Pasqua a Siviglia 2017: le tradizioni della Settimana Santa

La Pasqua a Siviglia è un evento straordinario: Scopri tutte le tradizioni della Settimana Santa 2017, le processioni con le vare e le confraternite che rendono la Pasqua a Siviglia uno degli eventi religiosi più importanti del mondo!

Siviglia è una delle città più belle della Spagna e sicuramente anche d'Europa. Una città in cui si respira la Spagna più autentica, più verace. Suoni, musiche, colori e costumi che ti tasportano in un turbinio di sensazioni mediterranee, iberiche, vere.

VEDI ANCHE: LE CITTA' PIU' FAMOSE DELLA SPAGNA

Dalle ampie strade illuminate e circondate dal verde alle piccole taverne in cui sostare per un bicchiere di vino, dalle enormi piazze ai marciapiedi che ospitano il tipico Flamenco en la calle. Sevilla di sera è la città più bella del mondo. In qualunque periodo dell'anno. Ma, come ogni città, ci sono periodi in cui si indossa l'abito della festa, un po' come una donna, sempre bella, ma capace di esserlo ancora di più.

La Settimana Santa a Siviglia

La "Semana Santa" è uno degli eventi più importanti per la comunità sivigliana, risalente addirittura al XIV secolo. Uno spettacolo di folklore che inizia con la Domenica delle Palme e termina la Domenica di Pasqua, con un susseguirsi di sfilate e processioni che rendono questo appuntamento uno dei più importanti nel panorama mondiale.

VEDI ANCHE: DOVE ANDARE A PASQUA IN EUROPA

A partecipare sono 57 confraternite, e tantissimi abitanti della città che seguono le processioni chi con i copricapo a punta, i "capirote", chi portando ceri, chi croci.

Le Confraternite: Formazione, Culto e Carità

Quella della Settimana Santa a Siviglia non è il frutto di 7 giorni, ma c'è molto di più. E' l'impegno di tutto l'anno da parte di confraternite che si adoperano seguendo i loro 3 principi cardine: Formazione, Culto e Carità.
Durante tutto l'anno infatti si spendono in opere di carità, assistenza ai bisognosi, sia in città che in provincia. Una organizzazione che ha persino un consiglio, il "Consiglio Generale delle Fratellanze e delle Confraternite", con i membri eletti ogni 4 anni dai più anziani, e che hanno l'incarico, di concerto con le autorità, di organizzare la Settimana Santa.

Le Processioni

Queste prevedono un percorso ufficiale, chiamato "Recorrido y Carrera oficial", passando per le stazioni di penitenza previste, portando "los pasos", ovvero le vare, statue o gruppi di immagini sacre che rappresentano Gesù Nazareno, la Madonna o un mistero.
La tradizione prevede che le confraternite, prima di inserirsi nel circuito ufficiale, chiedano il "consenso d'accesso" o "Pedir la venia" al rappresentante del consiglio.
Ciascuna confraternita ha un suo "ordine di processione": nei giorni della semana santa, si alternano in base alle antiche tradizioni. Il giorno più importante è "La Madrugada", ovvero la notte tra il Giovedì e il Venerdì santo, con la processione aperta dalla più antica delle confraternite, la "Hermandad del Silencio". In questa notte, i partecipanti alla processione raggiungono il milione, tutti in cammino doloroso verso la Cattedrale di Sevilla.

Consigli per i turisti

Si tratta di un periodo di grande calca, molto sentito, e a prescindere che sia sia cristiani, credenti o meno, sono giornate in cui si respira un'area straordinaria, pura, sevillana fino all'osso. Musiche, colori, eccezionali fragranze di fiori d'arancio che inebriano l'aria. Naturalmente, un po' come in tutti i periodi super affollati, ci sono alcuni piccoli accorgimenti da seguire!

  1. Se si è in possesso di automobile, è preferibile lasciarla in hotel perché l'esperienza è da godere assolutamente a piedi. E perché, anche volendo, sarebbe impossibile altrimenti;
  2. In linea con quanto al punto 1, abbigliamento comodo e soprattutto scarpe comode: ci sarà parecchio da camminare!
  3. In un'edicola o in uno qualunque dei centri di informazione turistica, fatevi dare un programma delle processioni, vi verrà più facile seguirle e capirle.
  4. Se siete con bambini piccoli, non fateli allontanare perché la folla è tale che a perdersi ci vuole meno di un attimo.
  5. Capite bene che si tratta di un periodo ultra affollato e super turistico: prenotate la vostra sistemazione per tempo, sia per una questione di prezzi che per una fatto di disponibilità di posti.
  6. Non risparmiatevi nell'assaggio delle pietanze tipiche della festa: baccalà con ceci, baccalà con pomodoro, tortillas de camarones (frittate di gamberi), oltre ai sempreverdi jamon serrano, paella, gazpacho e, naturalmente, tapas!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti