Cuba, Sconcertante Cuba! 1° Tappa: Vinales

1 Voti ricevuti
Durata del viaggioDURATA VIAGGIO 3 Giorni Budget approssimativo a personaBUDGET A PERSONA Più di 2.000€ Diario di viaggio insiema aCON CHI In coppia Continenti VisitatiCONTINENTI VISTI America
L'isola di Cuba, l'isola de la Juventud e altre 1600 isole formano l'arcipelago cubano. Localizzata nel Mar Caraibico occidentale Cuba, per la sua posizione geografica, si chiamò la “Chiave del Nuovo Mondo” e il “Bastione delle Indie”. Per la sua forma larga e stretta la si compara ad un “caimano”. Dice il poeta Nicolàs Guillèn: “Una grande lucertola verde, con occhi di pietra e acqua”. Per la sue posizione strategica tra le due Americhe all'imbocco del Golfo del Messico viene chiamata “chiave del golfo” e fin dall'inizio della storia coloniale fu crocevia di uomini e merci e vi convissero europei, indigeni e schiavi negri deportati dall'Africa.
Oggi il risultato di questi incontri è un mosaico etnico sorprendente che ha contribuito a formare la fisionomia di un popolo. Già abitata in epoca precolombiana, chiamata da Colombo Juana in onore della figlia del re di Spagna, Cuba fu conquistata dagli spagnoli ed ottenne l'indipendenza dopo quattro secoli nel 1898. Passò sotto l'influenza degli Stati Uniti e conobbe poi le dittature di Machado e Batista per poi liberarsene dopo la rivoluzione capeggiata da Castro e Che Guevara il 1 gennaio 1959. Da allora il sistema politico ha ottenuto importanti risultati sociali uscendo solo ora dall'isolamento.
C'è tanto da fare per portare un certo benessere alla popolazione, ce la faranno? Io spero di sì! Appena 11 milioni di abitanti sparsi su una superficie di 109.884 km² ed una lunghezza di 1250 km quasi come quella dell'Italia che è di 1300 km.
Prima del viaggio mi sono molto documentato su Cuba, ponendomi tante domande e sperando di avere tante risposte.

Stati Visitati: Cuba

Hai fatto un viaggio ed anche tu vuoi scrivere un diario di Viaggio?
È gratis, Clicca qui!
tripfactor (Carlo Amato) tripfactor (Carlo Amato) Visualizza Profilo

Vota questo diario di viaggio:
Clicca mi piace.

Mi Piace

Giorno 1

26 febbraio
Volo da Napoli per Malpensa dove alloggiamo all'Hotel Idea (navetta da e per l'aeroporto garantita). Il tour è organizzato da Alpitour. Anche se non saremo soli ma insieme ad altri viaggiatori siamo consapevoli di ciò ma inevitabilmente abbiamo scelto questa formula in quanto gli spostamenti non erano agevoli a meno di noleggiare un'auto... ma io non amo guidare! Domani partenza per Cuba.

Giorno 2

27 febbraio
Volo NEOS per l'Avana alle 16:40 per arrivare all'Avana alle 21:40 (ora locale).
Bagaglio ridotto al minimo in quanto la NEOS ammette solo 5 kg di peso ma noi ci siamo organizzati con borsoni flosci, tracolle e vestizione tipo “cipolla”. Il trattamento a bordo però è abbastanza soddisfacente: pasti abbondanti e “lasagna”!
All'aeroporto siamo accolti dalla responsabile Valentina. Alloggiamo nel villaggio Bravo Arenal Alpitour a Playa del Este, a circa 30 km da l'Avana, struttura degna dello standard del conosciuto brand. All'arrivo ci viene offerto un cocktail di Benvenuto.
Il villaggio ha una struttura abbastanza semplice e non è eccessivamente enorme, le camere sono disposte su due piani (piano terra e primo piano) e raccolte in diversi blocchi. Noi alloggiamo al primo piano nel blocco 3, abbastanza vicino a ristorante, piscina e spiaggia. La stanza è molto ampia e spaziosa; la pulizia è nella norma, sul letto la solita scultura fatta con il telo da mare. Dopo aver sistemato i bagagli e dopo una doccia ristoratrice andiamo a cena e Bianca incontra una sua ex collega! Incredibile concomitanza! Dopo subito a letto abbastanza stanchi per il viaggio.

Giorno 3

28 febbraio
Stamane una ricca colazione e appuntamento con la nostra guida Iliana, cubana doc di colore che subito ci dà una buona impressione per la sua affabilità. In programma la tappa a Vinales a circa 200 km, per fortuna il bus è molto confortevole ed il trasferimento si svolge abbastanza agevolmente. Lungo la strada un primo impatto con la realtà cubana: misere case, anzi direi catapecchie con pareti di dubbia fattura e tetti in lamiera o addirittura in foglie di palma... constatazione di povertà assoluta e di rassegnazione... ma il viaggio continua.
Sosta in un caratteristico locale turistico, Las Barrigonas, e prima conoscenza con il mojito cubano e il rum! Arriviamo a Vinales.

