Cosa Vedere a Mantova e dintorni: 10 cose da visitare assolutamente

Cosa c'è da vedere a Mantova? Da Palazzo Ducale a Palazzo Te, da Sabbioneta a Castello San giorgio: Ecco una guida delle cose da visitare nei dintorni della città in uno o 2 giorni. Segna nella tua mappa i luoghi dove mangiare e le cose da vedere assolutamente.

Mantova è una città incantevole, dichiarata nel 2008 Patrimonio Culturale dell'Umanità dall'Unesco, quest'anno è stata nominata anche Capitale Italiana della Cultura. Facile capirne i motivi, viste le eccezionali realizzazioni artistiche, urbane e architettoniche che potete trovare in città.
Sono davvero numerosi, infatti, i palazzi, le chiese, i musei, i luoghi di interesse che fanno parte del patrimonio artistico e culturale di Mantova.
In questo articolo vi proponiamo 10 cose che dovete assolutamente visitare!

1 - Palazzo Ducale

Palazzo Ducale
La grandezza di Mantova è strettamente legata a un'importante famiglia che l'ha governata nei secoli, vale a dire quella dei Gonzaga. E il meraviglioso Palazzo Ducale è il luogo che ha visto nascere e sviluppare il loro potere. Si tratta di uno dei più vasti palazzi di corte in Europa, e anche uno dei più articolati complessi architettonici italiani, per via dell'accostamento di stili diversi di epoche diverse.
Residenza della famiglia Gonzaga per più di quattro secoli, il Palazzo si sviluppa attraverso continue stratificazioni e aggregazioni, a partire dal primo nucleo costruito dai Bonacolsi alla fine del Duecento. Il nucleo originale è costituito dal palazzo del Capitano e dalla Magna Domus, entrambe affaciate su Piazza Sordello. Il complesso nel corso dei secoli diventò fortezza e reggia della dinastia, centro di tutta l'attività della città.
All'interno delle oltre 500 stanze, è possibile ammirare diversi tesori artistici degli artisti del Rinascimento, come Tintoretto, Pisanello, Tiziano e Andrea Mantegna, che fu pittore di corte.

2 - Palazzo Te

Palazzo Te
Un altro meraviglioso palazzo da non perdere in città, nonché uno dei complessi rinascimentali meglio conservati, è Palazzo Te, capolavoro realizzato da Giulio Romano su commissione di Francesco II Gonzaga. Il nome deriva da una delle isole che una volta c'erano sul canale di Mantova, l'isola di Tejeto, abbreviata appunto in "Te".
Le sale sono affrescate in maniera sublime: da citare sono le famose Sala dei Giganti, con affrescate scene classiche di gruppi di Titani e antiche divinità pagane, la Sala Di Amore e Psiche e la Sala dei Cavalli, con affreschi delle scuderie dei Gonzaga. All'interno del palazzo è ospitato il Museo Civico di Mantova.

3 - Castello San Giorgio e la Camera degli Sposi

Castello San Giorgio
Il Castello di San Giorgio nasce come edificio difensivo alla fine del 1300, è riconoscibile dalle sue 4 torri, di cui quella situata a nord-est ospita la celeberrima Camera degli Sposi (Camera Picta), affascinante testimonianza della vita di corte nel 500, situata negli appartamenti che furono di Isabella d'Este e con un meraviglioso ciclo di affreschi alle pareti e sulle volte del soffitto, realizzato da Andrea Mantegna.
All'interno del Castello sono inoltre conservate importanti testimonianze storiche ed artistiche, come l'Appartamento dei Nani, l'Appartamento Estivale e la Galleria dei Mesi.

4 - Palazzo della Ragione

Palazzo della Ragione
Attraverso il Portico dei Lattonai, si raggiunge facilmente la Piazza delle Erbe, così chiamata per via della presenza di un mercato. La Piazza è circondata da portici su tre lati e accoglie diverse costruzioni tardo-medievali, tra cui il bellissimo Palazzo della Ragione, un enorme edificio merlato a due piani, realizzato nel XII secolo. È possibile ammirare dei meravigliosi affreschi, databili alla fine del XIII secolo, all'interno salone superiore, raggiungibile attraverso una scala esterna coperta. A fianco dell'edificio trovate la famosa Torre dell'Orologio.

5 - Il Comune di Sabbioneta

ll Comune di Sabbioneta
Conosciuta come "la città ideale", Sabbioneta, sicuramente tra i borghi più belli d'Italia, è stata annoverata, insieme a Mantova, tra i Patrimoni Culturali dell'Unesco nel 2008 e rappresenta uno dei massimi esempi dello stile architettonico rinascimentale lombardo. La città fu edificata dal nulla nella seconda metà del Cinquecento su modello delle antiche città del mondo classico.
Oggi la città conserva pressoché intatta la sua struttura urbanistica, abbracciata dalla possente cortina muraria difensiva, alla quale si accede attraverso imponenti porte monumentali, e al suo interno contiene eccellenti esempi di architettura e arte pittorica tardo rinascimentale. Da non perdere sono gli incantevoli Palazzo Ducale, Palazzo Giardino e il Teatro all'Antica.

6 - Palazzo del Podestà

Palazzo del Podestà
Il palazzo, conosciuto anche come Palazzo del Broletto, è stato costruito nel 1227 e fu per diversi anni sede del governo comunale della città. Il palazzo chiude la piazza delle Erbe col suo lato posteriore, mentre la facciata è su piazza Broletto.
Il lato che affaccia su questa piazza, ospita una nicchia con la statua di Virgilio in Cattedra. Il lato destro è occupato da una torre civica che aveva la funzione di carcere, mentre alla base troviamo il Portico dei Lattai, che conduce a Piazza delle Erbe.

7 - Basilica di Sant'Andrea

Basilica di Sant'Andrea
La Basilica di Sant'Andrea è la più grande chiesa della città, ed è anche uno dei più importanti esempi di arte rinascimentale. Fu commissionata nel 1462 da Ludovico II Gonzaga a Leon Battista Alberti, che realizzò la meravigliosa facciata.
Per completare la chiesa ci sono voluti tre secoli: la cupola è stata realizzata nel Settecento da Juvarra. Nella cripta è custodita la sacra reliquia "del Preziosissimo Sangue di Cristo" portata a Mantova da Longino, centurione romano. All'interno della chiesa è sepolto Andrea Mantegna.

8 - Rotonda di San Lorenzo

Rotonda di San Lorenzo
Segnatevi tra le cose da vedere a Mantova anche la bellissima Rotonda di San Lorenzo. Sita a lato di piazza delle Erbe, è la chiesa più antica della città, costruita nel XI secolo durante la dominazione dei Canossa. Si tratta di un notevole esempio di arte romantica, e si compone di un abside semicircolare che espone affreschi di arte bizantina.

9 - Cattedrale di San Pietro

Duomo
Il Duomo di Mantova è stato dedicato all'apostolo Pietro. Originariamente edificata in epoca paleocristiana, la chiesa è stata più volte rimaneggiata nel corso dei secoli: il campanile presenta uno stile romanico, la facciata, invece, decorata da rosoni e pinacoli, è in stile Barocco e ha sostituito l'antica facciata in stile gotico. L'interno della chiesa fu invece ristrutturato nel 1545 da Giulio Romano, il quale si era ispirato alla Basilica di San Pietro a Roma.

10 - Casa del Mantegna

Casa del Mantegna
Per concludere il vostro giro in città, vi segnaliamo questo piccolo gioiello architettonico che è la casa del Mantegna, pittore di corte dei Gonzaga. L'edificio fu realizzato dall'artista nel 1476 su un terreno donatogli da Ludovico Gonzaga, probabilmente come premio per il duro lavoro fatto per realizzare i magnifici affreschi della Camera degli Sposi.
Il palazzo, progettato su un disegno geometrico perfetto, si sviluppa su due piani concepito su una pianta quadrata, nel cui centro si erge un maestoso cortile circolare. Oggi la casa, che è visitabile gratuitamente, è un punto di riferimento fondamentale dell'arte padovana e al suo interno vengono spesso ospitate mostre temporanee.

Consigli utili: Dove mangiare a Mantova?

Torta sbrisolona
Antica Osteria ai Ranari

  • Via Trieste, 11
  • 0376 328431
  • Piccola osteria che serve piatti tipici della cucina mantovana.

Panificio Pasticceria Pavesi

  • Via Broletto, 19
  • 0376 322460
  • Ottima pasticceria dove poter gustare la torta tipica di Mantova, la famosa e buonissima Sbrisolona.

L'Ochina bianca

  • Via Giuseppe Finzi, 2
  • 0376 323700
  • Trattoria tipica, consigliati in assoluto i tortelli alla zucca e gli ottimi bigoli.

Gelateria Loggetta

  • Piazza Broletto, 12
  • 0376 181286
  • Se vi viene voglia di gelato, provate questa gelateria in pieno centro, una delle migliori in città.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti