravigliosa terrazza panoramica
  8. Ottavo giorno: Escursione nella Riserva Naturale Chimborazio, un tipico ecosistema di brughiere conosciute come Paramos; in serata trasferimento verso il villaggio indigeno dai mille colori di Guamote
  9. Nono giorno: Visita al mercato di Guamote e partenza verso la Fortezza di Ingapirica, il più importante sito archeologico precolombiano del Paese, dal valore storico incommensurabile
  10. Decimo giorno: Visita alla città di Cuenca, la terza città per estensione dell'Ecuador, che racchiude una delle più ricche testimonianze architettoniche e culturali dell'epoca coloniale spagnola
  11. Undicesimo giorno: Escursione al Parco Nazionale Cajas che ospita al suo interno 235 laghi di origine glaciale e diverse sezioni della Quapac Nan, la famosa Strada Reale Inca
  12. Dodicesimo giorno: Giornata di relax nella meravigliosa Porto Lopez che presenta alcune delle spiagge più belle di tutto il Paese, come la bellissima Los Frailes, situata nell'area protetta del Parco Nazionale Machalilla
  13. Tredicesimo giorno: Escursione alla Isla de la Plata, letteralmente l'Isola del Denaro, che prende questo suo nome particolare dalla leggenda del pirata Sir Francis Drake che si dice abbia seppellito lì uno dei suoi tesori
  14. Quattordicesimo giorno: Trasferimento all'aeroporto di Guayaquile e rientro a casa

Quanto costa? Dettagli del prezzo

Itinerario di 8 giorni: alla scoperta delle Isole Galapagos

  1. Primo giorno: Arrivo all'aeroporto di Quito e sistemazione in albergo
  2. Secondo giorno: visita della città di Quito esplorando il centro coloniale ed allungandoci ad ammirare la linea equatoriale situata a nord della città che demarca il punto in cui l'Equatore attraversa l'Ecuador
  3. Terzo giorno: Trasferimento in aereo verso le isole Galapagos in particolare la centrale isola di Santa Cruz dove fare la prima conoscenza con i suoi abitanti più famosi, le caratteristiche tartarughe giganti
  4. Quarto giorno: Escursione in barca tra le isole più centrali delle Galapagos e uscita per una sessione di snorkeling intorno all'isola di Santa Fe ammirando la sua meravigliosa e variegata fauna marina
  5. Quinto giorno: Trasferimento nell'isola più grande delle Galapagos, l'isola Isabela, dove ammirare tra i suoi numerosissimi abitanti anche i meravigliosi Flamingo, i fenicotteri rosa
  6. Sesto giorno: Escursione sui vulcani Sierra Negra e Chico esplorando la loro vegetazione tropicale e raggiungendo salendo verso la cima uno dei migliori punti panoramici da cui ammirare l'intero arcipelago
  7. Settimo giorno: Escursione all'isola disabitata di Plazas Sur, un'isoletta di origine vulcanica dalla natura incontaminata dove potersi godere una giornata di relax tra mare cristallino e flora e fauna caratteristici dell'arcipelago
  8. Ottavo giorno: Trasferimento in aereo verso l'aeroporto di Quito e rientro a casa

Quanto costa? Dettagli del prezzo

Ecuador fai da te: voli, costi e consigli

I costi della vita in Ecuador sono sostanzialmente simili a quelli a cui siamo abituati in Italia. Fatta eccezione per le strutture di ricezione turistica i cui prezzi si alzano durante i mesi di alta stagione, per tutto il resto i prezzi rimangono stabili tutto l'anno. Un pasto frugale in un fast food ad esempio costa intorno ai €3,00 (3,40 dollari), mentre una cena di tre portate in un ristorante medio varia dai €14,00 ai €20,00 (15,00/22,00 dollari circa); per i trasporti invece si spendono in media circa €7,00 al giorno (circa 7,90 dollari) variando tra taxi ed autobus.

  • Periodo minimo per un tour in Ecuador: 8 giorni
  • Città consigliate per fare base: Quito, Lasso, Cuenca
  • Come muoversi: la Panamericana è la strada che attraversa tutto quanto il paese e ne collega tutte le più importanti località per via terrestre; tra i mezzi pubblici il più utilizzato è l'autobus in quanto adatto sia per spostamenti interni che interurbani ed è attivo h24
  • Voli: i voli a/r dall'Italia durante i mesi di alta stagione, in particolare da giugno a settembre, hanno un costo di circa €800,00/€900,00, mentre durante la bassa stagione è possibile prenotare a partire da €511,00. Confronta i voli
  • Alloggi e sistemazioni: dai 6 ai 10 dollari a notte per dormire in Ostello (€5,70/€8,90), dai 20 dollari in su (€18,70 circa) per una camera d'Hotel. Guarda le offerte
  • Preventivo personalizzato: clicca qui per richiedere un preventivo personalizzato

Viaggiare informati: info utili e documenti necessari

  • Abitanti: circa 16 milioni
  • Capitale: Quito
  • Lingue: spagnolo
  • Moneta locale: dollaro statunitense (€1,00 = $1,12).
  • Fuso Orario: 6 ore indietro rispetto all'Italia; 7 ore indietro quando c'è l'ora legale
  • Vaccinazioni: è richiesto un certificato di vaccinazione contro la febbre gialla per i viaggiatori che hanno transitato per più di 12 ore nell'aeroporto di un Paese in cui la febbre gialla è endemica, quindi controllate bene dove farete scalo con il volo.
  • Requisiti d'ingresso: passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell'ingresso; non è necessario un visto per turismo se rimanete nel Paese al massimo 90 giorni.
  • Distanza dall'Italia: 10.193,57 km (12 ore e mezza di volo) da Roma a Quito
  • Assicurazione di viaggio/sanitaria: consigliata. Con noi ottieni uno sconto del 10% e hai copertura completa, assicurazione medica h24 e consulenza telefonica illimitata – fai un preventivo gratis

Dove si trova


L'Ecuador si trova sulla costa occidentale del Sud America, a cavallo dell'Equatore. Bagnato dall'Oceano Pacifico, confina con la Colombia e il Perù. Il suo territorio comprende la giungla amazzonica, gli altipiani delle Ande e le isole Galàpagos, situate a circa 1.000 chilometri dalla costa.

Assicurazione di viaggio: il nostro consiglio

Noi ci affidiamo sempre alla compagnia Compagnia di assicurazioni, che fornisce una copertura completa a dei prezzi assolutamente competitivi.
Inoltre mettono a disposizione un'assistenza clienti, un call center sempre attivo e l'assicurazione medica h24 con consulenza medica telefonica Illimitata: sappiamo bene che quando ci si trova all'estero in situazioni di emergenza, trovare un consulente sempre pronto a rispondere è la cosa più importante.
Visita il loro sito e ricevi uno sconto del 10% sulla tua polizza riservato agli utenti di Travel365.