Madagascar Baobab Albero Natura 1Terra unica, ricca di risorse, tra le più belle al mondo, capace di accontentare ogni tipo di viaggiatore, lo stato insulare del Madagascar rappresenta una meta particolarmente ambita dagli ecoturisti di tutto il mondo grazie alla sua straordinaria biodiversità. Infatti, l'omonima isola principale è riconosciuta come uno dei più importanti centri di endemismi ristretti dell'intero pianeta. Molte sono le specie, sia animali che vegetali, esclusive di questa isola paradisiaca.
Dai mastodontici baobab divenuti ormai simbolo nazionale fino alle numerosissime specie di lemuri.
Si ok, ma... quali sono le cose davvero imperdibili e assolutamente da vedere?
VEDI ANCHE: Madagascar: dove si trova, quando andare e cosa vedere

1 - Route National 8: Baobab Avenue

Route nationale 8: la Baobab AvenueFoto di Gavinevans. La strada statale nota come la Avenue des Baobab collega il comune di Morondava con quello di Belo Sur Tsiribinhina, ed è lunga 198 km. La particolarità sta nel fatto che lungo il suo percorso è possibile ammirare esemplari secolari di Baobab, e per questo è stata classificata come Monumento Naturale
Al tramonto questi immensi alberi creano, tra i loro rami, giochi di luce incredibili per scatti mozzafiato.

2 - Parco Nazionale Tsingy de Bemaraha

parco madagascar tsingy rouge terraQuesto parco è classificato dall'Unesco come Patrimonio dell'Umanità ed è meglio conosciuto con il nome di foresta di pietra. Si tratta infatti di un grande massiccio di origine carsica che si estende da nord a sud per 100 km e le escursioni proposte per visitarlo durano solitamente almeno 3 giorni.
Il primo giorno vi attende un viaggio in 4x4 durante il quale attraverserete due fiumi a bordo di zattere particolari che trasporteranno veicolo e passeggeri e nel frattempo potrete osservare la vita lungo le sponde dei fiumi.
Nei due giorni successivi visiterete il parco a piedi accompagnati da una guida locale. Durante la visita camminerete su sentieri scoscesi e attraverserete ponti sospesi in aria, pertanto serve la massima attenzione e agilità nei movimenti. Il parco comunque fornisce l'imbragatura di sicurezza necessaria per effettuare l'escursione.
VEDI ANCHE: Parco Nazionale Tsingy de Bemaraha, Madagascar: dove si trova, quando andare e cosa vedere

3 - Parco nazionale di Ranomafana: l'habitat dei Lemuri

Parco nazionale di RanomafanaFoto di Gripso banana prune. Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, occupa una superficie di oltre 400 metri quadrati, in prevalenza caratterizzati da un ecosistema di foresta pluviale. Questo permette lo sviluppo di tantissime specie arboree e in generale di una flora ricchissima.

L'escursione al parco Nazionale di Ranomafana è la più ricercata quando si arriva in Madagascar. Il motivo? I lemuri! Questa specie a rischio di estinzione è molto diffusa in Madagascar, ma il Ranomafana è praticamente la loro casa. Una giornata in questa grande riserva naturale vi permetterà di avvistarne in quantità e osservarli nel loro habitat naturale, ma incontrerete anche molte altre specie, quali camaleonti, iguane, uccelli e farfalle, passeggiando su percorsi di varia durata e livello di difficoltà, tra orchidee, felci e folta vegetazione.

Durante questa escursione si cammina tanto e a lungo, a volte su percorsi non proprio comodi, perciò è consigliata a chi ha la voglia e la forza per affrontare questo tipo di trekking alla scoperta della natura locale.
Repellente per gli insetti e scarpe comode sono tutto quello che vi serve!

4 - Parco nazionale dell'Isalo

isalo national park 08Foto di Bernard Gagnon. Questo parco è il più antico di tutto il Madagascar, fatto di massicci di arenaria risalenti al Giurassico, offre paesaggi incontaminati e panorami unici. Si tratta di un ecosistema unico in Madagascar molto simile alla savana africana, con canyon, massicci rocciosi e una fauna caratterizzata da tantissime specie endemiche. Qui si trovano uccelli come il nibbio, lo sparviero del Madagascar, rettili come boa e camaleonti, primati tra cui l'immancabile lemure, pipistrelli endemici e anfibi.

