I Luoghi dei Vampiri in Transilvania e in Europa

In Transilvania esistono ancora i Vampiri? E dove si trovano il Castello di Dracula? E ci sono anche in Italia? E che ne dite di un cimitero di Londra in cui è sepolto un vampiro sanguinario? Tra leggende e storie, ecco le città dei Vampiri in Europa!

Sin da tempi antichissimi, in quasi tutti i paesi del mondo, si sono narrate leggende sull'esistenza dei vampiri: in Cina, i familiari vegliavano la salma del defunto per impedire che gatti o cani attaccassero il cadavere, che in questo modo si trasformava in vampiro; gli antichi greci e poi anche i romani, credevano che esistesse una donna vampiro chiamata Lamia che seduceva gli uomini per succhiare loro il sangue. Credenze dei paesi slavi raccontano leggende di vampiri, cioè di cadaveri che tornano apparentemente in vita, escono dalla tomba e succhiano il sangue dei vivi.

VEDI ANCHE: I 10 LUOGHI PIU' SPAVENTOSI DEL MONDO

Il termine vampiro, l'essere mitologico che sopravvive nutrendosi della essenza vitale (spesso sangue) di altri esseri viventi, si diffuse enormente agli inizi del XVIII secolo, grazie alle varie leggende che si diffusero nell'Europa dell'Est e nei Balcani, Romania e Bulgaria in particolare.

Il vampiro Istriano: Jure Grando - Comune di Antignana, Istria

vampiro istriano jure grandoUna delle prime testimonianza delle attività dei vampiri risale al 1672, nella regione dell'Istria: la frazione di Corridico, o Kringa, nel comune di Antignana (entroterra dell'Istria) è nota, agli appassionati del genere, per essere il paese del vampiro Jure Grando, reso famoso nell'opera letteraria di Johann Weichard von Valvasor, "La gloria del Ducato della Carniola" edita a Norinberga nel 1689.
In uno dei tanti capitoli dedicati all'Istria, Valvasor scrive che nel 1672 il contadino istriano Jure Grando, sedici anni dopo la sua morte e sepoltura, "ritornava di notte".

La Leggenda: la storia di Jure Grando fu citata anche da Johann Joseph von Görres nella sua opera "La mystique divine, naturelle et diabolique" (Il mistico divino, naturale e diabolico) edita a Parigi nel 1855; la trama però fu arricchita da particolari di fantasia, per rendere più avvincente la storia: secondo Görres, Grando era apparso alla moglie "sorridente, facendo diversi movimenti, come se fosse lieto di respirare l'aria fresca". Sarebbe apparso al parroco che lo aveva seppellito e ad altre persone che, dopo la sua visita, venivano trovate morte.
Una notte, nove persone andarono al cimitero dove era seppellito Grando e, quando aprirono la tomba, il suo cadavere li accolse ridendo: i nove scapparono terrorizzati, per poi tornare con un paletto di biancospino, che tentarono di piantargli nel cuore: invano però, perché il paletto rimbalzava dal corpo del vampiro. Un certo Stipan Milasich riuscì a decapitarlo: il cadavere emise un grido, si contorse e la tomba fu invasa dal sangue. Da allora tornò la pace in quel tranquillo paese, pace che continua a regnare anche se la leggenda vuol far credere che un giorno o l'altro, Jure Grando potrebbe risvegliarsi dal suo sonno perenne durato secoli. Il mistero continua...

Transilvania: 4 Tappe nel paese di Dracula

Dracula gary oldmanNella parte occidentale e centrale della Romania, protetta dai Carpazi, si trova la regione più grande e meglio conosciuta dello stato rumeno, la Transilvania, ricca di mistero, fortezze abbandonate, castelli che evocano leggende e storie passate.
Conosciuta ai più per le storie sui vampiri, la Transilvania è una regione ricca di bellezze architettoniche piene di fascino: suddivisa in contee, le sue città, costruite in stile barocco, sono come dei grandi villaggi medievali, accoglienti e anche economicamente meno care rispetto ad altre località turistiche europee.

  1. Sighisoara: è un municipio della Romania, ubicato nel distretto di Mures, nella storica regione della Transilvania; fondata da Sassoni alla fine del XII secolo, è la città natale di Vlad III di Valacchia, conosciuto come Vlad Tepes (l'impalatore), il leggendario Dracula, che adescava le sue vittime in un misterioso castello e che ispirò il famosissimo romanzo Dracula di Bram Stocker, abilmente raccontato dallo scrittore irlandese, che lo ha arricchito anche di particolari affascinanti ma di pura fantasia, da cui la versione cinematografica, prodotta e diretta da Francis Ford Coppola ed interpretata dal bravissimo Gary Oldman, nel ruolo del famoso conte.
    Soprannominata "La Perla della Transilvania", Sighisoara è una bellissima città-fortezza in stile medievale, fra le meglio conservate d'Europa, ed è tranquilla ed accogliente; dichiarata patrimonio mondiale dell'umanità dall'Unesco, all'interno delle sue fortificazioni, nei pressi della Torre dell'Orologio, si trova la casa natale di Dracula è nato e dove ha vissuto per molti anni e che oggi è diventata un ristorante. Chi ama il brivido del mistero può passeggiare nella prenombra della sera fra le caratteristiche viuzze della città vecchia, fermandosi davanti al busto di pietra di Vlad Tepes, in quella piazza che fu testimone di numerose torture e roghi per stregoneria.
  2. La Fortezza di Poenari (o castello di Poenari): si trova nel comune di Arefu (Distretto di Arges, Romania), affacciata sulla valle scavata dal fiume Arges; questa fortezza, ormai in rovina, costruita dai boieri (sudditi) che poi vennero impalati da Vlad, è raggiungibile salendo una scalinata di 1480 gradini ed è il luogo in cui la prima moglie di Dracula morì suicida, gettandosi dalla torre nelle acque del fiume Arges.
  3. castello di draculaIl Castello di Bran: si trova nel villaggio di Bran (presso Brasov) sull'antico confine tra la Valacchia e la Transilvania; risale agli inizi del XIII secolo e domina su un paesaggio pittoresco, pieno di mistero e storia. Nella stesura del romanzo, Bram Stoker si ispirò al Castello di Bran per descrivere il castello di Dracula; in realtà il castello, che è appartenuto storicamente al vovoida Vlad III di Valacchia, è il Castello di Poenari, ormai in rovina.
  4. Monastero di Snagov: il monastero, fondato nel 1408 da Mircea il Vecchio di Valacchia, si trova a 35 km a nord di Bucarest, su un'isola nel Lago di Snagov. Divenne famoso nel 1933, quando scavi archeologici portarono al ritrovamento di una cripta in seguito identificata come la tomba di Dracula.

Il Vampiro di Highgate - Londra

cimitero highgateNel quartiere di Highgate di Londra si trova l'omonimo cimitero di Highgate, firmato da Stephen Geary e risalente al 1839. Luogo di sepoltura delle famiglie aristocratiche dell'epoca vittoriana, oggi è in uso solo la parte Est, mentre la parte Ovest è più interessante, ma anche inquietante perché ricca di misteri e leggende, come quella del Vampiro di Highgate.

La Leggenda: nel 1862 venne sepolta Elisabeth Siddal, moglie del pittore Dante Gabriel Rossetti (1828-1882), uno dei fondatori del movimento artistico dei "Preraffaelliti". Afflitto dal dolore per la perdita della moglie, disperato, buttò nella bara un libro di poesie a lei dedicate. Sette anni dopo la salma venne riesumata ma, fra lo sgomento dei presenti, il corpo era intatto, con i capelli rosso dorato ma molto più lunghi rispetto a quando era stata seppellita. L'episodio convinse gli abitanti di Highgate che nel cimitero ci fosse un vampiro e, molti anni dopo, intorno al 1970, a seguito di apparizioni di spettri e aggressioni poco chiare nei pressi del cimitero, vennero profanate molte tombe, fatte sedute spiritiche e ritrovati molti animali sgozzati, in particolare gatti e volpi.
In seguito a tutto ciò la gestione del cimitero iniziò ad essere della "Friends of Highgate Cemetery", un'associazione privata che impedì che venissero praticati riti satanici, sedute spiritiche e qualsiasi altra manifestazione all'interno del cimitero. Nessuno è riuscito a dare una risposta chiara alle domande sui misteri di Highgate Cemetery e, nonostante i molti scettici, c'è anche chi è certo che qualcosa di sovrannaturale sia davvero accaduto in quel luogo. In ogni caso, chi ha voglia di visitarlo, magari è meglio che si munisca di una piccola treccia d'aglio... non si sa mai!
Il cimitero è diviso in tre livelli, fra tombe gotiche, statue di angeli e alte catacombe, che ricordano i sepolcri egizi, si può ammirare la bellezza dei sentieri della Egyptian Avenue e della Circle of Lebanon, dove si respira il romanticismo dell'epoca vittoriana, la Terrazza delle Catacombe e il Mausoleo di Julius Beer. Oltre che per la caratteristica architettura, il cimitero è famoso per i personaggi famosi che vi sono sepolti, in particolare Karl Marx (la sua tomba si trova nel Parco della Collina), le scrittrici Radclyffe Hall e George Eliot (Mary Ann Evans), l'attore Sir Ralph Richardson, la poetessa Christina Rossetti, il dissidente russo Alexander Litvinenko e molti altri.

VEDI ANCHE: CIMITERO DI PERE LACHAISE, 5 TOMBE DA NON PERDERE

Le visite alla parte Ovest del cimitero sono possibili solo previa prenotazione presso la "Friends of Highgate Cemetery" e sono accettati solo gruppi.

Il Museo dei Vampiri - Parigi

museo dei vampiriSe siete amanti del romanticismo gotico, del mistero, non potete perdere la visita al primo museo dedicato alla stirpe di Dracula: il Museo dei Vampiri, aperto da Jacques Sirgent dopo anni di studi sui vampiri. Il museo è arredato secondo lo stile dei vecchi pub inglesi, con riproduzioni varie, una ricca biblioteca e archivio film (più di trecento). Si trova in un padiglione del sobborgo parigino di Lilas, al 14 rue Jules David (è raggiungibile con la metro, linea 11 fermata Mairie de Lilas).
Le visite al museo si effettuano solo pevia prenotazione, il venerdì, il sabato e la domenica dalle ore 12:30 alle 22:00, a gruppi di massimo dieci persone, che saranno accompagnati dal fondatore, Jacques Sirgent, con racconti sui vampiri di ieri e di oggi; fra le venti e la mezzanotte degli stessi giorni si ha la possibilità di cenare al museo, partecipando anche a discussioni a richiesta e giochi di gruppo.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Commenti sull'articolo
  • angela bifolco

    se ce ancora dei vampiri so che ci siete cercami, ok

    05 Luglio 2016 08:25
Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti