el castillo

Chichén Itza, Messico: cosa vedere, quando andare e come visitarla

Chichen Itza, Messico: dove si trova, cosa vedere e periodo migliore per visitarla. Ecco tutto quello che devi sapere per la tua vacanza: info su ore di volo, prezzi, escursioni e come visitarla

el castilloChichén Itza è una delle zone più visitate del Messico. La località, che si trova nella penisola dello Yucatan, è sede di un importante sito archeologico che raccoglie le testimonianze dell'antica civiltà Maya, che abitava questa zona ben prima dell'arrivo degli Spagnoli. Ricca di templi e luoghi d'interesse, è sicuramente una meta tra le più interessanti che potete trovare nello Stato, e per questo vogliamo darvi qualche indicazione utile su come visitarla.

Viaggiare informati: info utili

  • Stato/regione: Messico, Penisola dello Yucatan
  • Lingue: spagnolo, inglese
  • Moneta locale: peso messicano (€1,00=21,76 pesos)
  • Clima: clima tropicale, temperature medie 25 / 30°
  • Fuso orario: GMT - 7 o UTC - 6
  • Vaccinazioni: nessuna vaccinazione richiesta
  • Requisiti d'ingresso: passaporto con validità di almeno 6 mesi. Visto d'ingresso non necessario per soggiorni inferiori ai 180 giorni.
  • Distanza dall'Italia: 9.400 km (13-19 ore di volo)

Dove si trova

Mostra Mappa
Chichen Itza si trova nella parte settentrionale della penisola dello Yucatan, in Messico. La zona sorge tra le montagne della penisola, e dista ben 200 km dalla città principale Cancun e 115 km da Merida.

Come arrivare dall'Italia

  • Da Milano: compagnie come Iberia, Airfrance, British Airways, Alitalia, KLM e Delta offrono voli per l'aeroporto di Cancun. I voli prevedono tutti uno scalo, in genere a Parigi, e durano dalle 5 ore in su. Voli partire da €563,00.
  • Da Roma: compagnie come Iberia, Airfrance, British Airways, Alitalia, KLM e Delta offrono voli per l'aeroporto di Cancun. I voli prevedono tutti uno scalo, molto di frequente a Dallas ed una durata di un minimo di 16 ore. Voli a partire da €509,00

Come raggiungere Chichén Itza dai dintorni

  • Da Cancùn: si può raggiungere Chichén Itza, distante circa 200 km, grazie ad appositi autobus a €11,00 della ADO o della Oriente e Maya B. In alternativa si può anche prendere il colectivo, usato proprio dai dipendenti del sito archeologico, che però è attivo solo la mattina presto.
  • Da Tulum: l'inico modo per raggiungere l'area archeologica è usare gli autobus della ADO. Ci sono due corse, una alle 9:10 ed una alle 15:30, attive dal lunedì al venerdì. Il costo è di circa €11,00 ed il viaggio dura circa 2 ore.
  • Da Playa del Carmen: il viaggio per raggiungere il sito archeologico può essere percorso in autobus o in taxi. Nel primo caso si tratta di circa 4 ore di viaggio, con un costo di €11,00 a persona, mentre nel caso del taxi, decisamente più veloce con le sue 2 ore di viaggio, non dovreste spendere più di €40,00.

Quando andare? Info su clima e periodo migliore

Mese Temperature medie (min/max) Precipitazioni (giorni/mm)
Gennaio 14 / 29° 5 gg / 45 mm
Febbraio 15 / 30° 4 gg / 40 mm
Marzo 17 / 33° 3 gg / 35 mm
Aprile 18 / 34° 3 gg / 45 mm
Maggio 20 / 35° 7 gg / 90 mm
Giugno 21 / 34° 12 gg / 170 mm
Luglio 21 / 33° 14 gg / 160 mm
Agosto 20 / 33° 15 gg / 170 mm
Settembre 20 / 33° 15 gg / 200 mm
Ottobre 19 / 31° 11 gg / 130 mm
Novembre 17 / 30° 6 gg / 60 mm
Dicembre 15 / 29° 5 gg / 40 mm
  • Clima: clima tropicale con una stagione umida e piovosa da giugno ad ottobre, una fresca da novembre a febbraio ed una molto calda che va da marzo a maggio.
  • Periodo migliore:il periodo migliore per visitare questa zona è quello invernale, quando caldo ed umitià sono al minimo. In particolare si consiglia di visitare la località a dicembre e gennaio, visto che già a febbraio le temperature iniziano ad alzarsi vertiginosamente.
  • Periodo da evitare: i mesi peggiori sono quelli primaverili ed estivi. Nel primo caso a causa delle temperature che raggiungono anche i 40°m i secondi per l'elevata quantità di pioggia.
  • Consigli: oltre alla protezione solare è sempre consigliato portare un impermeabile.

Orari e prezzi

  • Orari: tutti i giorni dalle 8:00 alle 17:00
  • Miglior orario per evitare code: il momento migliore è la mattina, durante l'orario di apertura. In queste ore ancora molti tour organizzati non sono arrivati a destinazione e c'è meno possibilità di fare la fila ed incontrare un eccessivo numero di turisti
  • Costo biglietto: l'ingresso all'area archeologica costa in totale una cifra vicina ai 240 pesos (€11,00). L'importo copre sia le tasse federali sia quelle statali.

Cose vedere a Chichén Itza

Chichén Itza è un'area circoscritta che contiene alcune delle testimonianze Maya più importanti di tutto il Messico. Ecco le principali attrattive del sito.

Piramide di Kukulkan

Piramide di KukulkanConosciuta anche con il nome di El Castillo, questa piramide dedicata al dio Serpente-Piumato è tra gli edifici più antichi dell'area archeologica, dato che la sua costruzione risale almeno al XIII secolo. Famoso per la sua struttura formta da 4 ripide scalinate composte ognuna da 91 gradici che arrivano fino alla cima del tempio, una volta rappresentava una vera attrattiva per i turisti che potevano addirittura scalarla. Oggi questa possibilità è dovuta venire meno, per preservare la struttura già fragile dell'edificio.

Tempio dei Guerrieri

Tempio dei GuerrieriNel sito archeologico di Chichen Itza si trova anche il Tempio dei guerrieri. Si tratta di un tempio molto particolre, situato in cima ad una piramide più bassa e di forma rettangolare, che è formato esclusivamente da gradoni. Sulla sua sommità si trovano dei dragoni di pietra in puro stile Maya, mentre dentro il tempio è possibile vedere una statua di dimensioni naturali che rappresenta un uomo che tiene in mano un piatto. Proprio questa statua è esplicativa dell'antico scopo del tempio, che sembra fosse sede di rituali che prevedevano sacrifici umani.

Piattaforma dei Teschi

Non molto lontano dal Tempio dei guerrieri è possibile vedere un luogo molto singolare, strettamente legato all'antica funzione del tempio, e che ci testimonia come la realtà dei Maya fosse composta anche di rituali che prevedevano sacrifici umani. Stiamo parlando di un sito che è stato denominato la piattaforma dei Teschi. L'attrattiva del luogo è un muro lungo ben 60 metri, che secondo le antiche testimonianze, doveva essere la base di un edificio dedicato a contenere i pali destinati a "tenere" le teste delle vittime sacrificali, tra le quali c'erano soprattutto schiavi e prigionieri di guerra.

El Caracol

El CaracolI Maya erano attenti scrutatori del cielo e davano molta importanza agli astri ed ai fenomeni atmosferici. Con queste premesse non è strano vedere all'interno del sito archeilogico di Chichén Itza un osservatorio astronomico, chiamato El Caracol , termine che significa chiocciola e che indica la scala a spirale che ancora oggi si può vedere al suo interno. Costruito in corrispondenza con la posizione del sole con i suoi punti di accesso durante gli equinozi, prevedeva anche la presenza di due enormi contenitori d'acqua, che permettevano di studiare le stelle e comporre il loro calendario.

Corte della Pelota

La zona di Chichen Itza comprende ben 7 campi dedicati al gioco della pelota, ma il più importante si trova a circa 150 metri a nord-ovest del Castillo. Le sue misure (166 metri di lunghezza e 68 di larghezza) lo rendono i più grande campo della pelota di tutta la mesoamerica. Caratteristici sono gli anelli di pietra intagliata, ch raffigurano immagini di serpenti, dentro le quali doveva passare la famosa pelota per segnare il punto, e che doveva essere toccata solo con fianchi, gomiti o ginocchia.

La Iglesia

La IglesiaLa Iglesia risale all'ultimo periodo della civiltà Maya, riconoscibile grazie ad uno stile architettonico chiamato Puuc. Riccamente decorato con raffigurazioni delle maschere del dio Chaac, questo edificio ha una storia molto particolare. Gli spagnoli, quando arrivarono, lo scambiarono per un monastero e gli diedero il nome di Las Monjas, ignorando che si trattasse di un palazzo governativo. Da allora però questa rappresentazione religiosa è rimasta, facendo cambiare il nome del luogo in quello che oggi conosciamo, cioè La Iglesia, la chiesa.

Akab Dzib

Nella zona ad est del Caracol, si trova Akab Dzib, la casa delle iscrizioni misteriose. Secondo una prima traduzione, il nome dell'edificio doveva essere La casa piatta con un eccessivo numero di stanze, nome lungo che però rappresentava in pieno lo scopo della residenza: essere la casa dell'amministratore della città. Rispetto agli altri edifici della zona, è una casa abbastanza "piccola": alta solo 6 metri e lunga 50, contiene però al suo interno iscrizioni a rilievo, immagini e glifi che riguardano non solo le pareti dell'edifico, ma anche le porte interne.

Ossario

Con il termine Ossario si indica non un cimitero o un luogo dedicato alla commemorazione dei morti, come penseremmo oggi vista la valenza che noi diamo a questa parola, ma un piccolo tempio piramidale, che sembra essere la riproduzione in piccolo di El Castillo. Anch'esso è formato dai tanto caratteristici gradoni, onnipresenti nelle costruzioni dei templi dei Maya, e deve il suo caratteristico nome alla presenza di una tomba al suo interno, scoperta al suo interno dall'esploratore E. H. Thompson all'inizio del Novecento.

Cosa vedere nei dintorni: cenote e altri luoghi di interesse

Oltre all'area archeologica, le zone limitrofa presentano altre attrazioni naturali degne di nota.

Cenote Ik Kil

Cenote Ik KilQueste formazioni naturali, molto comuni in Messico, sono dei veri e propri pozzi di acqua dolce già presenti durante la civiltà Maya, che gli diedero il nome di dznot, ovvero acqua sacra. Nei pressi di Chichén Itza ne potrete trovare due, di cui uno è il famoso Cenote Ik Kil. In questi pozzi d'acqua calda potrete anche entrare a fare un bel bagno, prima o dopo aver visitato la zona archeologica.

Grotte di Balankanche

A 4 km dalla zona archeologica si trovano queste grotte un tempo sacre per i Maya, all'interno delle quali sono stati ritrovati resti di ceramiche e statuette, visibili ancora oggi. La grotta principale era già conosciuta nel 1905, quando Thompson e Tozzer la visitarono per la prima volta. Solo nel 1959 però si scoprì la falsa parete della grotta, che nascondeva l'ingresso di una rete di altre grotte ricche di reperti storici. Oggi questa rete di grotte è diventata un vero museo grazie all'INAH.

  • Come arrivare: le grotte si possono raggiungere a piedi in 30 minuti (2,6 km) da Chichén Itza - Ottieni indicazioni
  • Orari: tutti i giorni dalle 8:00 alle 17:00
  • Costo biglietto: €6,00
  • Card, ticket e tour consigliati: //

Come visitare Chichen Itza: tour, visite guidate e biglietti online

Consigli utili per visitare l'attrazione

  1. Alzati presto: l'ideale è visitare il luogo durante le prime ore del giorno, quando ancora non c'è troppa gente
  2. Preferisci i tour: visitare l'area archeologica da soli può essere difficoltoso. Meglio pensare a piccoli gruppi o tour organizzati
  3. Occhio ai costi: visitare la zona prevede dei costi aggiuntivi, come quello per la fotocamera, che vi costerà 45 pesos in più
  4. Tempo minimo: ti consigliamo di considerare un minimo di 3 ore per la visita. L'ideale sarebbe poter dedicare 4 tempo
  5. Giorno migliore: molti decidono di visitare la licalità il giorno dell'equinozio di primavera, quando il sole crea particolari giochi di luce ed ombre sulla scalinata del tempio di Kukulcan.

Cenni storici, curiosità e info pratiche: cosa sapere in breve

Cpercorso chichn itzahichén Itza, che ad oggi è la seconda località turistica più visitata del Messico, deve la sua fama a John Lloyd Stephens, che la rese nota al grande pubblico con il suo libro Incidents of Travel in Yucatan.
La struttura del sito archeologico non prevede particolarità: si trova tutto al livello del terreno, e prevede un solo ingresso. Da Chichén Itza partono i tour per visitare le grotte di Balankanche, non accessibili dall'esterno e come attrazione unica.

Organizza il tuo viaggio: info su costi, voli e hotel

tempio chichen itzaVisitare Chichen Itza non è eccessivamente costoso, soprattutto se lo fate nei periodi meno adatti al turismo. Nelle vicinanze della località i costi medi di un pernottamento in albergo sono di €43,00 o anche minori se usufruite di un pacchetto volo+hotel, mentre per il cibo dovreste spendere una media di €5,00 a persona. La zona non è collegata benissimo con i mezzi pubblici, e se non avete a disposizione un tour organizzato il modo migliore per raggiungerla è usare il taxi, con una tariffa di €0,36.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su