Durante un'escursione nel Parco Nazionale dell'Isalo incontrerete diversi fiumi, ruscelli, piscine naturali, cascate, canyon, gole e punti panoramici dal quale godrete di viste spettacolari, attraverserete la savana e scoprirete la vita delle popolazioni locali, i Bara, coltivatori di riso e allevatori di zebù.

Le proposte per una visita nel parco sono tante e variegate, si può infatti visitarlo a piedi o in bici scegliendo tra diversi percorsi e livelli di difficoltà. Anche questa escursione è adatta agli amanti della natura e vi serviranno molta voglia camminare e scarpe comode!

5 - Parco nazionale della Montagna d'Ambra

Parco nazionale della Montagna d'AmbraFoto di Jean-Louis Vandevivère. La superficie di circa 230 km quadrati si sviluppa attorno al vulcano. Il paesaggio naturale è di straordinaria bellezza grazie alla presenza di un lago vulcanico e di numerosi corsi d'acqua e cascate.
Anche qui, fauna e flora sono ricchissime, con lemuri, uccelli, rettili e anfibi di tantissime specie.
Il parco si gira piacevolmente a piedi grazie a sentieri e punti di appoggio. E' presente persino un campeggio vicino l'ingresso del parco.

6 - Parco nazionale di Andohahela

Parco nazionale di AndohahelaFoto di Zigomar. La sua superficie di 760 km quadrati circa è divisa ad oriente in foresta pluviale e ad occidente in foresta spinosa.
Anche qui una ricchissima fauna con 13 specie di lemuri, molte delle quali facilmente visibili durante il giorno.
La sua particolarità sta nell'essere l'unica area protetta del Madagascar a sud del Tropico del Capricorno con una foresta umida, dovuto alla presenza delle barriere naturali rappresentate dalla catena dei monti Anosy.
VEDI ANCHE: Safari in Madagascar: prezzi, quando andare e dove

7 - Parco nazionale di Marojejy

Parco nazionale di MarojejyFoto di Eric Mathieu. L'area protetta, patrimonio dell'umanità, si sviluppa intorno alla sua attrazione principale: il Massiccio di Marojejy.
La sua particolare conformazione ha dato luogo a diversi micriclimi che hanno caratterizzato due tipologie di foreste pluviali e due di foreste montane. Non mancano anche qui i lemuri, le ghiandaie, aquile, rettili e anfibi.
All'interno del parco è possibile vivere una esperienza in pieno contatto con l'ambiente e la natura circostante grazie alla presenza di accampamenti rurali.

8 - Isola di Nosy Be

Isola di Nosy BeFoto di User:Saidfaid. Se il fascino dell'entroterra malgascio non è quello che state cercando, e siete tra quei turisti che non possono fare a meno del mare, Nosy Be potrebbe fare al caso vostro.
Poco al largo della costa nordoccidentale, questa piccola isoletta non è altro che l'eden dei turisti da spiaggia.
E' uno dei principali poli turistici del Madagascar grazie alla presenza di un aeroporto e della riserva naturale di Lokobe, un'area protetta con ciò che rimane della foresta pluviale che prima ricopriva tutta l'isola.

Un tour di nosy Be vi permette di visitare l'albero sacro, Dzamandzar, e Hell Ville, il mercato centrale dell'isola, praticare immersioni alla scoperta della barriera corallina nelle isole circostanti di Nosy Tanikeli, Nosy Volona e Nosy Komba e infine ammirare il tramonto sul Mont Passot ad ammirare il bellissimo tramonto.

VEDI ANCHE: Isola di Nosy Be, Madagascar: dove si trova, quando andare e cosa vedere

9 - Foresta di Lokobe

Se vi trovate a Nosy Be o volete comunque visitarla ma siete interessati più alle foreste che alle spiagge, non potete perdere un'escursione nella Foresta di Lokobe, un'altra grande riserva naturale malgascia. Anche questo tour è proposto da ogni agenzia locale e prevede una visita al villaggio di pescatori di Ambatozavavy e un successivo trekking nella foresta con giro in canoa di circa 45 minuti tra le mangrovie alla scoperta di flora e fauna endemica. Durante questo giro potrete incontrare lemuri, camaleonti, gechi e serpenti, e sarà un viaggio avventuroso e naturalistico.

E' adatto a tutti in quanto si cammina poco e ci si rilassa in barca, inoltre i bambini si divertiranno tantissimo! Un accessorio fondamentale? La macchina fotografica!