VINALES
Il primo insediamento risale al 1607 ed il nome deriva da un vigneto impiantato da un colono proveniente dalle Canarie.
Case private dipinte in tonalità brillanti dal verde lime al rosa, all'azzurro, al giallo sole, al turchese e al corallo offrono camere e appartamenti in affitto. Alcune vantano nomi fantasiosi: Casa Arcoiris (Casa Arcobaleno), La Casa de las Sonrisas (la Casa del Sorriso) e Villa musicale, ma sono in genere il nome dei loro proprietari.
Da una terrazza si gode una magnifica vista panoramica della Valle de Vinales e di solito è il punto di partenza per un tour della valle. Un buon Mojito mentre ammiriamo gli affioramenti calcarei i famosi “Mogotes” a forma di pan di zucchero ovvero quel che rimane delle più antiche rocce di Cuba.
Nel corso di milioni di anni le falde acquifere sotterranee ne hanno erose le fondamenta calcaree, provocando la formazione di grotte le cui volte sono poi crollate lasciando in piedi solo i pilastri ossia i nuclei più duri ovvero gli attuali “Mogotes”.
Primo incontro con la musica cubana: un gruppo si esibisce ed io non posso che inserirmi e suonare le claves! Dall'alto si vede il mosaico creato dalle piantagioni di tabacco. Ci trasferiamo al Mural de la Prehistoria, opera maestosa di 120 metri d'altezza, dipinta sulle rocce del periodo giurassico, fatta da Leovigildo Gonzales, allievo del messicano Diego Rivera, che sfrutta gli interstizi della roccia per creare effetti di luce e colore, raffigurante la storia dell'evoluzione dalle ammoniti (molluschi cefalopodi fossili) all'Homo Sapiens. Realizzato tra il 1959 e il 1962 è stato restaurato nel 1980.
Vinales è ben nota per una grande rete di grotte e dopo il pranzo, allietato da un gruppo musicale, (mi ripropongo suonando stavolta il campanaccio) si può visitare una di queste belle caverne. La grotta più nota è la Cueva del Indio, scoperta nel 1920 e al suo interno vennero ritrovati disegni rupestri e alcuni resti archeologici risalenti alla cultura cubana precolombiana. La prima parte di circa 250 metri si percorre a piedi attraversando gallerie illuminate da luce artificiale per poi proseguire risalendo il fiume San Vincente per 500 metri su una piccola barca a motore.
Uscendo dalla grotta si incontra Il Palenque de los Cimarrones una spettacolare cavità che servì da rifugio a schiavi africani fuggiaschi e che oggi ospita un piacevole ristorante.
Si continua attraversando la pittoresca cittadina sul corso principale intitolato a Salvador Cisneros Batancourt, indipendentista e firmatario della costituzione del 1848, su cui si affacciano numerose case coloniali con i tipici portici per ripararsi dal sole e dalle piogge tropicali passando tra auto d'epoca e carri trainati da cavalli. Il più importante complesso architettonico è costituito dalla piazza centrale, il Parque Martì, su cui si affacciano la Iglesia del Sagrado Corazon de Jesus e l'ex Colonia Espanola (circolo dei signorotti spagnoli) attuale Casa della Cultura Paolo Montanez al cui interno fanno scuola di ballo caraibico dei ragazzi del posto.
Questa bella cittadina ci ha sconvolti con la sua genuina bellezza cubana che offre. Quando ho pensato a Cuba, ho pensato auto d'epoca colorate, edifici friabili, mojito e sigari. Vinales per la sua semplicità mi ha fatto apprezzare questo paese molto di più.
Sulla strada del ritorno una visita ad una “casa del tabacco” con tetto di foglie di palma a falde molto inclinate dove vengono trattate le foglie del famoso sigaro. Un lavorante ci mostra la sua abilità nella lavorazione di un sigaro.
200 km e siamo al villaggio Arenal. Cena al ristorante situato in fondo alla reception. Si trova qualcosa di carne e di pesce cotti al momento sulla piastra. Sempre presente anche della verdura cotta e cruda, dello spezzatino o della pasta al forno o della pasta e del riso freddo. C'è un angolo riservato alla pasta cotta al momento... diciamo che è meglio passare oltre. La frutta: sempre presenti papaia, ananas bianco, arance e pompelmi. Dessert un po' scarsi: dolci pieni di panna o i biscottini di frolla. Buono il gelato! Una passeggiata sulla spiaggia e poi a letto! Buonanotte! Anzi buenas noches! Domani visita de l'Avana.

Vota diario

Mi Piace
Hai fatto un viaggio ed anche tu vuoi scrivere un diario di Viaggio?
È gratis, Clicca qui!

Vota questo diario di viaggio:
Clicca mi piace.

Mi Piace