Bali, l'isola della felicità!

12 Voti ricevuti
Durata del viaggioDURATA VIAGGIO 13 Giorni Budget approssimativo a personaBUDGET A PERSONA Da 1.001€ a 1.500€ Diario di viaggio insiema aCON CHI In coppia Continenti VisitatiCONTINENTI VISTI Asia
Ecco il mio itinerario per scoprire Bali: visitare i suoi templi, scoprirne le tradizioni e le abitudini, parlare con le persone e rilassarsi.
Questo itinerario l'ho creato nelle settimane precedenti alla partenza leggendo guide e confrontando mappe, rispecchia molto la mia passione: vedere quanti più luoghi possibili, possibilmente storici, alternato a una rilassante vita di mare.
E se Bali è definita l'isola degli Dei, per me è stata l'isola della felicità: molto lontana da casa, ma allo stesso tempo così vicina circondata da tutta quella accoglienza e quei sorrisi.

Stati Visitati: Indonesia

Hai fatto un viaggio ed anche tu vuoi scrivere un diario di Viaggio?
È gratis, Clicca qui!
valenopasanada Visualizza Profilo

Vota questo diario di viaggio:
Clicca mi piace.

Mi Piace

Giorno 1

Ubud:
Il primo giorno ci siamo spostati a piedi nella cittadina di Ubud: piccola, caotica e in mezzo alla foresta. Queste sono le attrazioni principali di Ubud:
Sacred monkey Forest (ingresso a 50K) - Palazzo Taman Saraswati - Tempio Pura Desa - Mercato, senza dimenticare di fare tappa in una SPA: noi abbiamo scelto la Bali Healing Spa perchè lontana dai rumori del traffico, è stata una bella esperienza!

Giorno 2

A nord di Ubud:

Per spostarci abbiamo usato un taxi pagando una tariffa giornaliera e abbiamo così visitato il centro dell'isola, ovvero i dintorni di Ubud:
le Risaie a Tegalallang - Goa Gadja ovvero a Grotta dell'Elefante (ingresso 15K) - il Tempio di Tirta Empul - Tempio Gunung Kawi, infine visita al Luwak Coffee, la piantagione di caffè.
Le risaie mostrano una vista da cartolina: coltivano il riso a terrazze e fanno ancora tutto a mano. Mentre tra questi il tempo che più mi è piaciuto è Gunung: i suoi 300 scalini portano davanti ad altissime statue (8 metri!) scavate nella roccia.

Giorno 3

Trekking sul monte Batur:

Tramite un'agenzia di Trekking siamo saliti sulla vetta del Monte Batur (1717 metri) per vedere l'alba. Dall'hotel si parte alle 02:00 di notte, si arriva al punto di ritrovo e con le guide inizia il trekking. Si cammina dalle 04:00 alle 05:45 partendo da un dislivello di 900 metri. Il sole sorge alle ore 06:10, è uno spettacolo mozzafiato! Il costo è di 350.000 Rupie, serve l'attrezzatura da trekking, le guide forniscono solo una torcia. E' stato faticoso, ma alla fine la vista è speciale.

Giorno 4

A est di Bali:

Utilizzando ancora una volta il taxi come mezzo di trasporto siamo andati nella parte orientale dell'isola per visitare i templi di Pura Besakih (ingresso 60 K) - Tirta Gangga ovvero il Tempio sull'acqua (ingresso 30K) - Pura Lempujang. Sono tre templi diversi tra loro e uno più bello dell'altro devo dire. In particolare, Lempujag mi è rimasto nel cuore: un ambiente così grande sulla montagna (ci vorrebbero 4 ore per visitarlo tutto), imponente ma allo stesso tempo capace di donare serenità con i suoi silenzi.
Una volta rientrati ad Ubud alla sera abbiamo partecipato ad uno spettacolo di danze balinesi all'interno di un tempio.

Giorno 5

A sud di Bali:

Partite di buon ora per visitare la parte meridionale dell'isola perchè il traffico qui è incredibile!
Abbiamo visitato il Tempio di Tanah Lot: devo dire che mi aspettavo di più da questo luogo, molto probabilmente non sono riuscita a godermi il paesaggio e la sua intensità per la quantità elevata di visitatori.
Il pomeriggio lo abbiamo trascorso in spiaggia a Padang Padang Beach (ingresso 10K), spiaggia famosa per il surf e per essere stato il set del film "Mangia prega ama".
Infine abbiamo fatto visita al Tempio Uluwatu nell'ora del tramonto: è un tempio su una scogliera a picco sul mare: l'infinità dell'oceano con i suoi colori rasserena la mente.

Giorno 6

Ubud:

Essendo questo l'ultimo giorno a Ubud l'abbiamo trascorso, con molta calma, tra piscina, centri benessere e un pò di shopping. Siamo stati nuovamente al mercato cittadino, che caos! E' d'obbligo qui contrattare con i commercianti e troverete autentici souvenir.

Giorno 7

Gili Island:

I giorni successivi li abbiamo trascorsi a Gili Air, per andarci si prende una nave tra Padang Bay e in due ore si arriva a destinazione. Consiglio di prendere una nave al mattino per evitare il mare mosso del pomeriggio, non è piacevole!
Alle isole Gili la vita scorre lenta e non è per niente male passeggiare sulla spiaggia, rilassarsi sotto una palma e vedere i colori del tramonto.

Giorno 8

Gili Air:

Camminando lungo la costa si visita tutta l'isola in poco meno di un'ora, è davvero una chicca in mezzo all'Oceano Indiano. Le strade non sono asfaltate, non ci sono mezzi a motore, regna la quiete...Un sogno!
Si possono noleggiare biciclette o spostarsi con il cavallo, ne sono rimasta entusiasta!
Anche qui la tranquillità e la felicità sono di casa: tutto il giorno con i piedi nella sabbia e senza fretta, come dargli torto?!

Giorno 9

Snorkeling

Sull'isola ci sono moltissimi centri Divers e scegliendone uno abbiamo fatto snorkeling a largo delle tre isole Gili. E' un'esperienza bellissima nuotare in mezzo alle tartarughe marine, è stato amore a prima vista!
Nuotano lente nel grande blu che le circonda. E' un colore d'acqua che permette di vedere tutto quel che vive la sotto: coralli, pesci colorati, pietre...E' stato bellissimo!

Giorno 10

Gili Meno:

E' il più piccolo dei tre isolotti e qui ho trovato il mare più bello: pulito e cristallino!
Ci sono piccole barche che collegano giornalmente le isole e Gili Meno ne vale davvero la pena! Non che qui ci sia molto da fare, ma si può dire di stare su un'isola ancora incontaminata ed essere circondata da quei colori, spiagge solitarie e silenzi è stato per me bellissimo!

Giorno 11

Gili Trawagan:

Terza isola Gili è quella conosciuta per la vita notturna, i locali e le feste. Penso che una visita la meriti, tuttavia è stata quella che meno mi è piaciuta, troppo caotica e affollata.

Giorno 12

Gili Air:

E' stato il nostro ultimo giorno in questo angolo di pace e lo abbiamo trascorso rilassandoci completamente in spiaggia, nuotando e facendo aperitivo al tramonto davanti a un cielo che si riempe di colori eccezionali.

Giorno 13

Si torna a casa!

L'aeroporto è a Bali quindi bisogna partire di buon ora dalle isole Gili per arrivare in tempo. Per quanto siano efficienti, non vengono rispettati gli orari e il tutto è da considerarsi insieme al traffico dell'isola. Per intenderci la nostra nave era fissata al mattino alle ore 10.00...Siamo arrivati in aeroporto alle 17! Calcolate quindi bene i tempi.

Bali mi resta nel cuore per la serenità che mi ha trasmetto e per la felicità che si prova nelle piccole cose, dal sorriso di una signora per strada agli animali in piena libertà.

Vota diario

Mi Piace
Hai fatto un viaggio ed anche tu vuoi scrivere un diario di Viaggio?
È gratis, Clicca qui!

Vota questo diario di viaggio:
Clicca mi piace.

Mi Piace