Death Valley National Park Entrance California State Route 190 Foto di Salier100. Il Death Valley National Park è il più grande parco nazionale degli Stati Uniti, un luogo incredibile e magico. L'area del parco si estende su 1,34 milioni di ettari, con dune di sabbia alte quanto montagne, distese di sale sotto il livello del mare, misteriose rocce sonore e canyon di arenaria colorata. Come il nome stesso può far intuitre, qui gli estremi sono la norma: la Valle della Morte è infatti il luogo più caldo e asciutto d'America, con temperature estive che raggiungono i 49° e precipitazioni che in media arrivano a 5 cm all'anno. Estreme sono anche le altezze del parco: Badwater Basin è il punto più basso del parco, a 86 metri sotto il livello del mare, mentre Telescope Peak raggiunge 3.368 metri.

Comunque sia, con il caldo estremo o il gelo, i paesaggi che la Death Valley vi regalerà non vi deluderanno di certo. Ecco una guida sul Death Valley National Park, in California: dove si trova, quando andare e cosa vedere!

Dove si trova

Il Death Valley National Park è un Parco Nazionale degli Stati Uniti d'America, situato nello stato della California e in piccola parte nel Nevada, a poco più di 200 km a nord-ovest di Las Vegas.
VEDI ANCHE: Cosa vedere in California: città, attrazioni e itinerari

Come arrivare

  • Aeroporti più vicini: gli aeroporti di riferimento sono il McCarran International Airport a Las Vegas (190 km da Furnace Creek) e il Los Angeles International Airport (434 km).
  • Come arrivare da Las Vegas: dista circa 200 km (2 ore in auto). Vi consigliamo di raggiungerlo con auto a noleggio oppure prendendo parte ad un tour organizzato giornaliero con transfer incluso
  • Come arrivare da Los Angeles: dista circa 344 km (3 ore e 30 minuti in auto).

Quando andare? Info su clima e periodo migliore

Mese Temperature medie (min/max) Precipitazioni (giorni/mm)
Gennaio 4 / 19° 0 gg / 10 mm
Febbraio 8 / 23° 0 gg / 13 mm
Marzo 13 / 23° 0 gg / 8 mm
Aprile 17 / 32° 0 gg / 3 mm
Maggio 23 / 38° 0 gg / 1 mm
Giugno 27 / 43° 0 gg / 1 mm
Luglio 31 / 41° 0 gg / 2 mm
Agosto 30 / 46° 0 gg / 3 mm
Settembre 24 / 41° 0 gg / 5 mm
Ottobre 16 / 34° 0 gg / 2 mm
Novembre 9 / 25° 0 gg / 8 mm
Dicembre 3 / 18° 0 gg / 8 mm
  • Clima: sub-tropicale desertico, con inverni miti ed estati caldissime, e con il sole che brilla tutto l'anno. L'inverno è mite di giorno, ma di notte fa abbastanza freddo (0/-3°). In estate regna un caldo opprimente, anche se l'umidità è bassa
  • Periodo migliore: primavera, quando le temperature non sono troppo alte e, se è piovuto abbastanza, si possono ammirare meravigliose fioriture. Anche l'autunno è un buon periodo perché il caldo scende di nuovo a livelli accettabili
  • Periodo da evitare: l'estate per il caldo insopportabile e l'inverno che, seppur piacevole climaticamente, ha giornate molto corte
  • Abbigliamento/Equipaggiamento: abbigliamento sportivo e comodo per le camminate, di peso variabile in base alla stagione. Scarpe da trekking, protezioni solari e scorta d'acqua (bere dai 2 ai 4 litri di acqua al giorno. Non affrontare questo viaggio da soli

Orari e costi di ingresso

  • Ingressi disponibili: 4 ingressi disponibili: nord, sud, ovest, est. La Higway 190 attraversa il parco ed è la strada principale. Il Furnace Creek, cuore della Death, si raggiunge proprio percorrendo questa strada
  • Orari e costi da qualsiasi ingresso: l'intero parco si visita con l'acquisto di un unico biglietto che vale 7 giorni (a veicolo $30,00/€25,40; previsti sconti per moto/visitatori a piedi). Il parco è accessibile a qualunque orario, il Visitor center di Furnace Creek invece è aperto solitamente 8:00-17:00
  • Dove acquistare il biglietto: al Furnace Creek Visitor Center, al Scotty's Castle Visitor Center ed alla Stovepipe Wells Ranger Station. Numerose Fee Machines in funzione 24/7 posizionate in campeggi e punti di attrazione, incluso Zabriskie Point e Badwater Basin
  • Biglietto cumulativo: pass annuale Death Valley Annual Pass $55,00 (€46,50). Rientra anche nell'Annual Pass dei Parchi Americani $80,00 (€75,00)

Cosa vedere al Death Valley National Park: le aree del parco e le principali attrazioni

death valley national park entrance california state route 190 Foto di Salier100. La Death Valley può essere suddivisa in tre parti. La prima è la più turistica, quella che da Furnace Creek prosegue o per Badwater o per Dante's View. La seconda è quella a nord, circa un'ora da Furnace Creek, partendo dal Mesquite Flat Sand Dunes e dal Titus Canyon fino allo Scotty's Castle, con Eureka Dunes e la Race track. La terza è quella a sudovest, detta Panamint Springs Area, che comprende località` un po' sperdute come il Telescope Peak e le Darwin Falls .

Non vi è un ordine prestabilito da seguire. Tutto dipende dalle zone che si vogliono visitare, dal tempo che si ha a disposizione. Da ciò ne consegue anche l'ingresso da prendere.

La Death Valley è visitabile in totale autonomia; il modo migliore per esplorarla, data anche la sua vastità, è in auto. Indipendentemente dalla quantità di zone che visiterete, il biglietto è unico e comprende tutte le attrazioni. Se non volete affrontare la visita in autonomia, allora potete optare per un tour di un giorno da Las Vegas, trasporto compreso!

1 - Furnace Creek Area

death valley strada paesaggio 2 Sicuramente la zona di maggior interesse turistico. Se si ha un solo giorno a disposizione è il must assolutamente da fare in quanto è proprio qui che si concentrano le bellezze più famose del parco.

Il punto di partenza del percorso, tra l'altro, coincide con l'ingresso prinicipale dove acquistare il biglietto. Tutta la zona di quest'area è compresa nel ticket ed è visitabile in totale autonomia.

  1. Zabriskie Point: fantastico paesaggio lunare costituito da montagne che sembrano ricoperte di velluto, con colori che spaziano in tutti i toni dell'ocra. Spettacolare all'alba e al tramonto
  2. Twenty Mule Team Canyon: splendido canyon che deve il suo nome ad una spedizione di Borace (Borato di sodio) trainata da 20 muli
  3. Dante's View: a quota 1669 metri per ammirare il panorama per eccellenza sulla Valle della Morte
  4. Golden Canyon: il nome deriva dal color oro delle rocce. Da qui è possibile intraprendere lunghe camminate
  5. Artist's Drive: zona in cui ammirare formazioni rocciose dalle tonalità pastello
  6. Devil Golf Course: una distesa di rocce e sale erose dal vento e dalle piogge nel corso dei millenni
  7. Badwater Basin: il punto più basso del nord america, -86 metri sotto il livello del mare. Una distesa di saline e di cristalli di sale. Un paesaggio davvero surreale. Questo è anche il punto più caldo del parco
  8. Natural bridge: ponte naturale scavato sulla roccia dove è possibile intraprendere percorsi a piedi

2 - Panamint Springs Area

strada via death valley nubi Situata nella parte sud-ovest del parco, comprende località un po' sperdute e meno rinomate turisticamente, ma non per questo meno interessanti da vedere.

Anche in questo caso l'area è accessibile in totale libertà e con lo stesso biglietto acquistato all'ingresso.

  1. Darwin Falls: incredibili cascate che sembrano sorgere dal nulla nel bel mezzo del deserto. Si raggiungono dopo una bella camminata
  2. Father Crowley Point: spettacolare vista sulla vallata creata da antiche eruzioni vulcaniche
  3. Wildrose Charcoal Kilns: 10 strane strutture a forma di alveare costruite nel 1876 per fornire il combustibile per l'estrazione dell'argento e del piombo

3 - Scotty's Castle Area

Nella parte nord del parco, la prima cosa che colpisce di quest'area è proprio la presenza del castello, o meglio di ciò che resta. Tutta la zona di quest'area è compresa nel ticket ed è visitabile in totale autonomia.

  1. Scotty's Castle: chiamato Death Valley Ranch, fu fatto costruire su indicazione del truffatore Walter Scott al milionario di Chicago Albert Mussey Johnson, dopo che questo era stato convinto ad investire su una non esistente miniera d'oro. Scoperta la truffa, Johnson, rimasto affascinato dal luogo, volle comunque costruire il castello
  2. Ubehebe Crater: cratere facilmente visibile anche dalla strada causato da una massiccia esplosione di origine vulcanica
  3. The Racetrack: paesaggio molto particolare caratterizzato dalle famose rocce spostate dal vento, che lasciano dietro di loro una lunga scia
  4. Eureka dunes: le più alte dune sabbiose della California

4 - Stovepipe Wells Area

dune sabbia death valley Nella sezione centrale della Valle della Morte lungo la Hwy 190, è la strada che taglia trasversalmente il parco da est verso ovest. Ci si arriva in circa mezz'ora dal centro visitatori di Furnace Creek. L'attrazione più spettacolare di quest'area sono le dune di sabbia.

L'area è accessibile autonomamente ed è sufficiente il ticket d'ingresso.

  1. Mesquite Flat Sand Dunes: fantastiche dune sabbiose che ricordano il Sahara
  2. Mosaic Canyon: piccolo ed interessante canyon appena dopo lo Stovepipe Village
  3. Salt Creek: insolito flusso di acqua salata. In primavera il livello dell'acqua è più abbondante. Dentro ci sono dei pesci
  4. Titus Canyon: uno dei canyon più imponenti della Death Valley che si raggiunge tramite strada sterrata

Come visitare la Death Valley: dove dormire, itinerari e come muoversi

Itinerari principali

Le attrazioni più importanti e famose del parco sono visitabili in un unico giorno. Se si hanno più giorni a disposizione, allora è possibile organizzare anche altri itinerari che vanno a toccare zone meno rinomate.

  1. Itinerario 1: l'itinerario più turistico che parte da Furnace Creek e va a toccare i punti più famosi del parco: Zabriskie Point, Twenty Mule Team Canyon, Dante's View, Golden Canyon, Artist's Drive, Devil Golf Course e Badwater Basin
  2. Itinerario 2: da Panamint Spring Area, un itinerario tra crateri vulcanici e cascate. Le tappe principali sono: Darwin Falls, Father Crowley Point e Wildrose Charcoal Kilns
  3. Itinerario 3: partenza da Scotty's Castle. Si prosegue fino all'Ubehebe Crater, The Racetrack e le Eureka dunes
  4. Itinerario 4: dalla Stovepipe Wells Area si toccano le Mesquite Flat Sand Dunes, si arriva al Mosaic Canyon e si prosegue quindi per Salt Creek e Titus Canyon

Dove dormire

Alloggiare a Furnace Creek è la scelta più strategica ma meno economica. Qui si trova il The Oasis at Death Valley (Furnace Creek Resort), i cui prezzi sono esattamente il doppio (talvolta addirittura il triplo) rispetto altre zone un po' meno comode.

Una buona alternativa è dormire a Stovepipe Wells: a sole 2 miglia da Mesquite Flat Dunes, 24,5 miglia da Furnace Creek, 29 miglia da Zabriskie Point, 42 miglia da Badwater Salt Flats e 46 miglia da Ubehebe Crater. Qui si trova un fornito grocery store, la preziosa pompa di benzina e la stazione dei rangers.

Nell'estremo ovest del parco si può dormire a Panamint Springs; la prima attrazione che si incontra in direzione della Death Valley sono le Mesquite Flat Dunes a 33 miglia, a 55 miglia da Furnace Creek, 60 miglia da Zabriskie Point, 73 miglia da Badwater Salt Flats e 77 miglia da Ubehebe Crater.

Ad est del parco, uno dei luoghi più comodi, strategici e anche economici dove dormire è Beatt y che si trova a 40 miglia da Furnace Creek, poco meno di 45 miglia da Zabriskie Point, 58 miglia da Badwater Salt Flats, 32 miglia da Mesquite Flat Dunes e 64 miglia abbondanti da Ubehebe Crater. Di seguito le principali strutture del parco:

  • Inn at Death Valley (Inn at Furnace Creek): lussuoso, costoso, con la dining room dall'aspetto elegante e con una delle piscine più scenografiche d'America. E' uno dei due alberghi ch forma il The Oasis at Death Valley.
  • Ranch at Death Valley (Ranch at Furnace Creek): in stile western e ben organizzato; qui si trovano il Borax Museum e il general store, vicini anche il Distributore di benzina e il visitor center.
  • Panamint Springs Resort: semplicissimo motel "old style". Un po' spartano, ha costi bassi ma non è adatto a tutti. Tra l'altro, data la posizione, dormire a Panamint Springs conviene solo se si è di passaggio prima o dopo aver visitato la vallata
  • Death Valley Stovepipe Wells Resort: motel nel bel mezzo del deserto dai costi leggermente inferiori a quelli del Ranch di Furnace Creek. Dispone di una piscina, un ristorante, un bar. Offre una gran vista sul deserto e sul cielo stellato

Come muoversi

La Death Valley si gira in totale autonomia in auto. Ecco alcuni consigli:

  • Fate una revisione del motore dell'auto e assicuratevi che tutto sia a posto: che ci sia una sufficiente acqua nel radiatore, il giusto livello di olio nel motore e che le gomme siano gonfie. Congliato un compressore portatile, o una ruota di scorta
  • munitevi di una scorta di acqua e di liquido per il radiatore
  • Fare il pieno di carburante; i distributori all'interno del parco sono solo 3: uno si trova a Furnace Creek, uno al Panamint Springs Resort e l'altro è al villaggio di Stovepipe Wells. Non da ultimo, qui la benzina è molto più cara che fuori!
  • Portatevi dietro le mappe aggiornate, i GPS potrebbero non essere efficienti all'interno del parco
  • se dovesse succedere un problema al motore rimanete vicino alla macchina in attesa dei soccorsi

Quanto costa visitare il Death Valley National Park? Prezzi, offerte e consigli

death valley national park california 1 L'intero parco si visita con l'acquisto di un unico biglietto (a veicolo $30,00/€25,40) che vale 7 giorni. Ciò significa che allo stesso prezzo si può fare un'escursione in giornata soffermandosi sulle attrazioni principali del parco, oppure esplorarlo con tutta calma nell'arco di un'intera settimana. Se state facendo un on the road tra i parchi del sudovest, sappiate che la Death Valley rientra nel National Park Pass, che comprende l'ingresso a diversi parchi nazionali americani ($80,00/€67,70).

Tutte le zone del parco sono visitabili in totale libertà con la propria auto; nessuna zona è preclusa e non vi è l'obbligo di escursioni guidate in alcuni punti. Come meglio spiegato nell'apposita sezione, se si visita il parco per più giorni consecutivi, l'ideale sarebbe soggiornarvi all'interno, ma ciò implicherebbe un aggravio di costi sia per l'alloggio (da €150,00 a notte) che per il rifornimento di carburante per il vostro mezzo, ovviamente la benzina all'interno dei parchi è molto più costosa rispetto a quella dei distributori in città. Da valutare una sistemazione nei pressi delle varie entrate del parco (costi più bassi, da €60,00 a notte) in base al giro organizzato.

Escursioni e tour prenotabili

Assicurazione di viaggio: il nostro consiglio

Noi ci affidiamo sempre alla compagnia Compagnia di assicurazioni , che fornisce una copertura completa a dei prezzi assolutamente competitivi.
Inoltre mettono a disposizione un'assistenza clienti, un call center sempre attivo e l'assicurazione medica h24 con consulenza medica telefonica Illimitata: sappiamo bene che quando ci si trova all'estero in situazioni di emergenza, trovare un consulente sempre pronto a rispondere è la cosa più importante.
Visita il loro sito e ricevi uno sconto del 10% sulla tua polizza riservato agli utenti di Travel365.