Urbino: tra salite, discese e studenti

9 Voti ricevuti
Durata del viaggioDURATA VIAGGIO 1 Giorni Budget approssimativo a personaBUDGET A PERSONA Da 1€ a 250€ Diario di viaggio insiema aCON CHI In coppia Continenti VisitatiCONTINENTI VISTI Europa
Urbino, antica capitale del ducato di Montefeltro, è un comune immerso tra le belle colline marchigiane.
Durante uno dei miei weekend lunghi mi trovavo in Emilia-Romagna, proprio vicino al confine marchigiano, così ho decido di andare a fare un giro nella città natale di Raffaello.

Stati Visitati: Italia

Hai fatto un viaggio ed anche tu vuoi scrivere un diario di Viaggio?
È gratis, Clicca qui!
maybeifindmyself.com maybeifindmyself.com Visualizza Profilo

Vota questo diario di viaggio:
Clicca mi piace.

Mi Piace

Giorno 1

Urbino è famosa per essere stata uno dei più importanti centri del Rinascimento italiano, di cui ancora oggi conserva perfettamente l’eredità architettonica, e per contare più studenti che abitanti in giro per la città.

Questa è infatti una delle più importanti città universitarie italiane, e una delle più belle, aggiungerei! Insomma, sarà che ho visto dove hanno studiato a Firenze i miei psicologi, ma l’Università degli Studi Carlo Bo è tutta un’altra storia.
Adesso torniamo alla visita però. Dopo aver parcheggiato fuori dalle mura ho raggiunto il cuore pulsante di Urbino: Piazza Rinascimento. La piazza ospita il Palazzo Ducale, voluto da Federico da Montefeltro e costruito nel XV secolo, e il Duomo, costruito in stile neoclassico. Da qui decido di muovermi in maniera casuale, lasciandomi ispirare dai faticosi vicoletti. Sì, perché Urbino sorge sopra un colle e le sue strade sono un continuo sali e scendi... insomma, per gli studenti residenti in città l’attività fisica è compresa e gratuita!

Mi imbatto poco dopo nell’Oratorio di San Giovanni, che contiene stupendi affreschi, nella casa natale di Raffaello, nel monumento a lui dedicato e in alcuni vicoletti dai nomi curiosi ed insoliti. Lungo una delle vie principali se ne snodano ad esempio due, uno di fronte all’altro, chiamati Via Volta della Morte e Via Balcone della Vita.
Se dopo tutta questa strada tra salite e discese ancora non siete stanchi allora non potrete perdervi una visita alla Fortezza Albornoz, collocata sul monte più alto di Urbino, dalla quale si gode di una spettacolare vista sulla città.

Prima di arrivare avevo letto qualcosa sulla storia e sulla bellezza di questa città, ma credetemi, nessun libro potrà prepararvi allo stupore che proverete trovandovi di fronte a questo maestoso borgo rinascimentale, quindi avete una sola opzione: correre a visitarlo!

Qualcosa in più: se vi trovate ad Urbino è d’obbligo un pasto a base di crescia sfogliata. Questa specie di piadina, in cui pare si aggiunga lo strutto per farla “sfogliare”, è la specialità della zona e diventa ancora più speciale se riempita con salumi e formaggi tipici marchigiani.

Vota diario

Mi Piace
Hai fatto un viaggio ed anche tu vuoi scrivere un diario di Viaggio?
È gratis, Clicca qui!

Vota questo diario di viaggio:
Clicca mi piace.

Mi Piace