Hay-on-Wye: la città dei libri in Galles

Hai mai sentito parlare del paese dei libri in Galles? Ecco storia e curiosità su Hay on Wye, nota in tutto il mondo come la città dei libri! Scopri quando si tiene il famoso festival annuale che attira bibliografi ed appassionati lettori da tutto il mondo.

Esiste un paradiso per gli amanti della lettura? Si! In Galles un paesino soddisfa ogni piccola e grande esigenza dei veri booklovers. Un grazioso Principato che, con il suo Re ed il suo "libroso" castello, vi condurrà attraverso un'esperienza intrisa di cultura, tra graziosi negozietti e deliziosi prodotti locali. Curiosi? Scopritelo con noi!

La citta dei libri

La citta dei libriVicino al Brecon Beacon National Park, in una zona del Galles straordinariamente splendida dal punto di vista paesaggistico e naturale, sorge Hay-on-Wye. Un piccolo villaggio medievale vi attende al confine con la contea inglese di Herefordshire, ai piedi di una catena montuosa, a un'ora di automobile da Cardiff. Questa cittadina è meglio nota come "la città dei libri", perché possiede librerie ad ogni angolo, biblioteche e scaffali che ospitano migliaia di volumi.
VEDI ANCHE: LE 20 LIBRERIE PIU' BELLE DEL MONDO
Vi starete chiedendo come mai. Beh, la storia che diede il via a tutto questo è piuttosto curiosa.

Le Origini: l'idea di diventare un Re

Hay-on-Wye: la città dei libri in GallesNel 1961 Richard Booth decise di aprire la sua prima libreria di libri usati nella vecchia stazione dei pompieri. Nel corso degli anni Sessanta ne sono state aperte molte altre, tanto che all'inizio degli anni Settanta Hay-on-Wye si guadagnò l'appellativo di booktown.
Nel 1977, il 1 aprile, Richard Booth ebbe, però, una geniale idea pubblicitaria: proclamare il paese principato autonomo e autodichiararsi Re. Si decise, quindi, di trasformare la fortezza della città in libreria, ospitando migliaia di volumi grazie a scaffali posti ovunque. Il Re di Booktown decise, poi, di formare la propria corte di bibliofili. I sudditi seguirono il suo regale esempio e aprirono nuove librerie. Nel 2000, sempre il 1 aprile, King Richard Booth nominò anche i membri della "Casa dei Lords" locale.

Le librerie da visitare nella Città dei Libri

Le librerie da visitare nella Città dei LibriTra le numerose librerie da visitare, c'è quella storica e spettacolare che porta il nome del Sovrano, con saloni in legno su tre piani, divanetti, cinema, centro yoga e un'elegante caffetteria. Da non perdere anche:

  • la Murder and Mayhem, specializzata in noir e mistery. Ha una stretta scaletta e sagome di morti ammazzati disegnate per terra;
  • La Stella & Rose's Books vende, invece, volumi rari e libri illustrati per bambini;
  • Suggestiva è la libreria The Poetry Bookshop che ospita raccolte poetiche in tutte le lingue;
  • Quella che possiede un maggior numero di volumi è, ovviamente, la fortezza medievale del XIII secolo, gestita dalla fondazione Hay Castle Trust. Seppure minuscolo, l'interno non occupato dai testi, ospita anche botteghe artigianali e pub dov'è possibile degustare birre fatte in casa e cibi tipici;
  • La Hay Cinema Bookshop possiede scaffali all'aperto;
  • La Francis Edwards è una libreria di volumi rari in attività dal 1885;
  • La C. Arden Bookseller è, invece, specializzata in libri sulla natura e di botanica.

Insomma qui i libri non sono solo un passatempo, ma una vera istituzione! Oltre 40 librerie per poco più di 1800 abitanti del Regno dei Lettori. Booktown ormai è il maggior centro al mondo di volumi usati e d'antiquariato. Per non lasciare angoli dimenticati e senza libri, hanno creato anche gli Honesty Bookshops, veri e propri negozi a cielo aperto (uno di questi si trova lungo le mura del castello) dove si può prendere ciò che si vuole lasciando in un barattolo di latta rosso una sterlina per i libri con copertina rigida, 50 centesimi per gli altri.

Hay-on-Wye Festival

Hay-on-Wye FestivalDal 1988 questo paesino è anche teatro di un festival letterario, patrocinato dal quotidiano The Guardian.
Tra la fine di Maggio e l'inizio del mese di Giugno richiama ogni anno quasi 500mila visitatori fra scrittori, editori, artisti ed appassionati. Nell'edizione del 2002 Bill Clinton fu uno dei principali ospiti che definì l'evento come "Woodstock of mind". Durante i 10 giorni del festival del libro i "libridinosi" trovano pane per i loro denti, tra eventi per piccoli e grandi lettori.
VEDI ANCHE: LE FESTE PIU' STRANE DEL MONDO
Ma se il vostro compagno di viaggio non sopporta proprio i libri?! Niente paura! Oltre alle librerie, Hay-on-Wye regala incantevoli passeggiate tra negozi di artigianato, antiquariato e pub ricchi d'atmosfera in edifici in stile georgiano. Inoltre la località offre bellissimi ed interessanti diversivi: le gole di minerali Patrimonio Unesco (tra cui Blaenavon); paesaggi incantati da visitare su un grazioso trenino a vapore; il Forest Fawr, il primo geoparco globale del Galles e d'Europa.
Booktown è anche il punto di partenza per ammirare altri luoghi meravigliosi come la Wye Valley, i resti dell'abbazia cistercense Tintern Abbey, il Raglan Castle e il Llanthony Priory.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti

Torna su