10 - La città di Antsiranana

AntsirananaFoto di Regiondiana. Nota anche con il nome di Diego Suarez, è capoluogo della provincia omonima e fra le città più grandi del paese. Si trova all'estremo nord dell'isola, a ridosso del Parco Nazionale della Montagna d'Ambra.
La sua baia è la seconda più grande al mondo, ed è un punto turistico molto importante sia come punto di accesso in Madagascar dall'Oceano Indiano, sia per l'accesso ai parchi naturali limitrofi.

11 - Nosy Borah, Ile Sainte-Marie

Nosy Borah, Ile Sainte-MarieFoto di M worm. Un isolotto di circa 60 km per 10, stretto e lungo, nella costa nord orientale del Madagascar. Perché è assolutamente interessante? Ma questa è l'isola dei pirati, l'isola del tesoro! Da qui sono passati bucanieri dei sette mari come il Capitano Kidd!
E se non siete appassionati di storie di pirati (dai, davvero...??), vi potrebbe interessare sapere che quest'isola è il luogo di riproduzione delle balene megattere dell'Antartico, e quindi luogo privilegiato per il Whale Watching.
E se non vi interessa neanche questo (eh, ok ragazzi... qui c'è qualche problema!), allora date un'occhiata alle spiagge e al mare di Nosy Borah... e poi diteci che siete rimasti indifferenti!
VEDI ANCHE: Le 10 spiagge più belle del Madagascar

12 - Anakao, il borgo di pescatori

Anakao, il borgo di pescatoriFoto di krishna naudin. Un delizioso paesino di pescatori, con appena 3.000 abitanti, nella regione sud occidentale dell'isola.
Anakao ospita alcuni fra i più lussuosi resort del Madagascar, grazie alla sua conformazione per lo più pianeggiante con spettacolari dune di sabbia.
Le spiagge sono da cartolina, con sabbia bianca e mare cristallino, ricchissimo di pesci, e ideale anche per gli amanti del surf!
Lungo la stessa costa, poco distante, un'altra meta imperdibile per gli amanti del mare è senza dubbio Tulear (Toliara).
Qui è possibile esplorare i favolosi fondali marini corallini; un'occasione unica per tutti gli amanti degli sport subacquei. Ricchissima di flora e fauna, la barriera corallina di Tulear preserva tutta la sua integrità forse ancor più di quella Australiana.

13 - Antananarivo

Antananarivo è la capitale del Madagascar e un tour completo affidandosi ad una guida locale è il modo migliore per scoprirla e visitarla al meglio. E' una meta prettamente storica-culturale, perciò è indicata soprattutto per chi ama scoprire le città, le tradizioni e le culture locali.
Il tour si divide in tre parti: la visita del centro, un giro tra boutique e negozi, e la visita alla città vecchia. Durante la visita del centro si ammira il Lago Anosy e il monumento che si trova nel mezzo, si prosegue poi con un giro tra le boutique e i negozi degli artigiani locali, infine si va alla scoperta della città vecchia e dei suoi palazzi reali, le cattedrali e le residenze di antiche famiglie nobili.

Organizza il tuo soggiorno in Madagascar: info voli, hotel e tour

Il principale aeroporto nazionale è quello di Antananarivo, la capitale, che offre voli senza scali per 23 paesi.
Altri aeroporti importanti si trovano a Fascene, Marillac e Tuelar.
La compagnia italiana Alitalia offre servizi di volo verso il Madagascar, con partenza da Milano o Roma ,che prevedono due scali. Inoltre esistono diverse agenzie di viaggi e tour operator che offrono pacchetti completi comprendenti le spese per il volo, i trasporti, le strutture alberghiere e talvolta anche escursioni e visite guidate di parchi e aree naturalistiche, garantendo sconti parecchio convenienti.

Assicurazione di viaggio: il nostro consiglio

Noi ci affidiamo sempre alla compagnia Compagnia di assicurazioni, che fornisce una copertura completa a dei prezzi assolutamente competitivi.
Inoltre mettono a disposizione un'assistenza clienti, un call center sempre attivo e l'assicurazione medica h24 con consulenza medica telefonica Illimitata: sappiamo bene che quando ci si trova all'estero in situazioni di emergenza, trovare un consulente sempre pronto a rispondere è la cosa più importante.
Visita il loro sito e ricevi uno sconto del 10% sulla tua polizza riservato agli utenti di Travel365.