Viaggiare con bambini: 8 consigli per loro e per te!

Hai in programma di viaggiare con bambini piccoli e temi di impazzire? Non preoccuparti, ecco consigli pratici per godervi la vacanza in tranquillità e relax!

viaggiare con i bambini, consigli utili
Viaggiare con i bambini? Una vera impresa! Organizzare il giusto bagaglio, spiegare ai più piccoli come funzionerà il loro soggiorno, gestire eventuali complicazioni è di certo impegnativo, ma non impossibile. Portare il proprio cucciolo d'uomo al mare, in montagna o all'estero è un'esperienza da vivere e lo stress riversato sull'organizzazione dell'itinerario e del soggiorno verrà ampliamente ripagato da sorrisi e momenti vissuti in famiglia, tutti da immortalare in foto e da custodire con cura. Esistono, inoltre, alcuni piccoli accorgimenti per trasformare la vostra vacanza in famiglia in un ricordo di pura gioia.

1 - Non affrettare i tempi

c e un eta giusta per portare i bimbi in vacanza
E' consuetudine, soprattutto tra i neogenitori, bruciare le tappe in materia di vacanze da trascorrere con il proprio pargoletto. In realtà, sarebbe meglio non affrettare le cose. In generale, il consiglio è di far passare almeno dieci giorni dalla nascita del bebè prima di mettersi in viaggio, proprio per salvaguardare l'incolumità del piccolo. Attendere, comunque, anche qualche mese prima di pianificare soggiorni lontano da casa, è da ritenersi una scelta saggia.

2 - Organizzare la valigia

la gestione dei bagagli e importantissima se si viaggia con bimbi
Non è necessario portare l'intera abitazione in viaggio, specialmente quando si progetta una vacanza con bambini a carico. Portate dietro ciò che ritenete indispensabile, mentre il superfluo potrete sempre acquistarlo una volta giunti a destinazione. Tra i must da avere in valigia per i più piccoli, segnaliamo:

  • pannolini (spesso non tutte le marche sono adatte al nostro bebè: meglio premunirsi di una scorta accettabile da mettere in valigia) e ciucciotti;
  • indumenti adatti alla meta prescelta (non troppi, bastano alcuni capi, un cappellino ed un maglioncino per le serate più fresche);
  • bavaglini e salviettine umidificate;
  • alcuni farmaci per le emergenze: antipiretico per bambini, pomate per gli arrossamenti, soluzione fisiologica per il naso, oltre ad una crema solare pensata per i più piccoli

3 - Controllare le vaccinazioni e i documenti

non dimenticate di controllare le vaccinazioni
Non dimenticate mai, prima di partire, di controllare il libretto delle vaccinazioni del vostro bimbo, per verificare che sia tutto in regola. Stesso discorso vale con i documenti di viaggio (carta d'identità, passaporto, tessera sanitaria, ecc.).

4 - Organizzare un viaggio a misura di bimbo

pianificate il viaggio a misura di bimbo
Quando si decide di partire con figli a carico, è indispensabile pianificare l'intero soggiorno a misura di bimbo. Se in coppia possiamo muoverci zaino in spalla come degli Indiana Jones improvvisati, con un bebè tutto cambia. Dalla scelta dell'albergo dove soggiornare all'itinerario pensato per non correre rischi inutili, agli orari di pranzo e cena, tutto cambia e molte strutture recettive sono appositamente pensate per soddisfare le esigenze delle famiglie. Non dimenticate, ad esempio, che se la vostra vacanza sarà in una località di mare, gli orari per andare in spiaggia cambieranno drasticamente se sarete in compagnia di un bambino: dimenticate la tintarella a mezzogiorno, quindi!

5 - Scegliere il giusto mezzo di trasporto

scegliere il giusto mezzo di trasporto
Quando si progetta un soggiorno con i nostri bambini, una delle domande più ricorrenti è: qual è il miglior mezzo di trasporto per loro? In linea di massima automobile, treno, nave ed aereo presentano tutti dei punti di forza e degli svantaggi. La chiave per spostarsi in tutta tranquillità è, magari, adottare dei piccoli accorgimenti per non trasformare il momento del viaggio in uno stress per voi e per i vostri bambini.

  • Se l'aereo sarà il mezzo con cui sceglierete di muovervi, cercate di prenotare con largo anticipo. Informatevi sulla compagnia aerea prescelta, sulle opzioni offerte in caso di viaggio con bebè a carico e, se potete, scegliete un orario serale per viaggiare con i vostri piccoli, per conciliare il loro sonno e rendere il tragitto il meno traumatico possibile;
  • Se viaggerete in auto, avrete sotto controllo la situazione. Anche in questo caso, però, i rischi ci sono, ma possono essere aggirati con facilità. In primis, mai lasciare da soli i bimbi in automobile (la cronaca, purtroppo, insegna); viaggiare negli orari giusti, quando le temperature non sono eccessivamente elevate; se possibile, evitare i viaggi in notturna, per salvaguardare l'incolumità di tutti i passeggeri a bordo; effettuare delle soste almeno ogni due ore per sgranchirsi le proprie gambe e quelle dei propri bambini e per mangiare; non esagerare con l'aria condizionata; premunirsi, in caso di bambini piccoli, di seggioloni e/o ovetti conformi alle normative europee, da posizionare in maniera corretta sui sedili posteriori della nostra autovettura;
  • Il treno è il mezzo di trasporto da preferire, sia per comodità che per possibilità di muoversi, da parte deii genitori e dei propri bimbi: se il viaggio dovesse protarsi, non dimenticate di portare con voi giochini o libri con i quali intrattenere i più piccoli;
  • Le crociere in nave sono sempre più gettonate anche tra le famiglie. anche in questo caso, occorre informarsi bene sull'itinerario e sulle offerte famiglia che offrono le varie compagnie di navigazione.

6 - Dilemma passeggino

i passeggini, dilemma delle famiglie in viaggio
Portare o no il passeggino in vacanza è uno dei dilemmi chiave delle famiglie. Spesso si preferisce armarsi di marsupio, meno ingombrante di carrozzine e simili, ma non sempre più pratico, per trasportare i più piccoli durante il nostro soggiorno. La soluzione migliore, come spesso accade, sta nel mezzo: esistono in commercio, infatti, passeggini leggeri e maneggevoli, sicuri e comodissimi, da portare sempre con sè in caso di lunghi spostamenti.

7 - La sicurezza, innanzitutto

come tenere sott occhio il proprio bimbo
Perdere di vista il proprio bambino è uno degli incubi ricorrenti dei genitori. Purtroppo può accadere, ma niente panico: esistono, anche in questo caso, alcune dritte che possono tutelare la salvaguardia dei più piccoli, consentendo un ritorno felice tra le braccia di mamma e papà.

  • Scrivere su braccio del bambino il vostro nome e numero di telefono potrebbe scongiurare il rischio di non veder tornare il proprio pargolo a casa in tempi brevi. Potreste procurarvi anche un braccialetto su cui incidere queste informazioni (ed, eventualmente, anche informazioni mediche di vitale importanza, in caso di patologie presenti nel bimbo);
  • La tecnologia, in questo terribile caso, può venirci in soccorso. Esistono, infatti, in commercio dei dispositivi di tracciamento GPS sottoforma di bracciale da far indossare al vostro bimbo o da agganciare al suo zainetto, con il quale seguire ogni spostamento di vostro figlio tramite app da installare su smartphone.

8 - Godersi appieno la vacanza

relax con i bimbi
"Relax, take it easy!" non è solo il titolo di una nota canzone di Mika, ma un vero e proprio mantra da seguire in vacanza. Ricordate che, per quante macchinazioni e pianificazioni possano esserci dietro il vostro soggiorno da sogno in famiglia, nulla è perfetto. L'imprevisto dell'ultima ora è sempre dietro l'angolo e gestirlo con equilibrio è la chiave per non mettere a rischio la propria vacanza. Godetevi ogni attimo in compagnia dei vostri bambini e non lasciatevi scoraggiare dalle difficoltà last minute: vivete attimo per attimo e trasformate i piccoli intoppi in occasioni di crescita e - perchè no? - di divertimento da condividere con i vostri cuccioli d'uomo!


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Commenti sull'articolo
  • Loredana Lory
    Loredana Lory 12 Aprile 2018 19:25

    Salve a tutti mio nipote è cittadino italiano x venire in Romania serve altro oltre la carta di identità? Per viaggiare solo con la mamma

    Rispondi
    Travel365
    Travel365 13 Aprile 2018 11:03

    Buongiorno Loredana,
    se suo nipote viaggia con la mamma, dovrebbe essere sufficiente la carta d'identità valida per l'espatrio o il passaporto.
    In alcuni casi, prima di intraprendere il viaggio si consiglia di munirsi di un certificato di stato di famiglia o di estratto di nascita del minore da esibire in frontiera qualora le autorità lo richiedano.

    In ogni caso, prima di mettersi in viaggio con minori consigliamo sempre di informarsi preventivamente presso l'Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia.

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti