Visitare Bologna: 8 cose da vedere assolutamente

Cosa c'è da visitare a Bologna? Scopri i posti più bellli da vedere! Ecco una breve guida su cosa vedere assolutamente per conoscere e visitare il capoluogo emiliano: dai monumenti più belli fino ai segreti nascosti.

Bologna
Bologna è una città giovane e piena di vita: lungo le strade e nelle ampie piazze si possono notare tantissimi studenti.
La città gode di grande fama in ambito culturale, poiché sede della prestigiosa Alma Mater Studiorum, ovvero dell'Università di Bologna, considerata fra le migliori del bel paese e tra le più antiche del mondo: la data di fondazione risale convenzionalmente all'anno 1088.

VEDI ANCHE: CLASSIFICA DELLE MIGLIORI UNIVERSITA' ITALIANE

Bologna è stupenda da visitare grazie alle numerose testimonianze storiche e culturali. Il centro, contornato da antichi portici, vanta monumenti affascinanti e palazzi prestigiosi che bene si accostano con l'eleganza di questa particolare città.
Scopriamo insieme quali sono le attrattive da non perdere...

1 - Piazza Maggiore

Piazza MaggioreUn dinamico punto di incontro è Piazza Maggiore, la principale piazza di Bologna, circondata dai più importanti edifici della città medievale come ad esempio Palazzo del Podestà e la grande Basilica di San Petronio.
Si trova nel cuore della città, adiacente all'altrettanto nota Piazza del Nettuno; da qui è possibile raggiungere in pochi minuti praticamente ogni attrazione principale attraversando le strade più importanti: Via dell'Indipendenza, Via Galleria, con i suoi numerosi palazzi nobiliari, Via dell'Archiginnasio.

2 - Fontana del Nettuno

NettunoMolto famosa è anche la Fontana del Nettuno, una fontana monumentale situata nell'omonima piazza Nettuno, adiacente a Piazza Maggiore, che gli abitanti della città chiamano "il Gigante" per via delle sue dimensioni. Creata da Giambologna nel 16° secolo, è una delle più belle fontane del suo periodo e nasconde uno dei famosi piccoli "segreti" disseminati in tutta la città. Infatti, posizionandosi in un punto preciso segnalato per terra, un effetto ottico mostra la statua come se avesse una erezione in corso...

3 - Basilica di San Petronio

Basilica di San PetronioQuando vennero avviati i lavori di costruzione della Basilica di San Petronio nel 1390, l'iniziale progetto prevedeva che questa dovesse essere ancora più grande di San Pietro a Roma. Purtroppo le intenzioni iniziali non sono state mantenute e la struttura non è mai stata terminata; ad oggi la facciata risulta incompleta. Nel piccolo museo sul retro della chiesa, si possono vedere i disegni presentati per la facciata dai vari progettisti negli anni, compresi quelli dal grande architetto Andrea Palladio.

4 - Le Torri Pendenti

Le Torri Pendenti
Il simbolo più noto e rappresentativo della Città però sono le due torri pendenti: Torre degli Asinelli e Torre della Garisenda, edificate per volere dei nobili ghibellini nel XII secolo. Queste sono le due più famose, ma in realtà ce ne sono molte altre.
In principio erano oltre 100, edificate intorno al 12° secolo, oggi ne rimangono una ventina. La loro altezza era una sorta di status symbol per le famiglie nobili del tempo. All'interno della Torre degli Asinelli potrete salire 498 gradini per poi ammirare una vista mozzafiato "a volo d'uccello".

5 - Museo Civico Archeologico

Museo Civico ArcheologicoAnche chi solitamente non ama visitare i musei apprezzerà senza dubbio la collezione del Museo Civico Archeologico.
Fra cimeli di civiltà preistoriche, reperti etruschi provenienti dal territorio circostante, tesori celti, greci, egiziani e romani. Non un miscuglio di reliquie polverose, ma un moderno museo di manufatti esposti brillantemente.

VEDI ANCHE: I POSTI PIU' BELLI DA VISITARE IN EMILIA-ROMAGNA

6 - Pinacoteca Nazionale

Pinacoteca NazionaleFin dalla sua fondazione la Pinacoteca ha una missione unica: conservare opere di artisti che hanno vissuto e lavorato a Bologna e in Emilia-Romagna a cavallo fra il 13° ed il 19° secolo. Ognuna delle opere custodite nella galleria presenta una storia a se: alcune sono state ritrovate in vecchie cantine o recuperate dalle rovine di chiese e palazzi diroccati, altre furono addirittura "saccheggiate" durante le campagne napoleoniche in Italia, e solo successivamente riportate a "casa".

7 - La Piazzola

La PiazzolaLa Piazzola è il più antico e famoso mercato all'aperto della città. Si tiene ogni Venerdì e Sabato dall'alba al tramonto, nell'enorme Piazza Mercato nel centro di Bologna, adiacente al Giardino della Montagnola. La Piazzola inizio nel 1251 come mercato di bestiame ed oggi vanta oltre 400 venditori ambulanti e artigiani che vendono proprio di tutto: oggetti d'artigianato, abbigliamento nuovo e usato, calzature, articoli per la casa, cosmetici e altro ancora.

8 - I "segreti"

Piccola VeneziaCome già anticipato, Bologna cela alcuni curiosi segreti tutti da scoprire, ecco i più famosi:

  1. L'erezione della Statua di Nettuno, si può ammirare a piazza nettuno in un punto segnato sulla terra
  2. La Piccola Venezia, uno scorcio di Venezia a Bologna visibile nei pressi di Via Piella da un piccolo affaccio sul Canale delle Moline
  3. Canabis Protectio, nell'angolo tra Via Indipendenza e Via Rizzoli si trova un portico con una curiosa frase: "Il pane è vita, la cannabis è protezione, il vino è gioia".
  4. Il gioco del "Telefono senza fili" sotto il Voltone del Podestà, posizionatevi agli angoli opposti della cupola di Palazzo Podestà e nonostante la notevole distanza riuscirete a parlare e sentirvi chiaramente.
  5. Tre Frecce nel portico di Strada Maggiore 26, secondo la leggenda una fanciulla distrasse con le sue grazie alcuni banditi intenti a commettere un assassinio. Le frecce scagliate, invece di colpire l'obiettivo, finirono sul portico.
  6. Il Vaso rotto di Torre degli Asinelli, in cima alla torre si troverebbe un vaso rotto che rappresenta la capacità della città nella risoluzione dei conflitti, ma nessuno è mai riuscito a vederlo...
  7. Le 666 arcate del Portico di San Luca, i suoi quasi 3800 metri di lunghezza lo rendono uno dei portici più lunghi al mondo

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti