Talkeetna, Alaska: la città dove il sindaco è un gatto

Può un gatto diventare sindaco di una città? La risposta è si! Scopri l'incredibile storia di Stubbs, sindaco di Talkeetna in Alaska. E non è l'unico caso di animale candidato sindaco...

Talkeetna, Alaska: la città dove il sindaco è un gattoChi l'ha detto che solo uomini e donne possono dirigere le sorti di una città? E chi l'ha detto che solo i politici italiani siano particolarmente affezionati alle loro poltrone al punto da non schiodarsi dal loro posto? Scopriamo la divertente storia di Stubbs, il sindaco di un piccolo paesino dell'Alaska chiamato Talkeetna.

Stubbs, il "sindaco" di Talkeetna

Stubbs, il Non si schioda dalla poltrona e tutti lo cercano: bastano questi due elemento per pensare subito a uno dei nostri politici, a un sindaco di una importante città che non ne vuole sapere di lasciare la sua carica. Invece no: stiamo parlando di Stubbs, un gatto che è diventato un forte richiamo turistico a Talkeetna, piccolo villaggio di circa 900 abitanti situato nel sud dell'Alaska.
Stubbs è un enorme micio rosso che ha stabilito in una poltrona di un negozio del paese, il Nagley's General Store, la propria residenza; la padrona desiderava avere un gatto in negozio, non immaginando ciò che sarebbe venuto dopo: non essendoci candidati graditi per le elezioni, si vocifera che gli abitanti scherzosamente abbiano scritto il nome di Stubbs sulle schede elettorali, e Stubbs è stato... eletto all'unanimità!
Il micione è diventato una vera e propria attrazione turistica per Talkeetna: la proprietaria stima che ogni giorno entrino in negozio 40 - 50 persone chiedendo proprio del gatto... che dall'alto della sua poltrona sorveglia tutto e tutti, e per il quale ogni coccola è ben gradita.

Curiosità: Esistono altri animali sindaci nel mondo?

Curiosità: Esistono altri animali sindaci nel mondo?Ma è quello di Stubbs l'unico caso di un animale sindaco? No: ricordiamo ad esempio il caso di Bosco, un cane incrocio tra un labrador e un rottweiler, che è stato per 13 anni sindaco di Sunol, in California. In verità il suo titolo era puramente cerimoniale e ironico nei confronti di una città priva di presenza giuridica.
O, ancora, citiamo il caso di Cacareco, un rinoceronte dello zoo di San Paolo (Brasile) che venne candidato alle elezioni del 1958 con lo scopo di protestare contro la corruzione politica; i funzionari elettorali non accettarono la sua candidatura, ma nonostante ciò Cacareco ottenne ben 100.000 voti, più di qualsiasi altro in quella tornata elettorale.
Infine, riportiamo la storia di Goofy, un pastore tedesco che nel 1998 venne eletto sindaco di un tranquillo borgo del Kentucky. In realtà Goofy "comprò" le elezioni, partendo da quella che era stata una raccolta fondi per la Chiesa locale, poi trasformatasi in un'ironica corsa alle elezioni di un sindaco finto: i cittadini pagarono un dollaro per ciascuna scheda, votando quante volte lo desideravano, e Goofy raccolse la preferenza dei suoi elettori. A Goofy succedette Junior, un labrador nero, cui a sua volta fu sostituito da Lucy Lou, un border collie.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Lascia il tuo commento
Accedi con Facebook Facebook
Accedi con l'email

Articoli Correlati

Ultimi commenti